Tag: milano

ROMA. MANIFESTAZIONE PER LA PACE: ROMA E MILANO, LA PACE A DUE PIAZZE.

La pace in Ucraina è la priorità delle migliaia di persone che sono scese in piazza a Roma e Milano per chiedere l’immediato cessate il fuoco e l’apertura di un tavolo negoziale vero per l’ucraina e per tutti i conflitti tutt’ora in corso.

La manifestazione per la pace e contro la guerra è stata organizzata dai sindacati e dal mondo delle associazioni, ma fortemente sostenuta dal presidente Giuseppe Conte e dal Movimento 5 stelle.

A Roma lo striscione “Europe for peace” ha aperto il corteo dietro il quale hanno sfilato centinaia i volontari della Comunità di Sant’Egidio con le bandiere blu del movimento laicale.

Il Pd e il segretario del parito uscente Enrico Letta e il presidente del movimento 5 stelle hanno attaccato il governo sul tema delle armi: “Il ministro Crosetto ha preannunciato che sta preparando il sesto invio. Bene, noi gli diciamo che visto che e’ stata votata una risoluzione che impone al governo di avere un confronto in Parlamento, non si azzardi questo governo a fare un ulteriore invio di armi senza venire a confrontarsi in Parlamento”. 

Giuseppe Conte ha spiegato che: “I cittadini sono stanchi della strategia militare, vogliamo negoziato di pace. Ci sono cittadini che oggi sfilano e dicono al governo italiano e non solo che siamo stanchi di questa strategia che prevede solo un’escalation militare. Vogliamo un negoziato di pace, faticoso, da costruire, ma dobbiamo farcela. La nostra posizione sul tema delle armi a Kiev è nota. L’Ucraina è ormai armata di tutto punto, abbiamo bisogno di una svolta in direzione del cessate il fuoco e di un negoziato di pace”. 

Giuseppe Conte sulla manifestazionedi Milano ha sintetizato:  “Ben venga chi vuole manifestare per la pace, poi se qualcuno pensa di farsi una piazza alternativa non ho capito se è per la pace o per la guerra. Si chiariscano le idee”.

Il botta e risposta con Calenda non si è fatto attendere: “Hai governato con Salvini, capisco confusione. Del resto hai governato con Salvini mentre inneggiava a Putin, hai flirtato con Trump e firmato la via della seta con i cinesi. Calenda su twitter ha scritto: “Allora facciamola semplice Giuseppe Conte: non esiste pace senza libertà e non esiste libertà senza resistenza all’invasore”.

Per Enrico Letta: “Pace vuol dire fine invasione della Russia. Noi siamo a nostro agio con una piazza che chiede pace, e la pace per noi vuol dire la fine dell’invasione della Russia. Questo è il punto centrale, la fine dell’invasione della Russia”.

La capogruppo del Pd Serracchiani: “Su armi disposti a ragionare col governo. Sull’invio di armi a Kiev “abbiamo finora tenuto una posizione lineare: aiutando l’Ucraina si aiuta l’Europa. Finora lo abbiamo sempre fatto, siamo disposti a ragionare con il Governo”.

Fratoianni parlando con i cronisti presenti alla manifestazione: “A Roma in piazza il popolo della pace. Oggi in piazza, come sempre abbiamo fatto, per una grande manifestazione del popolo della pace, contro l’escalation delle armi. Dopo 9 mesi drammatici di una guerra causata dall’aggressione della Russia contro l’Ucraina è evidente che la soluzione militare non è la soluzione. Occorre investire sulla costruzione faticosa di una via d’uscita diplomatica a tutela delle popolazioni civili aggredite e per l’interesse generale del Pianeta”.

L’ex ministro della Salute Speranza su twitter scrive: “In piazza per la pace, solidarietà a vittime guerre. In piazza per la Pace. Solidarietà al popolo ucraino e alle vittime di tutte le guerre”.

Maurizio Landini nel suo intervento dal palco di Roma ha detto che: “Non ci rassegnano a guerra, rischio nucleare è concreto. Non ci vogliamo rassegnare alla guerra e non solo in Ucraina ma in tutto il mondo. Il mondo non può vivere senza la pace e questo non è un fatto retorico, è l’elemento di novità con cui siamo chiamati a fare i conti. La guerra rischia di generare solo altra guerra anche perché il rischio della guerra nucleare è concreto ormai. Nessuno può voltarsi dall’altra parte”.

MILANO. ACM Trophy Tour Singapore e Giacarta

L’AC MILAN TROPHY TOUR IN PARTNERSHIP CON EMIRATES PROSEGUE A SINGAPORE E GIACARTA
L’AC Milan Trophy Tour in partnership con Emirates fa tappa nel Sud-est asiatico con eventi a Singapore e Giacarta, capitale dell’Indonesia


Milano, 4 novembre 2022 – AC Milan è lieto di annunciare la seconda parte dell’AC Milan Trophy Tour in collaborazione con Emirates, che prevede alcuni eventi per i tifosi organizzati dai rossoneri a Singapore e Giacarta, Indonesia.
Gli eventi avranno luogo a metà novembre e daranno l’opportunità ai tifosi rossoneri dei due paesi, oltre 34 milioni secondo Nielsen, di vedere da vicino la Coppa Campioni d’Italia 2021/22 e di incontrare la leggenda del Milan Daniele Massaro, che rappresenterà il Club nei due paesi.
Daniele Massaro ha commentato: “Portare la Coppa Campioni d’Italia in Indonesia e Singapore è fantastico. Il modo in cui i tifosi in quella parte del mondo hanno festeggiato la vittoria dello Scudetto alla fine della scorsa stagione è stato davvero incredibile e qualcosa che il Club ha notato. Siamo orgogliosi di ripagare la loro passione e di ringraziarli per il loro supporto.”
Per il Milan si tratta di un ritorno nel Sud-est asiatico dopo le varie visite effettuate in passato, tra cui quelle con la squadra delle glorie rossonere nel 2011 e 2013.
Questa tappa segue il successo della prima parte dell’AC Milan Trophy Tour, che ha visto oltre 2500 tifosi presenti agli eventi organizzati dal Club a Londra e New York.
Il tour continua con l’obiettivo di annullare le distanze tra AC Milan e i suoi tifosi, dando loro la possibilità di interagire direttamente con il Club, permettendo di portare il brand e i valori rossoneri in tutti gli angoli del pianeta e rafforzando il legame che unisce AC Milan e i suoi oltre 500 milioni di tifosi a livello globale.

11 NOVEMBRE – SINGAPORE
Venerdì 11 novembre, presso il PUMA Flagship Store di Singapore, si terrà uno speciale meet and greet con la leggenda Daniele Massaro organizzato dal Club in collaborazione con PUMA, partner di lunga data dei rossoneri.
L’evento, a ingresso gratuito, durerà dalle 18:30 alle 20:30 ora locale. I tifosi avranno la possibilità di incontrare Massaro e di scattare una foto con la Coppa Campioni d’Italia 2021/22, ospite speciale dell’evento assieme all’ex attaccante rossonero.

Ad ospitare l’evento sarà il PUMA Flagship Store di Singapore, presso 313@somerset. Lo store ha aperto i battenti nel corso del 2022 ed è il primo flagship store PUMA del Sud-est asiatico, pensato per celebrare la diversità culturale riecheggiante dal cuore della Città del Leone.

13 NOVEMBRE – GIACARTA, INDONESIA

AC Milan e Milanisti Indonesia – fan club rossonero locale – hanno unito le forze per organizzare uno speciale screening event nella capitale indonesiana. L’evento si terrà domenica 13 novembre all’Hotel Borobudur, nel cuore di Giacarta, in occasione della sfida tra AC Milan e Fiorentina.
L’evento inizierà alle 21:00 ora locale e vedrà la partecipazione della leggenda rossonera Daniele Massaro che incontrerà la tifoseria locale assieme alla Coppa Campioni d’Italia 2021/22. Nel corso della serata, alcune maglie autografate, messe a disposizione dal Club e da Fondazione Milan, verranno messe in palio per i tifosi partecipanti.
Prima dell’evento, tra le 16:00 e le 18:00 ora locale, i tifosi locali avranno un’occasione in più per incontrare Daniele Massaro e fare una foto con la Coppa Campioni d’Italia, sempre all’Hotel Borobudur.
La visita a Giacarta sarà un modo per ripagare il sostegno e la passione dei tifosi indonesiani, ma sarà anche un momento di riflessione e supporto dopo la recente tragedia allo Stadio Kanjuruhan, nella quale hanno perso la vita 135 persone.
Il Presidente di AC Milan Paolo Scaroni ha commentato: “Il calcio è ancora in lutto per la tragedia allo Stadio Kanjuruhan. Con la visita in Indonesia, il Club intende mostrare rispetto nei confronti del popolo indonesiano e di tutti i tifosi di calcio. Intraprendiamo questo viaggio con il massimo rispetto e con la convinzione di poter giocare un ruolo positivo, che incoraggi le persone a continuare a credere nel calcio”.
Prima dell’inizio di AC Milan-Fiorentina, un minuto di silenzio in onore delle vittime sarà osservato nella venue che ospita l’evento di Giacarta. Milanisti Indonesia utilizzerà inoltre la piattaforma creata da AC Milan per raccogliere fondi da destinare alle vittime del disastro allo Stadio Kanjuruhan.
Tutti i proventi dalla vendita dei biglietti per gli eventi Milan a Giacarta saranno devoluti alla raccolta fondi organizzata da Milanisti Indonesia.

MILANO. AC Milan -IL MILAN PER TUTTI: LE MASCOTTINE ROSSONERE SONO SEMPRE PIÙ INCLUSIVE

L’emozione di accogliere in campo i calciatori rossoneri si arricchisce con la partecipazione di bambine e bambini con disabilità o provenienti da delicati contesti sociali

Milano, 5 novembre 2022 – Nel concretizzare i valori che costituiscono il suo DNA e rappresentano appieno la visione a lungo termine della sua proprietà e del suo management, AC Milan si adopera ogni giorno per essere una realtà sempre più inclusiva e capace di rispondere alle esigenze e alle aspettative di tutti i suoi tifosi.

In questo senso, il Club ha potenziato nel segno dell’inclusività l’attività delle mascottine rossonere che in ogni partita casalinga accolgono sul terreno di gioco i calciatori della Prima Squadra maschile.

L’opportunità di vivere questa indimenticabile esperienza, capace di regalare emozioni e momenti di spensieratezza al fianco dei campioni rossoneri, è stata infatti estesa anche a bambine e bambini con disabilità o provenienti da delicati contesti familiari e sociali, ai quali da sempre AC Milan e Fondazione Milan rivolgono i propri progetti di responsabilità sociale.

L’iniziativa si inserisce all’interno del programma “Il Milan per tutti”, promosso dal Club per garantire massima inclusività e accessibilità ai propri spazi fisici e digitali. Per quanto riguarda l’esperienza stadio, in ogni partita casalinga AC Milan dedica circa 300 biglietti gratuiti ai propri tifosi con disabilità e ai loro rispettivi accompagnatori, come anche ad associazioni che si occupano di disabilità e disagio sociale. Ai propri tifosi non vedenti e ipovedenti, il Club riserva inoltre un settore dello stadio posto al livello del campo e un servizio di audiodescrizione fornito grazie al supporto dei giornalisti di Radio Rossonera, da poter fruire sia dai propri seggiolini che comodamente da casa, attraverso home device.

Le iniziative di inclusività non si limitano però al terreno di gioco. Ogni settimana, le conferenze stampa prepartita di Mister Pioli sono tradotte live in LIS e poi sottotitolate per permettere massima accessibilità ai tifosi sordi rossoneri. Privati e associazioni del terzo settore con i quali AC Milan collabora sono poi coinvolti in vari tipi di attività, come visite al Museo Mondo Milan e al Centro Sportivo Milanello, oltre a iniziative realizzate in occasione di Giornate Nazionali e Internazionali, e non solo.

L’impegno del Club in progetti e iniziative volte a promuovere i valori EDI rientra all’interno del più ampio Manifesto RespAct di AC Milan per equità sociale, uguaglianza e inclusività. Un manifesto programmatico che concretizza la visione e l’impegno del Club nella condivisione di valori positivi dello sport e della lotta ad ogni forma di pregiudizio e discriminazione, facendo leva sulla sua enorme potenzialità di coinvolgere e connettere emotivamente i propri sostenitori e interlocutori di riferimento.

MILANO. BITMEX A SOSTEGNO DEI PROGETTI SOCIALI DI FONDAZIONE MILAN.

BITMEX A SOSTEGNO DEI PROGETTI SOCIALI DI FONDAZIONE MILAN

Al via il supporto del Principal Partner rossonero per il prossimo biennio di iniziative con Fondazione Milan che daranno accesso allo sport a oltre 2.000 giovani in Italia e nel mondo

Milano, 21 ottobre 2022 – Prosegue nella stagione 2022/23 l’impegno sociale di Fondazione Milan, che si schiera al fianco dei giovani più fragili ed emarginati per condividere i valori dello sport e mettere in risalto il loro talento.

Grazie al sostegno di BitMEX, Principal Partner di AC Milan, oltre 2 mila giovani beneficeranno della possibilità di praticare sport, dando continuità nel prossimo biennio alle iniziative e ai progetti avviati nelle passate stagioni dalla fondazione rossonera.

Il supporto di BitMEX aiuterà Fondazione Milan a proseguire e potenziare il proprio impegno nei presidi attivi a Milano, Catania, Napoli, Reggio Emilia e Roma per il programma Sport For All, che utilizza lo sport come strumento di inclusione per i giovani con disabilità, e raggiungerà anche il resto del mondo attraverso i progetti sociali di Sport for Change.

Il programma, che ha lo scopo di far crescere il talento dei ragazzi a rischio emarginazione sociale, è attualmente presente nelle città di Calcutta, Rio de Janeiro e Salvador de Bahia. Proprio nel corso di questa stagione, si aggiungerà inoltre un nuovo progetto in India, nello stato federale del Kerala.

BitMEX, dopo esser stato tra i protagonisti della Padel Cup organizzata a Cervia lo scorso giugno insieme ad AC Milan, continuerà a essere parte integrante di eventi organizzati e sostenuti da Fondazione Milan nel corso della corrente stagione sportiva, come il Charity Gala previsto per il ventennale della fondazione e la XXI Milano Marathon che si terrà il 2 aprile 2023, cui la fondazione rossonera parteciperà per il 5° anno.

Ancora una volta, grazie al supporto di partner donatori come BitMEX, Fondazione Milan è pronta a diffondere i valori positivi dello sport sostenendo bambini e ragazzi nella pratica sportiva in Italia e nel mondo.

MILANO. L’INTER VOLA AGLI OTTAVI CON UN TURNO D’ANTICIPO, LUKAKU ENTRA E SEGNA.

Era il girone più impegnativo e l’Inter stacca il pass per gli ottavi con un turno di anticipo.

Lo fa con merito, con classe, anche divertendo. 4-0 a San Siro contro il Viktoria: sono i tre punti che mandano l’Inter agli ottavi. Le firme sono quelle di Henrikh Mkhitaryan e di Edin Dzeko, professore dell’attacco, e di Romelu Lukaku, tornato in campo dopo due mesi, in tempo per raccogliere l’ovazione di San Siro e per lasciare subito il segno. L’Inter è questa: capace di reagire alla sconfitta alla prima giornata contro il Bayern e poi di diventare macchina quasi perfetta. Le due vittorie con il Viktoria, le due partite super contro il Barcellona. Ecco i 10 punti tanto necessari e belli per volare agli ottavi, ancor prima di scendere in campo martedì a Monaco contro il Bayern. I nerazzurri chiudono così al secondo posto il Gruppo C: i bavaresi sono a punteggio pieno, la sesta giornata servirà solo per le statistiche.

Il 7 novembre la squadra di Inzaghi pescherà una delle prime classificate negli altri gironi. Inter in versione tutta velocità. Con un pizzico di frenesia nei minuti iniziali: d’altronde la posta in palio è alta, il Viktoria lascia il pallino del gioco ma è reattivo nelle ripartenze. Qualche errore di troppo, ma il tabellino a fine partita reciterà 22 tiri a 5. Un assedio costante che ha il suo compimento solo dopo la mezz’ora. Prima una serie di tentativi tutti mancati di poco, con Stanek, portiere ospite, protagonista. Al 35′ l’Inter sfonda e lo fa grazie a un’iniziativa personale sulla sinistra di Alessandro Bastoni: azione da ala pura, cross perfetto e colpo di testa preciso di Mkhitaryan. Secondo gol consecutivo e San Siro che esulta, scrollandosi di dosso la premura per il gol da trovare. Una volta rotto l’argine, il Viktoria affonda. Al 42′ è Dzeko a trovare il raddoppio, sugli sviluppi di un’azione spettacolare: gran lancio di Barella, controllo volante di Dimarco e assist perfetto per Edin che segna nell’area piccola.

Nei primi minuti della ripresa il Viktoria ha un moto d’orgoglio, prova a spingere, ma viene subito ricacciato indietro. Mkhitaryan scuote il palo con un gran destro a giro, Lautaro si vede negare il gol da Stanek sull’ennesima azione architettata trovando Dimarco sulla sinistra. E’ questione di minuti e al 66′ Dzeko trova la doppietta e il 3-0: servito da Lautaro in area piazza un rasoterra preciso e vincente. Il resto è accademia. L’Inter gestisce, Onana non viene mai chiamato in causa. Farris, in panchina al posto dello squalificato Inzaghi, manda in campo Correa, Asllani, Gosens e, infine, Lukaku e Gagliardini, entrambi out da tempo. Romelu infiamma subito San Siro, viene sospinto dal pubblico, è ovunque. Tocca tanti palloni, poi quando Correa lo smarca in area piazza il sinistro vincente. I tifosi esultano, l’abbraccio a Big Rom è collettivo, San Siro canta. Il 4-0 è risultato perfetto, un poker senza storia che contiene tutto: la determinazione del gruppo, la gioia nel giocare, la festa per il passaggio del turno.

Foto: Andrea Amato/PhotoAgency – Fonte: Inter