Tag: Juventus U23

ALESSANDRIA. JUVENTUS U23 1 FERALPISALO’ 0. I BIANCONERI VINCONO, MA SPRECANO, MA SPRECANO MOLTISSIMO E RISCHIANO LA RIMONTA.

Servizio Giuseppe Amato/Quotidiano on line

Fotoservizo Andrea Amato/PhotoAgency

http://www.photoagency-quotidianoonline.com


la gara valida per la 24^ giornata, di ritorno, di Lega Pro Juventus U23 Feralpisalò si disputa sul campo dello stadio Giuseppe Moccagatta di Alessandria.

Le formazioni in campo

Juventus U23: Israel, Leo, De Winter, Anzolin, Soule Malvano, Brighenti, Poli, Zuelli, Iocolano, Miretti, Akè

All. Zauli lamberto

Feralpisalò: De Lucia, Bergonzi, Pisano, Baccheti, Di Molfetta, Spagnoli, Guerra, Corrado, Carraro, Libera Hegheligiu, Balestrero

All. Stefano vecchi

Direttore di gara Giaccaglia filippo di Jesi

Il fischi odi inizio alle 14,30 affidato al Feralpisalò e Juventus che attacca dalla destra della tribuna.

Primo minuto do gioco e prima occasione per la Juventus che con Brighenti che entrato in area prova il tiro, bloccato facilmente da De Lucia.

Il ritmo di gioco dei primi minuti di gara sono molto sostenuti, per il momento è la Juventus a imporre il gioco al Feralpisalò, ma tre tiri in porta nei primi 7 minuti di gioco non hanno sbloccato il risultato di parità.

I primi 15 minuti di gioco sono trascorsi senza che le due formazioni in campo siano riuscite a sbloccare il risultato, la Juventus ha imposto il gioco e il possesso palla mentre il Feralpisalò nella prima fase di gioco non ha costruito alcuna azione in attacco e a parte un piccolissimo inciso al 13° non ha mai impensierito Israel.

L’intensità della partita è sempre altissima e dopo i primi minuti il Feralpisalò ha cambiato strategia, ha aumentato il ritmo del gioco e sempre più spesso e con più incisività si porta in attacco per mettere pressione alla difesa bianconera.

I capovolgimenti di fronte sono veloci, ma al 30° sono di nuovo i bianconeri ad essere protagonisti in campo con qualche sbavatura nella finalizzazione del gioco.

Balestrero al 33°, solo davanti a Israel, prova a girare di testa, ma la palla si impenna sulla traversa.

Al 34° Akè al termine di una azione convulsa nell’area di rigore del Feralpisalò ha depositato in rete un passaggio sulla linea di porta.

Juventus 1 Feralpisalò 0

Il feralpisalò ha reagito al goal sfiorando il pareggio con una incornata di Di Molfetta, troppo centrale per Israel.

Sugli sviluppi di un corner due giocatori della Juventus sono rimasti a terra, per i quali è stato richiesto l’intervento medico mentre i giocatori del Feralpisalò reclamano un calcio di rigore. Il direttore di gara non ha ravvisato alcun fallo e non concede la massima punizione.

Fuori De Winter per infortunio entra Riccio.

Giallo per Pisano al 45° per un fallo su Brighenti colpito da dietro alla testa.

Il primo tempo finisce con il punteggio a favore dei bianconeri.

Secondo tempo.

Balestrero fuori Guidetti in campo nell’avvio del secondo tempo peril Feralpisalò.

La ripresa della partita ha sostituito l’agonismo con il nervosismo, il Feralpisalò al 9° minuto prova il tiro da fuori area, alto sulla traversa.

Al 13° i bianconeri perdono palla al centro campo e offrono al Feralpisalò l’opportunità di innescare un contropiede terminato con un tiro insidiosissimo che ha obbligato Israel ad intervenire sul secondo palo.

Il Feralpisalò durante i primi 20 minuti fi gioco ha cambiato marcia e prosegue con azioni prolungate a ridosso dell’area bianconera.

Feralpisalò fuori Spagnoli e dentro Luppi

Juventus sostituisce Brighenti entra Cudrig, fuori Soule entra Compagnon

Al 28° è di nuovo la Juventus protagonista e il Feralpisalò guadagna un altro giallo per fallo su Compagnon lanciato in area palla al piede.

Compagnon si incarica del tiro che infrange sulla barriera.

Feralpisalò sostituisce Libera per Castorani e Di Molfetta per Miracoli.

I goal mancati per le due formazioni prima il palo ha negato il pareggio al Feralipisalò e sul contropiede due occasioni per i bianconeri con Compagnon che si è visto respingere il tiro da De Lucia e poi il rimpallo stoppato perfettamente da Mirelli viene spedito lontanissimo dalla porta.

Girandola di sostituzioni per le due formazioni.

Fuochi e fiamme nel finale di partita,. La gara in questa fase non conosce soluzioni di continuità da parte dei entrambe le formazioni: Feralpisalò decisa a recuperare lo svantaggio di una rete attacca l’area bianconera con tutta la squadra, la Juventus risponde con la squadra schierata a difesa della sua area di rigore.

I minuti di recupero convulsi, non esistono più gli schemi ed in questa situazione si concretizza l’ennesimo goal mancato da parte della formazione bianconera che con il 27, Cudrig, messo fuori causa De Lucia e a porta vuota e riuscito a mancare la rete del raddoppio.

La partita finisce con il risultato di 1 rete a 0 a favore della Juventus e il direttore di gara che estrae il cartellino rosso.



  • Articolo

ALESSANDRIA. LA JUVENTUS U23 RIMONTA LA FERALPISALO’ E SUPERA IL TURNO DI COPPA ITALIA DI SERIE C.

La Juventus Under 23 supera il secondo turno di Coppa Italia di Serie C. I bianconeri, al termine di una partita combattuta, superano la Feralpisalò 3-2: decidono la doppietta di Soulé (primi gol tra i professionisti per lui) e il gol di Compagnon che rimontano l’iniziale vantaggio ospite firmato Spagnoli. Nel finale Luppi accorcia le distanze, ma il forcing della squadra di Vecchi non spaventa mai davvero Garofani. Anzi, è la Juve ad andare vicina ancora al gol, ma Gelmi para il rigore di Compagnon, negandogli la gioia della doppietta. Agli ottavi di finale sfida con il Südtirol: appuntamento il 3 novembre. (Fonte Juventus)

Foto Andrea Amato – PhotoAgency – Feralpisalò

«La squadra in campo oggi dimostra che la Juventus sta lavorando molto bene: stanno arrivando dall’Under 19 ragazzi sempre più pronti a un certo tipo di campionato e di partite. Quest’anno la Juventus ha scelto di costruire un’Under 23 molto giovane, ma di qualità. Penso che il progetto serva a questo e penso stiamo costruendo ragazzi molto promettenti. Sono contento del gruppo, i ragazzi hanno umiltà e voglia di emergere e da qui viene fuori la disponibilità a fare tutto e in campo questo si vede, ora sta a noi accompagnarli in questo percorso. Hanno iniziato molto bene, mal a strada è lunga e dovranno mantenere questa concentrazione per tutta la stagione. Anche i nuovi si sono inseriti molto bene, è piacevole allenarli tutti i giorni grazie a questa predisposizione all’ascolto e questa voglia di migliorarsi. Ora ci mettiamo in gioco in queste prossime partite, vogliamo crescere gara dopo gara e i ragazzi ce la stanno mettendo tutta» il commento di mister Zauli al termine della gara.

Juventus – Feralpisalò 3-2 
Coppa Italia di Serie C – 2° Turno
Stadio Giuseppe Moccagatta di Alessandria

Marcatori: 45’ pt Spagnoli (F), 48’ pt Soule (J), 14’ st Soule (J), 21’ st Compagnon (J), 42’ st Luppi (F).

Juventus: Garofani, Riccio, De Winter, Sekulov, Soule (17’ st Compagnon), Zuelli, Ntenda (26’ pt Anzolin), Palumbo (17’ st Sersanti), Miretti (cap.)(32’ st Leone), Barbieri, Cudrig (1’ st Brighenti). A disposizione: Israel, Raina, Leo, Stramaccioni, Akè, Pecorino. Allenatore: Lamberto Zauli.

FeralpiSalò: Gelmi, Brogni (29’ st Corrado), Pisano, Di Molfetta, Guidetti (cap.)(39’ st Miracoli), Corradi (29’ st Balestrero), Spagnoli, Guerra (17’ st Luppi), Zanini (17’ st Bacchetti), Damonte, Salines. A disposizione: Liverani, Porro, Bergonzi, Miracoli, Legati, Cristini, Corrado, Libera Hergheligiu, Balestrero, Tirelli. Allenatore: Stefano Vecchi.

Ammoniti: 18’ pt Spagnoli (F), 44’ pt Di Molfetta (F), 47’ st Pisano (F).

Note: al 47’ st Gelmi (F) para un calcio di rigore a Compagnon (J).

ALESSANDRIA. JUVENTUS 1 PONTEDERA 1. I BIANCONERI U23 DOMINANO, IL PONTEDERA AGGUANTA IL PAREGGIO A UN MINUTO DALLA FINE.

Servizio Giuseppe Amato/Quotidiano On Line

La gara di Lega pro di serie C maschile tra la Juventus U23 e il Pontedera si è disputata presso lo stadio Giuseppe Moccagatta di Alessandria.

Servizio fotografico Andrea Amato/PhotoAgency

http://www.photoagency-quotidianoonline.com

La partita che per le posizioni di classifica delle squadre non dovrebbe presentare particolari difficoltà si presenta abbastanza equilibrata, ma con due squadre a un solo punto di differenza il risultato potrebbe decidere le sorti per le qualificazioni ai play off di fine campionato.

Lo scontro diretto in ottica playoff alle 12.30 con il Pontedera impegnato fuori casa sul campo che durante il campionato ospita le partite casalinghe della Juventus Under 23 è la sfida che rappresenta lo spareggio per il settimo posto, posizione che consentire di disputare in casa il primo turno dei playoff.

Ma in ottica play off sia i granata che i bianconeri sono alla ricerca dei punti necessari per avere la certezza matematica di disputare gli spareggi promozione.

Il Pontedera è sceso in campo con il modulo 3-5-2 rinunciando al 3-5-1-1 con l’impiego di Stanzani al fianco di Magrassi. In difesa davanti a Sarri confermati Matteucci, Risaliti e Ropolo, a centrocampo Caponi, Barba e Benedetti infine Perretta e Milani esterni.

Alcibiade e compagni non vincono da quattro partite consecutive, tre sconfitte e un pareggio, e la sfida contro il Pontedera rappresenta l’occasione per il rilancio. La partita in campionato in vista dell’importante appuntamento dei Play off.

La Juventus U23 torna in campo al Moccagatta di Alessandria in occasione della 35^ giornata di Serie C. I bianconeri di Zauli ospitano il Pontedera in uno scontro diretto per la zona playoff. Zauli rammaricato per il goal subito in finale di gara , in pieno recupero, dai suoi ragazzi che hanno dimostrato carattere, l’esperienza arriverà con il tempo. La gara contro il Pontedera se non butta dietro le spalle il periodo nero che sta assediando la Juventus U23 restituisce ai ragazzi di Zauli il carattere, la grinta e l’organizzazione in campo che è mancata negli ultimi match. I giovani del U23 dovranno proseguire nel finale di campionato con la stessa attenzione e la stessa determinazione dimostrata contro il Pontedera.

Il risultato lascia invariata la situazione di classifica. Il Pontedera che ha sofferto il gioco della Juventus e solo spinti da una ferrea volontà e determinazione ha agguantato il pareggio solo all’ultimo minuto mantenendo un punto di vantaggio sui bianconeri.

Le formazioni

Juventus U 23 (3-4-2-1): Israel, Delli Carri, Capellini, Alcibiade, Peeters, Anzolin, Leone, Marques, Rafia, Brighenti, Akè. 

A disp. Nocchi, Bucosse, Boloca, Rosa, Troiano, Dabo, Compagnon, Barbieri, Cerri. All. Zauli.

Pontedera (3-5-2): Sarri, Matteucci, Risaliti, Ropolo, Perretta, Benedetti, Caponi, Milani, Stanzani, Magrassi, Barba.

A disp. Angeletti, Benassai, Piana, Bardini, Benassi, Pretato, Vaccaro, Semprini, Benericetti, Regoli, Giani. All. Maraia.

Arbitro: Luca Zucchetti di Foligno. Assistenti: Giovanni Dell’Orco di Policor e Nicolò Moroni di Treviglio. IV ufficiale: Abdolaulaye Diop di Treviglio.

Il calcio di inizio alle 12.30 affidato al Pontedera e Juventus U23 che attacca dalla sinistra della tribuna.

Le prime fasi di gioco presentano il Pontedera in attacco che vuole portare a casa il risultato e al primo minuto guadagna due calci d’angolo, ma per ora si deve accontentare. La Juventus in attesa controlla il gioco, ma non presenta particolari difficoltà nel contenimento dei giocatori ospiti.

La prima vera incursione della Juventus con Akè servito al limite dell’area e protagonista di un pericolosissimo tiro al volo diretto in porta, respinto da Sarri con una acrobazia.

Dal 5° minuto i bianconeri si sono impadroniti del campo mentre il Pontedera si affida all’esperienza del 9 Magrassi per sfondare la difesa juventina.

La Juventus al 14° dopo una lunghissimo lavoro di controllo del gioco, facendo girare velocemente la palla da una parte all’altra del campo, ha servito pala ad Akè che ha chiamato in causa Marques appostato davanti alla porta di Sarri che senza esitazioni insaccato in rete. Juventus 1 Pontedra 0.

Al 17° il Pontedra ha l’occasione con un tiro piazzato di pareggiare i conti, ma Israel attento respinge un pallone diretto in porta a rientrare sul secondo palo.

Al 30° minuto il risultato sempre fermo sul 1 a 0, Brighenti reduce da un infortunio, rientrato in campo, impegna dalla lunga distanza Sarri, che si distende e respinge.

Al 35° la partita si infiamma, Zauli richiamato dal direttore di gara, Akè infortunato dopo un contrasto per aver sbattuto la testa contro la colonna dell’estintore di una sforbiciata che gli ha bloccato entrambe le gambe e impedito di mantenere l’equilibrio, nonostante l’azione fosse già terminata a fondo campo..

Il Pontedera in attacco per recuperare lo svantaggio a 5 minuti più recupero dalla fine del 1° tempo.

Al 44° primo ammonito per il Pontedera, il 10 Barba per fallo su Akè.

Un minuto di recupero e primo tempo che finisce con un brivido e l’ultima occasione per l’attacco del Pontedera, che con una magia di Benedetti che lotta al limite dell’area, difende la palla e la indirizza sulla linea di porta, ma è Israel che si oppone e respinge.

Secondo tempo

La partita riprende e Benedetti riparte da dove aveva lasciato, ma la difesa dei bianconeri si oppone al tiro fotocopia con cui si era concluso il primo tempo e infine è Israel chiamato in causa che si oppone a un rasoterra insidioso. Per la Juventus si propone al tiro Akè e Sarri manda in corner.

Al 49° cartellino giallo per Rafia per un intervento falloso a centro campo.

Al 53° nonostante un sospetto fuorigioco del 17 Stanzani l’arbitro concede il calcio di rigore al Pontedera, si incarica del tiro il numero 8, il capitano Caponi, che manda la palla in cielo.

Il Pontedera attacca e la Juventus risponde con Anzolin e Brighenti che impegna Sarri in una presa a terra.

Rafia protagonista di un contrasto con il 5, Risaliti, che esce da campo accompagnato dallo staff medico.

Entra Pretato in sostituzione dell’infortunato Risaliti al 62°. Rafia già ammonito esce per dare spazio a Dabo.

Ammonito il 3 Ropolo del Pontedera per fallo su Marques.

Juventus di nuovo vicino alla conclusione, la palla attraversa tutta l’area piccola e due attaccanti bianconeri lisciano la palla che finisce fuori.

escono il 17 Stanzani e il 3 Ropolo per il Pontedera entrano il 7 Semprini e il 6 Benassi

Juventus. Troiano per Peeters al 71°

Caponi impegna Israel dopo un rilancio del lungo della palla di cui si era impossessata il Pontedera.

Vaccaro per il 2 Milani al 77° nel Pontedera.

Pretato ammonito per fallo su Marques al 78°

80° Magassi servito in area si coordina in mezza rovesciata, ma Israel è pronto ad agguantare la palla.

Ammonito il 4 Troiano per i bianconeri per perdita di tempo su calcio di punizione.

Prodezza di Dabo che al termine di un calcio d’angolo su respinta della difesa agguanta la palla e scaglia un potente rasoterra di poco a lato.

Il Pontedera risponde e manda di poco a lato della porta difesa da Israel.

Sostituito Brighenti per in nuovo fallo che ne ha messo a dura prova il fisico.

90° minuto: punizione per il Pontedera e tutta la difesa bianconera schierata davanti alla porta difesa da Israel, sperimentata la posizione del coccodrillo con un difensore sdraiato a terra dietro la barriera per impedire il rasoterra, nel caso in cui la palla potesse filtrare sotto i piedi della barriera, palla alta. Ma dopo pochi secondi, in pieno, recupero il 27 Benericetti con un tiro angolato, imprendibile, riporta il risultato in parità 1 a 1, subito prima del triplice fischio del direttore di gara.

Fotoservizio Andrea Amato/PhotoAgency

http://www.photoagency-quotidianoonline.com

ALESSANDRIA. ALESSANDRIA 2- JUVENTUS U23 0. I GRIGI SOFFRONO E VINCONO AL “MOCCA”.

Servizio fotografico Andrea Amato/PhotoAgency

http://www.photoagency-quotidianoonline.com

La partita valida per la 34^ giornata di campionato di Lega Pro tra Alessandria e Juventus U23 si è disputata presso lo stadio Giuseppe Moccagatta che ospita le partite casalinghe di entrambe le squadre.

I grigi dell’Alessandria partono favoriti nello scontro casalingo forti della 2^ posizione in classifica mentre i bianconeri stanno soffrendo un periodo non favorevole per la classifica sia per le ultime sconfitte subite in campionato.

Grigi che a livello agonistico e sportivo hanno sfoderato doti di gioco e velocità che non hanno nulla da invidiare ai bianconeri, sostenuti da una società seria e sicuramente meglio organizzata.

Le squadre in campo

Alessandria: Pisseri, Celia, Parodi, Eusepi, Arrighini, Bruccini, Mustacchio, Prestia, Casarini, Machioni, Di Gennaro.

All. Moreno Longhi

Juventus U123: Nocchi, Oliveira, Dabo, Brighenti, Alcibiade, Rafia, Leone, Gozzi, Barbieri, Barrenecchea, Delli.

All. Lamberto Zauli.

Direttore di gara: Daniele Perenzoni di Rovereto

Il calcio di inizio affidato alla Juventus U23 e Alessandria che attacca dalla sinistra della tribuna.

Partenza al cardiopalma per le squadre che si sfidano sul campo del Moccagatta, fatto che lascia presagire la disputa di una partita ad altissimi livelli agonistici.

Prestia richiamato al 3° minuto di gioco dal direttore di gioco..

La tensione per la sfida che per i grigi vuol dire restare nella scia della Pro Vercelli si respira nell’aria mentre la Juventus U23 è importante contenere l’attacco dei grigi.

La prima frazione di gioco non ha creato particolari pericoli per le porte difese da Pisseri e Nocchi. L’inizio a missile ha creato molto gioco con continui cambi di campo, ma nessuna vera occasione da goal.

La Juventus U23 lentamente sta guadagnando fiducia, ma è Mustacchio da posizione interessante aggancia e tira alto sulla traversa.

Al 26° le proteste per un calcio di rigore in area bianconera finisce con l”ammonizione di Celia per simulazione.

Azione insidiosissima al 28° della Juventus dove a centro campo Dabo difende la palla e crea l’occasione per l’atttacco bianconero di inserirsi nell’area dei grigi arriva in area dove Pisseri si oppone al tiro di Leone teso e centrale. Angolo per i bianconeri.

33° del primo tempo e sono i grigi a rendersi pericolosi con Arrighini che appoggia indietro per un rasoterra che Nocchi para, ma non trattiene e salva poi in angolo, ma è sugli sviluppi del corner che Eusebi sotto porta sigla il vantaggio i grigi.

Juventus in difficoltà che subisce la velocità degli attaccanti grigi, Arrighini atterrato in area di rigore reclama un calcio di rigore, ma senza protestare troppo. Finisce il primo tempo sul parziale di 1 a 0 in favore dei grigi.

Secondo tempo

I grigi partono in vantaggio sui bianconeri che devono recuperare lo svantaggio, ma non ci sono stati cambi nelle formazioni.

L’attacco della Juventus prova a mettere in difficoltà l’area grigia e trova l’opposizione dei difensori grigi, ma è Arrighini ancora protagonista di una discesa velocissima fermata a meno di un mero dalla porta difesa da Nocchi solo per il provvidenziale intervento del difensore che ha mandato la palla in angolo.

Esce il 7 Dabo e entra il 23 Akè al 57°

Alessandria in difficoltà nella prima frazione del secondo tempo, che soffre la velocità dei giocatori bianconeri, ammonito il 26 Barbieri per fallo su Bruccini.

Lotta a centro campo, Mustacchio ruba palla e si lancia all’assalto della porta bianconera dove ingaggia un corpo a corpo con Alcibiade che manda in angolo.

Al 71° Eusebi su assist dal limite dell’area al termine di un contropiede, che non si è concluso, porta i grigi sul 2 a 0 con un rasoterra imparabile per Nocchi.

Eusebi sostituito al 78° da Corazza e Mustacchio da Chiarello.

Troiano e Compagnoni per Brighenti e Leone.al 82°

Esce Bruccini esce per lasciare spazio a Gozzi.

Partita finita con 4 minuti di recupero e grigi che in più occasione hanno sfiorato il 3° goal, negato solo dal palo a opporsi al diagonale di Corazza.

ALESSANDRIA. IL TALENTO AKE’ PORTA LA JUVENTUS U23 ALLA VITTORIA NEI MINUTI FINALI.

La Juventus ritrova la vittoria grazie al talento Akè.

Il Novara parte forte, con la volontà di proseguire la striscia positiva di risultati, ma il portiere bianconero respinge i primi tentativi, prima a Zunno al secondo minuto e poi all’11’ a Gonzalez. La Juventus si fa viva solamente dopo 20 minuti con due occasioni bloccate in extremis dal portiere ospite.

La gara si sblocca al minuto 24, sugli sviluppi del corner Juve, il cross di Ranocchia finisce sulla testa di Alcibiade, sfera che si impenna e finisce da Brighenti che, da due passi, ci prova prima di testa e poi spinge dentro il pallone con il polpaccio. La Juve resiste ai tentativi di Zunno, Pogliano e Malotti, fino al 40′ quando viene raggiunta dal colpo vincente di Zunno, arrivando prima di tutti su un pallone carambolato all’interno dell’area di rigore bianconera. Il primo tempo si chiude sull’1-1.

L’avvio di secondo tempo è combattuto e al 51′ il Novara resta in dieci per il secondo giallo di Bove che, scavalcato dal pallone, blocca Marques per evitare la ripartenza. La Juve prova a sfruttare la superiorità con Correia in prima battuta, ma il tiro viene murato dalla difesa ospite, e poi con Marques, il colpo di testa è facile preda di Lanni. Il Novara reagisce con Lanini e Panico, ma Nocchi bravo respinge la conclusione.

Il finale è bianconero, al 93′ la Juve raddoppia. Il tiro di Alcibiade viene murato, sul pallone arriva Akè, che si crea lo spazio al limite dell’area e con il sinistro spedisce in porta il pallone del 2-1. Per lui è il primo gol in bianconero, per la Juventus U23 è il gol del ritorno alla vittoria.