Tag: Rapinatori in trasferta

NOVARA. POLIZIA DI STATO. RAPINATORI IN TRASFERTA DALLA PUGLIA A NOVARA, ARRESTATI.

Novara: fermata banda di rapinatori in trasferta, 7 arresti

Erano nascosti in un casolare nelle campagne del novarese, sette uomini tutti originari di Cerignola (Foggia) e stavano trascorrendo la notte dormendo nei sedili posteriori di alcune autovetture, quando i poliziotti hanno fatto irruzione e li hanno arrestati.
Tre hanno tentato di darsi alla fuga nascondendosi tra i cespugli della campagna: due di essi sono stati subito individuati grazie ai visori notturni, il terzo è stato tradito dal suono del proprio cellulare ed è stato quindi scovato e bloccato.
I fermati dagli agenti del Servizio centrale operativo, delle Squadre mobili di Novara, Bari e Foggia e del Compartimento polizia stradale Puglia, sono accusati di detenzione di armi clandestine e indagati per installazione di apparecchiature capaci di impedire le comunicazioni telegrafiche o telefoniche e ricettazione di auto rubate. 
Infatti, nel corso delle perquisizioni, sono state rinvenute due pistole pronte a sparare e con matricola abrasa, due grossi dispositivi jammer a lungo raggio, utilizzati negli assalti ai camion per inibire il segnale dei dispositivi Gps montati a bordo dei trasporti di valore, due grossi barattoli contenenti chiodi tricuspidi, anch’essi utilizzati nel corso degli assalti su strada per bloccare il passaggio delle auto delle Forze dell’ordine, nonché una serie di apparati radio ricetrasmittenti sintonizzati sulle stesse frequenze.
Uno degli indagati aveva portato nel covo il figlio 20enne incensurato per farlo partecipare all’assalto.
I poliziotti della Squadra mobile di Novara avevano notato, da giorni, la presenza di alcune autovetture che transitavano ripetutamente lungo le strade abitualmente percorse dai camion provenienti da aziende di trasporto della zona, talvolta appostandosi in coincidenza degli incroci.
Insospettiti dall’atteggiamento dei veicoli e dei loro conducenti, i poliziotti hanno deciso di effettuare dei controlli più approfonditi, scoprendo che due delle auto sospette erano in uso a due uomini originari di Cerignola e Bari con numerosi precedenti in materia di armi e rapine a mano armata in danno di camion e furgoni portavalori. 
Questa informazione è stata subito condivisa con le Squadre mobili di Bari e Foggia, nonché con il Compartimento polizia stradale Puglia, impegnati nel contrasto al fenomeno criminale degli assalti armati ai camion in transito sulle arterie viarie nazionali. 
In particolare, i veicoli erano stati visti spesso transitare e sparire all’interno di un vicolo in località Cascine Gianotti, nel novarese, nei pressi di uno stabile confiscato a seguito di un’operazione della questura di Novara.
Tutto questo ha portato i poliziotti a fare irruzione all’interno dello stabile.

Le indagini proseguono per individuare l’obiettivo della tentata rapina che la banda stava preparando.

Donatella Fioroni

GENOVA. POLIZIA DI STATO. ARRESTATI CINQUE RAPINATORI IN TRASFERTA.

Genova: rapinatori in trasferta dalla Lituania identificati e arrestati

Con pistola in pugno e arnesi per lo scasso hanno assaltato una gioielleria del centro di Rapallo, vicino Genova, lo scorso anno.
Destinatari di un mandato di arresto europeo sono stati individuati e arrestati a conclusione dell’indagine della Squadra mobile di Genova che è riuscita a risalire agli autori della rapina.
Tre hanno agito fisicamente all’interno della gioielleria, un quarto uomo faceva da palo e l’ultimo è il componente della banda destinato ad effettuare i diversi sopralluoghi prima di mettere in atto il colpo.
Tutti di nazionalità lituana i cinque banditi erano in trasferta in Italia per compiere rapine.
In quell’occasione, dopo aver razziato la gioielleria di 18 orologi Rolex, i rapinatori sono stati costretti a lasciare il bottino e a fuggire perché inseguiti dai diversi villeggianti, presenti in quei giorni nella cittadina ligure che, noncuranti dell’arma impugnata dai criminali, hanno chiamato la Polizia.
Gli investigatori, attraverso le testimonianze e le videoriprese sono riusciti a ricostruire gli spostamenti dei rapinatori fino a risalire alla loro identità.
L’attività d’indagine è stata supportata dalla divisione Si.Re.Ne. del Servizio per la cooperazione internazionale di Polizia che ha rintracciato i 5 criminali all’estero.
Rintracciati in Spagna, Repubblica Ceca e Lituania, i cinque sono in attesa di essere estradati in Italia.
Olivia Petillo
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: