Categoria: SPETTACOLI

TORINO. NICE FESTIVAL, SPETTACOLI E WORKSHOP.

NICE FESTIVAL TORINO

60 artisti, 23 spettacoli e 4 workshop e flash mob su torino e dintorni

14-30 ottobre / 2-31 dicembre 2022

Un festival diffuso multidisciplinare, con spettacoli sia in che outdoor e numerosi laboratori adatti a ogni fascia di età sta per prendere il via nel capoluogo piemontese: si tratta del Nice Festival Torino a cura di Fondazione Cirko Vertigo, in programma dal 14 al 30 ottobre e dal 2 al 31 dicembre sui territori di Torino, Moncalieri e Grugliasco. Sessanta artisti, 23 spettacoli e 4 workshop gratuiti e aperti a tutta la cittadinanza, che spaziano dalle discipline circensi alla scrittura drammaturgica.

Video teaser del festival: https://vimeo.com/755898831/db2bd8de77

Un festival diffuso multidisciplinare, con spettacoli sia in che outdoor e numerosi laboratori adatti a ogni fascia di età sta per prendere il via nel capoluogo piemontese: si tratta del Nice Festival Torino a cura di Fondazione Cirko Vertigo, in programma dal 14 al 30 ottobre e dal 2 al 31 dicembre sui territori di Torino, Moncalieri e Grugliasco. Sessanta artisti, 23 spettacoli e 4 workshop gratuiti e aperti a tutta la cittadinanza, che spaziano dalle discipline circensi alla scrittura drammaturgica. Il festival si rivolge tanto agli abituali fruitori di spettacoli teatrali, che verranno coinvolti in contesti outdoor e meno formali, quanto ai pubblici che solitamente non vanno a teatro e che verranno portati in luoghi come il Teatro Café Müller e il Teatro Maffei, entrambi esempi virtuosi di riqualificazione urbana (in passato sono stati cinema a luci rosse e oggi sono luoghi di produzione di spettacoli e sedi di stagioni teatrali di respiro internazionale).

Il Nice festival Torino è curato da Fondazione Cirko Vertigo, centro internazionale di creazione e produzione, polo di formazione professionale e universitaria nell’ambito delle arti circensi e residenza per giovani artisti attivo da 20 anni, in collaborazione con  il Centro di Produzione blucinQue/Nice, che ha la sua sede operativa presso il Café Müller, e il Cinema Teatro Maffei APS, realtà attiva dal 2020, affermatasi sul territorio quale spazio culturale di discussione e confronto attraverso i linguaggi espressivi  di musica, teatro e danza sulle tematiche femministe, queer, antirazziste e interculturali. Al festival, che ha ricevuto il patrocinio della Città Metropolitana di Torino e del Comune di Moncalieri, collabora la rete di teatri che ospitano gli appuntamenti del festival (Teatri Café Müller, Colosseo, Le Serre e Fonderie Limone) e i Comuni interessati dall’iniziativa (Torino, Grugliasco e Moncalieri), oltre che organizzazioni che a vario titolo svolgono attività di sviluppo culturale e sociale su Torino quali: Associazione Rilanciamo Via Sacchi, ASAI ASsociazione di Animazione Interculturale, Associazione culturale Giardino Forbito, Associazione di Promozione Sociale Si Può Fare Onlus. Il progetto, che riceve il sostegno di MIC, Città di Torino, Regione Piemonte, Fondazione CRT, Comune di Grugliasco e Iren, è vincitore del bando Attività di spettacolo dal vivo nelle periferie della Città di Torino.

È molto positivo che il calendario degli eventi della città si arricchisca di un nuovo spazio come quello del Nice Festival – sostiene l’Assessora al Lavoro e alle Attività produttive del Comune di Torino, Gianna Pentenero -. Un festival di circo contemporaneo che è una disciplina fondamentale per il nostro territorio dove esiste, grazie a Fondazione Cirko Vertigo, la prima laurea Triennale per Artista di Circo Contemporaneo in Italia, equipollente in DAMS. Per dare eco a questa disciplina e ribadire il suo radicamento, ritengo che Nice Festival abbia fatto una scelta molto lungimirante, facendosi ospitare nelle circoscrizioni e in alcune importanti città dell’area metropolitana. Inoltre, scorrendo il programma è chiaro che Nice Festival non si riduca alla sola esperienza di assistere alle opere in programma. In questo tempo è importante, sempre di più, non ridurre lo spettacolo al mero intrattenimento, ma usarlo come veicolo di coinvolgimento e di creazione per una nuova cittadinanza. A questo proposito apprezzo molto che, oltre il teatro, il calendario propone laboratori e flash mob per rendere il pubblico parte attiva di questo progetto”.

Nice Festival è un ottimo esempio di collaborazione fra la città, le sue circoscrizioni e alcuni comuni confinanti”, dichiara Rosanna Purchia, Assessora alla Cultura della Città di Torino.” È
una rassegna che mette insieme diverse realtà del territorio, istituzionali e non, unite dagli obiettivi di coinvolgere un pubblico vasto ed eterogeneo in esperienze artistiche nuove, di livello elevato, e di promuovere con i linguaggi espressivi di circo, musica, teatro e danza, i valori di rispetto e inclusione. Un’offerta culturale, sociale e innovativa di respiro internazionale che vede quest’anno il rapporto rafforzarsi grazie alle risorse del Mic di cui Circo Vertigo è beneficiario
“.

“Ci sono diverse motivazioni e linee guida all’interno del Nice Festival Torino: la prima è cercare di far collaborare in maniera effettiva una rete di partner istituzionali e privati – sono le parole di Paolo Stratta, direttore di Fondazione Cirko Vertigo -. Gli obiettivi principali sono quelli di continuare nel percorso di sostegno a professionisti, artisti e tecnici che la Fondazione Cirko Vertigo ha intrapreso già a partire dalla crisi pandemica, potenziando attraverso le sue attività le giornate di lavoro creativo di un’intera comunità di professionisti. Uscire dai teatri per tornare nei teatri resta una delle prerogative di questa manifestazione che vede degli sconfinamenti anche in aree periferiche anche di quartieri centrali della città, grazie anche alla presenza di proposte di matrice pedagogica degli allievi dell’Accademia Cirko Vertigo per creare un festival dal valore pilota e scalabile. Grazie al contributo una tantum della Città di Torino e del MIC si inaugura una collaborazione con il centro di produzione blucinQue/Nice che, a partire dal 2023, potrà mantenere fra le proprie attività annuali il Nice Festival Torino per le stagioni future”.  

I biglietti per gli spettacoli a pagamento (12 euro biglietto intero, 9 euro biglietto ridotto per convenzionati, under 14 e over 65. Effetto Marilyn 15 euro intero, 12 euro ridotto; repliche del 31 dicembre: ore 19:00 intero 25 euro, ridotto 15. Ore 22:30 intero 35 euro, ridotto 20 euro) sono acquistabili su Vivaticket, tramite l’app blucinQue Nice o di persona presso la biglietteria di Fondazione Cirko Vertigo all’interno del Parco Culturale Le Serre di Grugliasco. Info su www.cirkovertigo.com – e-mail biglietteria@cirkovertigo.com.

Il festival prende il via venerdì 14 ottobre alle ore 20 con Notturni della Città di Compagnia Teatro delle Condizioni Avverse, in replica fino a lunedì 17 ottobre. Si tratta di uno spettacolo itinerante in bicicletta, un viaggio, al contempo reale e immaginario, tra le storie nascoste più interessanti di Torino. Un itinerario poetico per due attori che propongono un nuovo sguardo sulla città e che partirà dal teatro Maffei per arrivare al Teatro Café Müller passando per via Nizza, stazione Porta Nuova e Portici di via Sacchi. Dopo l’acquisto del biglietto per lo spettacolo, inviando la ricevuta di acquisto a biglietteria@cirkovertigo.com si potrà ricevere un codice sconto che, se inserito nell’apposito campo dell’App BicinCittà, consentirà l’utilizzo gratuito per 24 ore di una bicicletta [To]Bike. Nell’ambito della residenza creativa della compagnia, una prova aperta dello spettacolo è fissata il 12 ottobre. Anticipa lo spettacolo Notturni della Città il primo dei laboratori aperti a tutti presso il Teatro Café Müller ovvero il laboratorio di scrittura drammaturgica nella costruzione della performance teatrale, particolarmente adatto agli studenti delle scuole d’arte ma al quale chiunque sia interessato può prendere parte, che si terrà venerdì 7 e sabato 8 ottobre dalle 17 alle 20 e domenica 9 ottobre dalle 10 alle 13. Per informazioni e adesioni: federica@cirkovertigo.com.

Sempre domenica 9 ottobre, alle ore 12:00, è in programma un altro laboratorio che farà da anteprima del festival, a cura dell’Accademia Cirko Vertigo, presso i giardini Sambuy nell’ambito dell’iniziativa Portici di Carta. Si tratta di un workshop di giocoleria che si ripeterà anche sabato 22 in piazza Carducci e sabato 29 in piazza Galimberti, entrambi alle ore 15:00 (per informazioni e adesioni daniela.paci@accademiacirkovertigo.it). Domenica 16, invece, partendo da corso Marconi alle 16:15 fino al parco del Valentino si terrà la parata dei monocicli, un flash mob a cura di Mattia Donda, campione del mondo nella disciplina Freestyle categoria Juniores nel 2014 e tre volte campione italiano dal 2015 al 2018 nonché Fondatore del progetto O.W.A ( ONe Wheel Academy), scuola di monociclo sportivo itinerante (per informazioni e adesioni monociclo@accademiacirkovertigo.it).Sempre domenica 16 ottobre, alle 15:30, dai portici di via Sacchi e via Nizza fino a piazza Madama Cristina è in programma il flash mob Caleidoscopio circense, a cura di Daniela Paci e Nicola Virdis, che si ripeterà la mattina di domenica 23 ottobre alle 10:00 fra via Sacchi e via Nizza e alle 11:00 tra via Nizza e piazza Carducci.

Sarà proprio domenica 23 ottobre la giornata dedicata agli spettacoli all’aperto accessibili gratuitamente. Protagonista di un doppio appuntamento la Banda Rulli Frulli, impegnata alle ore 12:00 in Piazza Galimberti in una performance di percussioni all’aperto in formazione Marching Band, seguita alle ore 15:00 da una performance in formazione completa in Piazza Madama Cristina. Un gruppo composto da ragazzi e ragazze di età diverse, al cui interno sono stati integrati allievi con disabilità. Rispetto e inclusione le parole d’ordine della band.

A seguire, in piazza Madama Cristina, cuore degli spettacoli pomeridiani, la poetica installazione musicale La dinamica del controvento, un viaggio senza tempo e senza spazio, una bilancia fatta di musica e persone che dalle ore 16:00 farà sognare ad occhi aperti tutti i presenti sulle note al pianoforte suonate da Irene Michailidis.

Alle 16:45 andrà in scena In Fabula di Fondazione Cirko Vertigo, spettacolo di circo contemporaneo che, partendo dalla fiaba di Cappuccetto Rosso, rivisita l’iconografia del lupo in chiave circense fra giocoleria, acrobatica e danza in un vortice coinvolgente, allegro e delicato.

Si termina la giornata alle 17:30 con la travolgente ironia di Nuova Barberia Carloni di Teatro Necessario: tre aspiranti barbieri/musicisti si cimentano in manifestazioni di abilità davanti a un’enorme sala d’attesa, il loro pubblico, nell’attesa dell’agognato cliente. Questi artisti del cuoio capelluto sono determinati a curare, a suon di lozione, qualunque problema e il pubblico non potrà che temere il peggio.

Il mese di ottobre si chiude con quattro appuntamenti  all’interno di tre differenti teatri di Torino. Il primo è fissato per mercoledì 26 ottobre alle ore 22 presso il Cinema Teatro Maffei. Diversità e inclusione saranno le parole chiave di Drama di Collettivo Drama, il queer cabaret nato a Milano alla fine del 2018. Sul palco drag queen e drag king, lip sync, live music, burlesque, danza e stand-up comedy con la conduzione di Ella Bottom Rouge.

Giovedì 27 ottobre alle ore 20:00, e a seguire anche venerdì 28 e sabato 29 ottobre alle ore 21:30, al teatro Colosseo andrà in scena Gelsomina Dreams, dichiarato omaggio della regista e coreografa Caterina Mochi Sismondi al mondo felliniano, un viaggio onirico in bilico fra danza, musica dal vivo e amarcord circense tanto evocata nel lavoro cinematografico di Fellini, che prenderà vita attraverso il percorso degli artisti di compagnia blucinQue.

Sempre giovedì 27 alle ore 21:30 il teatro Café Müller ospiterà Il circo delle pulci del Professor Bustric, gioco di prospettive tra l’infinitamente piccolo e l’infinitamente grande e metafora straordinaria per raccontare l’impossibile: Sergio Bini, in arte Bustric, riesce, con trucchi semplici eppure incomprensibili e sorprendenti, a suscitare la meraviglia negli occhi degli spettatori.

Si chiude domenica 30 ottobre alle ore 16:00 al Cinema Teatro Maffei con un appuntamento dedicato ai più piccoli: Ouverture des Saponettes di Michele Cafaggi, nel quale un eccentrico direttore d’orchestra porta il suo pubblico nel mondo fragile e rotondo delle bolle di sapone, per un “concerto” dove l’imprevisto è sempre in agguato. Da strani strumenti nasceranno bolle di ogni tipo.

Il festival, dopo una pausa a novembre, riprende a dicembre con tre appuntamenti a teatro. Venerdì 2 dicembre alle ore 19:00  e sabato 3 dicembre alle ore 20:00 al Teatro Café Müller l’Associazione Culturale Supernova presenta 24 orex24 minuti Creative Dance Challenge a cura di Raffaele Irace, un innovativo progetto che porterà due danzatori a stare assieme per 24 ore nello spazio chiuso di un teatro, senza mai assentarsi dal palcoscenico. Al termine di questo tempo, dovranno presentare uno spettacolo di danza di almeno 24 minuti, seguito da un incontro aperto con il pubblico per condividere l’esperienza di questa maratona creativa. Con il biglietto per l’appuntamento del 2 dicembre si potrà assistere al processo creativo degli artisti durante tutte le 24 ore (dalle 23:00 alle 9:00 previa prenotazione dell’orario scrivendo a biglietteria@cirkovertigo.com). Il biglietto acquistato per l’appuntamento del 3 dicembre darà accesso allo spettacolo finale e alla discussione con i danzatori.

L’anno e il festival terminano con due produzioni di compagnia blucinQue: al teatro Le Serre di Grugliasco il 26-27-28 e 31 dicembre (26 dicembre ore 15:00 e 18:00, 27-28 dicembre ore 21:00 e 31 dicembre ore 19:00 e 22:30) appuntamento con Effetto Marilyn, l’ultima creazione della coreografa e regista Caterina Mochi Sismondi. A partire da un’icona, una donna, una diva, si parlerà di stelle e scene da cinema, tra dentro e fuori dal set, attraverso il movimento degli acrobati e dei danzatori, fra terra e cielo. Una rivisitazione di colonne sonore e suggestioni visionarie al ritmo di un ciak.

Oscillazione, volo, perdita di equilibrio, un lavoro di ricerca sul movimento e la composizione fra teatrodanza, musica dal vivo, testo e discipline circensi. Tutto questo è Vertigine di Giulietta, alle Fonderie Limone di Moncalieri venerdì 30 dicembre alle ore 21:00. A scandire il ritmo delle scene l’alternanza dei brani tratti dal balletto di Prokofiev. La musica eseguita dal violoncello classico coinvolge nella composizione fisica e sonora i performer di compagnia blucinQue.

IL NICE FESTIVAL TORINO è un progetto  

di Fondazione Cirko Vertigo 

in collaborazione con Centro di produzione blucinQue/Nice e Cinema Teatro Maffei 

con il sostegno di MIC, Città di Torino, Regione Piemonte, Fondazione CRT, Comune di Grugliasco, Iren  

Con il patrocinio di Città Metropolitana di Torino, Comune di Moncalieri 

con il supporto di Associazione Rilanciamo Via Sacchi, ASAI ASsociazione di Animazione Interculturale, Associazione culturale Giardino Forbito, Associazione di Promozione Sociale Si Può Fare Onlus 

Grazie a Teatro Café Müller, Teatro Colosseo, Teatro Le Serre, Teatro Fonderie Limone 

Progetto vincitore del bando Attività di spettacolo dal vivo nelle periferie della Città di Torino 

VICENZA. ADAM BOMB E I SISKA IN CONCERTO.

BIG TUNA ENTERTAINMENT & BOOKING AGENCY:
Dopo ANNI di assenza dal Veneto, torna direttamente dagli Stati Uniti il leggendario ADAM BOMB! E sarà UNICA DATA IN NORD ITALIA!!!! 


Grandissimo artista del rock n roll anni 80, Adam dopo  migliaia di concerti in tutto il mondo si è costruito un folto e fedele seguito di fans. Non c’è niente che possiamo aggiungere che già non si sappia, se non ribadire che oggettivamente tra gli artisti da club è quello con lo show di gran lunga più divertente!
Insieme ad ADAM i grandiosi SISKA!  La band guidata dal virtuoso Mattia Sisca è probabilmente tra le più “internazionali” del nostro paese, e concerti insieme a, tra gli altri, Skid Row, Children Of Bodom, Sonata Arctica e Whitesnake li hanno consacrati tra le realtà italiane più interessanti.
Questi i dettagli:
Giovedì 6 Ottobre

Birreria San Giorgio
Via Marconi 4 Costabissara (VI) 
SI CONSIGLIA LA PRENOTAZIONE 

Per info e prenotazioni:
Telefono: 366-3768463
ORE 21:00
INGRESSO GRATUITO!!!

bigtunashows@gmail.com
www.BIGTUNARECORDS.com

Sender notified by
Mailtrack
28/09/22, 12:25:26

ALESSANDRIA. “PEM FESTIVAL”: LUCA MORINO DEI MAU MAU E PINO MARINO CHIUDO LA 17^ EDIZIONE.

LUCA MORINO DEI MAU MAU E PILAR FOGLIATI CHIUDONO IL 17° ‘PEM! FESTIVAL”, UNA EDIZIONE DI GRANDE SUCCESSO

FINO AL 1° OTTOBRE LA RASSEGNA PIEMONTESE DI INCONTRI, RACCONTI E CANZONI, A SAN SALVATORE, VALENZA, LU-CUCCARO, MIRABELLO, BALZOLA, ALESSANDRIA, RIVE, PONTESTURA CON LA DIREZIONE ARTISTICA DI ENRICO DEREGIBUS

Grandi riscontri di pubblico per il 17° “PeM! Festival – Parole e Musica in Monferrato”, la manifestazione piemontese di incontri, racconti e canzoni con la direzione artistica di Enrico Deregibus, che ha preso il via il 27 agosto per proseguire fino al 1° ottobre.

Ancora due gli appuntamenti in programma, dal momento che la serata tributo a Franco Battiato con Pino Marino prevista per il 28 settembre al Centro Comunale di Cultura di Valenza è rinviata a data da destinarsi per malattia dell’artista. Rinviata, stavolta per maltempo, anche la passeggiata letteraria dedicata a Beppe Fenoglio con Davide Longo che era in programma il 25 settembre tra San Salvatore e Lu Cuccaro. Entrambi gli eventi saranno recuperati prossimamente.

Confermato, e molto atteso, invece l’appuntamento di giovedì 29 a Pontestura al Teatro Verdi alle 21. Protagonista sarà Luca Morino con una serata a metà fra concerto e intervista con Enrico Deregibus. Da membro fondatore e leader dei Mau Mau, Morino è diventato esponente di spicco della musica italiana negli anni novanta unendo il piemontese con sonorità provenienti da tutti il mondo. Prima ancora era stato colonna dei Loschi Dezi, mentre dal 2003 ha intrapreso vari progetti solistici. A Pontestura presenterà in anteprima qualche brano del suo prossimo album. Morino è molto atteso anche perché molti in zona ricordano i concerti dei Mau Mau negli anni Novanta a Quarti di Pontestura e all’Omnia a Gaminella. Durante la serata ci sarà spazio anche per la band casalese Amish, che proporrà qualche brano dal nuovo disco “Chi sei tu”, cantato in dialetto monferrino.

Luca Morino

Il 1° ottobre il “PeM! Festival” si chiuderà a Valenza, sempre al Centro di Cultura ma alle 18, con un incontro con la brillante attrice Pilar Fogliati condotto da Riccardo Massola (ideatore del festival 17 anni fa). La “regina di Cuori” – la serie di successo di Rai1 dove interpreta Delia, la cardiologa esperta nell’auscultare il battito cardiaco – è nata ad Alessandria e ha un profondo legame con Valenza. Interprete di numerosi film, sarà la madrina del prossimo Torino Film Festival. Ad aprire l’incontro sarà il cantautore Nicola Project, vincitore la scorsa settimana del PeM Music Contest nella sezione “Rock, indie, d’autore”.

Pilar Fogliati

Il fulcro del festival è costituito da incontri con cantanti e cantautori che si raccontano inframezzando alle parole una parte musicale. Ma quest’anno sono diversi anche gli appuntamenti che riguardano teatro, cinema, letteratura, tutti a ingresso gratuito, senza prenotazione, tra Monferrato e dintorni.

In tutto il calendario di “PeM!” 2022 presenta diciotto appuntamenti in otto comuni, tutti a ingresso libero senza prenotazione, a costituire un festival itinerante che tocca San Salvatore (il comune capofila), Lu-Cuccaro, Balzola, Valenza, Mirabello, Alessandria, Pontestura e Rive.

Le date precedenti hanno visto sul palco gli Statuto, Vasco Brondi, Roberta Giallo (con un omaggio a Lucio Dalla), Carlot-ta, Chiamamifaro, Paolo Benvegnù, una serata omaggio per Maurizio Martinotti, Marina Massironi con letture di Mario Lodi, Violante Placido, Morgan, Arturo Brachetti, Maurizio Crosetti in un appuntamento sui mondiali di Spagna ‘82 e Ron.

Novità di quest’anno è il “PeM Music Contest”, il concorso musicale per giovani artisti della provincia di Alessandria. Nella finale al Country Sport Village di Mirabello hanno prevalso Nicola Project (al secolo Nicola Coppola, di Valenza) nella sezione “Rock, indie e d’autore” e Roma (all’anagrafe Pietro Romagnoli, di Casale Monferrato, che si è esibito con il suo producer Alessandro Re) in quella “Urban”.

PROSSIME DATE “PEM! FESTIVAL” 2022

29 settembre, ore 21: incontro/concerto con Luca Morino – Pontestura (AL), Teatro Verdi, Piazza Castello 19

1 ottobre, ore 18: incontro con Pilar Fogliati – Valenza (AL), Centro comunale di cultura, piazza XXXI Martiri 1

Il festival è diventato ormai un punto di riferimento nel panorama musicale e culturale italiano, come dimostra l’attenzione della stampa nazionale e gli artisti che vi hanno partecipato, nomi come Enrico Ruggeri, Diodato, Malika Ayane, Nada, Samuel, Roy Paci, Zen Circus, Tosca, Motta, Vittorio De Scalzi, Ghemon, Frankie hi-nrg mc, Luca Barbarossa, Irene Grandi, Giovanni Truppi, Marina Rei, Bobby Solo, Davide Van De Sfroos, Francesco Bianconi, Ex-Otago, Erica Mou, Ensi, Giorgio Conte, Massimo Bubola, Francesco Baccini, Ricky Gianco, Paolo Bonfanti, Pino Marino, Zibba, Francesca Incudine, Carlo Massarini e, in ambiti non musicali, Guido Catalano, Ernesto Ferrero, Luca Sofri, Franco Arminio, Rosetta Loy, Gianluigi Beccaria, Natalino Balasso, Guido Davico Bonino, Anita Caprioli, Giuseppe Cederna, Fabio Troiano, Bruno Gambarotta.

Tutti gli aggiornamenti su:

www.pemfestival.it

www.facebook.com/PAROLEeMUSICAinMONFERRATO

www.instagram.com/pem_festival

Il PeM! Festival è organizzato dai Comuni di San Salvatore Monferrato, Valenza, Lu-Cuccaro Monferrato, Balzola, Pontestura, Rive, Alessandria e Mirabello Monferrato e da Country Sport Village Mirabello.

Grazie a Fondazione CRT e Fondazione CRAL

Con il patrocinio di: Provincia di Alessandria, Regione Piemonte, Paesaggi Vitivinicoli di Langhe Roero e Monferrato Unesco World Eritage Site

Media Partner: RadioGold, Traks, BlogAl, Gruppo Fotografi Monferrini, Monferratowebtv.it

Festival partner: Sui sentieri degli Dei (Agerola), Books & Blues (Casale Monferrato), Festival della parola (Chiavari), Mei Meeting etichette indipendenti (Faenza), Premio Bianca d’Aponte (Aversa), Premio Bindi (Santa Margherita Ligure), Voci per la libertà – Una canzone per Amnesty (Rosolina Mare).

—–

Ufficio stampa: Monferr’Autore

monferrautore@gmail.com

339.3460369

TORINO. ‘TO LISTEN TO’ FESTIVAL DELL’ASCOLTO SPERIMENTALE – 26 SETTEMBRE / 3 OTTOBRE 2022

Festival dell’ascolto sperimentale

La sfida dell’inaudito, in un mondo sempre più veloce, interconnesso e intangibile,
è un’opportunità per rientrare in possesso di un senso fondamentale.
Da qui nasce To Listen To, il primo festival dell’ascolto sperimentale
che pone l’ascolto come atto di consapevolezza.

Dal 26 settembre al 3 ottobre 2022 la città di Torino vedrà, ascolterà e interagirà con To Listen To, il festival ideato e organizzato da SMET – Scuola di Musica Elettronica del Conservatorio di Torino.

L’obiettivo del festival è quello di uscire dai percorsi prestabiliti per ricongiungersi, come singoli e come comunità, a ciò che è inudito: l’ascolto diventa elemento indagatore della qualità, della ricerca e dell’alterità.
Attraverso la fruizione immersiva, possibile grazie alla disponibilità delle tecnologie elettroacustiche più avanzate, ci si troverà in esperienze d’ascolto inconsuete, lontane dal mainstream e dalle abitudini quotidiane.
Dalle sperimentazioni organologiche del canadese Jean François Laporte ai suoni visionari dell’affermato compositore Mauro Lanza, passando per il padre di ogni ricerca sperimentale John Cage per arrivare al sound capace di coinvolgere anche le generazioni più giovani di Davide “Boosta” Dileo.

In collaborazione con il Dipartimento Studi Umanistici – Università di Torino, Museo Nazionale del
Cinema, RBL Radio Banda Larga – L’Imbarchino, Production Totem Contemporain Montreal,
To Listen To sarà un festival diffuso che avrà vita in luoghi e spazi diversi della città di Torino.
Nuove fruizioni, nuovi modi, nuove esperienze comunitarie in una settimana densa di appuntamenti. Tutti i concerti, le lecture e i workshop sono a ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria. Tutte le informazioni su https://www.to-listen-to.it/

Le tre fasi del concept del festival

⦁ Stop – Fermare il brusio di fondo ed essere accompagnati in un percorso che dia spazio all’inudito
⦁ Pause – Sentire, vedere, provare: attivare i sensi con modalità differenti, lasciando proliferare nuove occasioni d’ascolto
⦁ Play – Esperienze d’ascolto e fruizioni inusuali per riconnettere persone e comunità in una dimensione che esca dall’ordinario e sia capace di comprendere la diversità.

I numeri

⦁ 3 installazioni multimediali
⦁ 3 workshop
⦁ 6 riflessioni sul tema dell’ascolto
⦁ 13 concerti
⦁ 18 composizioni acusmatiche multicanale
⦁ 22 composizioni elettroacustiche miste

I luoghi

⦁ Conservatorio G. Verdi (sala concerti, foyer)
⦁ StudiumLab di Palazzo Nuovo, Università degli Studi di Torino
⦁ Imbarchino del Valentino
⦁ Cinema Massimo / Museo Nazionale del Cinema

Tutti i concerti, le lecture e i workshop sono a ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria.

Il programma

⦁ concerto #0 venerdi 23 settembre ore 18 – StudiumLab UniTo  
——————–>   ANTEPRIMA TO LISTEN TO <——————–
Concerto conclusivo della masterclass di Jean-François Laporte

Giovanni Corgiat-Mecio, Nika per Table de Babel ed elettronica
Marco Fracasia, Incandenza per Table de Babel ed elettronica
Angelo Grassi, Sedimentation per Table de Babel ed elettronica
Alessandro Russo, Temper Tantrum per Table de Babel ed elettronica

⦁ installazione #1 lunedi 26 dalle ore 19 / martedi 27 settembre dalle ore 17 – foyer 

Alessandro Sciaraffa: TOTEMS
 
 
⦁ lecture #1 lunedi 26 settembre ore 19.45 – sala concerti

Veniero Rizzardi: Orecchio aumentato e orecchio diminuito
 
 
⦁ concerto #1 lunedi 26 settembre ore 20.30 – sala concerti  
 
Jean-François Laporte – strumenti acustici d’invenzione
 
Stefano Bassanese, Le Perroquet* per Pipe ed elettronica in tempo reale [2017]1
Benjamin Thigpen, passage, per Sirena ed elettronica in tempo reale [2022]2 Carlo Barbagallo, Surfing, per Table de Babel ed elettronica [2022]3
Carlo Barbagallo, Bestiaire à hauteur d’oreille, per Table de Babel ed elettronica [2022]4 Jean-François Laporte, Rituel, per Flying Can e live electronics [2001]3   Stefano Bassanese1, Benjamin Thigpen2, Carlo Barbagallo3,4, – elettronica   ⦁ concerto #2 martedi 27 settembre ore 18 – sala concerti   Yannis Xenakis, Polytope de Cluny, fixed media in 7 traccie diffuse su 12 canali [1968]1 Mehrnaz Khorrami, Where am I, fixed media in 8 canali [2022]2
Lucie Nezri, 466 renumbered*, fixed media in 8 canali [2021]2
Marija Kudabaité, -18° *, fixed media in 8 canali [2021]2
 
Benjamin Thigpen1, Giulia Francavilla2 – regia del suono
 
⦁ lecture #2 martedi 27 settembre ore 19.45 – sala concerti
 
Carlo Serra: La profondità nell’ascolto

⦁ concerto #3 martedi 27 settembre ore 20.30 – sala concerti

Mauro Lanza – Aether is a haunted place [2017-2021] per quartetto d’archi ed elettronica
 
The 1987 Max Headroom broadcast incident [2017]
Memories of the Space Age [2020]
The voices didn’t stop after the war [2021]
The 1987 Max Headroom broadcast incident [2017]

 
Quartetto Maurice: Georgia Privitera – primo violino, Laura Bertolino – secondo violino, Francesco Vernero – viola, Aline Privitera – violoncello
Mauro Lanza – elettronica e regia del suono
 

⦁ installazione #2 mercoledi 28 / giovedi 29 settembre dalle ore 17 – foyer 
 
Enrico Ascoli, Hilario Isola: Marsia

⦁ concerto #4 mercoledi 28 settembre ore 18 – sala concerti
 
Luc Ferrari, Presque rien avec filles, fixed media [1989]
Gianluca Delfino, Zou**, fixed media in 8 canali [2019]
 
Gianluca Delfino – regia del suono

 
⦁ lecture #3 mercoledi 28 settembre ore 19.45 – sala concerti
 
Tatiana Mazali: L’orecchio, carne e bit

⦁ concerto #5 mercoledi 28 settembre ore 20.30 – sala concerti
 
Andrea Valle, Periplo del latte**, per pianoforte preparato [2019-2020]1
John Cage, Electronic music for piano [1964]2
 
Luca Ieracitano – pianoforte1
Sergio Scibilia, Liza Shtelmakh- pianoforti2
Giuseppe Floridia, Marco Fracasia, Angelo Grassi, Andrea Sartore, Letizia Tabasso, Gianluca Tartaglino – live electronics e regia del suono2
 

⦁ concerto #6 giovedi 29 settembre ore 18 – sala concerti
 
Christian Zanesi
Stop ! l’horizon, per fixed media diffuso su 8 canali [1984]
Arkheion, les voix de Pierre Schaeffer, per fixed media diffuso su 8 canali [1998] L’esprit des lieux, per fixed media diffuso su 8 canali [2020]
⦁ lecture #4 giovedi 29 settembre ore 19.45 – sala concerti

Nicola Gallino: Ascolto come esperienza e conoscenza

⦁ concerto #7 giovedi 28 settembre ore 20.30 – sala concerti
 
James Tenney1, Collage #1 (“Blue Suede”) per fixed media [1961]1
Luca Martone, Foschia viola, per suoni di chitarra elaborati su fixed media in 8 canali [2022]2 Ilaria Lemmo, Hidden, per chitarra elettrica microtonale ed elettronica [2022]3
Guglielmo Diana, Serenata in assenza** per chitarra elettrica in feedback [2022]4
 
Paolo Brandi1, Luca Martone2 – regia del suono
Guglielmo Diana4, Ilaria Lemmo3 – chitarra e live electronics
 
 
⦁ installazione #3 venerdi 30 settembre / sabato 1 ottobre dalle ore 17 – foyer 
 
Pietro Caramelli: (re)collecting streams

⦁ concerto #8 venerdi 30 settembre ore 18 – sala concerti
 
Alvin Lucier
Chambers, versione per suoni in rete con sistema a convoluzione [1968]1
Gentle Fire, per suoni in trasformazione [1971]2
Music for piano with magnetic strings [1995]3

nuove realizzazioni – produzioni SMET 

Guglielmo Diana, Matteo Marson e Luca Martone – live electronics1
Giuseppe Balducci, Pietro Bottioni, Tommaso Camarotto, Andrea Carello, Mattia Giustetto, Aniello Maffettone, Elisabetta Marvulli e Claudio Sereno Trupia – live electronics2
Davide “Boosta” Dileo – pianoforte3
 

⦁ lecture #5 venerdi 30 settembre ore 19.45 – sala concerti

Ingrid Pustjanac: Solo per addetti all’ascolto

⦁ concerto #9 venerdi 30 settembre ore 20.30 – sala concerti

Martino Sarolli, Emilio Pozzolini, Church of E-Waste, per organo, elettronica e supporto visivo [2022]1 Enrico Pietrocola, creatures.sandbox, video e fixed media su 8 canali [2021]2
Matteo Marson e Boris Labbé, Le lac, video e fixed media su 8 canali [2022]3 Francesco Bianchi, hortus deliciarum*, per non-strumenti elettromeccanici, microcontrollers, SoC’s, microfoni a contatto, altoparlanti e altri oggetti  [2022]4
 
Federico Salvatori – organo
Emilio Pozzolini1, Martino Sarolli1, Francesco Bianchi4 – elettronica
Enrico Pietrocola2, Matteo Marson3 – regia del suono
 

⦁ concerto #10 sabato 1 ottobre ore 18 – sala concerti
 
Enore Zaffiri, 8 integration 24, per fixed media [1968]1
Andrea Agostini, In Nomine (for David Rattray); Joyful Psychedelic Vorticose Stomp; everything we do leaves a trace, every trace we leave fades away*, per fixed media [2020-2022]2 Daniele Ghisi, Electronic Studies (Glissando, Clapping, Money Notes, Goodbye, Gute Nacht), per fixed media [2022]3 Giulia Francavilla, Flow States #3, per fixed media [2022]4
 
Andrea Agostini1,2, Daniele Ghisi3, Giulia Francavilla4 – regia del suono
 
⦁ lecture #6 sabato 1 ottobre ore 19.45 – sala concerti

Caterina Tomeo: Ascoltare è come vedere
⦁ concerto #11 sabato 1 ottobre ore 18 – sala concerti
 
Laura Agnusdei, There’s an alien in my sax! per fixed media [2020]
Marco Amistadi, Goccia (AIGA remix), per un performer [2022] Ruben Brovida, Xanatorium, performance per sintetizzatore modulare [2022]
Margherita Brillada, Indigo Aura, per fixed media in 8 canali [2022] Davide “Boosta” Dileo, Paper view, per suoni di carta ed elettronica [2022]
Domenico Scjaino, Transcade, performance con sintetizzatori digitali [2014]
 
 
⦁ video-concerto #12 lunedì 3 ottobre ore 21 – Cinema Massimo
 
Zalamort, Der Traume der Zalavie **, musica originale di Andrea Valle [2022] per il film di Emilio Ghione eseguita da Arto fantasma (Dario Bruna – batteria, Enrico Degani – chitarra elettrica, Simone Garino – sax baritono, Federico Marchesano – contrabbasso, Christian Schmitz – pianoforte preparato, Andrea Valle – basso elettrico, Carlo Barbagallo – suono)
Introdurranno l’evento Denis Lotti e Silvio Alovisio.
In collaborazione con Dipartimento Studi Umanistici – Università di Torino e Museo Nazionale del Cinema di Torino”
 
** prima esecuzione assoluta
*  prima esecuzione italiana
 
,

Web & Social
http://www.to-listen-to.it
Facebook
Instagram

Contatti
Info: elettronica@conservatoriotorino.eu
Comm & Press: ella.marciello@gmail.com
+39 011 88 84 70 \ +39 011 81 78 458

ALESSANDRIA.‘Pem! Festival”: ancora molti gli appuntamenti in programma.

PEM! FESTIVAL”: ECCO LA FINALE DEL PEM MUSIC CONTEST E POI RON, GLI OMAGGI A FENOGLIO CON DAVIDE LONGO E A BATTIATO CON PINO MARINO E GLI INCONTRI CON LUCA MORINO E PILAR FOGLIATI

ANCORA MOLTI EVENTI FINO AL 1° OTTOBRE PER LA RASSEGNA PIEMONTESE DI INCONTRI, RACCONTI E CANZONI, A SAN SALVATORE, VALENZA, LU-CUCCARO, MIRABELLO, BALZOLA, ALESSANDRIA, RIVE, PONTESTURA CON LA DIREZIONE ARTISTICA DI ENRICO DEREGIBUS

Grandi riscontri per la prima parte del 17° “PeM! Festival – Parole e Musica in Monferrato”, la manifestazione piemontese di incontri, racconti e canzoni diretta da Enrico Deregibus, che ha ospitato nomi come Vasco Brondi, Arturo Brachetti, Violante Placido, Morgan, Paolo Benvegnù e molti altri.

In tutto il calendario di “PeM!” 2022 presenta diciotto appuntamenti in otto comuni, a costituire un festival itinerante che tocca San Salvatore (il comune capofila), Lu-Cuccaro, Balzola, Valenza, Mirabello, Alessandria, Pontestura e Rive.

C’è ancora molto in serbo, da Ron a Pilar Fogliati e Luca Morino, dalla passeggiata letteraria su Beppe Fenoglio con Davide Longo ad una serata omaggio a Franco Battiato con Pino Marino. Tutti eventi a ingresso libero senza prenotazione.

Di particolare interesse il prossimo appuntamento, che è una novità del festival: la finale del “PeM Music Contest”, il concorso musicale per giovani artisti della provincia di Alessandria, in programma il 21 settembre, dalle 21, al Country Sport Village di Mirabello, che è anche l’organizzatore del contest, con la collaborazione di RadioGold. Una occasione importante per scoprire le nuove proposte musicali che offre il territorio.

A confrontarsi saranno Nicola Project e L’ottico nella sezione “Rock, indie e d’autore” e Nyko Ascia e Roma in quella “Urban”. La giuria sarà presieduta da Paolo Archetti Maestri degli Yo Yo Mundi e sarà inoltre composta da Alberto Angelino (Il Monferrato), Marcella Bertozzi (La Vita Casalese), Clarissa Deleani (Radiogold), Enrico Deregibus (direttore artistico di Pem), Giulia Di Leo (La Stampa), Daniela Esposito (Ufficio stampa musicale e giornalista), Francesco Lopena (Radiogold) e Fabiana Storti (Il Piccolo).

Si passerà poi a Balzola dove venerdì 23 nel tardo pomeriggio, alle 18.30, sarà ospite Ron che si racconterà a Enrico Deregibus con chitarra e pianoforte a portata di mano, mentre nella mattina del 25 tra San Salvatore e Lu Cuccaro ci sarà una passeggiata letteraria con Davide Longo dedicata a Beppe Fenoglio, nel centenario della nascita.

Nella parte finale del festival anche il comune di Valenza ospiterà due date: il 28 un tributo a Franco Battiato con Pino Marino e il 1° ottobre un incontro con Pilar Fogliati condotto da Riccardo Massola. In mezzo, il 29 a Pontestura, sarà invece la volta di Luca Morino (leader dei Mau Mau e protagonista di molti altri progetti) con una serata a metà fra concerto e intervista.

Il fulcro del festival è infatti costituito da incontri con cantanti e cantautori che si raccontano inframezzando alle parole una parte musicale. Ma quest’anno sono diversi anche gli appuntamenti che riguardano teatro, cinema, letteratura, tutti a ingresso gratuito, senza prenotazione, tra le colline, le risaie e il Po, nel Monferrato, territorio patrimonio dell’Unesco, e nei suoi dintorni, a un’ora da Torino, Milano e Genova.

Le date precedenti hanno visto sul palco gli Statuto, Vasco Brondi, Roberta Giallo (con un omaggio a Lucio Dalla), Carlot-ta, Chiamamifaro, Paolo Benvegnù, una serata omaggio per Maurizio Martinotti, Marina Massironi con letture di Mario Lodi, Violante Placido, Morgan, Arturo Brachetti e Maurizio Crosetti in un appuntamento sui mondiali di Spagna ‘82.

PROSSIME DATE “PEM! FESTIVAL” 2022

21 settembre, ore 21: Finale PeM Music Contest con Nyko Ascia, Nicola Project, L’ottico, Roma – Country Sport Village, Mirabello (AL), Strada Comunia 30

23 settembre, ore 18.30: incontro con Ron – Balzola (AL), Piazza Papa Giovanni XXIII

25 settembre, ore 9: passeggiata letteraria su Beppe Fenoglio con Davide Longo – San Salvatore (AL), Partenza/arrivo loc. Salcido

28 settembre, ore 21: omaggio a Franco Battiato con Pino Marino – Valenza (AL), Centro comunale di cultura, piazza XXXI Martiri 1

29 settembre, ore 21: incontro/concerto con Luca Morino – Pontestura (AL), Teatro Verdi, Piazza Castello 19

1 ottobre, ore 18: incontro con Pilar Fogliati – Valenza (AL), Centro comunale di cultura, piazza XXXI Martiri 1

Il festival è diventato ormai un punto di riferimento nel panorama musicale e culturale italiano, come dimostra l’attenzione della stampa nazionale e gli artisti che vi hanno partecipato, nomi come Enrico Ruggeri, Diodato, Malika Ayane, Nada, Samuel, Roy Paci, Zen Circus, Tosca, Motta, Vittorio De Scalzi, Ghemon, Frankie hi-nrg mc, Luca Barbarossa, Irene Grandi, Giovanni Truppi, Marina Rei, Bobby Solo, Davide Van De Sfroos, Francesco Bianconi, Ex-Otago, Erica Mou, Ensi, Giorgio Conte, Massimo Bubola, Francesco Baccini, Ricky Gianco, Paolo Bonfanti, Pino Marino, Zibba, Francesca Incudine, Carlo Massarini e, in ambiti non musicali, Guido Catalano, Ernesto Ferrero, Luca Sofri, Franco Arminio, Rosetta Loy, Gianluigi Beccaria, Natalino Balasso, Guido Davico Bonino, Anita Caprioli, Giuseppe Cederna, Fabio Troiano, Bruno Gambarotta.

Tutti gli aggiornamenti su:

www.pemfestival.it

www.facebook.com/PAROLEeMUSICAinMONFERRATO

www.instagram.com/pem_festival

Il PeM! Festival è organizzato dai Comuni di San Salvatore Monferrato, Valenza, Lu-Cuccaro Monferrato, Balzola, Pontestura, Rive, Alessandria e Mirabello Monferrato e da Country Sport Village Mirabello.

Grazie a Fondazione CRT e Fondazione CRAL

Con il patrocinio di: Provincia di Alessandria, Regione Piemonte, Paesaggi Vitivinicoli di Langhe Roero e Monferrato Unesco World Eritage Site

Media Partner: RadioGold, Traks, BlogAl, Gruppo Fotografi Monferrini, Monferratowebtv.it

Festival partner: Sui sentieri degli Dei (Agerola), Books & Blues (Casale Monferrato), Festival della parola (Chiavari), Mei Meeting etichette indipendenti (Faenza), Premio Bianca d’Aponte (Aversa), Premio Bindi (Santa Margherita Ligure), Voci per la libertà – Una canzone per Amnesty (Rosolina Mare).

—–

Ufficio stampa: Monferr’Autore

monferrautore@gmail.com

339.3460369