Tag: droga

MILANO. POLIZIA DI STATO. MIRACOLO II, 37 ARRESTI PER DROGA.

Milano: operazione antidroga “Miracolo II”, 37 arresti

Interrotto dalla Squadra mobile di Milano un traffico internazionale di stupefacenti con l’operazione “Miracolo II”. I poliziotti hanno arrestato 37 persone appartenenti a due organizzazioni criminali operanti tra l’Italia e l’Albania.

L’operazione di oggi, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Milano, trae spunto dall’arresto nel 2018 del “killer delle carceri” nell’ambito dell’indagine “Miracolo”.
L’uomo era stato trovato in possesso di 28 chili di hashish, quasi due chili di cocaina, due pistole clandestine, un silenziatore e munizioni.

Il nuovo filone d’indagine sviluppato su alcuni elementi emersi in sede di perquisizione, ha condotto gli investigatori ad individuare un’organizzazione criminale italiana operante a Milano e in alcune regioni italiane e un’organizzazione albanese.
Il gruppo albanese era specializzato nell’importazione nel nostro Paese di grossi quantitativi di cocaina e curava anche la distribuzione dello stupefacente sulla piazza di Milano collaborando con l’organizzazione italiana.

Entrambi i gruppi criminali hanno dimostrato di avere una struttura solida, di tipo piramidale, con ruoli ben definiti dei componenti, con luoghi di stoccaggio dello stupefacente e il possesso di mezzi dotati di vani artigianali nascosti, idonei all’occultamento di droga e denaro.

Nel corso dell’attività d’indagine sono state arrestate 12 persone in flagranza di reato, sequestrati circa 4 chili di cocaina, 35 di hashish, 52 di marijuana, 260 mila euro in contanti, nonché due pistole, di cui una munita di silenziatore, e munizioni di vario calibro.

Due indagati albanesi sono stati arrestati in Albania e sono in attesa di estradizione. Gli arresti sono stati eseguiti grazie alla collaborazione del Servizio per la cooperazione internazionale di Polizia e dell’Ufficio dell’esperto per la sicurezza a Tirana della Direzione centrale della polizia criminale

Inoltre, nell’operazione di oggi, sono stati eseguiti i sequestri preventivi di due unità immobiliari a Milano, di tre scooter, due motocicli e nove autovetture.

Olivia Petillo

LATINA. POLIZIA DI STATO. ESTORSIONI, DROGA E OMICIDI, 19 ARRESTI.

Latina: estorsioni, droga e omicidio, 19 arresti

Gli agenti della Squadra Mobile di Latina hanno arrestato per Omicidio, estorsioni e traffico di stupefacenti 19 persone esponenti e fiancheggiatori delle famiglie malavitose Di Silvio e Travali.

Le persone finite in carcere sono 18 ed una agli arresti domiciliari.

Gli arresti sono stati effettuati a conclusione di un’indagine della Squadra mobile di Latina e del Servizio centrale operativo (Sco) della Direzione centrale anticrimine, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Roma.

Tutti gli indagati sono accusati di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, aggravata dal metodo mafioso, numerose estorsioni ed un omicidio, aggravato dalla finalità di agevolazione mafiosa.

L’indagine nata a seguito di alcune testimonianze di collaboratori di giustizia e segue quella portata a termine nel 2015 denominata “Don’t Touch”.

Con queste nuovi approfondimenti è emerso che l’organizzazione si avvaleva di quattro fornitori principali che nel tempo hanno permesso al gruppo Travali di monopolizzare il traffico di droga nel capoluogo pontino.

Gli investigatori sono riusciti ad individuare alcuni componenti del gruppo che fungevano sia da corrieri durante l’approvvigionamento della droga sia da pusher durante la distribuzione al minuto nelle piazze di spaccio; inoltre è emerso l’azione intimidatoria e violenta che gli indagati adottavano per imporre la propria presenza sui luoghi frequentati da altri spacciatori.

Le indagini hanno riscontrato la commissione di almeno 18 episodi estorsivi che hanno mostrato l’utilizzo di un metodo tipicamente mafioso, caratterizzato dalla minaccia di ritorsioni, dal riferimento esplicito ad un clan di appartenenza, dall’affermazione di un controllo del territorio da cui deriva il potere di imporre il “pizzo”, anche con le armi.

Le ultime investigazioni hanno rivelato anche la commissione dell’omicidio di Nicolas Adrian Giuroiu, un cittadino rumeno, assassinato a Latina nel 2014, avvenuto per una specifica finalità, ovvero quella di mostrare all’esterno la forza criminale del gruppo che disponeva di uomini e di armi ed era in grado di agire anche in azioni criminali di maggior rilievo.

ALESSANDRIA. POLIZIA DI STATO. DETENZIONE DI DROGA E FURTO, DUE ARRESTI.

Questura di Alessandria
   
Descrizione: Nuova immagine COMUNICATO STAMPA Descrizione: Nuova immagine 

Un’operazione condotta dalla Squadra Mobile della Questura di Alessandria ha portato all’arresto di due persone ritenute responsabili del reato di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti o psicotrope.

L’alessandrino L. C., di anni 42 ed il cittadino di origini albanesi S. K., ventenne, sono stati arrestati dagli operatori della Squadra Mobile in esecuzione dell’ordinanza applicativa della custodia in carcere per il primo e degli arresti domiciliari per il secondo, emessa dal GIP del Tribunale di Alessandria, perché coinvolti in una fiorente attività di spaccio di cocaina destinata al mercato cittadino.

Le complesse indagini, condotte dalla Squadra Mobile di Alessandria, erano iniziate nel 2019, periodo in cui, nel corso delle attività, venivano arrestate sei persone, sottoposte a provvedimento precautelare nella flagranza di reato per detenzione a fini di spaccio di cocaina.

Tra le persone ristrette, collegate alla coppia destinataria delle misure cautelari appena eseguite, 3 sono cittadini albanesi, due di origine marocchina  e un italiano, tutti attivi nello smercio di droga in questo centro.

Nel corso dell’operazione venivano sequestrati circa 250 gr. di cocaina e  100 gr. di marjuana che, rivendute al dettaglio, avrebbero consentito un guadagno illecito superiore ai 20.000 euro, ed una somma di denaro di 20.000 euro, provento dell’attività illecita.

CROTONE. POLIZIA DI STATO. OPERAZIONE “COLGOTA”, 36 ARRESTI.

‘Ndrangheta: 36 arresti con l’operazione “Golgota”

Gli investigatori della Squadra mobile di Crotone in collaborazione con gli agenti del Servizio centrale operativo hanno arrestato 36 persone.

Gli indagati sono accusati di associazione di tipo mafioso, estorsioni, porto e detenzione illegale di armi e munizioni nonché associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

L’indagine ha messo sotto la lente d’ingrandimento le attività criminali svolte da due cosche di ‘Ndrangheta, la Arena-Nicoscia di Isola Capo Rizzuto, e quella dei Mannolo, famiglia che appartiene al ceppo dei cosiddetti “pecorari”, attivi sul territorio di San Leonardo di Cutro.

L’operazione è in realtà frutto di due attività distinte, che nel tempo si sono talmente intrecciate da confluire in una singola indagine, che ha fatto luce su buona parte delle attività criminali svolte nella provincia di Crotone.

Gli investigatori, che stavano indagando sulle diramazioni nel territorio di Isola Capo Rizzuto da parte di una cosca di ‘Ndrangheta oggetto di una precedente indagine, hanno riscontrato collegamenti sempre più stretti con un’altra attività operativa relativa al traffico di rilevanti quantità di cocaina e marijuana che, partendo proprio da San Leonardo di Cutro, arrivavano in tutta la provincia, compresa Isola Capo Rizzuto.

Dalle intercettazioni si è inoltre scoperto che la famiglia Mannolo, oltre alle sostanze stupefacenti, riforniva i suoi “clienti” anche con numerose armi, molte delle quali sono state sequestrate, nel corso delle indagini, insieme a diverse partite di droga.

All’esecuzione degli ordini di carcerazione hanno preso parte oltre 200 operatori delle Squadre mobili di Bergamo, Catanzaro, Cosenza, Milano, Novara, Vibo Valentia e Reggio Calabria, dei Reparti prevenzione crimine di Bari, Cosenza, Lecce, Vibo Valentia e Siderno, delle Unità cinofile di Vibo Valentia e Reggio Calabria con il supporto di un elicottero del Reparto volo di Reggio Calabria.

SALERNO. POLIZIA DI STATO. OPERAZIONE ANTIDROGA, 45 INDAGATI.

Salerno: operazione contro il traffico di droga, 45 indagati

operazione

Un gruppo criminale costituito da 45 persone specializzato nel traffico di stupefacenti, nelle provincie di Napoli e Salerno, è stato smantellato da una operazione di Polizia, coordinata dal Servizio centrale operativo della Direzione centrale anticrimine, delle Squadre mobili di Salerno e Napoli, con l’ausilio dei Reparti Prevenzione Crimine, di unità cinofili e il supporto aereo di un elicottero.

Le indagini hanno permesso di scoprire l’esistenza a Salerno di compagini criminali ben organizzate, capaci di riversare, in modo costante e sistematico, una grande quantità di sostanze stupefacenti in diversi quartieri della città e dei comuni limitrofi con ramificazioni nell’hinterland napoletano.

L’attività illecita comprendeva l’acquisto, trasporto, detenzione, lavorazione, confezionamento, vendita e cessione di cocaina, hashish, crack e marijuana.

Gli investigatori attraverso l’istallazione di telecamere in appositi siti e le intercettazioni telefoniche e telematiche hanno documentato l’intera filiera del traffico di stupefacenti, a partire dai pusher fino ad arrivare ai rifornitori della droga, e identificare i maggiori promotori dell’organizzazione criminale che, con i loro associati, hanno rappresentano sul territorio salernitano uno dei più forti e stabili canali di approvvigionamento di sostanze stupefacenti di diverso tipo.

Nel corso delle indagini sono arrestate in flagranza di reato sette persone con il contestuale sequestro di varie tipologie di sostanze stupefacenti, due pistole clandestine e diverse somme di denaro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: