Tag: san marino

SAN MARINO. ALESSIA MORDENTI, NUOVO ACQUISTO IN FORZA ALLE TITANE.

Futsal femminile: Alessia Mordenti inaugura il mercato in entrata. Non si ferma il lavoro della dirigenza in vista della storica stagione in Serie A2 .

Confermata la stragrande maggioranza del gruppo che ha condotto i nostri colori – per la prima volta in assoluto – al secondo gradino del futsal femminile italiano, ora il DS Novelli lavora a pieno regime sui rinforzi .

Il primo nome proviene proprio dalla categoria che le Titane andranno ad affrontare a partire dal prossimo ottobre: Alessia Mordenti, classe 1992 , ha dedicato una carriera al calcio prima di passare al Sassoleone, con cui ha disputato le ultime due stagioni (ma più giusto dire una stagione e mezza, visto che la penultima era stata interrotta a causa della pandemia) in Serie A2. “Sono felice di unirmi a questa squadra. – le sue prime parole da Titana – Vorrei che si riuscisse a creare subito un grande gruppo, presupposto indispensabile per vivere la stagione nella maniera più serena possibile e quindi ottimizzare gli sforzi in funzione dei risultati.

A livello di obiettivi, sarà importante riuscire a raggiungere quanto prima la salvezza, in modo da poterci poi godere tutto il resto senza acqua alla gola e magari provare ad ottenere qualcosa di più. Dovremo giocare senza paura e costruire un collettivo che ci permetta di vivere ogni momento con lo spirito migliore, divertendoci possibilmente.”

Lo scorso autunno, esattamente l’11 ottobre, Alessia affrontava la San Marino Academy in un’amichevole di pre season che in casa Titana, pur dopo una lunga attesa, avrebbe fatto da anticamera ad una cavalcata da sogno. Alessia, invece, avrebbe affrontato la sua seconda stagione in A2, la prima condotta fino in fondo. “Dalla mia esperienza posso affermare che il livello della Serie A2 è davvero molto alto . – assicura la giocatrice cesenate – Certo, ne sapremo di più quando scopriremo in quale girone saremo inserite e quali avversarie andremo ad affrontare. In ogni caso, servirà grande attenzione ai dettagli . In A2 si gioca un futsal molto tecnico e tattico, per cui sarà fondamentale assimilare alla perfezione i dettami del mister. Gli schemi possono fare la differenza, e in generale la tattica ha un ruolo molto importante in tutte le gare.

Non si può prescindere da questi aspetti e quindi servirà tanto lavoro. Poi starà a noi giocatrici tirare fuori quel qualcosa in più che ci possa permettere di raggiungere risultati che, ne sono certa, sono pienamente nelle nostre corde.” Sulle proprie caratteristiche di giocatrice, Alessia fa sapere di essere “ principalmente un laterale .

Poi dipenderà dalle esigenze del mister, per le quali darò piena disponibilità. Sono una che corre molto in entrambe le direzioni. Attacco quando si tratta di sostenere l’azione offensiva, ma sono molto rapida a tornare indietro . Diciamo che in campo non sto mai ferma. Per questi motivi il ruolo del laterale è quello che mi si addice di più. Come piede di elezione, sono mancina.” Dunque, un’arma in più a disposizione di mister Pini per la nuova stagione. Benvenuta fra noi, Alessia .

Ufficio Stampa

SAN MARINO ACADEMY

SAN MARINO. TORNA IN CAMPO LA NAZIONALE E L’UNDER 21

Tornano in campo sotto il caldo sole di luglio le Nazionali di San Marino . Tanto gli uomini di Varrella, quanto i ragazzi di Costantini, hanno sostenuto una seduta nella serata di ieri : all’Ezio Conti di Dogana i Biancazzurrini, peraltro impegnati anche questa sera agli ordini del Commissario Tecnico Sammarinese che per la prima volta ha inserito nei ranghi dell’Under 21Santi, F Pasolini e Terenzi, tutti provenienti dalla San Marino Academy. Ad Acquaviva, invece, Davide Simoncini e compagni. La Nazionale si allenerà sul più recente dei manti sintetici in Repubblica anche domani sera e venerdì, sempre con inizio della seduta fissata per le ore 20:45 agli ordini di Franco Varrella e del suo staff. Queste le convocazioni ufficializzate dai selezionatori di Nazionale ed Under 21 di San Marino per gli allenamenti di questa settimana:

Fonte FSGC/Foto Pruccoli

SAN MARINO. COMPLETATO IL PRIMO CORSO DEDICATO ALLA LINGUA ITALIANA DEI SEGNI.

Si è chiuso con la consegna dei certificati il primo corso di sensibilizzazione alla Lingua Italiana dei Segni (LIS) organizzato e finanziato dalla Federazione Sammarinese Giuoco Calcio tramite la preziosa collaborazione e le conoscenze della Associazione Sportiva Culturale Sordi Sammarinesi (ASCSS).

Fonte San Marino – FSGC

Il corso è stato proposto e offerto dalla FSGC ai propri steward , con l’intento di individuare e formare persone interessate e garantire un servizio qualitativamente migliore a tutti quei tifosi non udenti che vogliano assistere dal vivo alle emozioni del calcio sammarinese e della nostra Nazionale, cercando di eliminare i disservizi e le problematiche che gli spettatori con disabilità uditiva si trovano a dover affrontare nella maggior parte degli stadi.

Nove volenterosi hanno approfittato di questa opportunità e completato le venti ore di lezione sotto la preziosa guida dell’insegnante Cristina Morri , ottenendo la certificazione di completamento del corso e diventando dunque arruolabili per fornire questo importantissimo servizio durante tutti gli eventi organizzati dalla Federcalcio: la speranza è che questo sia il primo passo di un percorso formativo che possa portarli ad un livello di conoscenza della LIS ancora più alto. Questa iniziativa si inserisce all’interno del più ampio progetto “San Marino Open and Green”, creato dalla FSGC con il supporto della UEFA e dei fondi Hattrick, che ha due macro-obiettivi riassumibili in questi termini: rendere il calcio sammarinese pienamente fruibile per tutti e ad ogni livello (accessibilità ai nostri stadi, alle nostre iniziative e al calcio giocato) e contribuire a ridurre l’impatto ambientale delle nostre attività, promuovendo l’ecosostenibilità in diverse maniere.

Il corso appena terminato rappresenta il superamento di un altro gradino su una scala di fondamentale importanza a livello di responsabilità sociale, a dimostrazione di quanti progressi siano stati compiuti negli ultimi quattro anni ma anche di quanto lavoro è ancora possibile fare.

SERIE A FEMMINILE. DOMENICA LA SFIDA SCUDETTO, IL MILAN DEVE VINCERE PER RIMANDARE LA FESTA DELLA JUVENTUS.

Domenica potrebbe essere festa scudetto.

Foto Andrea Amato – PhotoAgency

La stagione record della Juventus potrebbe trovare l’incoronazione proprio nella sfida contro la Florentia San Gimignano. Che seppur con qualche difficoltà rimane bestia nera delle big.

Le quattro giornate rimanenti e i sei punti di distacco tra Juventus e Milan fanno presagire ad un campionato ancora aperto, ma attenzione perché domenica la Serie A potrebbe riconfermare le Juventine campionesse d’Italia.

Come? in programma e nello stesso momento si giocherà a Vinovo Juventus-Florentia mentre a distanza di 690km l’altra sfida che sarà decisiva per la consegna della coppa alle juventine. Infatti in casa della Roma arrivano proprio le seconde in classifica, il Milan.

La Roma vorrà di sicuro pregustare un’altra sfida decisiva, la finalissima coppa Italia contro le rossonere, ed una vittoria significherebbe aver la certezza nei propri mezzi per portarla a casa. In caso di vittoria però le giallorosse consegnerebbero di fatto, in maniera aritmetica, lo scudetto alla Juventus. Il Milan però non sarà sicuramente un avversario semplice per le romaniste, allo stadio Tre Fontane di Roma due grandi squadre scenderanno in campo nella sfida decisiva della stagione e daranno sicuramente vita ad una partita avvincente e dal risultato incerto.

Tornando a Torino dunque, alle Juventine non basterà la vittoria per poter mettere le mani sullo scudetto, perché dovranno buttare un’occhio, anzi due, sulla sfida romana. Occhio però ai cali di concentrazione, fatali nella semifinale di coppa, perché la Florentia, nonostante il periodo molto buio, non è di certo l’avversaria più semplice, come dimostrato all’andata. La forza e la grinta delle ragazze spiruline è esplosiva e imprevedibile, unita anche dalla qualità di alcune singole, come ad esempio la bianconera Sofia Cantore e la goleador Melania Martinovic.

La ventesima giornata sarà ricordata a lungo come ”decisiva” anche per un’altra sfida parallela, la sfida salvezza tra Napoli e San Marino. Al Napoli mancheranno tre big importanti mentre le sammarinesi dovranno fare a meno della talentuosa Serena Landa, arrivata con il mercato di riparazione ed infortunatasi al crociato nella sfida contro l’Hellas Verona, e Martina Piazza, anche per lei rottura del crociato contro le Veronesi. La squadra che porterà a casa i tre punti e la salvezza sarà di sicuro quella che oserà di più e la sfida potrebbe essere decisa dagli episodi.

MILANO. SERIE A FEMMINILE. IL MILAN SI SCATENA NEL SECONDO TEMPO DOPO IL CROLLO DELLE TITANE.

La partita di calcio femminile valida per la 2 giornata del girone di ritorno si è disputata nel centro sportivo Vismara di Milano.

Le squadre in campo.

Milan: Bergamaschi, Giacinti, Dowie, Korenciova, Rizza, Jane, Spinelli, Vitale, Agard, Boquete, Simic. All. Maurizio Ganz.

San Marino Academy.

Menin, Vecchione, Ciccioli, Brambilla, Venturini, Muya, Nika, Piazza, Corazzi, Chandarana, Kunisawa. All. Paganelli Elisa

Direttore di gara, Andrea Ancora di Roma.

Il calcio di inizio, sotto una pioggia battente è affidato al Milan mentre il San Marino, in maglia azzurra, attacca dalla sinistra della tribuna.

La partita molto delicata per il San Marino Academy terzultima in classifica, che in questa fase, per risollevare le sorti del campionato, avrebbe bisogno di compiere una impresa impossibile contro il Milan, squadra ai vertici del campionato.

Milan che invece deve rispettare i pronostici per continuare a tallonare la squadra campione di Italia, Juventus, e tentare il sorpasso in chiave scudetto.

Partita complicata dal campo pesante per il maltempo che non accenna a migliorare e dalla comune necessità di fare punti.

Milan in attacco fin dai primi minuti di gioco con tutte le difficoltà che il campo inzuppato di acqua presenta.

Il gioco rallentato dai vistosi schizzi di acqua, la palla che non viaggia,che anzi viene frenata, ma non ha impedito al San Marino di tentare il contropiede con una discesa solitaria di Muya. Contropiede che si è spento per l’impossibilità della giocatrice di imporre velocità alla palla.

Palla per Rizza che crossa in area, la difesa azzurra salva in angolo. Primo angolo della partita per le rossonere.

Azione prolungata del Milan in area azzurra che, però non sortisce alcun risultato. Muya atterra Vitale, guadagna un giallo mentre viene richiesto l’intervento medico.

Le rossonere proseguono insistentemente ad attaccare, ma è il San Marino a rendersi pericolosa.

Le rossonere mantengono un costante controllo della palla e in più occasioni si sono rese pericolose davanti alla porta difesa da Ciccioli. Azzurre in area di rigore e Korenciova messa fuori causa pasticciano e sfuma la possibilità di portarsi in vanraggio.

Su una palla inattiva si propone la 21 rossonera Spinelli, ma è la difesa che mura e salva il risultato, Ciccioli fuori causa non avrebbe potuto nulla sulla tiro teso di Spinelli.

Altra occasione per le azzurre che con un attacco della 9 Menin arriva a ridosso della porta rossonera, la difesa pasticcia e offre una opportunità d’oro alle azzurre che, però non riescono a concretizzare.

Calcio d’angolo per le rossonere sul finire del primo tempo Milan sempre in possesso palla, impne il gioco, ma senza riuscire a concretizzare il vantaggio.

Secondo tempo.

Il tempo ha ckncesso una tregua, ma non cambia l’impostazione del gioco.

Milan sempre aggressivo in attacco.

Primo calcio d’angolo per le rossonere concluso con un fallo si Ciccioli.

Discesa velocissima della 9 azzurra Menin che subisce un fallo in piena area di rigore e ottiene lamassima punizione che Corazzi trasforma. Il San Marino passa in vantaggio 1 a 0.

Milan iimmediatamente in attacco alla ricerca del pareggio, ma è solo la traversa a negare il goal al Milan.

Milan che recupera il risultato a termine di una azione prolungata in area azzurra, ma è un retropassaggio raccolto da Vitale che dalla lontanissima distanza fulmina Ciccioli con un tiro teso, imprendibile.

Cambio nelle azzurre e doppio cambio nel Milan.

Il Milan raddoppia con un colpo di testa di Dowie. Milan in vantaggio per 2 goal a 1 econtinua ad attaccare.

Giacinti rientrata da una posizione di fuorigioco riceve la palla che sposta sul sinistro e tira, murato. Il Milan riprova e mette fouri causa Ciccioli, ma è la difasa che mura il tiro sulla linea di porta.

Punizione per il Milan al termine di una nuova azione concitata, punizione esegujta, ma il direttore pesca le attzccanti in fuorigioco.

Diagonale di Dowie sul secondopalo e 3 goal per le rossknere al termine di una azione insudtita nella metà campo San Marinese. La palla fatta fiktrare tra i piedi delle azzurre è arrivata duj piedj di Dowie che lasciata sola salla difesa non ha sbagliato.

Nuovo cambio tra le azzurre, fuori Muya troppo sottotono in questa gara.

Tentativo in tandem di contropiede del San Marino, che però allunga troppo e la palla finisce docile tra le braccia xiKorenciova.

Dowie, in fuori gioco dubbio, lanciata in una discea solitaria tira, ma Ciccioli si oppone e manda alto sulla traversa.

Il Milan su una palla inattiva dalla ljnga distanza prova di nuovo a sorprendere Cicioli palla a lato.

Nuovo fallo e ammonizione ai limiti dell’area azzurra. Sulla battuta la 7 Bergamaschi che spara alto sulla traversa.

Milan a 4 goal con Tamborini che da fuori area batte con un diagonale Ciccioli. San Marino sotto di 4 goal a 1 non si arrende, ma la partita finisce qui.