Tag: ASTI

ASTI. L’EX ASSESSORE PIERPAOLO GHERLONE CONDANNATO A 3 ANNI E 6 MESI, CONFISCA DEI BENI PER 670 MILA EURO.

La Guardia di Finanza di Asti ha dato seguito alla confisca dei beni per 670mila euro, in seguito alla condanna a 3 anni e 6 mesi di reclusione, all’ex assessore al comune di Asti, Pierpaolo Gherlone

L’ex assessore al comune di Asti al Bilancio nella giunta Florio ed ex presidente dell’Asti calcio e noto commercialista in città, Pierpaolo Gherlone, ha patteggiato una condannata a 3 anni e 6 mesi di detenzione per indebita percezione dei fondi Covid e bancarotta fraudolenta.

La Guardia di Finanza ha, su disposizione del tribunale, eseguito la confisca penale del denaro e altri beni: conti bancari, tre autovetture di lusso, 5 terreni e quote societarie già precedentemente sottoposti a sequestro preventivo. 

Le indagini della Guardia di Finanza:

Le indagini condotte dalle Fiamme Gialle astigiane nel 2021, coordinate dal Pubblico Ministero Gabriele Fiz della Procura della Repubblica di Asti, avevano accertato che l’ex assessore Piepaolo Gherlone, nel biennio 2019-2020, aveva acquisito per fini illeciti la carica di amministratore di alcuni soggetti economici.

La carica di rappresentante legale di due società della provincia di Asti per ottenere i contributi per il Covid 19, circa 18.000 euro. L’erogazione indebito dei fondi erano stati ottenuti comunicando all’Agenzia delle Entrate false dichiarazioni per gli anni d’imposta 2019 e 2020, un volume d’affari fittizio, calcolato sulla base di fatture inesistenti sotto il profilo oggettivo, ma utile per comprovare il calo di un terzo del fatturato, elemento espressamente richiesto dalla normativa per ottenere il beneficio pubblico.

Mentre la carica di liquidatore di due società astigiane dichiarate fallite nel 2020 dal Tribunale di Asti avevano dato la possibilità all’indagato di distrarre dissipare somme pari a quasi 650mila euro usando i fondi delle aziende come bancomat da cui effettuare prelievi in contanti dai conti correnti aziendali ed efettuare pagamenti ingiustificati.

Pierpaolo Gherlone come ha accertato la Guardi di finanzza ha trasferito parte di queste somme in altre attività economiche ed imprenditoriali, riconducili a se stesso, commettendo in questo modo il reato di autoriciclaggio e di indebita compensazione fiscale.

La Guardia di Finanza di Asti hanno spiegato che: “L’attività svolta evidenzia il costante impegno della Guardia di Finanza nel contrasto alle condotte illecite e fraudolenti nella tutela dell’economia legale, alla salvaguardia delle realtà aziendali sane ed alla difesa degli interessi creditori e a tutti i casi di indebita percezione e malversazione delle risorse pubbliche destinate alle imprese in effettiva difficoltà. Con la confisca tali beni andranno a far parte del patrimonio dello Stato per essere destinati ad esigenze di pubblico interesse a beneficio dei cittadini”.

ASTI. VENDEMMIA 2022-RICERCA PERSONALE PER LA VENDEMMIA.

Personale per la vendemmia cercasi

La produzione vitivinicola, una delle eccellenze piemontesi, ha bisogno di personale per la vendemmia. 

Agenzia Piemonte Lavoro, l’ente strumentale dell’Assessorato al lavoro di Regione Piemonte che coordina la rete territoriale dei Centri per l’impiego, è stata incaricata di ricercare e selezionare personale – circa 50 lavoratori e lavoratrici – da avviare alla vendemmia, in particolare nei territori fra Alessandrino, Astigiano e Cuneese. Si sta avvicinando il momento della raccolta delle uve da vino, attività che si concentra soprattutto nel periodo fra metà agosto e la fine di settembre, a seconda delle aree di produzione. 

Il contratto proposto è a tempo determinato. Per svolgere l’attività non sono richieste competenze professionali specifiche. La disponibilità di un mezzo di trasporto proprio può rappresentare un requisito preferenziale.  In alcuni casi le aziende offrono vitto e alloggio.

Le offerte di lavoro sono pubblicate su IOLAVORO, il portale di matching di Agenzia Piemonte Lavoro, digitando la voce “vendemmia”: il link diretto alle offerte è https://bit.ly/IOLAVOROvendemmia 

Le persone interessate e in possesso dei requisiti richiesti possono contattare i Centri per l’impiego di Acqui Terme (info.cpi.acquiterme@agenziapiemontelavoro.it), Asti (info.cpi.asti@agenziapiemontelavoro.it) e Alba (info.cpi.asti@agenziapiemontelavoro.it). 

Sempre sullo stesso portale online, alla voce IOLAVORO in agricoltura, sono pubblicati tutti gli annunci attivi di ricerca di personale per il settore agricolo. Il link diretto alle offerte è https://bit.ly/IOLAVOROinagricoltura

Il suo parere per noi è importante. Ci aiuti a migliorare i nostri servizi rispondendo al questionario che trova al seguente link   https://forms.office.com/r/ktJvnGgDCs 
Cordiali saluti

Centro per l’Impiego di Asti

Agenzia Piemonte Lavoro – Ente strumentale della Regione Piemonte
Corso Dante, 31 ASTI 

339 2921384 – 800 184704 (Contact center)

Email: info.cpi.asti@agenziapiemontelavoro.it

Agenzia Piemonte Lavoro

Consulta le offerte di lavoro su IoLavoro

Consulta le offerte di lavoro su Linkedin

Pagina Facebook Agenzia Piemonte Lavoro

ASTI. LE RIFLESSIONI DI LUISA RASERO, RESPONSABILE COORDINAMENTO DONNE CGIL, SULLE ELEZIONI POLITICHE 2022.

Una riflessione di Luisa Rasero, responsabile Coordinamento donne Cgil, sulle imminenti elezioni politiche del 25 settembre.


Voto utile? Nell’ambito della sinistra ampiamente intesa, circolano appelli e dichiarazioni che sostanzialmente invitano a votare il Partito Democratico e coalizione annessa. Invito rivolto – anche a chi si sente molto distante dal Pd – almeno per quanto riguarda la quota uninominale, al fine di impedire che la destra possa sfondare i 2/3 della rappresentanza parlamentare e manomettere la Costituzione a suo piacimento. Si potrebbe osservare che questo esito nefasto, se si verificasse, sarebbe una diretta conseguenza del Rosatellum, il sistema elettorale che deriva il suo nome da tal Ettore Rosato, all’epoca esponente del Pd prima di passare a Italia Viva. Ma bando alle recriminazioni, anche se ammettere i propri errori sarebbe un’ottima pratica. Veniamo al presente.

Delle due, l’una.

O siamo effettivamente di fronte al rischio di una deriva fascistoide, e allora si applichi una strategia da Cln. Nel Cln parteciparono tutti, dai comunisti ai monarchici, con l’unica discriminante di essere contro Mussolini e il suo regime. Si sapevano le differenze ma era tutto rimandato a dopo, a quando sarebbe stata conquistata la democrazia. Questa logica oggi impone un fronte anti-destre che, se ce la fa ad accettare Brunetta e Gelmini, deve includere anche i 5 Stelle.

Oppure non siamo di fronte a tale pericolo, e quindi il Pd si può permettere di escludere qualcuno per ripicca o per altro. Qualcuno, cioè il Movimento 5 Stelle, che – piaccia o meno – nei punti di programma è senz’altro più vicino alle sensibilità di sinistra rispetto a quei due figuri nominati sopra o ad altri più o meno similari. Dal Reddito di Cittadinanza alla guerra. E allora se questo rischio non esiste o non è così grave o insomma non tale da far superare alcune discordie, noi respingiamo l’appello al voto utile al mittente e ci riprendiamo piena libertà di voto anche per la quota uninominale.

Si chiama principio di non contraddizione, una cosa non può essere contemporaneamente vera e falsa. E non può essere vera una cosa e vero anche il suo contrario. O no?

Luisa Rasero Responsabile Coordinamento donne Cgil

ASTI. C.P.I.-OFFERTE DI LAVORO: 20 POSTI DA PERSONAL SHOPPER.

Nell’ottica di una migliore azione di rete per promuovere l’incontro fra domanda e offerta di lavoro sul territorio astigiano e contrastare il fenomeno del mismatch, segnaliamo l’evento in oggetto a cui potranno partecipare i candidati interessati e dove saranno presenti gli operatori del Centro Impiego di Asti: 

Azienda presente su tutto il territorio nazionale specializzata nella vendita di caffè in capsule sarà presente il 27 luglio 2022 dalle 9:30 alle 12:30 presso il Polo universitario Uni-Astiss in Piazzale De Andrè di Asti per presentare al territorio astigiano interessanti opportunità lavorative per un importante progetto di sviluppo nella provincia astigiana. 

Di seguito i dettagli della vacancy: 

20 POSTI DA PERSONAL SHOPPER  

Mansione – La funzione principale del ruolo prevede la ricerca e acquisizione di clienti nel food and beverage per il raggiungimento degli obiettivi assegnati. 

Si offre: 

  • Inquadramento di sicuro interesse come lavoro autonomo ai sensi del D.L. 173/2005 vendita diretta e tutela del consumatore, oltre a bonus e incentivi 
  • Carriera e avanzamento professionale 
  • Disponibilità full o part time 

Un lavoro piacevole e sfidante · Inserimento in un gruppo di lavoro affiatato e strutturato · Corsi di formazione professionale gratuiti e iniziale affiancamento sul campo · Titolarità della gestione del portafoglio clienti.

Requisiti: 

  • Attitudine ai rapporti interpersonali e al contatto con il pubblico 
  • Forte motivazione e determinazione al conseguimento di una crescita personale verso ruoli aziendali rivolti all’apprendimento e all’ampliamento delle conoscenze 
  • Inclinazione verso il lavoro di squadra e al raggiungimento degli obiettivi 
  • Preferibilmente, ma non indispensabile, esperienza nel campo delle vendite 
  • Patente B + mezzo proprio  

Luogo di lavoro: Provincia di Asti 

Modalità di invio della candidatura – Tramite il portale Home (iolavoro.org) clicca sul pulsante INVIA LA CANDIDATURA e compila il tuo profilo con tutte le informazioni. È necessaria l’autenticazione con Spid. Se non hai ancora Spid puoi richiedere un supporto utilizzando la chat di assistenza. 

Modalità di candidatura alternativa – Per i candidati privi di SPID inviare cv aggiornato indicando nell’oggetto OFFERTA DI LAVORO N. 29686 al seguente indirizzo: candidature.cpi.asti@agenziapiemontelavoro.it 

Grazie per la Vostra collaborazione, un cordiale saluto 

Marina Porta
Responsabile Centro per l’impiego di Asti e sedi decentrate di Canelli, Nizza Monferrato, Villanova  

Agenzia Piemonte Lavoro – Ente strumentale della Regione Piemonte
Centro per l’impiego di Asti, Canelli, Nizza Monferrato, Villanova
corso Dante 31, Asti
3392921384 – 800 184704 (Contact center)
mporta@agenziapiemontelavoro.it
www.agenziapiemontelavoro.it
www.iolavoro.org 

ASTIPRIDE. L’ARCOBALENO DELLA RESISTENZA E DEI DIRITTI TORNA AD ASTI.(I mille volti della manifestazione, fotogalleria).

Asti 16 luglio 2022

Il 2° Pride della Resistenza e dei Diritti, che torna ad Asti dopo lo stop imposto dalla pandemia, è stato organizzato da Agedo Asti Alba, Associazione Asti Pride, Cgil Asti Nuovi diritti.

Il lungo corteo colorato e chiassoso, guidato da madrina della manifestazione, Vladimir Luxuria e dal padrino Paolo Camilli, con la ‘supervisione’ del volto di Asti Pride, Christy Mc Bacon, si è snodato tra le vie del centro cittadino per dirigersi al tanaro, sul campo di rugby dove gli oratori si sono alternati sul palco.

Il presidente Onori: ” Siamo pronti a rilanciare le nostre scarpe col tacco contro le vetrine dell’odio”

Patrizio Onori, presidente dell’Asti Pride: “Deve rinascere la resistenza. Quella che viviamo è una guerra, che lascia morti e feriti sul campo e che ha come arma l’odio. Il tempo ora è finito. La politica intrisa di odio è fatta di nomi e cognomi, come Giorgia Meloni, Matteo Salvini”. 

Patrizio Onori punta il dito anche contro la politica locale, l’assessore Marcello Coppo e il sindaco Maurizio Rasero, che: “con motivazioni strumentali ha tentato di mettere i bastoni tra le ruote contro il percorso del nostro Asti Pride”.

Vittoria Briccarello, consigliere comunale. “Il Pride non è esclusivamente una festa, ma una rivolta. Non siamo stati appoggiati dall’amministrazione, a cui non chiederemo mai un patrocinio e non dobbiamo dare giustificazioni per questo. Siamo qui per combattere e per riprenderci i nostri spazi. Se non ci pensiamo noi nessuno al mondo lo farà”. 

Oriella Bolla, responsabile Agedo. “Una parata che richiama l’orgoglio. Siamo orgogliosi di pretendere a testa alta che i diritti che ci vengono negati vengano invece riconosciuti. Siamo orgogliosamente genitori di Lgbtqi: i nostri figli e le nostre figlie devono essere cittadini a pieno diritto, non più di serie B”.

Arianna Franco per i Nuovi Diritti Cgil Asti: “Asti negli ultimi tempi ha dimostrato anche umanità. Abbiamo ricevuto sostegno da parte di commercianti e non solo. Nonostante sia fondamentale il lavoro, sono molte le persone che si vedono ancora negare la possibilità di usufruire di questo diritto”.

Le critiche sono state rivolte all’assessore alla Cultura, (Paride Candelaresi, presente alla sfilata con l’assessore Giovanni Boccia e la consigliera Elisabetta Lombardi): “Vogliamo essere convocati, vogliamo aprire un dialogo, basta egocentrismi. Siamo pronti a rilanciare le nostre scarpe col tacco contro le vetrine dell’odio”

Paolo Camilli. “Essere noi stessi potrà cambiare il nostro mondo. Stiamo dimostrando di avere coraggio. Il nostro coraggio arriverà anche a chi punta il dito contro il Pride. Continuiamo a parlarne, non stanchiamoci di brillare”.

Vladimir Luxuria, ex deputato di Rifondazione Comunista, è stato accolto come un amico, una persona degna di stima e affetto dal popolo arcolbaleno di fronte ai giardini pubblici dedicati alla resistenza, ha guidato l’inizio del corteo per poi salire sul carro per cantare e ballare insieme a una folla colorata e rumorosa: “Ad Asti anche quest’anno abbiamo fatto rumore”.

Vladimir durante il suo intervento ha parlato dei diritti mancati, del fallimento della legge Mancino, e del DDL Zan e raccontatao delle discriminazione, le aggressioni dìfisiche e le violenze subite da ragazzo: “Ad Asti si può fare. Non mi dimentico quando avevo 16 anni, quando ero Vladimiro Guadagno, insultata da tutti nella mia città. Ora mi chiedono i selfie per fortuna, ma non lo dimentico. Il mio impegno è per tutte le persone che subiscono violenza in questo paese. A chi dice giù le mani dai bambini pensando che vogliamo convertirli. No. Non vogliamo più omossessuali ma meno omofobi”.

Le fotogallerie e il video sono stati realizzati da Giusepppe Amato/Quotidiano on line.