Tag: Hellas Verona

SESTO SAN GIOVANNI. INTER 5 HELLAS VERONA 0. L’INTER CON UNA CRESCITA IMPRESSIONANTE SODDISFA LE ASPETTATIVE DI RITA GUARINO.

Servizio Giuseppe Amato

Fotoservizio Andrea Amato/PhotoAgency

http://www.photoagency-quotidianoonline.com

Le ragazze di Rita Guarino proseguono nel loro fase di crescita a ritmi impressionanti. sul campo impregnato di acqua di Sesto San Giovanni hanno dimostrato di essere in grado di gestire anche le gare in condizioni particolarmente avverse. La squadra allenata da Rita Guarino ha raggiunto capacità atletiche e calcistiche come mai si era visto negli scorsi anni e si candidano con le grandi a rendere il campionato molto interessante, se non da un punto di vista di classifica, sul piano agonistico. Ottima la disposizione in campo e una eccezionale prestazione di Marinelli, nel primo tempo, ha permesso alle neroazzurre di mettere spesso in difficoltà le ragazze dell’Hellas Verona oltre a permettere alle interiste di chiudere il primo tempo sul punteggio di 4 a 0.

Foto Andrea Amato – PhotoAgency

La sfida Inter Hellas Verona valida per la 9^ giornata di serie A femminile si gioca sul campo dello stadio Breda di Sesto San Giovani(MI), con fischio di inizio alle 14,30. Rita Guarino ha deciso di schierare in campo Durante, Sonstevold, Kathellen ,Alborghetti, Landstrom, Simonetti, Csiczàr, Kachouni, Bonetti, Marinelli, Njoya Ajara.

Matteo Paschera ha schierato in campo: Keizer, Ledri, Nilsson, Jelenic, Pasini, Cedeno, Ambrosi, Mancuso, Lotti, Horvat.

Il calcio di inizio affidato all’Hellas Verona e Inter che attacca dalla destra della tribuna.

La pioggia di questi giorni ha reso il campo pesante per le ragazze, che nei primi minuti di gara faticano ad avanzare a causa del manto erboso viscido.

Primo calcio d’angolo per l’Inter dopo 7 minuti di gara e sugli sviluppi del secondo calcio d’angolo Stonstevold raccoglie la palla respinta dalla difesa dell’Hellas e dalla lunghissima distanza scaglia in rete alle spalle di Keizer.

Inter 1 Hellas Verona 0

Primo cambio per infortunio tra le file dell’Hellas per l’infortunio di Cedano entra la 23 Rognoni.

Al 16° al termine di un contropiede delle neroazzurre arriva il 2° goal realizzato sotto porta da Simonetti.

Doppio fallo per due falli ai danni dell’Hellas, la deviazione di Durante e il palo impediscono alle veronesi di accorciare le distanze e riaprire la partita.

Brivido al 27° per veronesi, Marinelli ruba palla a centro campo e si lancia in corsa versa l’area ospite, serve Njoya che scarica dal limite, Keizer messa fuori causa dai pallonetto, e centra la traversa piena. Ma il 3 a 0 arriva qualche minuto dopo con la 5 Karchouni. Marinelli entra un area di rigore e scarica su Keizer, la difesa respinge sui piedi di Karchouni, che centra la porta con un diagonale sul secondo palo.

Inter 3 Hellas Verona 0

Njoya al 45° servita da Marinelli al limite dell’area di rigore, si insinua tra due difensori e non da scampo a Keizer.

Inter 4 Hellas Verona 0

Secondo tempo

L’Inter schiera in campo Polli per la 33 Njoya.

Primi minuti e Bonetti si propone con un tiro da fuori area, che Keizer devia sul palo.

Bonetti al 10° della ripresa raccoglie una palla sfuggita alla nuova nuova entrata De Sanctis e da sola ha percorso la metà campo del Verona per scaricare in rete alle spalle di Keizer

Inter 5 Hellas 0

Giallo per Simonetti al 19°.

Fuori Alborghetti e Simonetti dentro 6 Santi e 30 Vergani.

Al 30° della ripresa le neroazzurre tengono saldamente in mano la partita, solo in due occasioni le veronesi hanno messo in difficoltà Durante, nella prima la palla è sfuggita a Durante e l’intervento di Stonstevold, ha liberato l’area di rigore da eventuali rischi. Nella seconda Durante ha preferito non rischiare bloccando a terra.

Da registrare sul finale di partita, nonostante la pioggia scrosciante, il tentativo delle ragazze dell’Hellas di attaccare con continuità l’area neroazzurra, fatto che ormai non potrebbe cambiare l’esito della partita saldamente a favore delle neroazzurre, ma serve a dare maggiore fiducia alle veronesi per i prossimi impegni di campionato.

Giallo per Santi nell’ultimo minuti di recupero.

GENOVA. GENOA 3 HELLAS VERONA 3, SPETTACOLO AL MARASSI, DESTRO SEGNA IL GOAL DELLA BOTTIGLIETTA.

Lo spettacolo a Genova è andato in onda al Marassi, con il match che si chiuso sul punteggio di parità: 3 a 3.

La partita che sembrava essere ormai preda dei veronesi ha subito nel secondo tempo continui cambi di fronte, il Verona troppo sicuro di portare a casa il risultato ha lasciato spazio e gioco ai liguri, che hanno approfittato delle mutate condizioni di gioco per portarsi, addirittura in vantaggio all’85° del secondo tempo con 3 goal e 1 di scarto sui veneti. Risultato riacciuffato dal Verona in pieno recupero. ma come si dice le vie del “Signore”, in questo cao del calcio sono infinite e l partita si è chiusa con un meritato pareggio e uno spettacolo emozionante nello stadio di Marassi.

La sfida tra Genoa e Verona è difficile da raccontare stando tra le file del Genoa,che come un Grifone avvolto su se stesso, dopo essere andata sotto di 2 goal ha trovato cuore e coraggio fino a rischiare di vincere una gara segnata dalla sorte avversa.

Ma la cronaca della partita abbiamo voluto raccontarla senza parole, solo attraverso la fotogalleria realizzata da Andrea Amato/PhotoAgency per il Quotidiano on line, che racconta meglio di mille parole una serata che per i tifosi del Genoa poteva essere indimenticabile.  

VINOVO. LE BIANCONERE CALANO IL TRIS ALL’HELLAS VERONA. GIRELLI E CERNOIA IN GOL.

Un Hellas Verona che nel primo tempo ha provato a scardinare la difesa Juventina con Cedeno Valderrama, ma Aprile controlla e sventa ogni pericolo, forse una delle poche occasioni scaligere.

Le prodezze di Keizer hanno reso vani i tiri di Bonansea e Hurtig ma dopo un pressing costante da parte delle padrone di casa il risultato si sblocca al 41’ con la rete di Cristiana Girelli, che di testa chiude in porta, sul calcio d’angolo di Cernoia.

Ripresa che vede già al 3’ il raddoppio sempre a cura di Girelli e tre minuti più tardi è Valentina Cernoia metterla nel sacco.

Le ragazze di Matteo Pachera, pur sapendo che quest’oggi era una gara molto difficile contro le Campionesse d’ Italia, nella prima frazione si sono ben chiuse negli spazi ed hanno avuto più concentrazione nelle chiusure. Dopo la prima rete subita, il calo fisico è risultato evidente, e con le due successive reti si è perso anche il morale.

Sicuramente una gara calcolata benissimo dalla padrone di casa che con precisione nei passaggi ed un ottimo possesso di palla hanno gestito al meglio l’incontro.

Con questo risultato finale la Juventus in 7 incontri ufficiali, di serie A, ha sempre vinto contro l’Hellas Verona segnando ben 25 reti e subendo soltanto 1.

La prossima settimana ci sarà la pausa di campionato, non per tutte le Juventine, per la gara di qualificazione mondiale della nostra Nazionale, a Trieste.

Questo prezioso tempo sarà utile sopra tutto per il Verona per cercare di verificare gli errori e caricare il gruppo nella ricerca del primo punto di classifica.

Servizio a cura di Paolo Comba – Calcio Femminile Italiano