Tag: cocaina

RAGUSA. POLIZIA DI STATO. COCAINA IN MACCHINA, UN ARRESTO.

Ragusa: trasportava droga in auto, arrestato

Ragusa droga

Un quarantaduenne, pregiudicato per reati contro il patrimonio e stupefacenti, è stato arrestato dai poliziotti della  Squadra mobile di Ragusa mentre in auto sfrecciava a tutta velocità sulla strada statale Catania-Ragusa. Gli agenti della Polizia dopo aver intercettato e fermato l’auto hanno notato l’uomo in evidente stato di agitazione.

Durante la perquisizione dell’auto del 42 enne, conosciuto dalle Forze dell’ordine, sono stati trovati 2 involucri di cocaina, per un valore di 700 mila euro, nascosti sotto il sedile.

REGGIO CALABRIA. G.di F.- MAXI SEQUESTRO DI 932 KG DI COCAINA PURISSIMA

Reggio Calabria, 5 novembre 2020

Comando Provinciale Reggio Calabria

L’attività di contrasto al traffico internazionale di sostanze stupefacenti ha impegnato i funzionari dell’Agenzia delle Dogane di Gioia Tauro (ADM) e i Militari del Comando Provinciale di Reggio Calabria, con il coordinamento della Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia – che hanno individuato e sequestrato 932 chili di cocaina purissima, stivata in un container che trasportava cozze surgelate proveniente dal Cile e divisa in 800 panetti all’interno di 37 borsoni.

Attraverso una complessa ed articolata attività di analisi di rischio e riscontri fattuali su oltre 2.200 contenitori provenienti dal continente americano, i Militari della Guardia di Finanza e i funzionari doganali, con l’ausilio di sofisticati scanner in dotazione all’Agenzia delle Dogane, sono riusciti ad individuare quello in cui era stato nascosto lo stupefacente.

Il carico sequestrato, di qualità purissima, avrebbe potuto essere tagliato dai trafficanti di droga fino a 4 volte prima di immettere lo stupefacente sul mercato, fruttando un introito di circa 186 milioni di euro.

Le modalità di occultamento dello stupefacente sono sempre differenti e in continua evoluzione, obbligando le Dogane e le Fiamme Gialle a perfezionare di volta in volta le metodologie operative.

L’attività di servizio testimonia la costante efficace azione posta in essere dalla Guardia di Finanza per il contrasto al traffico internazionale di sostanze stupefacenti – con particolare riguardo al porto di Gioia Tauro – in sinergia con l’Agenzia delle Dogane, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Reggio Calabria, DDA, diretta dal Procuratore Giovanni Bombardieri, coadiuvato dal Procuratore Aggiunto Calogero Gaetano PACI.

VALENZA. SEQUESTRATI 5 KG DI COCAINA, ARRESTATI DUE GIOVANI.

Una coppia di giovani di di Valenza è stata arrestata dai carabinieri perché trovata in possesso di 5 chili di cocaina

I carabinieri hanno scoperto 4 panetti contenti cocaina nel cofano dell’auto di un 30 enne domiciliato a Valenza, il resto nell’appartamento della coppia sottoposto a perquisizione. 

PRESSPHOTO Firenze, Carabinieri in servizio con le nuove divise e immagini di repertorio. Foto Marco Mori/New Press Photo

Durante un servizio di controllo dei carabinieri di Valenza hanno notato un uomo intento ad armeggiare dentro la sua auto. Insospettiti dal comportamento dell’uomo i Carabinieri perquisito l’auto dove nel sottovano della ruota di scorta era stato ricavato un sottofondo dentro cui erano nascosti quattro panetti incellofanati, del peso di un chilo ciascuno, contenenti cocaina.

I Carabinieri dopo aver sottoposto l’uomo al fermo di polizia hanno perquisito il suo appartamento dove è stata rinvenuta altra cocaina e tre panetti di marijuana oltre a 20 mila euro in contanti.

La compagna dell’uomo era presente alla perquisizione nell’appartamento è stata arrestata.

La donna, 24 anni, è stata trasferita al carcere di Vercelli mentre l’uomo, trentenne domiciliato a Valenza con diversi precedenti penali, è stato condotto nel carcere di Alessandria.

La droga era destinata allo spaccio nelle zone di Valenza e Alessandria.

TERNI. POLIZIA DI STATO. OPERAZIONE “ALI’ PARK”, EROINA CAMUFFATA DA VALIGIE.

Terni: eroina camuffata da valigie, 16 arresti con l’operazione “Alì Park”

Un gruppo composto da 16 persone rifornivano di eroina le piazze di spaccio ternane e parte del mercato toscano importando la droga dal Pakistan, ma la loro attività illecita è stata interrotta grazie alla operazione antidroga “Alì Park”.

L’attività investigativa di Polizia di Stato e Guardia di finanza ha portato all’arresto di sedici persone, dieci dei quali eseguiti in esecuzione delle ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal Giudice per le indagini preliminari di Perugia con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti. Sei arresti sono stati eseguiti in flagranza di reati di spaccio di stupefacenti durante le indagini.

L’attività investigativa ha preso il via sugli sviluppi dei controlli svolti su un corriere della droga fermato a Ventimiglia dalla Squadra mobile di Terni.

L’indagine proseguita con il supporto del Servizio centrale operativo della Direzione centrale per i servizi antidroga e del Servizio polizia scientifica ha fatto emergere l’attività strutturata di un’organizzazione criminale che, con il traffico e lo spaccio di droga, guadagnava migliaia di euro al mese.

Molto importante è stata la collaborazione con la sezione antidroga del Gruppo d’investigazione sulla criminalità organizzata (Gico) della Guardia di finanza di Ancona che ha permesso di eseguire arresti in flagranza di reato, di sequestrare 12 chili di eroina e 300 grammi di cocaina.

Ingegnoso il metodo escogitato dai criminali per cercare di occultare lo stupefacente durante il trasporto in aereo.

L’eroina veniva trasportata in forma solida, tipo plastica o gomma per il rivestimento interno delle valigie, in maniera perfettamente occultata, ma la droga giunta a Terni veniva sottoposta ad una particolare procedura chimica per riacquistare la consistenza originale.

Alla esecuzione delle misure cautelari hanno partecipato: la Guardia di finanza di Ancona, i commissariati di Empoli e Voghera, le Squadre mobili di Roma e Pavia, il Reparto prevenzione crimine Umbria-Marche, unità cinofile di Nettuno e un elicottero della Polizia di Stato.

NAPOLI. POLIZIA DI STATO. TRAFFICO DI COCAINA DAI PAESI BASSI, 14 ARRESTI TRA NAPOLI E CASERTA.

Cocaina dai Paesi Bassi, 14 arresti tra Napoli e Caserta

Le Squadre mobili di Napoli e Caserta hanno eseguito un’ordinanza cautelare nei confronti di 14 persone accusate di traffico internazionale e spaccio di sostanze stupefacenti e disposto il sequestro di beni immobili, autovetture, motoveicoli, conti correnti e quote societarie.

Le indagini sono iniziate dopo l’incendio sviluppatosi il 14 giugno 2018 in un bar di Napoli gestito da una delle società riconducibili agli indagati.

L’attività investigativa ha evidenziato come il gruppo criminale, che importava grandi quantità di droga dai Paesi Bassi, fosse riferibile alla famiglia Bonavolta, a sua volta inserita nel cartello camorristico dei Mazzarella.

Durante l’indagine sono state effettuate numerose intercettazioni, telefoniche e ambientali, con diversi sequestri di sostanze stupefacenti e somme di denaro in contanti.

Particolarmente rilevante fu l’arresto di uno dei corrieri fermato mentre tornava dall’Olanda con circa 7 chili di cocaina, e il sequestro di oltre 557mila euro in contanti trovati in possesso di altri due corrieri che stavano andando all’estero ad acquistare delle partite di droga.

In caso di problemi relativi alla restituzione del denaro, l’organizzazione criminale non disdegnava l’utilizzo della violenza, come nel caso del sequestro di persona nei confronti del cognato di uno dei corrieri che aveva contratto un debito di 350 mila euro per l’acquisto della cocaina all’estero.