Tag: polizia

CUNEO. SEQUESTRATI OLTRE 2 CHILI DI ANFETAMINE.

È bastato poco ai poliziotti della Squadra mobile di Cuneo per capire che nella casa di un cittadino tunisino c’era qualcosa che lo preoccupava.

anfetamine-550h

Gli agenti erano arrivati in casa dell’uomo dopo una serie di controlli a campione effettuati nei fine-settimana, per arginare il consumo di droghe nelle discoteche della provincia e per contrastare le cosiddette stragi del sabato sera.

Attraverso i controlli in strada gli investigatori hanno raccolto spunti investigativi che li hanno portati a casa del pregiudicato.

Gli agenti della mobile, da subito, hanno capito che c’era qualcosa che non andava e durante la perquisizione infatti si sono concentrati su una piccola valigia, confusa su un armadio tra contenitori di alimenti.

polizia-653x367

Vista la posizione ed il contesto, gli investigatori l’hanno aperta trovando migliaia di pasticche, oltre 5 mila, di diversi colori con impressi vari loghi quali un teschio, un diamante e due frecce. Le buste che le contenevano riportavano, scritte con un pennarello, le sigle Yes e Bro.

Gli esami effettuati nei laboratori della Polizia scientifica confermavano che le pasticche contenevano principi attivi stupefacenti derivati dall’anfetamina.

Le droghe sintetiche erano probabilmente destinate al consumo nei locali notturni della provincia e delle città limitrofe e avrebbero fruttato, al dettaglio tra i 60 mila ed i 100 mila euro.

YOKOHAMA (GIAPPONE). UNA FINALE QUASI PERFETTA. AL 4X400 E’ UNO STORICO BRONZO PER LE AZZURRE.

folorunso-mondiali-staffette-4--550x245

Ai World relays di Yokohama (Giappone), la specialista dei 400 ostacoli delle Fiamme oro Ayomide Folorunso, si è messa al collo una storica medaglia di bronzo con la 4×400 femminile; questo risultato permetterà al quartetto azzurro di qualificarsi per i mondiali di atletica che si svolgeranno al Khalifa International Stadium di Doha (Qatar) dal 27 settembre al 6 ottobre.
Insieme alle azzurre Maria Benedicta Chigbolu, Giancarla Trevisan e Raphaela Lukudo, la portacolori cremisi ha disputato una finale quasi perfetta, chiudendo al terzo posto con il tempo di 3’27”74, a una manciata di centesimi di secondo dalla Polonia (3’27”49) e dagli Stati Uniti (3’27”65).
folorunso-mondiali-staffette-bronzo---550x300
Ottimo il contributo anche dell’altra atleta delle Fiamme oro Elisabetta Vandi: la neoprimatista italiana juniores dei 400 metri, alla sua prima competizione con la nazionale maggiore, ha ben figurato nei turni di qualificazione.
Ayomide, già bronzo agli Europei indoor 2019 di Glasgow, quinta ai Mondiali indoor di Birmingham 2018, nonché sesta ai Giochi olimpici di Rio 2016, ha dato l’ennesima prova di carattere, riuscendo a correre per ben volte la sua frazione in 51”30, sia in qualificazione che in finale.
folorunso-550
Grande rammarico per la 4×100 del velocista cremisi Marcel Jacobs, qualificata in finale con il terzo tempo assoluto e in lotta per la medaglia più preziosa fino all’ultimo cambio.
Dopo che Eseosa Desalu e Marcell Jacobs erano stati protagonisti di due ottime frazioni, l’ultimo cambio tra Davide Manenti e Filippo Tortu non è stato perfetto e la nazionale non ha terminato la prova.