Categoria: LAVORO E SALUTE

NOVI LIGURE. MARCO SALI’ E’ IL NUOVO COORDINATORE DI ZONA.

Le Camere del Lavoro CGIL di Novi Ligure (AL) e Ovada (AL) dal 1 Marzo avranno un nuovo responsabile. Il ruolo del Coordinatore di Zona è stato affidato dal Comitato Direttivo della CDL di Alessandria del 17/12/2021 a Marco Sali.

Il ruolo di Coordinatore di Zona è per CGIL una nuova importante figura strategica sulla quale investire impegno e risorse e

che rappresenterà l’Organizzazione diventando il riferimento politico- sindacale per CGIL su quei territori.

La sperimentazione è già partita con eccellenti risultati nel 2018 sul territorio casalese e valenzano.

Oltre al buon funzionamento interno dell’organizzazione (servizi compresi) cui dovrà assolvere tale figura è affidato alla stessa la costruzione delle sinergie su quel territorio con le altre OO.SS., le Istituzioni, le associazioni e la politica locale.

Tema sul quale sarà molto impegnato: la contrattazione sociale e territoriale.

Inoltre coordinerà il lavoro delle varie categorie sindacali territoriali assistendole nelle vertenze più importanti.

Per rivestire tale importante ruolo su una delle due zone più industrializzate e sindacalizzate della provincia occorreva esperienza e conoscenza del territorio motivo per cui la scelta è caduta sulla persona di Marco Sali già funzionario di FILLEA (edili), FILCAMS (commercio) e FILCTEM (industria chimica e gomma-plastica).

Inoltre Sali è tuttora Segretario Generale Provinciale di SLC CGIL ALESSANDRIA Sindacato Lavoratori delle Comunicazioni. Ha inoltre al suo attivo un’esperienza confederale maturata come Coordinatore di zona della CDL di Acqui Terme (AL).

“C’è tanto lavoro da fare per rilanciare l’attività sul territorio, ma Novi Ligure e Ovada per CGIL sono luoghi pieni di energie e persone capaci. Confido, con l’indispensabile aiuto proprio di quelle persone e col tempo, di costruire concretamente un percorso di cui essere tutti orgogliosi.” Sono le prime parole di Sali.

NOVI LIGURE. CONFERENZA STAMPA DAVANTI AI CANCELLI DELLA PERNIGOTTI.

COMUNICATO PERNIGOTTI

NON C’E’ PIU’ TEMPO!!!

DOPO IL CONSIGLIO COMUNALE DI LUNEDI’ SERA A NOVI LIGURE CHE HA VISTO L’INTERVENTO DEI DIPENDENTI PERNIGOTTI, LE SEGRETERIE TERRITORIALI DI FAI CISL, FLAI CGIL E UILA UIL INDICONO UNA CONFERENZA STAMPA PER VENERDI’ 25 FEBBRAIO ALLE ORE 15.00 DAVANTI AI CANCELLI DELLA FABBRICA.

A GIUGNO TERMINERANNO LE COPERTURE DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI.

I DIPENDENTI VOGLIONO CONOSCERE IL LORO FUTURO E LA CITTA’ DI NOVI LIGURE NON MERITA DI ESSERE TRATTATA COSI’ DA UNA PROPRIETA’ CHE FINO AD ORA HA FATTO SOLO PROMESSE.

Alessandria, 22/02/2022

I Segretari Generali Provinciali

FAI CISL FLAI CGIL UILA UIL

Enzo Medicina Raffaele Benedetto Tiziano Crocco

SPINETTA MARENGO. LA RSA “GIGI E TERESIO CAPRA” DI SERENI ORIZZONTI E’ COVID FREE.

La Rsa ‘Gigi e Teresio Capra’ di Sereni Orizzonti è Covid-free

Da pochissimi giorni la residenza sanitaria per anziani ‘Gigi e Teresio Capra’ è stata ufficialmente dichiarata Covid-free dall’azienda sanitaria locale.

Nelle scorse due settimane anche nella Rsa di Spinetta Marengo (Al), come in molte altre residenze per anziani, si era fatto sentire il peso della nuova ondata. L’emergenza è stata gestita con la massima priorità dai medici, infermieri e operatori e ad oggi la struttura può allentare le restrizioni, anche se con estrema cautela per non pregiudicare i risultati fin qui ottenuti.

«Fortunatamente fra i nostri ospiti c’è una copertura vaccinale molto alta: praticamente tutti hanno ricevuto la terza dose» – afferma Graziella Stivilla, la direttrice della residenza – «Questo ha fatto sì che i positivi riscontrassero dei sintomi molto lievi».

L’edificio può ospitare un totale di 80 anziani ed è suddiviso in 4 nuclei da 20, due al primo piano e due al secondo. «Questa particolare conformazione si è rivelata di estrema utilità durante la gestione dei contagi» – prosegue la direttrice – «Abbiamo immediatamente compartimentato il piano dove si trovavano i positivi, che continuavano ad essere assistiti da infermieri e operatori che lavoravano esclusivamente con loro. Così facendo non abbiamo mai stoppato i nuovi inserimenti nelle altre aree della residenza».

La struttura, situata alle porte di Alessandria, può ospitare in totale 80 anziani non autosufficienti e occupa circa 40 lavoratori. Il gruppo Sereni Orizzonti, azienda friulana leader nel settore sociosanitario, gestisce circa 80 residenze assistenziali in Italia, in Germania e in Spagna per un totale di 5600 posti letto; in Piemonte è presente con 35 strutture.

CASSANO SPINOLA(AL). LA ROQUETE SCEGLIE LA RSU DELLA CGIL.

I lavoratori della Roquete si Cassano Spinola hanno ericonosciuto l’ottimo lavoro svoilta dalla RSU della CGIl e in massa hanno votato, l’11 febbraio ’22, per confermare la rappresentanza della CGIL nelle R.S.U. aziendali della ROQUETTE.

Il risultato del percorso di scelta della rappresentanza ha premiato la CGIL, che su 280 votanti ha ottenuto 240 preferenze realizzando così un incremento del numero dei componenti interni alla R.S.U. rispetto alla precedente tornata elettorale.

Il voto ha infatti stabilito un numero di delegate e delegati di 10 componenti su 11 posti totali a disposizione.

Il risultato elettorale riconosce il lavoro svolto negli anni dalla rappresentanza sindacale della CGIL e rinnova la fiducia da parte delle lavoratrici e dei lavoratori della ROQUETTE!

Il rinnovo delle R.S.U. rimane sempre un momento estremamente importante in un ambito lavorativo perché espressione di democrazia e sigillo di rappresentanza.

Il segretario provinciale della CGIL FILCTEM ringrazia le iscritte, gli iscritti e tutti quelli che con il loro voto hanno sostenuto la CGIL

ALESSANDRIA. FUMATA NERA IN PREFETTURA PER L’IPAB DI CASTELLAZZO BORMIDA.

“Resoconto riunione in Prefettura Ipab Castellazzo Bormida concluso con una fumata nera”

Si è concluso da poco l’incontro in Prefettura relativo alla situazione dell’Ipab Castellazzo Bormida, a tale incontro hanno partecipato CSE SANITA’, Prefettura di Alessandria, Asl Al, Cooperativa Sociale Eurotrend Assistenza Arl, Direzione Ipab, Comune di Castellazzo Bormida, CGIL FP e Regione Piemonte.

E’ stato comunicato che la struttura verrà chiusa, visto la totale propensione di tutti gli enti presenti al tavolo di una chiusura e di una “non presa di posizione” su quali siano le cause e i soggetti che abbiano portato l’Ipab in questa situazione di estrema difficoltà.

Durante l’incontro sia il Comune ha comunicato l’intenzione di trasferire con dei sussidi economici gli ospiti dalla Struttura di Castellazzo e quindi da un giorno all’altro per totale mancanza organizzativa e malagestione si ritroveranno ad andarsene via dalla dimora che gli ha ospitati per tanti anni.

Non c’è quindi speranza per il personale dipendente della Cooperativa che al momento del trasferimento di tutti gli ospiti verrà licenziato.

E’ stata portata al tavolo anche la possibilità, tramite accordo sindacale, di far passare i dipendenti dalla Cooperativa all’ente o gli enti in cui verranno trasferiti gli ospiti, anche se per la scrivente tale possibilità sembra essere un miraggio non realizzabile per aspetti contrattuali ed economici.

L’incontro si è concluso con la promessa di eseguire incontri sul futuro del personale.

“Sperando che la Regione possa cambiare idea sul futuro dell’Ipab cercando di salvaguardare i lavoratori e gli ospiti tutti o che comunque, nella peggiore delle ipotesi, si possa dare un proseguo occupazionale ai lavoratori tutti senza creare ulteriori problemi di quanti non ne abbia già portati questa pandemia, la Cse sanità comunque sarà sempre dalla parte dei lavoratori” ha dichiarato alla fine dell’incontro Mensi Claudia

Referente Territoriale CSE SANITA’.

L’Ufficio Stampa del Coordinamento Regionale Piemonte

Cse sanità Dip. Flp

Cell: 331/7229037

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: