Categoria: NAZIONALE

ALGARVE CUP. L’ITALIA BATTE IL PORTOGALLO CON LINARI E GIRELLI. LE SOSTITUZIONI CAMBIANO LE SORTI DELLA GARA.

Inizia l’avventura delle azzurre con una vittoria in zona Cesarini.

Foto FIGC

La gara inizia con grande grinta per le azzurre e pronti via si ritrovano a calciare in porta con Rosucci che spara sul difensore e guadagna il primo calcio d’angolo della gara.

Qualche leggerezza di troppo ed un centrocampo che soffre lasciano spazio all’avanzata del Portogallo. Per tutto il primo tempo Girelli e Bonansea rimangono nell’ombra, lasciando sola Sabatino.

Al 20′ Diana Silva, dopo una disattenzione difensiva, si ritrova il pallone tra le gambe e spara dalla linea dell’area, il pallone esce di qualche metro a lato del sette.

Al 30′, su calcio di punizione, Sabatino si gira nell’area piccola raccogliendo il pallone del colpo di testa, il tiro è strozzato e non preoccupa la difesa. L’arbotro fischia con ritardo per fuorigioco dell’attaccante del Sassuolo.

Al 33′, vantaggio del Portogallo, l’uscita maldestra di Giuliani permette al tocco lieve di testa di Diana Silva di insaccarsi aprendo così le marcature.

Le azzurre arretrano e concludono un primo tempo deludente e sotto di uno, nonostante una partenza di fuoco.

Nella ripresa i fantasmi del primo tempo rimangono ed insieme ad essi si aggiunge la paura di non farcela. Le Azzurre molto timidamente cercano una via ma non affondano. Neanche il Portogallo sembra voler affondare e gestisce a distanza le azzurre.

Il pareggio delle azzurre arriva al 78′ con un colpo di testa di Elena Linari, subentrata a Cecilia Salvai. Il calcio di punizione perfetto è un cioccolatino per la Toscana che insacca senza chiedere permesso.

Al 79′ Girelli non sfrutta il pallone servito da Guagni e spara fuori.

Esodo della partita al 90esimo, contrasto scomposto su Cernoia da parte del difensore di casa, l’arbitro dopo qualche secondo assegna il calcio di rigore. Girelli si rifà della partita segnando un gol pesantissimo.

Le sostituzioni azzeccate e la mentalità cambiata nel secondo tempo consegnano alle azzurre l’accesso alle fase successiva dell’Algarve Cup.

LISBONA. LE AZZURRE ALL’ALGARVE CUP DOPO 12 ANNI. GIRELLI <>

L’Italia torna all’Algarve Cup. Step importante per il calcio femminile italiano.

Il primo impegno per le ragazze mondiali è in programma il 4 Marzo, con diretta su Rai Sport, alle ore 21:15 contro il Portogallo. Proprio contro le portoghesi le ragazze di Milena Bertolini, un anno fa, conquistarono la qualificazione alla coppa del mondo 2019 con la un secco 3 a 0.

Da quel giorno il calcio femminile in Italia ha preso sempre più piede, modificandosi e prendendo la via tanto attesa del professionismo, la strada è ancora lunga però. Questa partecipazione all’Algarve Cup potrebbe portare quello step in più per far capire a chi manovra le pratiche che alle ragazze bisogna dargli la visibilità che meritano e soprattutto le condizioni di possibilità di vita uguale ai colleghi maschi che praticano questo sport.

Professionismo a parte, le azzurre, in terra portoghese da Sabato, hanno le motivazioni per far bene, Milena Bertolini vuole le sue ragazze cariche per andare il più avanti possibile, consapevole del fatto che le altre squadre presenti sono dei veri ossi duri, a partire dalla Norvegia, la Svezia, la Danimarca, la Germania, Il Belgio e la Nuova Zelanda. Alcune di queste le squadre elencate hanno partecipato ai mondiali in Francia, qualificatesi anche alle fase finali del Torneo.

Dunque le Italiane dopo 12 anni rientrano in questa importantissima coppa, con occhi proiettati al futuro e agli Europei 2022 che si terranno in Inghilterra, di sicuro ci sarà da divertirsi e sarà un momento per staccare la mente da tutto quello che in questi giorni sta preoccupando la penisola.

Algarve Cup – 4 Marzo 2020:

  • Danimarca – Norvegia (h.15:00)
  • Germania – Svezia (h.17:00)
  • Nuova Zelanda – Belgio (h.19:30)
  • Portogallo – Italia (h.21:30)

UNGHERIA. SCHERMA PARALIMPICA, ORO PER BEBE VIO E COMPAGNE NELLA COPPA DEL MONDO.

La coppa del mondo è azzurra. Oro per il fioretto rosa.

Nello scorso fine settimana si è svolta la tappa ungherese della Coppa del mondo di scherma paralimpica. Sulle pedane di Eger gli atleti tesserati per le Fiamme oro hanno conquistato preziose medaglie per l’Italia, contribuendo in maniera determinante al bottino della spedizione azzurra in terra magiara.

Scherma paralimpica

Il dream tem del fioretto femminile, composto dalle tre atlete portacolori della Polizia di Stato Beatrice Vio, Loredana Trigilia e Andreea Mogos, ha trionfato vincendo la medaglia d’oro grazie alla vittoria ottenuta in finale contro il team della Russia con il punteggio di 45-32.

Ancora sul podio Bebe Vio nella gara individuale della categoria B, nella quale, per la prima volta dopo tante vittorie, si è piazzata terza.

Marco CimaBronzo anche per Edoardo Giordan nella categoria B della sciabola maschile, che poi si è ripetuto conquistando il terzo posto anche con la squadra, insieme all’altro atleta cremisi Marco Cima.

L’ultima medaglia di marca Fiamme oro è stata quella di Emanuele Lambertini che si e messo al collo l’argento nella gara di fioretto maschile categoria A.

NYON. EUROPEO FEMMINILE. LE AZZURRINE U19 SORTEGGIATE CONTRO LE CAMPIONESSE DELLA FRANCIA.

Le azzurrine under 19 affronteranno le campionesse europee in carica della Francia nella fase finale dell’europeo.

Si sono svolti a Nyon i sorteggi per la fase Elite del campionato europeo U19 e U17. Le Azzurrine allenate da Sbardella sono state inserite nel girone contro Francia, Portogallo e Bosnia, mentre l’Under 17 di Nazzarena affronterà Belgio, Svizzera e Grecia.

Le azzurrine Under 19 si sono presentate in terza di fascia dopo aver dominato nella prima fase della qualificazione, sono poi inciampate contro le pari età russe, perdendo l’ultima gara per 1 a 0 e classificandosi come seconde. All’europeo servirà dunque la miglior Italia possibile per poter piegare le fortissime francesi e per battere anche le altre due nazionali di livello.

“È un girone oggettivamente difficile – sottolinea il tecnico Enrico Sbardella – sappiamo che sarà dura ma ci proveremo”. L’Italia esordirà il 7 aprile con i padroni di casa del Portogallo per poi affrontare Francia e Bosnia: “Sarà importante il percorso di avvicinamento al torneo – aggiunge il tecnico – a gennaio saremo impegnati in una doppia amichevole con la Svezia, poi a febbraio giocheremo a La Manga un torneo molto performante”.

In mattinata sono stati sorteggiati anche i gironi della prima fase delle qualificazioni del prossimo Campionato Europeo 2020/2021: l’Under 19 è stata inserita nel Gruppo 2 con Serbia, Ucraina e Andorra, mentre l’Under 17 affronterà le pari età di Scozia, Bielorussia e Lettonia.

Invece, per quanto riguarda l’attuale campionato saranno Belgio, Svizzera e Grecia le avversarie della Nazionale Under 17, che a Edimburgo nella prima fase di qualificazione ha battuto Montenegro, Irlanda del Nord e le padrone di casa della Scozia per ben 4-0, realizzando un brillante percorso netto con dieci gol all’attivo e nessuna rete subita. La giovane Italia è chiamata a ripetersi nella Fase élite, in programma dal 22 al 28 marzo in Belgio, dove solo il primo posto del girone garantisce l’accesso alla fase finale del torneo continentale in programma dal 9 al 22 maggio in Svezia.

“È andata abbastanza bene – ammette Nazzarena Grilli – abbiamo evitato le nazionali più forti d’Europa, ma a questo livello non si deve sottovalutare nessuno. La Svizzera è un’ottima squadra, come testimonia il fatto che nella prima fase ha vinto tutte e tre le partite con 24 gol realizzati e nessuno subito e anche il Belgio sta facendo una bella politica a livello giovanile. Il girone è molto equilibrato ed è inutile nascondersi: abbiamo le nostre chance di passare il turno”.

BENEVENTO. LE AZZURRE A CACCIA DELLA CINQUINA.

Le Azzurre di Bertolini dopo la bella vittoria sulla Bosnia cercano il quinto diamante.

Stasera al Ciro Vigorito di Benevento andrà in scena la quinta giornata dei gironi di qualificazione ad Euro 2020. Le Azzurre, seconde a pari merito con la capolista Danimarca, cercano il massimo risultato portando così a quota cinque le vittorie consecutive.

La formazione iniziale non dovrebbe nascondere sorprese: tra i pali Laura Giuliani, in difesa il capitano Sara Gama affiancata da Elena Linari, Alia Guagni e Lisa Boattin. A centrocampo la Romanista Giuliano sostenuta dalle Juventine, Rosucci, Galli e Cernoia. Le punte di diamante Girelli e Giacinti completano la rosa.

Come detto, il Mister Bertolini, non vuole cali di concentrazione e desidera portare a casa la vittoria per consolidare la prima posizione con la Danimarca, in vista dello scontro diretto.