Categoria: CULTURA

QUARGNENTO. L’ARTE BATTE IL COVID19, RIPARTE L’ESTEMPORANEA DI PITTURA DEDICATA A CARLO CARRA’.

Edizione estemporanea di pittura 2022

Complice il caldo estivo in anticipo e la voglia di arte e cultura riparte dal borgo di Carlo Carrà, organizzata dal comune di Quargnento e fortemente voluta dal sindaco Paola Porzio, l’estemporaenea di pittura che da anni attira artisti da tutta Europa, ma come altre attività artistiche e culturali hanno dovuto fermarsi a causa della pandemia da coronavirus, che ha colpito tutto il mondo, causando milioni di decessi.

L’edizione del 2022 tornata dopo due anni di stop ha fatto registrare un enorme successo di artisti e alcuni di loro non hanno nascosto la gioia e la soddisfazione di tornare a occupare gli spazi quargnentini di fronte e nelle vie a lato della basilica minore dedi cata a San Dalmazio.

Seguirè alle 18,30 la premiazione delle opere realizzate durante la giornata nel parco Gamboa, ex asilo, mentre la pro loco Quadrigentum ha pronti drink per dissetare i presenti alla manifestazione.

Elenco vincitori estemporanea di pittura:

Premio Carlo Carrà, Viva la vita di Boscolo Daniela

Premio Comune di Quargnento, Non può (non)piovere per sempre di Ferretti Daniela

Servizio fotografico Giuseppe Amato

Seguirà la presentazione del video dedicato all’estemporanea di pittura.

TORINO. IL PREMIO DI LETTERATURA SPORTIVA”GIANNI MURA”

NASCE IL PREMIO DI LETTERATURA SPORTIVA “GIANNI MURA”
La prima edizione sarà presentata domenica 22 maggio al Salone Internazionale del Libro

Domenica 22 maggio alle ore 15.30, nella sala Olimpica del Salone Internazionale del Libro, sarà presentato il Premio di Letteratura Sportiva dedicato al giornalista Gianni Mura.
La Città di Torino e il Salone hanno concordato di dar vita a questa iniziativa letteraria con l’obiettivo di valorizzare e promuovere la letteratura, la narrativa e la cultura sportiva e la sua crescita e diffusione quale valore fondamentale del vivere sociale e della qualità della vita.
Il premio è rivolto a due categorie: il miglior libro di letteratura sportiva e il miglior libro di letteratura sportiva per ragazzi. È inoltre prevista una terza categoria, che consiste nella menzione della giuria che verrà assegnata per il miglior libro sul tennis.
La Giuria selezionatrice, presieduta dal Sindaco della Città di Torino o suo delegato, sarà composta da 11 membri indicati dalla Città, dal Salone, dalla Federazione Italiana Tennis, da soggetti sostenitori del Premio e da 5 giornalisti ed esperti in ambito sportivo.
Per questa prima edizione, i titoli scelti dalla Giuria tra gli autori che abbiano pubblicato opere a tema tra il primo maggio 2021 e il 31 marzo 2022, verranno votati successivamente con metodo misto dalla Giuria e dal pubblico del Salone del Libro, che potrà procedere da inizio ottobre alla votazione sul sito http://www.salonelibro.it.
La proclamazione dei vincitori 2022 avverrà a novembre, durante le Nitto ATP Finals.
La Città di Torino ha chiesto a Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Camera di Commercio di Torino di accompagnare questo percorso e di sostenere il Premio affinché possa coinvolgere un vasto pubblico e affermarsi come punto di riferimento per il giornalismo e la narrazione sportiva.
Per il Sindaco della Città di Torino l’istituzione di un premio di letteratura sportiva dedicato a Gianni Mura non rappresenta solo il giusto tributo a una delle più prestigiose penne conosciute dal giornalismo sportivo italiano ma, pensando all’attuale momento storico che vede tristemente l’Europa teatro di una guerra, ricorda a tutti noi che lo sport può e deve essere sempre uno strumento di unione e fratellanza tra i popoli e uno straordinario veicolo per diffondere la cultura dell’amicizia, della solidarietà e della pace.
“Presentare il Premio Gianni Mura qui al Salone è motivo di grande orgoglio, – ha sottolineato Silvio Viale presidente dell’Associazione Torino Città del Libro – sia perché è intitolato a uno dei più importanti giornalisti sportivi di sempre, sia perché il progetto sancisce ancora una volta il legame forte con la Città di Torino. Tutto questo ci consente di parlare di storie di sport, tema che sta molto a cuore al Salone come dimostra il lavoro dei podcast Fuoriclasse e il corposo palinsesto sportivo di incontri a tema sportivo di questa edizione. Ci auguriamo che in tanti partecipino al premio per celebrare lo sport e la sua narrazione insieme a noi”.

Torino, 20 maggio 2022

Luisa Cicero

Ufficio Stampa e Relazioni con i Media

piazza Palazzo di Città 1

10122 Torino

tel. +39. 011/011.21932

mobile +39346/23569

luisa.cicero@comune.torino.it

http://www.torinoclick.it

TORINO. Europa. L’illustrazione italiana racconta l’Europa dei popoli. |

Il nuovo progetto di Palazzo Madama con Fondazione Torino Musei, Città di Torino e Regione Piemonte.

16 maggio – 30 giugno 2022

piazza San Carlo e via Po

In occasione del Comitato interministeriale per gli Affari Esteri, che si terrà a Torino il 19 e 20 maggio 2022, a chiusura del semestre della Presidenza italiana del Consiglio d’Europa, la Città di Torino, la Regione Piemonte e Palazzo Madama con la Fondazione Torino Musei promuovono il progetto Europa. L’illustrazione italiana racconta l’Europa dei popoli, con il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e del Ministero della cultura.

Sedici grandi illustratori italiani, sette donne e nove uomini, già ampiamente affermati a livello internazionale, hanno realizzato sedici illustrazioni originali dedicate ai valori promossi dal Consiglio d’Europa.

Le opere sono posizionate su stendardi bifacciali in due spazi aulici di Torino, i portici di piazza San Carlo e di via Po, a definire una narrazione che, attraverso il valore assoluto delle immagini, diventa facilmente comprensibile e interpretabile da ogni cittadino, di qualsiasi nazione.

Le illustrazioni raccontano i valori fondanti dell’Unione Europea e dei popoli europei, prendendo avvio da Palazzo Madama, edificio che, con i suoi duemila anni di storia, interpreta come pochi altri l’identità europea: nel 1861 fu infatti sede del primo Senato del Regno d’Italia e cent’anni più tardi ospitò la firma della Carta Sociale Europea. Le opere evocano poi la storia di Torino, culla del Risorgimento e dell’indipendenza nazionale, ma anche città da sempre multiculturale e quella del Piemonte, regione del positivismo nelle scienze e nella ricerca, dall’agricoltura alla tecnica.

Gli illustratori coinvolti e i temi trattati sono: Matteo Berton, Palazzo Madama; Francesco Bongiorni, Torino; Riccardo Guasco, Piemonte; Camilla Falsini, Libertà; Elisa Seitzinger, Rispetto della dignità umana; Andrea Serio, Uguaglianza; Anna Parini, Democrazia; Francesco Poroli, Stato di diritto; Irene Rinaldi, Rispetto dei diritti umani; Lucio Schiavon, Fratellanza; Ale Giorgini, Lavoro; Emiliano Ponzi, Cultura; Bianca Bagnarelli, Pace; Marina Marcolin, Ambiente; Gianluca Folì, Scienza; Giulia Conoscenti, Inclusione.

La mostra, per il suo alto valore educativo e civico, diverrà poi un percorso didattico per gli istituti comprensivi di Torino e del Piemonte, oltre a essere organicamente strutturata in un progetto espositivo veicolato in ogni provincia e proposto agli istituti italiani di cultura all’estero.

L’evoluzione del progetto prevede, dunque, che da una mostra “di piazza” si passi a una mostra itinerante, che vedrà il coinvolgimento di diversi luoghi del territorio per raccontare i grandi valori dell’Europa attraverso l’arte.
Conferenze, incontri a tema, laboratori e spettacoli teatrali saranno gli eventi collaterali di questa originale operazione, che per la prima volta vede un museo civico, luogo di identità europea, diventare committente di giovani illustratori italiani di fama internazionale, costruendo un dialogo tra la sua storia millenaria e il linguaggio grafico dell’illustrazione.

L’Europa illustrata testimonia l’importanza attuale dell’illustrazione italiana, da alcuni anni protagonista di un nuovo Rinascimento, in cui le capacità creative dialogano con le possibilità offerte dal digitale.

L’esposizione è accompagnata da un catalogo scientifico, edito da Silvana Editoriale, con saggi e citazioni antologiche delle opere realizzate dagli illustratori.

La presentazione del progetto avverrà sabato 21 maggio alle ore 12 al Salone Internazionale del Libro 2022 presso lo Spazio Città di Torino (padiglione 1, D 102). Interverranno Ale Giorgini, Elisa Seitzinger, Andrea Serio e Giovanni Carlo Federico Villa, direttore di Palazzo Madama.

Ufficio Stampa

Palazzo Madama | Stefania Audisio
M 342 6266357 @ stefania.audisio@fondazionetorinomusei.it

TORINO. PROGRAMMA CULTURALE ESTATE 2022/2023

PROGRAMMA CULTURALE ESTATE 2022-2023
I PROGETTI CHE HANNO SUPERATO LA SELEZIONE

Sono 18 i progetti estivi ritenuti idonei, su 27 valutati, a seguito dell’avviso pubblico per la presentazione di progetti relativi a ‘Programma culturale estate 2022-2023’ pubblicato il 30 marzo scorso.
Di questi i primi 12 saranno finanziati attraverso la Fondazione per la Cultura Torino. Il bando prevedeva che il sostegno economico fosse assegnato a due categorie distinte di progetti: – categoria A, progetti con budget maggiore o uguale a 80mila euro con una programmazione di un minimo di 20 giornate di attività anche non consecutive; categoria B, progetti con budget maggiore o uguale a 20mila euro e minore di 80mila euro con una programmazione di un minimo di 10 giornate di attività anche non consecutive.
Dei 27 progetti ammessi alla valutazione, 11 appartengono alla categoria A (di questi 6 riceveranno un sostegno economico pari a 40mila euro ciascuno, 2 un aiuto in servizi e 3 sono risultati insufficienti) e 16 fanno parte della categoria B (di questi 6 riceveranno un sostegno economico pari a 10mila ciascuno, 4 un aiuto in servizi e 6 sono risultati insufficienti).
Tutti i 18 progetti idonei (sia i 12 che riceveranno il contributo, sia gli altri) potranno usufruire: dell’esenzione del canone unico patrimoniale di concessione dell’occupazione di spazi e aree pubbliche sull’area di spettacolo, se dovuto; della riduzione del 50% del canone dovuto per le aree dove insistono spazi accessori adibiti ad attività̀ commerciali (somministrazione di cibi e bevande), economiche e di vendita (si specifica che la superficie di suolo pubblico destinata alle attività commerciali accessorie o altre attività economiche e di vendita non deve superare il 50% della superficie complessiva richiesta per la realizzazione dell’evento). Inoltre, potranno godere della concessione a titolo gratuito per l’intero periodo di materiale economale come tavoli, sedie, transenne, palchi, pedane limitatamente alle dotazioni e alle esigenze della Città, e comunque fino a esaurimento scorte, previo deposito della dovuta cauzione. La liquidazione del sostegno finanziario ai 12 progetti che riceveranno il contributo avverrà in due tranches: il 70% di anticipo all’inizio e il 30% a saldo al termine della manifestazione.


Due le novità di quest’anno: la valenza biennale del bando e la valutazione da parte di due Commissioni di tutti i progetti.

La volontà dell’assessorato alla Cultura – che ha indicato le linee guida per la realizzazione del bando – è esaltare e sostenere in maniera concreta la crescita delle realtà culturali, enti e associazioni interessate a creare attività e iniziative su spazi a uso pubblico, attraverso azioni mirate a generare una sempre maggiore sostenibilità nel tempo. Per questo motivo le progettualità presentano un’offerta a carattere biennale come le graduatorie. I selezionati saranno soggetti a riconferma a seguito del controllo di regolarità della rendicontazione per le attività dell’anno 2022.
Il lavoro di due Commissioni – una tecnica, composta da membri indicati dalla Città di Torino, esperti in normative inerenti al pubblico spettacolo e l’altra preparata nella programmazione culturale – è stato l’altro tratto distintivo del bando. Operando in sinergia e in continuità hanno reso possibile una valutazione approfondita e dettagliata, consentendo la definizione di un programma culturale, attrattivo e di livello.
Obiettivo del cartellone sarà invitare le persone a frequentare i parchi, le aree verdi e gli spazi urbani anche nelle zone decentrate. Gli eventi dedicheranno una particolare attenzione alla sostenibilità ambientale e a quella economica prevedendo al loro interno anche la possibilità di una componente commerciale a supporto dell’impegno dei gestori.
Tutte le attività dovranno essere allestite nel rispetto delle norme di sicurezza e delle disposizioni vigenti al momento della realizzazione per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19.

8 PROGETTI IDONEI DELLA CATEGORIA ‘A’

Associazione Tedacà
Parco della Tesoriera
EVERGREEN FEST – 2 giugno / 24 luglio 2022

Associazione Hiroshima Mon Amour
Hiroshima Mon Amour – in via Bossoli 83
HIROSHIMA SOUND GARDEN – 1 giugno / 27 settembre 2022

l’ARTeficIO APS
Giardino di via Carlo Ignazio Giulio 14a
ESTATE IN CIRCOLO 2022 – 18 giugno / 18 settembre 2022

Associazione sPAZI mUSICALI – sPAZIO211
sPAZIO211 – via Francesco Cigna 211
SUN OF A BEACH vol. IV – 17 giugno / 25 settembre 2022

Agenzia per lo Sviluppo Locale di San Salvario Onlus
Cortile della Casa del Quartiere e Aiuola Ginzburg
ESTATE SENZA CONFINI – 9 giugno / 25 settembre 2022

Associazione Museo Nazionale del Cinema
Oratorio Michele Rua / Teatro Monterosa, Community Hub di via Baltea 3, Casa del Quartiere Bagni Pubblici di via Aglié, Boschetto – l’orto di Barriera, Centro Interculturale di corso Taranto
BARRIERA A CIELO APERTO – 4 giugno / 28 settembre 2022

Per la categoria A sono risultati IDONEI MA SENZA CONTRIBUTO i progetti presentati da Distretto Cinema e Associazione Cantabile che, quindi, se vorranno potranno realizzare comunque le proprie attività godendo dei benefici come sopra descritti.

10 PROGETTI IDONEI DELLA CATEGORIA ‘B’

Fondazione della Comunità di Mirafiori Onlus
Casa nel Parco, CPG – Centro di Protagonismo Giovanile, Spazio WOW di via Onorato Vigliani
ESTATE A SUD – 3 giugno / 30 settembre 2022

Goodness AC
Zona Gasometri tra Vanchiglia e Vanchiglietta
IL GIARDINO DI OFF TOPIC – 3 giugno / 30 settembre 2022

Associazione Nessuno Lombroso16
Polo Culturale Lombroso16
IL CORTILE DELLA FELICITA’- 2 giugno / 24 settembre 2022

Assemblea Teatro
Mausoleo della Bela Rosin
ANCORA TI RACCONTO UN LIBRO – 9 giugno / 21 settembre 2022

Stalker Teatro Soc. Coop.
Piazza Montale e cortile delle Officine CAOS
IL CORAGGIO DI ESSERE FELICI – 17 giugno / 16 luglio 2022
Banda Larga APS
Parco del Valentino – Imbarchino
IMBARCHINO ESTATE OF MIND – 2 giugno / 25 settembre 2022

Per la categoria B sono risultati IDONEI MA SENZA CONTRIBUTO i progetti presentati da Associazione Culturale Zampanò, Associazione Culturale Immagina, Associazione Qubì ETS, Il Mutamento Zona Castalia ETS, che, quindi, se vorranno potranno realizzare comunque le proprie attività godendo dei benefici come sopra descritto.

Torino, 17 maggio 2022

ALESSANDRIA. VENERDI’ 20 MAGGIO, SESTO APPUNTAMENTO DI “E A UN CERTO PUNTO IL ROSSO CAMBIO’ COLORE” ALLA FONDAZIONE LUIGI LONGO.  

SCRITTORE PIERPAOLO PRACCA DI “GRAMA TERA” CON RICKY AVATNEO E UMBERTO POLI IN CONCERTO.

Venerdì 20 maggio, sesto appuntamento di “E a un certo punto il rosso cambiò colore” alla Fondazione Luigi Longo con lo scrittore Pierpaolo Pracca e la presentazione di “Grama Tera” con Ricky Avataneo e Umberto Poli in concerto.

Venerdì 20 maggio – ore 21, ingresso libero – alla Fondazione Luigi Longo (via Baudolino Giraudi 421- Castellazzo Bormida) si terrà il sesto appuntamento, della rassegna “E a un certo punto il rosso cambiò colore”. La serata intitolata “Tutte le memorie scritte del mondo” vedrà protagonisti lo scrittore Pierpaolo Pracca con la presentazione del libro “I sogni della Bollente” e la presentazione concerto del CD “Grama Tera” prima straordinaria opera dell’omonimo duo comporto dal cantautore Ricky Avataneo e dal polistrumentista Umberto Poli. Nella prima parte della serata, introdotto da Lionello Paolo Edoardo Archetti-Maestri, Pierpaolo Pracca ci racconterà alcune storie della Bollente, aneddoti, leggende, scorci di memoria legati a doppio filo con personaggi tanto spontanei, quanto “mitici” della città di Acqui Terme, uno sguardo poetico, morbido d’amore, sul quartiere della Pisterna e dei suoi variegati abitanti – con un riflettore acceso e puntato proprio sulla fontana della Bollente! -. Il suo racconto sarà arricchito dalle voci di Francesca Lagomarsini e Paolo Saraceno che interpreteranno alcuni frammenti tratti dal libro. Pierpaolo Pracca antropologo e studia la storia delle mentalità, alterna il lavoro di scrittore a quello di psicanalista. Ha pubblicato diversi articoli per riviste scientifiche di settore. E i seguenti saggi e romanzi: Natura e morale (2004), Cesare Pavese: il meriggio e il sacro (2006), Cesare pavese: le colline e il sole (2007), Il venditore di poesie (2009), L’amore, la morte e il basilico (2010), A tavola nel paese che non c’è (2011), Cibo e utopia (2013), I sogni della Bollente (2018), Dove la terra finisce: I viaggi gastrosofici di Eugenio Montale in Normandia Bretagna (2021), La cucina magica di Dino Buzzati (2021), Profumo di basilico (2022). La seconda parte della serata vedrà in scena la band Grama Tera con un concerto di canzoni originali e tradizionali, il suono ora torbido, ora coloratissimo di un progetto in cui le corde, gli effetti e le suggestioni sonore di Umberto Poli si fondono a meraviglia con le storie senza tempo del cantautore Ricky Avataneo. In Grama Tera – una band, ma anche un disco, un’idea artistica e culturale – il folk, il blues e il rock più sperimentale incontrano, si mescolano, prendono letteralmente a schiaffi la lingua italiana e le molteplici sfumature del dialetto di Torino e provincia. Venerdì ascolteremo la quasi totalità dei brani del nuovo album di questi artisti piemontesi Umberto Poli (membro fondatore de Lastanzadigreta, con i quali nel 2017 ha vinto la Targa Tenco per la migliore Opera Prima con l’album “Creature Selvagge” e fondatore e leader dei Gospel Book Revisited) e il cantautore scrittore Ricky Avataneo (diversi dischi all’attivo come solista e con la Polveriera Nobel), in arte Grama Tera, accompagnati per l’occasione da una formidabile band con Simone Zoja alla fisarmonica e Gianfranco Nasso al contrabbasso e all’ukubass. Ad emergere da questo intreccio artistico è un amalgama compatto ed evocativo che – sulla scia di Woody Guthrie, Johnny Cash, Bob Dylan, Nick Cave, Mark Lanegan, Ry Cooder, Rhiannon Giddens e molti altri riferimenti illustri – tratteggia con immediatezza paesaggi in grado di spaziare dalle piole del Monferrato alle montagne di Valsusa e Val d’Aosta, dalle risaie del vercellese ai juke joint del Mississippi. Ballate criminali, canti di lavoro e fenomeni atmosferici. Venite ad ascoltare per credere! Ci attende, dunque, una serata molto, ma molto particolare, che affonderà le radici nella nostra terra, nei suoi segreti, nelle sue zone d’ombra, tra i suoi raggi luminosi! Ci fa piacere ricordare che collaborano a questa manifestazione culturale, con il patrocinio del Comune di Castellazzo Bormida, l’Associazione Gioco del Mondo, l’Associazione Memoria della Benedicta, Radio Gold e la Ristorazione Sociale “Ristò” – che durante l’evento offrirà anche un servizio bevande – e che la direzione artistica della rassegna è affidata a Paolo E. Archetti Maestri ed Eugenio Merico (due quarti degli Yo Yo Mundi). L’ingresso è libero fino a esaurimento posti, gradita la prenotazione ai numeri: 338.3285336 345.7395242 393.9094004 – volendo anche messaggi whatsapp – oppure scrivendo a segreteria@fondazioneluigilongo.it (si ricorda che è possibile contribuire alle attività della Fondazione http://www.fondazioneluigilongo.it).

Gli eventi si terranno al coperto, nelle sale espositive della Fondazione Longo.

Vi aspettiamo numerosi!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: