Categoria: EUROPEI

BENEVENTO. LE AZZURRE A CACCIA DELLA CINQUINA.

Le Azzurre di Bertolini dopo la bella vittoria sulla Bosnia cercano il quinto diamante.

Stasera al Ciro Vigorito di Benevento andrà in scena la quinta giornata dei gironi di qualificazione ad Euro 2020. Le Azzurre, seconde a pari merito con la capolista Danimarca, cercano il massimo risultato portando così a quota cinque le vittorie consecutive.

La formazione iniziale non dovrebbe nascondere sorprese: tra i pali Laura Giuliani, in difesa il capitano Sara Gama affiancata da Elena Linari, Alia Guagni e Lisa Boattin. A centrocampo la Romanista Giuliano sostenuta dalle Juventine, Rosucci, Galli e Cernoia. Le punte di diamante Girelli e Giacinti completano la rosa.

Come detto, il Mister Bertolini, non vuole cali di concentrazione e desidera portare a casa la vittoria per consolidare la prima posizione con la Danimarca, in vista dello scontro diretto.

OLANDA. CONFALONIERI E’ ORO AGLI EUROPEI DI CICLISMO SU PISTA. BRONZO PER BALSAMO, CAVALLI E GUAZZINI.

Grande prova per le pistard delle Fiamme oro ai Campionati europei di ciclismo su pista appena conclusi ad Apeldoorn (Olanda). Maria Giulia Confalonieri si è confermata, per il secondo anno consecutivo, sul gradino più alto del podio della specialità corsa a punti, dimostrando per l’ennesima volta di essere una delle leader in questa disciplina.

Maria Giulia Confalonieri

Dopo la delusione per il quarto posto ottenuto nella prova ad eliminazione, la campionessa cremisi, che ha corso con il caschetto delle Fiamme oro, ha trionfato al termine di una gara spettacolare e combattuta fino all’ultimo giro, nella quale ha dimostrato grande acume tattico, talento e forza fisica.

Dopo una partenza in sordina, Maria Giulia era ottava con cinque punti al suo attivo. Poi l’azzurra ha iniziato la sua spettacolare rimonta, con piazzamenti e vittorie nel terzo, settimo, ottavo e nono sprint, che l’hanno riportata in testa alla classifica.

Ciclismo su pista bronzo squadra inseguimento femminile balsamo, cavalli, guazzini

A quel punto l’azzurra doveva solo controllare la corsa, e per conquistare l’oro serviva vincere o arrivare seconda nell’ultima volata. E così è stato e con il secondo posto nello sprint conclusivo la ciclista delle Fiamme oro ha avuto la sicurezza della medaglia d’oro con 46 punti, davanti alla bielorussa Tatsiana Sharakova (44) e all’Ucraina Ganna Solovei (38).

“È una grande gioia indossare per il secondo anno consecutivo questa maglia – ha detto Maria Giulia commentando la gara – Fino agli ultimi 20 giri ho puntato tutto sul tentativo di prendere il giro. Poi la corsa è esplosa, e ho iniziato a guadagnare dei punti anche in volata. La più forte era di gran lunga la Sharakova e mi sono messa alla sua ruota. Il secondo posto finale mi è bastato per salire sul più alto gradino del podio”.

Ancora Fiamme oro sul podio con Elisa Balsamo, Marta Cavalli e Vittoria Guazzini che, insieme a Letizia Paternoster e Martina Alzini, si sono messe al collo la medaglia di bronzo nell’inseguimento a squadre, fermando il cronometro sul tempo di 4’17”61, nuovo record italiano. Il team azzurro si è piazzato dietro alla Gran Bretagna e alla Germania, grazie alla vittoria ottenuta contro la Francia nella sfida decisiva per il terzo posto, salendo così sul podio continentale per il quarto anno consecutivo.

MALTA. CONTRO IL MALTA VITTORIA DI CARATTERE PER LE AZZURRE. BARTOLI E GIRELLI DECIDONO L’INCONTRO.

A Malta si è giocato oggi pomeriggio il terzo turno di qualificazione all’europeo del 2021.

Un primo tempo abbastanza noioso, le Azzurre faticano molto e sono poco incisive. Le maltesi si apprestano solamente a difendere lasciando il pallino del gioco alle italiane.

Il ct Bertolini cambia formazione ed inserisce dal primo minuto Tarenzi, Marinelli e Fusetti. Grande assente Barbara Bonansea, ancora infortunata.

Come detto, primo tempo con pochissimi spunti, al termine della ripresa la partita rimane a reti bianche.

Nel secondo tempo le Azzurre cambiano registro ed iniziano a concludere in porta. Tarenzi sbaglia due clamorose palle gol e Sara Gama tenta il supergol da metà campo, tiro centrale e facile preda dell’estremo difensore biancorosso.

La gara si sblocca al 68′ grazie alla freddezza di Bartoli, penetra dalla parte sinistra dell’area lasciando dietro a se due difensori, lascia partire il piattone destro che si insacca nel secondo palo.

La gara si infiamma nel recupero, tocco di mano del difensore e calcio di rigore per le azzurre. Girelli dagli 11 metri non sbaglia e fissa il risultato sul 2 a 0.

Gara a completa gestione azzurra, nessuno spunto da parte delle maltesi. Le azzurre tornano a casa con i tre punti, utili per continuare la rincorsa sulla Danimarca oggi vincente per 2 a 0 sulla Bosnia.

COVERCIANO. LE AZZURRE SI ALLENANO IN VISTA DELLE QUALIFICAZIONI EUROPEE. BERTOLINI ”UMILTÀ E TESTA BASSA PER FARE BENE”.

Le azzurre iniziano la preparazione in vista dei due match per la qualificazione ai prossimi europei.

Guidate dalla ct Milena Bertolini lo spirito è alto ma le ragazze dovranno lavorare con umiltà e con concentrazione per poter cominciare con il piede giusto le qualificazioni. Come dichiara il Mister ”Le aspettative sono alte, anche grazie ai mondiali appena giocati, le ragazze dovranno rimanere concentrate e restare umili.”

Parlando sulle due sfide delle azzurre, Malta in programma il 4 ottobre alle ore 17:30 e Bosnia l’8 ottobre sempre alla stessa ora, la ct precisa che le squadre internazionali sono cresciute e saranno dunque due partite difficili e che dovranno essere affrontate con il mod giusto sfruttando le proprie qualità tecnico-tattiche. L’obbiettivo rimane la qualificazione vincendo ogni partita.

Le azzurre convocate:

Portieri: Rachele Baldi, Francesca Durante, Laura Giuliani

Difensori: Elisa Bartoli, Lisa Boattin, Laura Fusetti, Sara Gama, Alia Guagni, Elena Linari, Linda Tucceri Cimini

Centrocampiste: Valentina Bergamaschi, Valentina Cernoia, Aurora Galli, Manuela Giuliano, Benedetta Glionna, Giada Greggi, Gloria Marinelli, Martina Rosucci, Annamaria Serturini

Attaccanti: Valentina Giacinti, Cristiana Girelli Daniela Sabatino, Stefania Tarenzi.

GEORGIA. LE AZZURRE CONQUISTANO I 3 PUNTI. TANTE OCCASIONI MA POCA PRECISIONE.

Doveva essere una goleada è invece le azzurre vincono di misura.

Il ct Milena Bertolini aveva chiesto la vittoria con un margine di gol consistente ma così non è stato. Il gioco ultra difensivo delle georgiane e la poca precisione delle azzurre non regalano molte emozioni.

Nonostante ciò le ragazze mondiali portano a casa tre punti importanti per la classifica delle qualificazioni per gli europei 2020.

La gara si sblocca dopo la mezz’ora del primo tempo grazie a Cristiana Girelli che trasforma il calcio di rigore conquistato da Giacinti.

La partita si trasforma in dominio totale azzurro, venti occasioni create dalle azzurre e 0 tiri in porta da parte delle georgiane, tre legni colpiti dalle attaccanti italiane con il 70% di possesso palla. La partita si conclude sull’1 a 0 per l’Italia, un bucchiere mezzo vuoto per le atlete di Mister Bertolini.

Cristiana Girelli, foto ansa

Gli impegni per la nazionale azzurra nom finisono qui perché la prossima avversaria, in una doppia sfida, sarà la Danimarca e le Italiane dovranno impegnarsi duramente per portare a casa punti importanti per la classifica che per ora le vede al secondo posto a punteggio pieno.

CAGLIARI. È ORO EUROPEO NELLA PALLAVOLO PER LA NAZIONALE ITALIANA FEMMINILE SORDE.

Dopo una grandiosa scalata verso la finale le ragazze ce l’hanno fatta. È oro.

La Nazionale italiana volley femminile sorde ha vinto gli Europei 2019 battendo la Russia in finale per 3-0 (25-13, 25-19, 25-16).

A Cagliari le ragazze della coach Alessandra Campedelli sono state protagoniste di un torneo eccezionale perdendo soltanto un set nella partita inaugurale contro la Polonia. Nella finale, Alice Tomat ha messo a segno 22 punti, Claudia Gennaro è stata perfetta in cabina di regia così come Valentina Broggi in seconda linea, eccellenti anche i centrali Luana Martone e Silvia Bennardo, Elisa Imperiale in ricezione, e Ilaria Galbusera che ha firmato l’ultimo punto.

Foto Alice Camia

La Nazionale italiana di volley femminile sorde è una realtà che esiste da 29 anni. L’esordio, nello stesso anno, all’Europeo in Polonia, piazzandosi subito tra le grandi, portando a casa il Bronzo.

Da lì in poi le azzurre hanno partecipato ad altri Europei e olimpiadi riuscendo a portare a casa un altro bronzo nel 1999 in Russia e due argenti, rispettivamente nel 2011 all’europeo in Turchia e nelle olimpiadi (Deaflympics) del 2017 sempre in terra turca.

Da ieri sera le ragazze hanno una nuova medaglia da appendere al muro quella d’oro conquistata in casa nell’Europeo giocato a Cagliari.

Andrea Amato

ATENE. ORGOGLIO AZZURRI. TRE GOL ALLA GRECIA E PRIMATO NEL GIRONE

Ad Atene il cielo è azzurro. La grecia affonda nel primo tempo.

Barella, Insigne e Bonucci, questi gli eroi di serata, una serata piena di emozioni e di certezze, gli azzurri sono primi nel girone e, in caso di vittoria nello scontro di Martedì contro la Bosnia, con un piede già all’Europeo.

La partita resta sullo 0 a 0 per 20 minuti, infatti, il giovane talento del Cagliari, Nicolò Barella, sblocca il risultato al 23°. Il numero 18 della nazionale trova il gol sfruttando l’assist servito da Belotti.

7 minuti più tardi, Lorenzo Insigne, trova l’Eurogol che ammutolisce i tifosi greci e fa esplodere di gioia quelli dell’Italia, Barkas non raggiunge il pallone che si insacca a mezza altezza sul secondo palo.

Al 33°, esodo Italia, Bonucci fissa il risultato sul 3 a 0 con un gran colpo di testa finalizzando il cross partito dai piedi di Emerson.

Secondo tempo di gestione e risparmio di energie per gli azzurri che pensano già alla sfida di Martedì sera, allo Juventus Stadium, contro la Bosnia di Pjanic e Dzeko. In caso di vittoria gli azzurri hanno già un piede dentro i prossimi europei.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: