Tag: Borghetto Borbera

VIGNOLE BORBERA. L’ACF ALESSANDRIA SI QUALIFICA AI QUARTI DI COPPA ITALIA.

Una partita dal doppio volto, grigie in difficoltà fino al 45esimo, nella ripresa le orse sbranano il Borghetto.

A Vignole Borbera è andata in scena la terza giornata del Girone G di Coppa italia di Eccellenza. Le grigie ospitate dal Borghetto Borbera rimangono in ombra per tutto il primo tempo regalando il gol alle padrone di casa.

Per le grigie un avversario di pari livello che sino ad ora ha dimostrato di essere ben organizzata e temibile, per entrambe l’obiettivo è quello di vincere per poter portare a casa la qualificazione ai Quarti di coppa.

La gara si consuma mostrando grandi difficoltà da entrambe le parti a mantenere il pallino del gioco, molti i passaggi chiave sbagliati e poca lucidità.

La partita si è conclusa con la vittoria dell’Acf Alessandria per 4 a 1 (1-0/1-4 i parziali).

Durante la prima parte di gara l’Alessandria fatica ad uscire dalla propria metà, le ospiti mettono più volte sotto pressione la difesa arrivando anche al tiro. Grigie troppo macchinose e poco lucide sul piano del gioco per tutto il primo tempo, il portiere grigio Angelica Dalerba si sporca i guantoni in un paio di occasioni per poi dover cedere e concedere il gol alle avversarie. Stoppani porta in vantaggio le azzurre al 38’ dopo aver saltato con un pallonetto, l’incolpevole portiere. Demerito anche della difesa grigia che si lascia infilare al centro.

Primo tempo che regala solo quel guizzo, le due squadre si alternano i falli laterali e giocano per lo più a metà campo.

Nella ripresa, il Borghetto cede e rallenta mentre le grigie ingranano la marcia giusta.

In pochi minuti le grigie si fanno avanti più volte dalla fascia sinistra, l’esterno decide di non e entrare in area ma di servirla alle compagne per cercare di guadagnare metri. Il gioco però viene fermato dalla difesa, fino a qui invadicabile.

Ci pensa Bergaglia, al minuto 61 a pareggiare i conti, il lungo passaggio di Lepre viene agganciato dalla numero 7, che controlla, lascia rimbalzare il pallone e poi tira bucando il portiere.

Le grigie si fomentano e prendono il controllo della gara.

Nel giro di due minuti sistemano la faccenda, al minuto 80 e all’82esimo, ancora Bergaglia e poi il capitano Gaia Garavelli affondano la corazzata di Borghetto. In occasione del primo gol, brava la punta a dribblare il difensore al limite dell’area per poi prendere la mira e calciare forte nell’angolino basso. Garavelli invece raggiunge il pallone lanciato dal centrocampo prima del difensore e lasciandolo rimbalzare calcia di collo, insaccando alle spalle dell’estremo difensore.

Con la gara ai titoli di coda c’è spazio anche per Alessia Bellò, l’esterno prova un tiro dai 20 metri, il pallone rimbalza addosso al portiere che se lo lascia sfilare alle spalle.

Nonostante una prestazione molto sottotono, le ragazze di Mister Gabriele Tosi guadagnano il pass ai quarti di finale della coppa Italia di categoria.

Da segnalare l’esordio di Beatrice Zulian, atleta del settore giovanile al servizio dell’Under 17 di mister Massimiliano Rossi.

Il commento di mister Gabriele Tosi al termine della gara <<Brutta prestazione, dopo due mesi di stop è mancata l’armonia e la lucidità in campo. Un primo tempo inguardabile, ma nel secondo tempo mi è piaciuta la risposta.>> – continua – <<Ci siamo qualificati grazie alla forza del gruppo, ho chiesto alle ragazze di giocare semplice e di guadagnare metri, così è stato. Sono contento del passaggio del turno e per il risultato, non è mai semplice ribaltare una gara in questa maniera. Da lunedì prepareremo la sfida contro la capolista del nostro campionato>>.

ALESSANDRIA. TRAGEDIA FAMILIARE A BORGHETTO BORBERA, UCCIDE IL MARITO E SI COSTITUISCE AI CARABINIERI.

Dramma a Borghetto Borbero nel tardo pomeriggio di ieri dove una Agostina Barbieri, 60 anni, è stata arrestata e rinchiusa nel carcere di Torino per l’omicidio del marito, Luciano Giacobone, 64 anni. 



Una tragedia annunciata a causa delle violenze dell’uomo nei confronti della donna e avrebbe avuto una escalation preoccupante nelle settimane dopo le festività di Pasqua.

Agostina Barbieri, che ha un figlio di 29 anni, era da tempo preoccupata per le continue tensioni familiari e aveva cercato l’aiuto di uno specialista che potesse risolvere le sue sofferenze, ma inutilmente perché ieri ha sedato il marito con un farmaco e lo ha strangolato. Dopo aver compiuto il gesto ha telefonato ai carabinieri per confessare l’omicidio alla presenza del suo avvocato, Silvia e Franco Nativi. Gli avvocati della donna chiederanno gli arresti domiciliari perché reo confessa e non sussistono pericoli di fuga o inquinamento delle prove.