Tag: bilancio attività

ALESSANDRIA. FESTA DEI CARABINIERI: NELL’ANNO DELLA PANDEMIA DIMUNISCONO I REATI.

La celebrazione della festa dell’arma dei Carabinieri porta con se una diminuzione dei reati del 12% in provincia di Alessandria.

foto archivio

Il bilancio è stato comunicato dal comando provinciale dei carabinieri in occasione del 207esimo anniversario della fondazione dell’Arma.

In piazza Vittorio Veneto, alla presenza del comandante provinciale, il colonnello Massimiliano Rocco e del prefetto di Alessandria, Francesco Zito, si è tenuta la celebrazione del 207esimo Annuale di Fondazione dell’Arma con la deposizione di una corona d’alloro presso il monumento ai Caduti presente all’interno della Caserma “Scapaccino”.

L’occasione è stata un momento di riflessione sul bilancio di lavoro compiuto dall’Arma ad Alessandria e nei territori della provincia.

Le pattuglie impegnate nei servizi di controllo del territorio e le perlustrazioni sono oltre 30.000, 3.000 i servizi di ordine pubblico, 2.682 le persone denunciate all’autorità giudiziaria di cui 372 in stato di arresto.

Le attività dell’arma sono state svolte dalle diverse articolazioni del comando provinciale: Reparto Operativo, con funzioni strettamente investigative.

5 Compagnie e 56 Stazioni Carabinieri, che rappresentano capillari presidi di legalità sul territorio insieme al Comando Gruppo carabinieri Forestali.

Le Stazioni dei carabinieri Forestali sono state impegnate a perseguire la maggior parte dei delitti di natura ambientale denunciati nel territorio della provincia di Alessandria.

I dati operati del 2020 rispetto a quelli dell’anno precedente fa emergere un calo dei delitti consumati: -12%. In diminuzione sono le più diffuse tipologie di reato, come i furti (-30%) e, tra questi, quelli in abitazione (-35%), con destrezza (-25%), in esercizi commerciali (-12%) e su auto in sosta (-37%).

L’unico dato in controtendenza è quello relativo alle truffe e frodi informatiche (+6%).

Significativa l’azione di contrasto al traffico e allo spaccio di droghe: 97 persone denunciate all’Autorità Giudiziaria, 45 in stato di arresto.

Rilevante il numero dei controlli antiterrorismo, in particolare quello di matrice confessionale, attraverso l’impiego delle S.O.S. (Squadre di Supporto Operativo), che espletano con discrezione attività di costante monitoraggio dei luoghi e degli obiettivi ritenuti maggiormente a rischio di attentati, affiancando in tale attività i reparti presenti sul territorio.

L’attività di monitoraggio svolta in un clima di costante osmosi informativa con le altre forze di polizia, che per quanto concerne l’attività di monitoraggio info-operativo è tesa ad accertare la sussistenza di tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nel tessuto socio-economico locale.