Categoria: SPAZIO LIBERO

TORINO. PROGRAMMA CULTURALE ESTATE 2022/2023

PROGRAMMA CULTURALE ESTATE 2022-2023
I PROGETTI CHE HANNO SUPERATO LA SELEZIONE

Sono 18 i progetti estivi ritenuti idonei, su 27 valutati, a seguito dell’avviso pubblico per la presentazione di progetti relativi a ‘Programma culturale estate 2022-2023’ pubblicato il 30 marzo scorso.
Di questi i primi 12 saranno finanziati attraverso la Fondazione per la Cultura Torino. Il bando prevedeva che il sostegno economico fosse assegnato a due categorie distinte di progetti: – categoria A, progetti con budget maggiore o uguale a 80mila euro con una programmazione di un minimo di 20 giornate di attività anche non consecutive; categoria B, progetti con budget maggiore o uguale a 20mila euro e minore di 80mila euro con una programmazione di un minimo di 10 giornate di attività anche non consecutive.
Dei 27 progetti ammessi alla valutazione, 11 appartengono alla categoria A (di questi 6 riceveranno un sostegno economico pari a 40mila euro ciascuno, 2 un aiuto in servizi e 3 sono risultati insufficienti) e 16 fanno parte della categoria B (di questi 6 riceveranno un sostegno economico pari a 10mila ciascuno, 4 un aiuto in servizi e 6 sono risultati insufficienti).
Tutti i 18 progetti idonei (sia i 12 che riceveranno il contributo, sia gli altri) potranno usufruire: dell’esenzione del canone unico patrimoniale di concessione dell’occupazione di spazi e aree pubbliche sull’area di spettacolo, se dovuto; della riduzione del 50% del canone dovuto per le aree dove insistono spazi accessori adibiti ad attività̀ commerciali (somministrazione di cibi e bevande), economiche e di vendita (si specifica che la superficie di suolo pubblico destinata alle attività commerciali accessorie o altre attività economiche e di vendita non deve superare il 50% della superficie complessiva richiesta per la realizzazione dell’evento). Inoltre, potranno godere della concessione a titolo gratuito per l’intero periodo di materiale economale come tavoli, sedie, transenne, palchi, pedane limitatamente alle dotazioni e alle esigenze della Città, e comunque fino a esaurimento scorte, previo deposito della dovuta cauzione. La liquidazione del sostegno finanziario ai 12 progetti che riceveranno il contributo avverrà in due tranches: il 70% di anticipo all’inizio e il 30% a saldo al termine della manifestazione.


Due le novità di quest’anno: la valenza biennale del bando e la valutazione da parte di due Commissioni di tutti i progetti.

La volontà dell’assessorato alla Cultura – che ha indicato le linee guida per la realizzazione del bando – è esaltare e sostenere in maniera concreta la crescita delle realtà culturali, enti e associazioni interessate a creare attività e iniziative su spazi a uso pubblico, attraverso azioni mirate a generare una sempre maggiore sostenibilità nel tempo. Per questo motivo le progettualità presentano un’offerta a carattere biennale come le graduatorie. I selezionati saranno soggetti a riconferma a seguito del controllo di regolarità della rendicontazione per le attività dell’anno 2022.
Il lavoro di due Commissioni – una tecnica, composta da membri indicati dalla Città di Torino, esperti in normative inerenti al pubblico spettacolo e l’altra preparata nella programmazione culturale – è stato l’altro tratto distintivo del bando. Operando in sinergia e in continuità hanno reso possibile una valutazione approfondita e dettagliata, consentendo la definizione di un programma culturale, attrattivo e di livello.
Obiettivo del cartellone sarà invitare le persone a frequentare i parchi, le aree verdi e gli spazi urbani anche nelle zone decentrate. Gli eventi dedicheranno una particolare attenzione alla sostenibilità ambientale e a quella economica prevedendo al loro interno anche la possibilità di una componente commerciale a supporto dell’impegno dei gestori.
Tutte le attività dovranno essere allestite nel rispetto delle norme di sicurezza e delle disposizioni vigenti al momento della realizzazione per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19.

8 PROGETTI IDONEI DELLA CATEGORIA ‘A’

Associazione Tedacà
Parco della Tesoriera
EVERGREEN FEST – 2 giugno / 24 luglio 2022

Associazione Hiroshima Mon Amour
Hiroshima Mon Amour – in via Bossoli 83
HIROSHIMA SOUND GARDEN – 1 giugno / 27 settembre 2022

l’ARTeficIO APS
Giardino di via Carlo Ignazio Giulio 14a
ESTATE IN CIRCOLO 2022 – 18 giugno / 18 settembre 2022

Associazione sPAZI mUSICALI – sPAZIO211
sPAZIO211 – via Francesco Cigna 211
SUN OF A BEACH vol. IV – 17 giugno / 25 settembre 2022

Agenzia per lo Sviluppo Locale di San Salvario Onlus
Cortile della Casa del Quartiere e Aiuola Ginzburg
ESTATE SENZA CONFINI – 9 giugno / 25 settembre 2022

Associazione Museo Nazionale del Cinema
Oratorio Michele Rua / Teatro Monterosa, Community Hub di via Baltea 3, Casa del Quartiere Bagni Pubblici di via Aglié, Boschetto – l’orto di Barriera, Centro Interculturale di corso Taranto
BARRIERA A CIELO APERTO – 4 giugno / 28 settembre 2022

Per la categoria A sono risultati IDONEI MA SENZA CONTRIBUTO i progetti presentati da Distretto Cinema e Associazione Cantabile che, quindi, se vorranno potranno realizzare comunque le proprie attività godendo dei benefici come sopra descritti.

10 PROGETTI IDONEI DELLA CATEGORIA ‘B’

Fondazione della Comunità di Mirafiori Onlus
Casa nel Parco, CPG – Centro di Protagonismo Giovanile, Spazio WOW di via Onorato Vigliani
ESTATE A SUD – 3 giugno / 30 settembre 2022

Goodness AC
Zona Gasometri tra Vanchiglia e Vanchiglietta
IL GIARDINO DI OFF TOPIC – 3 giugno / 30 settembre 2022

Associazione Nessuno Lombroso16
Polo Culturale Lombroso16
IL CORTILE DELLA FELICITA’- 2 giugno / 24 settembre 2022

Assemblea Teatro
Mausoleo della Bela Rosin
ANCORA TI RACCONTO UN LIBRO – 9 giugno / 21 settembre 2022

Stalker Teatro Soc. Coop.
Piazza Montale e cortile delle Officine CAOS
IL CORAGGIO DI ESSERE FELICI – 17 giugno / 16 luglio 2022
Banda Larga APS
Parco del Valentino – Imbarchino
IMBARCHINO ESTATE OF MIND – 2 giugno / 25 settembre 2022

Per la categoria B sono risultati IDONEI MA SENZA CONTRIBUTO i progetti presentati da Associazione Culturale Zampanò, Associazione Culturale Immagina, Associazione Qubì ETS, Il Mutamento Zona Castalia ETS, che, quindi, se vorranno potranno realizzare comunque le proprie attività godendo dei benefici come sopra descritto.

Torino, 17 maggio 2022

VERONA. LA STORIA DI MONIA E DEI SUOI TRE BAMBINI AUTISTICI.

UNA FAMIGLIA NELLO SPETTRO, LA STORIA DI MONIA E DEI SUOI TRE BAMBINI AUTISTICI

Prima Derek, poi anche i gemellini Liam e Colin. Nel Veronese mamma Monia pubblica il suo secondo libro di fiabe e diventa influencer su YouTube. “Sono meravigliosi, cerchiamo di far conoscere l’autismo per creare una società accogliente e consapevole”

Tutto è iniziato con Derek. Oggi ha otto anni e una diagnosi per autismo grave. Al tempo, sembrava solo un bambino che faticava a comunicare. Anche i gemellini, Liam e Colin, di due anni più piccoli di lui, in qualche maniera sembravano “imitarlo”. Mamma Monia Gabaldo, veronese di Villafranca, laureata in medicina e specializzata in genetica, ha voluto andare a fondo. E così ha scoperto che i suoi meravigliosi tre bambini erano autistici. I test successivi hanno chiarito che anche lei e il marito Gabriele Selmo, che lavora in banca, erano nello spettro dell’autismo, ma più lievemente. Era il 2018, in pochi mesi hanno scoperto di essere una delle pochissime famiglie in Italia a vivere interamente nello spettro. Le statistiche non sono chiare, di certo esiste un enorme sommerso di genitori che per mancanza di professionisti specializzati non riescono ad ottenere diagnosi, ed i pochi che riescono spesso non lo dichiarano, per non subire successivi problemi burocratici con enti assicurativi o con il datore di lavoro.
Da allora la vita della famiglia veronese è cambiata. Tutto viene vissuto in funzione del garantire una vita serena ai figli, come in ogni famiglia, e del tentativo di sensibilizzare la società attorno a queste tematiche, rendendo inclusiva ogni forma di relazione. Monia ha aperto un canale Youtube (autismo ad alto funzionamento) dove con i suoi video mostra la routine di una famiglia nello spettro. Ma si impegna in ogni modo per sensibilizzare più persone possibili, come quando ha diffuso una preghiera con un palloncino che è arrivato a Frosinone.
Il suo impegno nel volontariato prosegue anche per l’amministrazione comunale dove vive, nel Veronese: il progetto “Villafranca città blu” porta la sua firma ed è finalizzato a coinvolgere la popolazione in iniziative di sensibilizzazione sull’autismo.
Non solo: ha pubblicato due fiabe per bambini. Nella prima, si parla di diversità e di integrazione. Si intitola “La favola del pozzo arcobaleno” ed è il racconto di un gruppo di bambini ognuno con caratteristiche diverse, che capiscono alla fine della loro avventura come proprio nelle loro specificità ci sia la bellezza e la forza del gruppo. Il secondo, in uscita in questi giorni, è ambientato invece nel pieno della pandemia. Si intitola “L’arcobaleno batte il Coronavirus” e racconta di come i bambini, grazie al loro aiutarsi a vicenda, permettano ai colori di tornare in un mondo ingrigito; chiudono la pubblicazione alcune pagine da colorare. Le due favole, che hanno originato altrettanti libriccini, sono state illustrate dalla mantovana Arianna D’Iorio, che ha impreziosito il lavoro coi suoi colori e le sue immagini. Per il primo testo, la graphic design è la veronese Cinzia Quarena e la correttrice di bozze Sofia Cappellari, originaria di Ravenna.
Queste due pubblicazioni, unite alla presenza sui social (tra Facebook, YouTube, Instagram e Tik Tok ha oltre diecimila fan) rendono Monia una sorta di mamma-influencer che unisce le famiglie che vivono la stessa situazione dando loro incoraggiamento e suggerimenti pratici nella gestione della routine quotidiana.
“Il nostro obiettivo è far capire alle persone come approcciarsi all’autismo, come relazionarsi con bambini come i miei”, racconta. “Si stima che circa il 10% della popolazione scolastica abbia bisogno di insegnanti di sostegno in classe, è più “normale” di quanto si pensi esser “diversi”. La carta vincente che dobbiamo giocare è quella di includere gli autistici nelle attività di tutti i giorni, di routine: non vanno esclusi come troppo spesso si fa, talvolta pure senza piena consapevolezza dei danni che si creano con l’emarginazione. I bambini come i miei sono persone che capiscono tutto quello che gli viene detto, ma che non sempre sanno come e cosa comunicare. E va detto che c’è un gap nel sistema sanitario nazionale: in Italia c’è una scarsa presa in carico dopo la diagnosi. E le famiglie vengono messe in ginocchio per le spese da sostenere in terapie, visite mediche e giochi utili all’apprendimento. Per questo la mia famiglia si mette in gioco, per rendere più sensibile il mondo sulle tematiche dell’autismo”.  

ROMA. SILVIO BERLUSCONI SI AUTOCANDIDA A PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA.

Silvio Berlusconi si è autocandidato a presidente della Repubblica, le destre si sono inchinate al suo volere e gli hanno chiesto di sciogliere la riserva, ma quale riserva? Ma la candidatura di Silvio Berlusconi ci ha ispirati ancora una volta e le caricature di quanto era presidente del Consiglio dei Ministri sono prepotentemente tornate alla ribalta e ve le riproponiamo sulla pagina Blog di Giuseppe Amato, che il magazine ospita e che troverete sulla colonna delle pagine a sinistra del giornale in fondo.

Ogni giorno vi proporremo una caricatura del blog.

SILVIO QUALCUNO CI CREDE ANCORA?

pubblicata da Giuseppe Amato il giorno giovedì 31 marzo 2011 alle ore 10.12

Qualcuno ci crede ancora!

Farò il miracolo economico

tutti sarete più ricchi

il grasso colerà dai vostri corpi secchi

come Ferrara cola grasso

dalla bocca

tutte le sere dopo il Tg.

Camminerò sulle acque

affinchè tutti voi possiate venerarmi

come unico e grande

venerabile che parla

per bocca del Signore.

Ricostruirò L’Aquila

risorgerà come la Fenice

che spiega le ali e vola

in alto nel cielo.

Sconfiggerò la morte

il cancro e tutte le malattie

compreso il Comunismo

vivrò almeno fino a 120 anni.

Riformerò la costituzione

perchè è vecchia

scritta dai Comunisti

promulgata da un Comunista

la farò più bella

a mia immagine e somiglianza

all’art.1 scriverò:

“L’Italia è un regno personale

fondato sulla televisione

e

la manipolazione delle coscienze”.

Farò il miracolo Partenopeo

scomparirà la munnezza

con essa la lotta alla camorra

poi la munnezza tornerà

la camorra si arricchirà ancor più.

Comprerò una casa a Lampedusa

diverrò Lampedusano

divento Sindaco

cambio il piano regolatore

cementifico tutto

anche voi

così diverrò

ancor più ricco.

Diverrà porto franco

per i capitali mafiosi

così la Guardia di Finanza

non potrà indagare.

Quarantotto  ore

massimo sessanta

gli immigranti scompariranno

li mandiamo tutti in crociera

dopo una settimana ritorneranno

belli,abbronzati e profumati.

Farò di Lampedusa un paradiso

Sì!ma fiscale per gli evasori Lombardi.

Costruirò un casinò

con le Roulette,i crupier

e le soubrette dell’Olgiettina

a casa mia non c’è più posto

troppo caos,

troppo rumore

troppa cocaina

troppi sbirri intorno

mi rovinano gli affari.

Proporrò Lampedusa

per il premio nobel

tanto a Oslo manco mi cagano

allora vi assegno un bel Tapiro

come popolo credulone

per tutte le balle

che ho raccontato.

Qualcuno ci crede ancora a tutte queste balle?

Un miracolo però lo ha fatto

l’unico che gli riesce bene

comprarsi l’impunità

nelle aule parlamentari

per evitare le aule processuali.

ALESSANDRIA. PROGRAMMA DELLA LUDOTECA ALL’APERTO PER L’AUTNNO 2021

COMUNICATO STAMPA

#bambini&giardini#  – Programma all’aperto dell’Autunno 2021 della Ludoteca

E’ in programma un mese intenso di attività all’aperto a cura della Ludoteca Comunale C’è Sole e Luna, Assessorato alle Politiche Giovanili, che si terranno presso il Parco Primo Sport, all’interno del Parco Carrà, e presso i Giardini Pittaluga.

Per quanto riguarda il Parco Primo Sport, le iniziative vanno a implementare le aperture già in corso a cura della laboratorista Francesca Ferranti, nell’ambito del progetto Nuove (Ri)generazioni Urbane finanziato da ANCI, che tra le azioni per rigenerazione e riqualificazione del Parco comprende proprio la possibilità di renderlo maggiormente fruibile ai più piccini.

L’operatrice, supportata dalle animatrici di C’è Sole e Luna, è al Parco dal lunedì al giovedì dalle 16.30 alle 18.30 e il venerdì mattina dalle 9.30 alle 11.30, per accogliere, senza prenotazione, fino a 30 bambini da 0 a 6 anni accompagnati da un genitore.

Ecco di seguito le ulteriori iniziative, ovvero cicli di incontri  a cura di professionisti, che sono invece su prenotazione e per le quali si richiede un piccolo contributo di € 15,00.

Gocce di Benessere, Incontri di avvicinamento al Tai Chi per genitori e/o nonni a cura di Arianna Marega, operatrice olistica del Benessere,  (4 incontri) Tutti i lunedì dal 20 settembre all’ 11 ottobre dalle ore 10.00 alle ore 11.00

Tana dolce Tana, Laboratorio creativo a cura di Nunzia Castiglione, atelierista,

 (4 incontri) Tutti i mercoledì dal 22 settembre al 13 ottobre dalle ore 10.00 alle ore 11.00

A queste proposte si aggiunge quella di uno spettacolo teatrale,  gratuito, a cura de Gli Eccentrici Dadarò di Caronno Pertusella (Va): Emozioni a pennello, Giovedì 7 ottobre alle ore 17.00, presso l’Anfiteatro del Parco Carrà

Con i bambini più grandi, della fascia 6/11 anni, si ritorna ai Giardini Pittaluga, con un doppio ciclo di incontri:

A tutto Sport, attività sportive a cura di Andrea Bruni, preparatore atletico, (4 incontri) tutti i mercoledì dal 22 settembre al 13 ottobre dalle ore 17.00 alle ore 18.00;

Incontri  naturalmente tecnologici, Giochi di una volta e non, a cura degli animatori della Ludoteca, (4 incontri) tutti i martedì dal  21 settembre al  5 ottobre dalle ore 17.00 alle ore 18.00

Sempre per i bambini da 6 a 11 anni si ritorna al Parco Carrà, per “The lost goal”, Spettacolo circense a cura di Collettivo Clown di Milano, Martedì 12 ottobre alle ore 17.00 presso l’anfiteatro del Parco Carrà.

Al ricco programma si aggiunge anche una gita, sabato 9 ottobre dalle ore 9.00 alle ore 15.00, alla “Casa degli Alfieri”,  “Casa del teatro” nel cuore del Monferrato Astigiano, per abitanti ed ospiti un luogo da cui guardare il pianeta; la proposta è rivolta abambini dai 3 ai 5 anni accompagnati da un adulto di riferimento, su prenotazione, al costo di € 5,00.

Ricordiamo che le attività proposte rientrano anche in  “Alleanze Educative”, di cui  il Comune di Alessandria è capofila del progetto, che vanta un vasto e composito partenariato, nonché in “Explora – Spazi e Tempi per crescere”, di cui il Comune è partner, entrambi selezionati dall’Impresa Sociale Con i Bambini *.

Per informazioni e iscrizioni è possibile contattare la Ludoteca C’è Sole e Luna al 3485735800, o scrivere a ludoteca@comune.alessandria.it .

*Il progetto è stato selezionato da Con I Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Il Fondo nasce da un’intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo. Sostiene interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori. Per attuare i programmi del Fondo, a giugno 2016 è nata l’impresa sociale Con i Bambini, organizzazione senza scopo di lucro interamente partecipata dalla Fondazione CON Il SUD.  www.conibambini.org