Categoria: eccellenza

ALESSANDRIA. BIASOTTI E LUISON STENDONO IL BULE’ BELLINZAGO, L’ACF ALESSANDRIA PARTE FORTE.

Alle Ex Casermette è andata in scena la prima giornata di Eccellenza 2022/2023, ad affrontarsi Acf Alessandria e Bulè Bellinzago. L’Alessandria schiera in campo un 4-4-2 a rombo, sfruttando la velocità delle fasce, Il Bulè Bellinzago risponde con il più classico 4-4-2 in linea che in fase difensiva si modifica in 5-4-1.
Mister Tosi deve fare a meno di molte sue atlete ferme per infortunio, ultima in lista il portiere Dalerba che deve rinunciare a causa del forte mal di schiena.

La gara, per i primi 45 minuti, si è sviluppata principalmente dai piedi delle padrone di casa, oggi scese in campo con la maglia rossa, e le azioni da gol non hanno tardato ad arrivare.
Il duo Bergaglia-Biasotti mostra subito grande qualità e mette paura alla difesa delle Novaresi. In mezzo al campo Bagnasco e Lepre servono palloni d’oro alle attaccanti lasciando il lavoro sporco a Mensi e Luison. Dopo qualche minuto per famigliarizzare con il campo, le Alessandrine trovano il varco giusto per colpire. Al 20’, dopo un primo calcio d’angolo, la palla viene allontanata sulla fascia di destra dove Ravera crossa bene e trova la testa di Biasotti che non deve neanche saltare. Il suo debutto è promettente.

Passano 8 minuti e la classe 2004 arrivata dalla Juventus trova il raddoppio, questa volta l’assist lo serve Bergaglia. La corsa sul lato destro termina con l’ottimo passaggio al centro, Biasotti tocca il pallone e lo insacca alle spalle dell’estremo difensore ospite. Prima della fine del primo tempo, il Bulè Bellinzago trova la rete che riapre l’incontro. Direttamente da calcio di punizione, l’attaccante trova un gran gol calciando forte sotto la traversa, Fara non può intervenire. Il risultato alla pausa recita 2 a 1.

Nella ripresa, Sofia Bergaglia ha l’occasione per aumentare il tabellino ma la gioia le viene negata dalla grandissima risposta del portiere che mette in calcio d’angolo. Le grigie rallentano troppo e lasciano spazio alle ospiti che prendono coraggio e vedono possibile il pareggio. Il desiderio diventa quasi reale quando al minuto dieci l’attaccante di Bellinzago insacca indisturbata, ma il direttore di gara annulla il gol per fuorigioco.
Nel capovolgimento, al minuto 52 Martina Biasotti trova la tripletta, l’azione partita dalle retrovie si finalizza lanciando a rete la numero 11 che toccando il palone quanto basta porta a +2 il vantaggio delle grigie. La gara procede con il possesso delle ospiti che provano a pressare l’area delle alessandrine, trovando però il muro invalicabile.
Il vantaggio delle grigie aumenta ancora, la scatenata Biasotti viene atterrata in area di rigore e dagli 11 metri si presenta Martina Luison. La centrocampista non perde il vizio del gol e si unisce alla festa della solista Biasotti.
A completamento dell’opera, ormai con i tre punti in tasca, Giada Bagnasco, in volata sulla sinistra, crossa nel mezzo dove trova nuovamente la numero 11 grigia che stoppa, prende la mira e fissa il risultato sul 5 a 1 e il suo bottino personale a quattro gol.
Le grigie portano a casa una grande vittoria, maturata da una meravigliosa prestazione della stella nascente Martina Biasotti.

Al termine dell’incontro Mister Tosi e la MVP del match esprimono queste sensazioni:

Mister Gabriele Tosi: <<Oggi abbiamo messo in campo una buona prestazione, sono felice di poter iniziare questo campionato con una vittoria che darà sicuramente morale e fiducia. Biasotti la conosco molto bene ed ero certo che avrebbe fatto sentire la sua presenza, di sicuro esordire con quattro gol non è da tutti>> – Continua – <<A livello di prestazione, nel primo tempo abbiamo giocato a livello altissimo poi dopo la mezz’ora abbiamo subito un po’. Nella ripresa, nonostante i primi minuti, sono state brave a sfruttare ogni occasione e spero si possa continuare così>>.

Martina Biasotti:<< Sono molto contenta, non mi aspettavo un esordio così, ringrazio tutte le mie compagne per i palloni che mi hanno servito. Il lavoro che stiamo facendo da oltre un mese sta dando i suoi frutti e spero che nelle prossime partite si possa replicare la prestazione di oggi>>.


TABELLINO:

GOL: Biasotti 20′,28′,52′,87′; Luison 74′ – Bulè Bellinzago 45′
Ammonizioni: Luison 15’; Bulè Bellinzago 74’

Formazioni:

ACF ALESSANDRIA

Fara, Gallo, Orazzo, Biggi, Ravera, Luison, Mensi, Bagnasco, Lepre, Bergaglia (OUT 65′), Biasotti – a disposizione: Dalerba, Ghio, De Lio (IN 65′), Briglia, Bellò, Garavelli, Palacios – All. Gabriele Tosi

BULE’ BELLINZAGO:

Comizzoli, Mazzoni, Nino, Di Piero, Segalini, Masciaga, Clerici, Curatitoli, Mornata, Izzo, Delia – a disposizione: Labanca, Villarboito, Cannizzaro, Leveque, Leveque L., Gramoni, Boca, Meraviglia, El Akri – All. Budini

POMIGLIANO D’ARCO. RAFFAELE PIPOLA CEDE LA SQUADRA MASCHILE.

RAFFAELE PIPOLA CEDE IL POMIGLIANO MASCHILE

Passaggio di proprietà per il Pomigliano Calcio. Nel pomeriggio di ieri il presidente Raffaele Pipola ha incontrato il dott. Felice Romano con il quale ha concluso la trattativa per la cessione della società sportiva. Un passaggio di consegne che consente al Pomigliano Calcio di poter continuare ad essere una presenza costante nel panorama calcistico regionale. Un passaggio di proprietà volto a dare un futuro degno della storia centenaria del club granata. Una scelta che arriva dopo 12 anni di gestione calcistica da parte della famiglia Pipola che negli anni hanno fatto il massimo per rendere il Pomigliano protagonista nei vari campionati dilettantistici disputati. Da oggi si cambia gestione, tutto passa nelle mani del dott. Romano che diventa il nuovo presidente che, insieme alla sua nuova società, si prepara a dare un degno futuro calcistico al calcio pomiglianese.

“In tutti questi anni ho dato tanto al Pomigliano Calcio. Ho provato e cercato di portare il Pomigliano ai vertici del calcio dilettante nazionale. Ricordo la vittoria della Coppa Italia Dilettanti ottenuta nel 2014, e negli anni ho sempre investito per creare squadre degne di rappresentare la nostra città. Da qualche anno non sono riuscito più a dare continuità al progetto calcistico maschile, ma ho sempre tenuta viva la squadra, aprendomi alle realtà imprenditoriali cittadine affinché sostenessero il Pomigliano, affiancandomi oppure offrendo sostegno anche mettendomi da parte. Ringrazio il dott. Felice Romano per essersi proposto a guidare e gestire il Pomigliano nella prossima stagione agonistica e per gli anni a venire. Sempre Forza Pomigliano!”. 

VINOVO. L’ACF ALESSANDRIA NON RIESCE NELL’IMPRESA, ALLA FREEDOM LA COPPA ITALIA DI ECCELLENZA.

A Vinovo la Freedom si aggiudica la Coppa Italia di categoria, all’Alessandria il merito di una grande prestazione.

Freedom e Alessandria si incontrano per la terza volta in campionato, in palio l’ambita Coppa Italia di Eccellenza. Sfuggita alle grigie nella stagione 2017/2018 contro il Biella.

Nel primo tempo la Freedom non riesce a bucare e le alessandrine difendono e mettono in soggezione le avversarie. La partenza a trazione delle cuneesi diventa presto un possesso palla alternato nella linea di metà campo. Entrambe le squadre non si allargano con la paura di una possibile ripartenza. La Freedom si avvicina al gol alla mezz’ora, il cross taglia l’area e impatta tra i piedi dell’attaccante che da pochi passi mette a lato, le grigie si salvano di un nulla. È partita alla pari e l’Alessandria cresce costantemente fino ad arrivare a bussare alla difesa cuneese. L’occasione ghiotta da calcio di punizione viene fermata per fuorigioco e Pastorino vede annullarsi la rete.

Termina a reti bianche il primo tempo e la gara, da che sembrava potesse essere a senso unico in favore della Freedom, si trasforma presto in gioco tattico e difesa ad oltranza alla pari.

Nella ripresa, l’Alessandria prosegue la sua crescita e per dieci minuti costringe le padrone di casa a difendersi, le ragazze di Tosi sembrano poter prendere in mano la gara. Sogni spezzati al settantacinquesimo, sugli sviluppi del calcio d’angolo Nicco colpisce di testa e insacca in precisione nell’angolino basso sinistro. Le grigie subiscono la rete e si spengono, il blackout favorisce le bianche che sfruttano l’occasione e raddoppiano con Colombero all’ottantatreesimo. L’attaccante colpisce indisturbata da fuori area, la difesa può solo guardare il pallone finire in rete.

Termina così, la Freedom FC si aggiudica la Coppa Italia di Eccellenza, tanto rammarico per le grigie ma anche tanti applausi per una grande prestazione contro una squadra costruita per vincere.

Al termine della gara il mister Gabriele Tosi commenta così: <<Usciamo dal campo a testa altissima, il cammino è stato importante, sapevamo che contro una società organizzata come la Freedom le speranze erano poche. Sono orgoglioso delle mie ragazze, oggi non posso fare altro che dire a tutte un immenso grazie>> -continua- <<Adesso pensiamo ai playoff, dobbiamo lottare fino alla fine, dopodiché, se la società vorrà continuare con Tosi io sarò ben contento di poter continuare, io sono qui, e fino all’ultimo giorno lavorerò per far crescere le mie ragazze>>

ALESSANDRIA. LE GRIGIE PAREGGIANO 0 A 0 CONTRO LA JUVENTUS TORINO, I PLAYOFF SARANNO DECISI NEL RITORNO.

Alle ex casermette di Alessandria va in scena l’andata dei play-off di eccellenza femminile. Mister Tosi che deve rinunciare ad alcune titolari per infortunio rimescolando la formazione.

Alessandria e Femminile Juventus Torino si sfidano per ipotecare già dai primi 90 minuti il passaggio del turno. Al termine dei 90 minuti però il risultato è uno solo 0 a 0 è tutto rimandato al ritorno che si giocherà domenica 8 maggio a Torino.

La gara si consuma pressoché a centrocampo, saranno solamente sei i tiri in porta da ambo i lati nei tempi regolamentari, per l’Alessandria le protagoniste sono due, Angelica Dalerba che nel primo tempo salva un pallone indirizzato verso il 7 della porta e il capitano Gaia Garavelli che sul finire dei primi 45, dopo il controllo e la discesa verso la porta sbaglia la finalizzazione.

Nella ripresa stesso copione, ACF Alessandria che difende e Juventus Torino che pressa. La difesa grigia fa buona guardia allontana ogni pericolo, questa volta le alessandrine non trovano lo spazio per mirare e colpire.

Termina così, Acf Alessandria e Femminile Juventus Torino che pareggiano e rimandano le speranze al ritorno, per le padrone di casa esordisce Asia Toniato promettente giovane delle fila dell’Under 17 convocata più volte nella selezione regionale.

Al termine della gara il mister Gabriele Tosi commenta così: <<Abbiamo dovuto fare i conti con gli infortuni, ho deciso di difendere e non rischiare troppo. Abbiamo giocato una buona gara e ringrazio le ragazze Under 17 che ogni volta rispondono presente, mostrando grande qualità anche in campo quando vengono chiamate in causa.>>  -Continua- <<Adesso pensiamo a mercoledì sera, una finale è pur sempre una finale e la nostra avversaria è molto forte, confido nelle mie ragazze e ricordo loro che sognare non è vietato!>>.

TORINO. L’ACF ALESSANDRIA SI AGGIUDICA L’ANDATA DEI QUARTI, BATTUTO IL TORINO WOMEN IN RIMONTA 5 A 3.

Un primo tempo dal doppio volto, grigie sotto due a zero dopo 20 minuti ma rientrano nello spogliatoio in vantaggio 3 a 2.

Foto Andrea Amato/PhotoAgency

Per le grigie un test di maturità, questo l’aggettivo fissato dal mister Tosi al termine della gara contro un Torino a tratti dominante.

Nel turno di andata di coppa Italia di Eccellenza la partita si è conclusa con la vittoria dell’Acf Alessandria per 5 a 3 (2-3/1-2 i parziali) sul campo del CIT Turin.

È il Torino a fare la partita nei primi venti minuti trovando il vantaggio sulla prima occasione utile.
Da calcio d’angolo, Ponzio lasciata sola e senza marcatura colpisce di testa e insacca alle spalle di Angelica Dalerba.
Il raddoppio da calcio di punizione, due minuti più tardi, la numero 8 del Torino carica il destro e insacca sotto la traversa, Dalerba troppo lenta nei riflessi ed il pallone passa.

Mister Tosi chiede concentrazione e concretezza e le grigie iniziano a giocare e si impossessano della gestione palla e delle azioni pericolose.

Al quarantesimo Giada Bagnasco, ricevuto il passaggio di Bergaglia, scarta due difensori in area e sola davanti al portiere la piazza nell’angolino basso sinistro.
Un minuto dopo Bergaglia pareggia i conti: da calcio di punizione Luison serve l’attaccante che elude tutta la difesa e in girata di destro insacca.
Recuperato il passivo le grigie si fomentano e poco prima del riposo arrivano due volte vicine al vantaggio, la prima con Sofia Bergaglia che da fuori area prova l’eurogol ma spedisce il pallone contro la traversa ed infine nel secondo tentativo le alessandrine trovano la rete del 3 a 2. Il gol è di Bagnasco che aiutata da un rimpallo e con portiere già a terra appoggia il pallone nell’angolino basso destro. Dopo 4 minuti di recupero l’arbitro manda le squadre a riposo.