Tag: calcio

MILANO. INTER CHE RISCHIO, RANOCCHIA ROVESCIA LA PARTITA.

L’Empoli tenta il colpaccio ma Ranocchia rimanda tutto.

A San Siro va in scena il secondo Ottavo di finale milanese, l’Inter da neo supercampione d’Italia ospita l’Empoli che le prova tutte per tentare il colpaccio. Come sette giorni fa saranno ancora i supplementari a un’altra gioia nerazzurra, ma Inter-Empoli non si può raccontare senza passare per il 33enne Andrea Ranocchia. Lui, che ha dipinto il gol più bello della sua carriera. Mezza rovesciata appena dopo il minuto 90, rete che ha permesso all’Inter di prolungare la sfida ai supplementari.

Tra primo e secondo tempo si è vista un’Inter molto guardinga, soprattutto dopo il gol di Sanchez al settimo minuto. La squadra di Inzaghi preferisce i cross piuttosto che provarci da fuori area, sprecando anche molte occasioni utili specialmente nel secondo tempo quando il risultato si ribalta in favore dei toscani.

Bajrami ed un autogol di Radu fanno illuminare gli uomini di Andreazzoli che pian piano vedevano sempre di più la clamorosa qualificazione sul campo dei campionissimi. Il Dio del calcio però ha voluto regalare una perla da incorniciare al capitano nerazzurro, chiamato in causa solo per questa competizione. Il passaggio di testa si trasforma in un prezioso assist in due tempi per il difensore che insacca, come detto, in mezza rovesciata facendo letteralmente impazzire i tifosi preseni.

Nel primo tempo supplementare ci pensa il neoentrato Stefano Sensi, con una rete delle sue. Al minuto 104 lascia partire il suo destro che sfonda la resistenza di un Empoli tenace, Furlan prova ad intervenire ma il pallone si insacca lanciando l’Inter ai quarti di finale di Coppa Italia che sfiderà a San Siro la vincente di Roma-Lecce.

unica nota negativa nella serata interista è l’infortunio al minuto 2 occorso a Correa, uscito in lacrime, per lui si teme uno stop di 2 mesi.

IL TABELLINO

INTER (3-5-2): 97 Radu; 33 D’Ambrosio, 13 Ranocchia, 32 Dimarco; 2 Dumfries, 22 Vidal (23 Barella 65′), 8 Vecino (20 Calhanoglu 65′), 5 Gagliardini (9 Dzeko 77′), 36 Darmian (14 Perisic 65′); 10 Lautaro (12 Sensi 94′), 19 Correa (7 Sanchez 5′).
A disposizione: 1 Handanovic, 21 Cordaz, 6 De Vrij, 11 Kolarov, 37 Skriniar, 95 Bastoni.  
Allenatore: Simone Inzaghi.

EMPOLI (4-3-1-2): 22 Furlan; 20 Fiamozzi (30 Stojanovic 71′), 42 Viti, 6 Romagnoli, 3 Marchizza (34 Ismajli 85′); 27 Zurkowski (28 Ricci 46′), 5 Stulac, 25 Bandinelli (8 Henderson, 46′); 23 Asllani (16 Fazzini 98′); 99 Pinamonti (10 Bajrami 46′), 9 Cutrone.
A disposizione: 1 Ujkani, 13 Vicario, 21 Damiani, 26 Tonelli, 31 Rizza, 36 Pezzola.
Allenatore: Aurelio Andreazzoli.

Marcatori: 13′ Sanchez (I), 61′ Bajrami (E), 76′ autogol Radu (I), 90′ Ranocchia (I), 104′ Sensi (I)
Ammoniti: Vecino (I), Romagnoli (E)
Recupero: 2′ – 5′ – 1′ – 0′.

Arbitro: Sacchi.
Assistenti: Bottegoni, Margani.
Quarto Uomo: Colombo.
VAR: Giua.
Assistente VAR: Vivenzi.

MILANO. INTER 1 NAPOLI 1. GARA ENTUSIASMANTE, GIOCATA ALLA PARI CON MOLTE OCCASIONI E QUALCHE DELUSIONE.

La prima giornata di ritorno del campionato di calcio femminile di serie A tra Inter e Napoli si disputa sul campo del centro sportivo Suning di Milano.

Servizio Giuseppe Amato – Foto Andrea Amato/PhotoAgency

La partita non presenta particolari difficoltà per la formazione di casa, ma che deve comunque confermare l’impostazione e le prestazioni dell’ultimo periodo. La squadra diretta da Rita Guarino diretta da Rita Guarino con una vittoria sul Napoli, terzultima nella classifica generale e a rischio retrocesssione, si porterebbe in parità in classifica con le cugine rossonere in 4^ posizione.

Le formazioni in campo

Inter: Durante, Sonstelvold, Landstrom, Karchouni, Marinelli, Bonetti, Merlo, Sousa, Pandini, Simoneti, nchout

All.Rita Guarino.

Napoli: Aguirre, Golob, Garnier, Popadinova, Erzen, Colombo, Awona, Yoniolo, Severini, Mauri, Jaimes

All. Marco Ceolin

Direttore di gara Marco Ricci di Firenze

Il calcio di inizio alle ore 14,30 affidato al Napoli e l’Inter che attacca dalla destra della tribuna.

Il primo quarto d’ora di gioco è stato sostanzialmente giocato alla pari dalle due formazioni, ma l’Inter ha avuto quattro occasioni nitide er portarsi in vantaggio la prima con Bonetti, fuori di poco dalla porta difesa da Aguirre.

Il Napoli nella prima fase di gioco non ha rinunciato ad attaccare l’area neroazzurra, ma ha creato poco nella fase di finalizzazione del gioco. Ottima fino a questo punto la prestazione di Aguirre, che non ha concesso spazi alle interiste.

Karchouni al 26° ricevuta la pala al centro dell’area ospite finta una girata, manda fuori tempo Aguirre, che batte sul lato opposto .

Inter 1 Napoli 0

L’Inter cu i riprova due minuti dopo su calcio di punizione, ma la palla colpita di testa vola alta sulla traversa.

Il Napoli in svantaggio, dal 15° minuto dall’inizio della partita ha ammainato le vele e rinunciato ha affondare nella metà campo neroazzurre e tranne che in rare occasioni le interiste sono padrone del campo, impongono alle partenopee il gioco e il ritmo particolarmente sostenuto di gioco.

Il Napoli ha uno scatto di orgoglio e dopo alcune incursioni al 37° Mauri con un gran tiro dalla distanza sorprende Durante, che nulla può fare per recuperare la palla colpisce il palo interno e si infila nella rete.

Il Napoli dopo il pareggio ha riacquistato sicurezza e la 23 Toniolo prova ripeter la prodezza della compagna di squadra, ma il tiro troppo centrale non sorprende Durante che blocca facilmente.

Il primo tempo finisce sul punteggio di parità, un goal per parte in una partita aperta e giocata alla pari tra l due formazioni. Il Napoli, che nella fase centrale della gara ha preferito non rischiare facendo arretrare tutta la squadra nella propria metà campo, aspettando il momento opportuno per organizzare le ripartenze, che hanno portato il risultato in parità. Aguirre migliore in campo per gli interventi effettuati contro le neroazzurre meglio organizzate, veloci e che hanno prodotto numerose azioni da goal.

Secondo tempo.

L’Inter riparte in attacco e Karchouni al 5° minuto impegna Aguirre in una presa a terra.

Il Napoli risponde con Popadinova, ma trova pronta Durante in presa a terra.

Brivido al 10° della ripresa per le neroazzurre: Durante sbaglia un rilancio in area e regala la palla alle partenopee, che con Colombo vanno al tiro, ma il sette della porta colpito in pieno nega al Napoli il goal del vantaggio.

Altra disattenzione di Durante al 12°, messa fuori causa la porta viene salvata dall’intervento provvidenziale di un difensore.

L’Inter è vistosamente calato nei primi minuti della ripresa, non ostruisce gioco in attacco e lascia ampi spazi di manovra al Napoli.

Esce Marinelli e Pandini per Arietta e Polii per l’Inter mentre il Napoli ha sostituito la Colombo 14 per la 17 Acuti.

Il gioco riprende e riprende l’iniziativa delle neroazzurre che colpiscono la traversa.

Simonetti al termine di una azione iniziata a centro campo, dopo una serie di passaggi si impossessa della palla, che manda fuori di un soffio.

Bonetti si propone dalla distanza e riprova a sorprendere Aguirre, che blocca facile.

La partita dopo un inizio opaco si è accesa con le due formazioni che giocano a ritmi forsennati, concedendo e riconquistando ampi spazi di campo.

Fuori 11 Erzen infortunata e dentro Di Marino per il Napoli.

Occasione per Bonetti che perde il tempo, prova Simonetti che spara alto sulla traversa.

Calcio di punizione battuto da Goldoni e angolo per il Napoli al 33°. Nulla di fatto il punteggio è sempre di parità.

Napoli vicina al vantaggio sugli sviluppi di un calcio d’angolo che ha provocato una mischia in area, risolta da un colpo di testa contro la parte bassa della traversa. La palla dopo l’impatto è caduta sulla linea di porta e di nuovo contro la traversa, ma senza superare la linea di porta.

Inter 33 Nyoja fuori entra la 17 Portales

Ultimi minuti di gioco e ultimi fuochi d’artificio sul campo del Suning. Le neroazzurre decise a sbloccare il risultato attaccano l’area partenopea a pieno organico, Bonetti si propone con continuità in area, ma senza trovare varchi utili al tiro. Ultima occasione per l’Inter Merlo tira e centra il palo pieno, la palla di ritorno viene intercettata dalle attaccanti neroazzurre, Portales di testa prova a infilare la porta, ma il tentativo viene vanificato da Di Marino che sempre di testa impatta la palla e le impedisce di superare la linea di porta.

Finisce la partita con l’Inter in attacco, ma sempre in parità.