Categoria: Serie B

CINISELLO BALSAMO(MI). PRO SESTO 1913 1- SAN MARINO ACADEMY 3. LE TITANE CONFERMANO LE ATTESE E PORTANO A CASA LA TERZA VITTORIA CONSECUTIVA.

Setvizio Giuseppe Amato/Quotidiano on loine

Fotoservizio Andrea Amato/PhotoAgency

http://www.photoagency-quotidianoonline.com

La squadra del San Marino Academy femminile non ha obbiettivi in campionato se non chiudere il campionato con tre vittorie consecutive nell’ultima gara del campionato di serie B femminile.

La Pro Sesto in Coppa Italia creò non pochi problemi alle Titane, che riiuscirono faticosamente a terminare la gara syl punteggio di 1 rete a 0 grazie ad un rigore fallito dalle padrone di casa e infine il pareggio sul campo di Acquaviva.

Le formazioni in campo

San marino: Marrone, Nozzi, Massari, Papaleo Brambilla, Piazza, Montanari, Venturini, Fusar Poli, Jansen, Barbieri.

All.Conte Alain

Pro Sesto 1913: Selmi, Ploner, Abati, Mariani, Marasco, Grumelli, Pedrazzani, Dellacqua, Scuratti, Tugnoli, Fracas.

Macri Maria

Direttore di gara,

LA FOTO-CRONACA DELLA PARTITA

La sfida valida per la 12^ giornata del campionato di calcio di serie B femminile si è giocata sul campo di Cinisello Balsamo tra le squadre della Pro Sesto 1913e la San marino Academy con calcio di inizio alle 15.00 affidato alla SmAcademy e Pro Sesto che attacca dalla sinistra della tribuna.

La prima occasione per le Titane al 4° minuto di gioco sugli sviluppi di un calcio di punizione intercettato dalle attaccanti del San Marino e finito di poco sulla traversa.

Le Titane nei primi minuti di gioco si sono tenute costantemente in attacco conquistando ben tre calci d’angolo in una manciata disecondi e rischiato di andare in goal durante le mischie dovuto all’affollamento nell’area piccola della Pro Sesto.

La pro sesto prova il primo contropiede al 7° minuto di gioco, ma Selmi blocaca e vanifica la corsa dell’attaccante.

La Pro Sesto prova a saltare la difesa delle Titane con una punzione da centro campo direttamente sulla testa delle compagne, ma la palla finisce abbondantemente fuori dai pali.

Loner prova a indirizzare la palla direttamnte in porta sempre su calcio di punizione, la palla si inpenna e scende poco sopra la traversa.

Al 15° del primo tempo le Titane battono Selmi, ma in due vengono pwscate in fuori gioco e il vantaggio annullato.

Al 24° nuovopportunità per laPro Sesto per un calcio di punizione al limite dell’area di rigore, palla alta sulla traversa.

Tugnoli al 30° prova a entrare in area, ma l’arbitro ferma il gioco per fuorigioco.

Passa un minuto e la 45 Barbieri,servita al limite dell’aera, impagna Selmi dalla cortissima distanza, corner per le Titane.

Sugli sviluppi del corner Grumelli appostata siulla linea di porta salva la Pro Sesto dal goal con Selmi battuta e fuori dai giochi.

Selmi che si sacrifica e salva la rete per due volte consecutive, nella prima occasionerespinge e la seconda manda in angolo.

La Pro Sesto rischia molto nel finale del primo tempo, concede spazi e Tugnoli sugli sviluppi dell’ennesimo corner per le Titane, rischia l’autorete per una respinta che ha messo Selmi fuori tempo e la palla che è scivolata in corner per un soffio.

Calcio di rigore le la Pro Sesto per il fallo di marrone su Fracas, che ha realizzato il goal del vantaggio. L’esultanza della Pro Sesto durata l’attimo della ripresa del gioco con Jansen che da sola vola verso la porta e batte Selmi per il goal del pareggio

Il primo tempo finisce 1a 1 e le due formazioni rientrano negli spogliatoi per l’intervallo.

Secondo tempo

La ripresa riprende con due sostituzioni per squadra Marrone infortunata lascia la porta a Montalti e Pedrazzani per Melodia.

La gara riprende con le titane costantemente in attacco. Babieri servita da centro campo sulvertice dell’area spiazza Selmi, ma perde il tempo per il tiro e manda alto sulla traversa.

Sostituzione nella ProSesto entra Possenti esce Dellacqua

La Pro Sesto in contro piede centra in pieno la traversa, la palla resta in possesso della Pro e sul tentativo di ripartenza delle Titane guadagna un calcio di punizione.

Le Titane sostituiascono la 20 Piazza con la 31 Pentivalli

Le Titane provano ad allungare, ma Selmi, la migliore in campo, è sempre attenta e non concede spazi.

Fuori Jansen per Montalti

Il caldo, 30 gradi a Cinisello B., e la stanchezza iniziano a farsi sentire e le squadre hanno notevolmente rallentato i ritmi di gioco.

Al termine di una azione di gioco molto elaborata le Titane guadagnano un calcio di rigore per un fallo sulla 14 Brambilla, Barbieri dal dischetto raddoppia e le Titane si portano in vantaggio.

Le Titane con la 25 Alborghetti lanciata in contropiede batte Selmi e porta le Titane a 3 goal contro 1.

Primo giallo per la Pro sesto e schemi di gioco saltati quando la gara si avvia al termine.

Esce il 10 Marasco entra il 15 Benger nella pro Sesto

Le Titane continuano a fare pressione sull’area della Pro Sesto, un fallo fischiato con largo ha evitato il 4° goal in favore delle Titane.

La partita finisce con il punteggio di 3 reti a 1 in favore delle Titane.

SAN MARINO. ULTIMA TRASFERTA DEL CAMPIONATO PER LA SANMARINOACADEMY.

Serie B Femminile: in arrivo l’ultima trasferta dell’anno a Cinisello Balsamo

La San Marino Academy ha messo nel mirino il mini-obiettivo di chiudere con tre vittorie consecutive l’ultimo scorcio di stagione in Serie B Femminile, la seconda assoluta prima di quella del prossimo anno. Una gara da non sottovalutare, quella di Cinisello Balsamo (MI) contro la Pro Sesto, che in Coppa Italia creò non pochi grattacapi alle Titane. La sfida che segnò l’inizio della seconda avventura sammarinese di Alain Conte premiò l’Academy 1-0 – con tanto di rigore fallito dalle padrone di casa. Le milanesi, poi, sono uscite con un punto dallo stadio di Acquaviva (1-1), esattamente due mesi or sono. La terza ed ultima sfida della stagione, si disputerà al Crippa di Cinisello Balsamo, domenica 15 maggio a partire dalle ore 15:00.

“Vogliamo onorare al meglio il torneo e regalare due ulteriori successi ai nostri tifosi, che ci hanno sostenuto continuamente in una stagione impegnativa e non troppo fortunata – commenta Martina Piazza, difensore dell’Academy. Infilare due vittorie nei restanti 180 minuti di campionato è un obiettivo che intendiamo centrare, utile in termini di continuità di risultati e dimostrare a noi stesse ed agli altri il nostro valore. Concludere in bellezza è importante tanto per noi, quanto per la società: potremmo così gettare solide basi per la stagione a venire e tornare a familiarizzare con continuità con la vittoria”.

Il recente derby vinto contro il Cesena ha messo in luce le qualità della squadra di Alain Conte, capace di trattare la palla con serenità e qualità, soffrendo poco o nulla in fase difensiva: “Nella partita di domenica scorsa si è vista la nostra voglia di riscatto – conferma Martina Piazza –, dopo due trasferte amare nelle quali non abbiamo portato a casa punti, nonostante avessimo decisamente le carte in regolare per farlo. Eravamo quasi obbligate a vincere col Cesena, ce lo siamo imposte ed abbiamo portato a casa tre punti meritati”.

Quasi un’inversione a “U”, dopo le trasferte isolane, la prestazione con il Cesena: “Alla San Marino Academy non manca certo la qualità e per il derby abbiamo recuperato importanti elementi, rientrate da infortuni più o meno lunghi. Al netto di qualche ulteriore indisponibilità, la rosa ora è quasi al completo e certamente ne abbiamo guadagnato in termini di forza complessiva”. Uno sguardo anche poco più in là, all’ultima dell’anno col Tavagnacco: “Sono contenta che potremo chiudere l’anno ad Acquaviva, davanti ai nostri tifosi. Al di là del fatto che per me affrontare una formazione della mia regione d’origine rappresenta sempre una sfida speciale, vogliamo dare il massimo in queste due partite per salutare nel migliore dei modi il nostro pubblico, che si merita di chiudere con concrete soddisfazioni”.

Ufficio Stampa

SAN MARINO. LA RIMONTA DEL SAN MARINO ACADEMY CONTRO IL CESENA.

Due reti in due minuti e l’Academy si prende il derby in rimonta

Problemi in corsia per la San Marino Academy, con le assenti Marrone e Menin – la stagione del capitano è terminata in anticipo per un problema al menisco – che promuovono titolari Montalti e Papaleo. Prima della sfida, la premiazione della “Titana del mese Marlù”: il tifosissimo Giacomo Delvecchio e Gemma Felici, per il team Marlù cui si deve la collaborazione per l’iniziativa mensile, hanno consegnato il premio ad Alessia Piazza quale miglior calciatrice per il mese di aprile 2022.

Nonostante non vi siano dinamiche di classifica di interesse per ambo le parti, un derby è sempre un derby ed il Cesena – che all’andata ha evitato la sconfitta all’ultima palla disponibile – lo mette in chiaro col gol del vantaggio al 12’. Libera di colpire, sul secondo palo, Cuciniello, che capitalizza il primo corner a favore delle romagnole. La San Marino Academy ne aveva già conquistati cinque, ma senza colpo ferire. La miglior occasione sul destro di Papaleo, chiusa da un’attenta Frigotto, chiamata ad interventi di ordinaria amministrazione da Barbieri e Martina Piazza. Dopo il vantaggio ospite, le Titane vanno vicine al gol col colpo di testa di Barbieri – alto di un soffio – ed il destro dalla distanza di Papaleo, che chiama Frigotto agli straordinari. Sulla ribattuta è monumentale la chiusura di Pavana su Massa, che aveva perso il tempo della battuta di prima intenzione.

Incredibile opportunità per Jansen al 32’: gran lavoro di Barbieri, che si libera a centrocampo e manda in porta la compagna con un perfetto lancio tra le centrali avversarie. Inserimento coi tempi giusti della centrocampista olandese che spedisce fuori col destro nell’uno-contro-uno con Frigotto, graziata. L’ex Napoli ci riprova dalla distanza, poco dopo, calciando troppo centrale. L’Academy non ci sta a chiudere in svantaggio un primo tempo dominato, in cui il Cesena ha colpito nell’unico pericolo indirizzato alla porta di Alessia Piazza. Così, in chiusura di frazione, arriva il meritato pareggio: Venturini recupera un pallone a centrocampo e scatena la ripartenza guidata da Papaleo, che punta la difesa cesenate e serve coi tempi giusti Massa in inserimento centrale. Stop a seguire e sinistro in caduta che non lascia scampo a Frigotto. Probabilmente anche il pareggio andrebbe stretto alle Titane, che prima del rientro negli spogliatoi mettono tutto in ordine: Montalti corre in corsia e imbuca per Barbieri, abile ad attendere il momento giusto per crossare sul secondo palo dove Jansen arriva a redimere l’errore precedente ed insacca da breve distanza la rete della rimonta, che anticipa di qualche secondo il duplice fischio di Eremitaggio, appena seguente ad un destro alle stelle di Cuciniello.

Nella ripresa lo spartito non cambia e dopo una bella chiusura di Venturini su Casadei, è Barbieri a trovare per prima la porta con un bel colpo di testa che costringe Frigotto a concedere il decimo angolo alle Titane. Le ospiti sono tutte in un destro sballato di Petralia, mentre Massa e Papaleo si fanno ben più pericolose: con una ripartenza conclusa con un destro dal limite impreciso, la prima, con una conclusione dalla distanza troppo ampia, la seconda. La trequartista ligure ha la palla del 3-1 al 57’, ma col piede d’appoggio tocca quel tanto che basta il pallone, per negarsi un impatto vincente dal cuore dell’area. Dopo un periodo di stanca nei minuti centrali della ripresa, Fusar Poli ci prova col mancino dal limite, parato da un’attenta Frigotto. In area Academy i rischi sono pochi o nessuno, merito anche della buona prova della terza linea biancazzurra: la chiusura in scivolata di Montalti al 78’ ne è un esempio lampante.

I minuti finali sono del Cesena, che va vicino al pareggio su corner: uscita incerta di Alessia Piazza, ma stavolta Comuniello non centra il bersaglio grosso. Poi è la volta di Dahlberg, che ci prova due volte da fuori. Con scarso equilibrio nella prima occasione, senza pressione la seconda: in ogni caso, la porta sammarinese non corre pericoli. Nel corso del terzo minuto di recupero la San Marino Academy dilapida una ripartenza tre-contro-due, ma stavolta non paga dazio. Non c’è però veleno in coda a questo derby, che le Titane si prendono firmando una rimonta sui titoli di coda del primo tempo ed a margine di una prestazione più che convincente in entrambe le fasi di possesso e non.


Serie B Femminile, 24. giornata | San Marino Academy-Cesena 2-1

SAN MARINO ACADEMY [4-2-3-1]
A. Piazza; Montalti, Kiamou, Venturini, M. Piazza; Fusar Poli, Brambilla; Massa, Jansen (dal 72’ Bertolotti), Papaleo (dall’81’ Alborghetti); Barbieri
A disposizione: Montanari, Nozzi, Micciarelli, Baldini, Kuenrath, Cecchini, Prinzivalli
Allenatore: Alain Conte

CESENA [4-4-1-1]
Frigotto; Cuciniello, Pavana, Pastore, Casadei; Dahlberg, Georgiou, Costa (dal 67’ Monti), Zanni (dal 67’ Costi), Petralia; Bernardi (dall’80’ Musolino)
A disposizione: Pignagnoli, Siboni, Balzani, Galli, Musolino, Paolinelli, Spada
Allenatore: Michele Ardito

Arbitro: Enrico Eremitaggio di Ancona
Assistenti: Daljit Singh di Macerata e Maurizio Polidori di Perugia
Marcatori: 12’ Cuciniello, 42’ Massa, 44’ Jansen
Ammoniti: Pavana, Costa, Pastore
Ufficio Stampa

ALESSANDRIA. DE MAIO (VICENZA) E COSENZA CONDANNANO I GRIGI ALLA RETROCESSIONE.

Servizio e galleria fotografica di Andrea Amato/PhotoAgency.

http://www.photoagency-quotidianoonline.com

L’avventura dei Grigi in serie B è durata solo un anno e nell’ultima giornata di campionato è arrivata la sentenza della retrocessione diretta in serie C davanti a 4900 spettatori. La serie cadetta conquistata dopo 46 anni di campionati in Lega Pro divisi tra speranze e delusioni per arrivare alla bocciatura per mano del Vicenza e del Cosenza, che in virtù delle due vittorie conquistate questa sera si affronteranno nei play aut per mantenere la permanenza in serie B.

ALESSANDRIA: Pisseri; Mantovani, Di Gennaro, Prestia; Pierozzi, Casarini, Gori, Parodi; Chiarello, Corazza, Palombi.

All. Longo

LANEROSSI VICENZA: Contini; Brosco, De Maio, Bruscagin; Maggio, Ranocchia, Cavion, Bikel, Lukaku, Da Cruz, Ranocchia, Diaw. All. Baldini

Nonostante che Longo abbia mandato in campo gli elementi più esperti non ha cambiato le sorti della gara. In panchina ha lasciato Milanese e imoegnato sulla mediana Gori e Casarini per dipsutare una partita molto fisica sul piano agonistico, con molte interruzioni e richiami da parte dell’arbitro. Nel Vicenza De Maio èstato sicuramente il migliore in campo e al 25° sugli sviluppi di un calcio d’angolo, al volo di destro, con un rasoterra imparabile condanna i grigi alla retrocessione.

L’Alessandria ha reagito allo svantaggio e non si è mai data per vinta nei 90 minuti che la separavano dalla retrocessione, i risultati non sono mai arrivati ad eccezione di un tiro da fuori area di Casarini respinto da Contini.

La speranza dei grigi era riposta nel pareggio tra Cosenza e Cittadella, che avrebbe mandato i grigi ai playout contro il Vicenza, ma il risultato finale del match è arrivato come un doccia fredda che nessuno desiderava.

Nella ripresa Grigi a trazione anteriore con Marconi che ha preso il posto di Chiarello, ma il pareggio non arriva mentre il Cosenza si porta in vantaggio e condanna l’Alessandria. Longo schierain campo Fabbrini e potrebbe essere la carta vincente, ma in pieno recupero il suo tiro non impensierisce pià du tanto Contini, che sulla respinta si oppone anche a Lunetta prima del triplice fischio difine partita.

Arbitro: Chiffi di Padova

Reti: 23° De Maio,

Ammoniti Diaw, Palombi, Maggio, Corazza, Parodi, espulso Crisanto dalla panchina.

SAN MARINO. LE TITANE IMPEGNATE NEL DERBY CON IL CESENA.

Serie B: le Titane ritrovano casa per il derby con il Cesena

Niente più recuperi sulla strada delle Titane. Il calendario, da qui alla fine della stagione, riserva alle ragazze di Conte tre sfide da affrontare col fermo proposito di chiudere nel migliore dei modi un cammino a tratti tormentato, come nel caso delle ultime due trasferte. Il derby con il Cesena offre anche motivazioni “ambientali” che potranno cancellare i pensieri derivanti dalle due sconfitte di fila. Ci sarà in aggiunta il fattore campo, domenica, ad aiutare le Biancoazzurre sulla strada del riscatto, oltre al ricordo di un pareggio a tempo scaduto rimasto ben vivo nella loro mente. “Il risultato dell’andata ci ha lasciato l’amaro in bocca – conferma Sofieke Jansen, che quel pomeriggio, a Martorano, firmò il provvisorio vantaggio ospite – Ed anche per questo domenica vogliamo dare tutto per riscattarlo. Ma soprattutto sentiamo l’esigenza di rialzare la testa dopo due gare che non ci hanno fatto felici. A Palermo, secondo me, ci è mancata l’attenzione e la cattiveria, mentre con la Sassari Torres abbiamo più altro pagato degli episodi. Sarà bello ritrovare i nostri tifosi dopo tre trasferte di fila e vogliamo farli felici.”

Tre trasferte iniziate con la vittoria in casa del Tavagnacco, firmata per intero – sponda biancoazzurra – proprio dalla giocatrice olandese, che segnò in quell’occasione due dei suoi sette gol stagionali. “Sono molto felice di essere riuscita a segnare questi gol. – confessa la 33 Titana – Fin dove mi voglio spingere? Ho un numero in testa, ma non lo dico. In generale, rispetto all’inizio dell’anno, mi sento cresciuta sotto vari aspetti. A Napoli giocavo centrocampista ma all’occorrenza ho dovuto fare anche il difensore: qua ho giocato in posizioni molto più avanzate, perfino quella di centravanti. Era tutta una novità, per me, ma penso di essere migliorata a livello tattico. Potevo fare ancora meglio? Certo che sì, quello sempre. Però ho dato tutto quando ho avuto spazio – e ne ho avuto tanto – e di questo mi sento contenta. Ora voglio chiudere in crescendo assieme alle mie compagne.”

San Marino Academy – Cesena sarà valevole per la 24° giornata del campionato di Serie B. La gara, preceduta dalla premiazione della seconda “Titana del mese”, si giocherà domenica allo stadio di Acquaviva, con fischio d’inizio alle 15:00. Sarà in diretta su http://www.elevensports.com e in differita sui canali TV e web di San Marino RTV.


Ufficio Stampa