Tag: italia olanda

FERRARA. GIRELLI FA IMPAZZIRE LE AZZURRE, BATTUTE IN AMICHEVOLE LE OLANDESI CAMPIONESSE D’EUROPA.

Su rigore Cristiana Girelli prosegue la sua stagione da sogno.

Foto Andrea Amato – PhotoAgency

Non doveva essere una rivincita del mondiale, ma entrambe le nazionali hanno giocato senza tirare indietro la gamba pur essendo solamente un’amichevole.

Succede tutto nel primo tempo, l’Italia prende le misure delle orange e dopo qualche minuto iniziano a farsi avanti. L’Olanda non sfrutta il campo lasciatogli nei primi momenti e si vede costretta a rincorrere. Dopo 10 minuti il pallino del gioco è di mano olandese ma la retroguardia azzurra non molla un colpo e allontana i pericoli.

Al 14′ Bonansea viene atterrata in area e l’arbitro assegna il penalty. Girelli si prende carico di spedire il pallone in rete e non sbaglia, il vantaggio della numero 10 conferma ancora una volta quanto sia in stato di grazia.

Dopo il vantaggio le ospiti tendono a chiudere rapidamente gli spazi nonostante le occasioni concesse alle azzurre, nel fronte opposto Giuliani e la difesa collaborano bene e non lasciano spazi, con un piccolo spavento al 30′ quando una distrazione offre alle olandesi il pareggio, la porta libera sembra facile preda ma l’attaccante, da fuori area, sbaglia.

Il primo tempo si archivia con le ragazze di Bertolini in vantaggio sulle campionesse d’Europa.

Nella ripresa le azzurre provano a cercare il raddoppio ma dopo qualche infilata di troppo decidono di chiudersi e gestire la gara. Giuliani salva il risultato ben due volte, la prima sul colpo ravvicinato dell’attaccante olandese e poi uscendo in presa alta nel recupero togliendo il pallone dalla testa dell’avversaria. Le azzurre hanno la possibilità di trovare il raddoppio con Giacinti che a campo aperto decide di passare anziché andare a tu per tu con la numero uno orange, il pallone viene bloccato dalla difesa ed allontanato. Anche Serturini verso la fine ha l’occasione per affondare, ma l’uscita fuori dall’area del portiere olandese blocca la conclusione tentata dalla romanista.

Finisce uno a zero per le azzurre, un buon test che prepara la squadra alla trasferta in Austria di settimana prossima.

FRANCIA. OLANDA IN SEMIFINALE. SFUMA IL SOGNO AZZURRE. GRAZIE LO STESSO!

Condizioni ambientali proibitive, La FIFA non cambia idea, si gioca! Partita seppur emozionante, rovinata dalle decisioni organizzative.

Le squadre non spingono molto, anche per via del forte caldo, si studiano e creano qualche occasione.

Più pericolosa l’Italia al 20′, il cross in mezzo trova la testa di Bonansea, in spizzata riesce a servire Bergamaschi che in girata non da potenza al pallone e lo regala al portiere avversario.

Nel timebreak Bartoli chiama a sé i medici e si fa mettere una fasciatura alla coscia. Per poi essere sostituita a fine primo tempo.

Al 35′ Giacinti raccoglie il passaggio di Bonansea e spara in porta, la palla sfila sul fondo a pochi centimetri dalla porta.

Il primo tempo si chiude a reti bianche, una partita di gestistione da parte delle sue squadre con possesso palla in mano alle dame d’arancio.

Ad inizio secondo, tre azioni velocissime da parte delle olandesi hanno impensierito la difesa azzurra, il risultato rimane comunque in pareggio.

Al 53′ Barbara Bonansea lascia il campo in visibile stato di stanchezza, fino ad oggi ha giocato tutti i novanta minuti di tutte le sfide, al suo posto entra in campo Daniela Sabatino.

Al 57′ Van De Donk spara un missile dal limite che si spegne sui pali, la traversa salva l’Italia

Il vantaggio olandese arriva al 70′ su palla inattiva, Miedema di testa batte Giuliani. Il gol era nell’aria già da inizio secondo tempo.

Nel timebreak del 74′ Bergamaschi lascia il posto alla debuttante Serturini.

Raddoppio Olanda al 79′ con Van de Gragt, ancora su palla inattiva e di nuovo su colpo di testa Giuliani viene battuta. È oblio azzurro.

Il mondiale per le ragazze mondiali finisce così, l’Olanda vola in semifinale.

Nonostante la sconfitta le ragazze azzurre possono considerarsi nella storia del calcio italiano, la sconfitta di oggi brucia ma non così tanto, la nazionale femminile ha unito e riunito l’Italia. Sono riuscite a mettere in luce il calcio femminile italiano e si sono guadagnate il rispetto che meritano.


Oggi il quotidiano on line Alessandria rompe gli schemi, ringraziando una ad una le ragazze, naturalmente anche la condottiera della nave azzurra, Milena Bertolini, avete fatto sognare tutti noi, la vostra passione ci ha coinvolti in un mondiale bellissimo e ricco di emozioni.

GRAZIE RAGAZZE! ❤🇮🇹

Il quotidiano, da oltre due anni, si impegna a dar visibilità al calcio femminile e sarà sempre vicino a questo movimento. La prossima stagione ci concentreremo sull’Alessandria calcio femminile, articoli, video, interviste e molto altro ancora. Solo sul nostro giornale, seguiteci!

FRANCIA. VIGILIA DEI QUARTI. LE AZZURRE PRONTE PER SCRIVERE UNA PAGINA DI STORIA.

Otto tra le migliori al mondo e non è ancora finita. Le azzurre pronte per scrivere la storia.

Dopo la Cina, le azzurre, si preparano per la sfida più importante. Quella contro l’Olanda, l’indice di difficoltà si è alzato vertiginosamente e le azzurre dovranno stare molto attente in fase difensiva.

Se all’inizio del mondiale la qualificazione agli ottavi sembrava impossibile, l’accesso alle semifinali pareva utopia. Nonostante ciò le azzurre hanno stupito e convinto, vincendo e dominando le sfide più difficili, contro l’Australia, Brasile e qualificandosi ai quarti. La nazionale azzurra è stata nominata “nazionale del sorriso” per via dell’umore felice presente in tutte le ragazze e per il clima sereno e rilassato.

Domani però, le ragazze di Bertolini, sono chiamate a giocare una partita più che perfetta, non bisognerà distrarsi e soprattutto bisognerà difendere in 11 gli attacchi veloci e micidiali delle olandesi. Non ci sarà spazio per errori.

L’orario della partita non sorride a nessuna delle due squadre, infatti la partita si giocherà alle 15, una decisione che lascia tutti basiti. Sarà importante gestire le forze e bere tanto per via delle temperature alte e dell’umidità presente.