Categoria: COSTUME E SOCIETA’

ALESSANDRIA. V GIORNATA MONDIALE DEI POVERI.

V Giornata Mondiale dei Poveri: pubblicato il Report 2020 di Caritas Alessandria. Mattinata di condivisione e riflessione alla mensa “Tavola Amica”


In occasione di un pranzo nella casa di un certo Simone detto “il lebbroso”, alcuni giorni prima della Pasqua, Gesù proferì queste parole: “I poveri li avete sempre con voi”. Le stesse parole sono state scelte da Papa Francesco come tema della V Giornata Mondiale dei Poveri. Quale gesto più opportuno, quindi, di un pasto offerto a chi vive condizioni di estremo disagio per fare proprio il significato della ricorrenza istituita dal Santo Padre nel 2017 e tradurne il messaggio in un concreto atto di condivisione?Nella mattinata di domenica 14, insieme a Sie Onlus, Caritas Alessandria ha scelto di celebrare la “Giornata dei poveri” alla mensa “Tavola Amica” con un simbolico momento di riflessione.

A partire dalle 11 in via delle Orfanelle è stato distribuito un pasto completo a circa ottanta persone che solitamente si rivolgono al servizio. Ai fornelli, al fianco dei volontari dell’associazione Opere Giustizia e Carità, anche una giovane allieva del corso di cucina dell’Enaip.

Una decina di ragazzi del Gruppo Scout Agesci (Alessandria 1-2-3) hanno invece confezionato e distribuito le pietanze – frittate, stufati, torte salate, minestre e salami di cioccolato – sia per l’asporto che per il consumo “in loco” nel nuovo refettorio allestito da poche settimane. Terminato il pranzo, i volontari di Sie Onlus hanno consegnato agli utenti indumenti e materiali di altro genere donati all’associazione.

“Nonostante l’emergenza sanitaria non sia terminata – commenta Giampaolo Mortara, direttore di Caritas Alessandria – abbiamo voluto dare a coloro che vivono in condizioni di fragilità la possibilità di poter usufruire di un pasto completo e, a libera scelta, di consumarlo al riparo nel nostro nuovo refettorio, ovviamente nel rispetto di tutte le misure precauzionali.

Abbiamo organizzato questa giornata per condividere certamente un momento di riflessione in occasione della V Giornata Mondiale dei Poveri ma, allo stesso tempo, per dare simbolicamente il via a quella che, per noi di Caritas come per tutta la comunità, speriamo possa essere una nuova ripartenza.

Voglio ringraziare Sie Onlus, i ragazzi del Gruppo Scout e, come di consueto, i volontari dell’associazione Opere Giustizia e Carità”.

In occasione della Santa Messa per la Festa di San Baudolino celebrata in Duomo, nella serata di sabato 13 Monsignor Guido Gallese ha ricordato il significato della V Giornata Mondiale dei Poveri con un momento di raccoglimento per ascoltare con la vicinanza del cuore i poveri attraverso le parole del Vangelo. Come ogni anno le celebrazioni della “Giornata dei poveri” hanno anche offerto a Caritas Alessandria l’opportunità di presentare il quadro delle criticità e delle “opere segno” messe in campo nel 2020. 


Nell’anno drammaticamente segnato dalla pandemia da Covid19, le operatrici del Centro di Ascolto hanno incontrato e accompagnato 382 nuclei familiari e gli ostelli maschile e femminile hanno offerto ospitalità a 122 persone. Nel periodo marzo-dicembre 2020 la media dei pasti offerti è stata di 85 al giorno, contro i 62 giornalieri del 2019.

“Oltre ad aver reso ancora più precario il quotidiano di chi già viveva in condizioni di disagio economico e ad aver generato nuove povertà, la drammatica eccezionalità dall’emergenza sanitaria è andata inevitabilmente a condizionare, e in molti casi ad alterare, le consuetudini che caratterizzavano i servizi di accoglienza negli anni pre-Covid – ha sottolineato Roberto Massaro, Presidente dell’associazione Opere di giustizia e carità – Alla lettura del Report di Caritas Alessandria relativo all’anno pandemico, perciò, è importante tener conto degli stravolgimenti“.

ALESSANDRIA. ULTIMI GIORNI PER PRENOTARE IL CALENDARIO 2022 DELLA POLIZIA DI STATO PER L’ACCESSO EQUO E SOLIDALE AI VACCINI E IN FAVORE DEL PIANO “MARCO VALERIO”.

Ultimi giorni per prenotare il Calendario Polizia 2022

Ultimi giorni calendario polizia 2022

Siete ancora in tempo per prenotare la vostra copia del calendario 2022 della Polizia di Stato. Ultimi giorni per fare una scelta con il cuore, all’insegna della solidarietà.

Basta effettuare un versamento sul conto corrente postale nr. 745000, intestato a “Comitato Italiano per l’Unicef”. Sul bollettino dovrà essere indicata la causale “Calendario della Polizia di Stato 2022” e la copia della ricevuta del versamento andrà consegnata presso l’Ufficio relazioni con il pubblico della tua questura di riferimento. Come nelle passate edizioni, potrete avere quello da parete al costo di 8 euro e quello da tavolo a 6 euro.

Quest’anno sarà ancora più emozionante sfogliarlo perché è il risultato di un concorso fotografico a cui hanno partecipato i poliziotti di tutta Italia con un loro scatto. Le immagini rappresentano l’attività delle donne e degli uomini della Polizia di Stato al servizio della comunità. E proprio attraverso l’obiettivo hanno cercato di cogliere la passione che contraddistingue ogni giorno il nostro #essercisempre.

Come di consueto, i 12 scatti vincitori saranno svelati durante la presentazione del Calendario; tuttavia, è già possibile prenotare la propria copia per riceverlo entro la fine del 2021.

Anche quest’anno il calendario si lega ad un doppio progetto di solidarietà. Il ricavato della vendita finanzierà in parte il progetto “COVAX per un accesso equo e globale ai vaccini”, del Comitato italiano per l’Unicef Onlus, ed in parte sarà devoluta al Fondo assistenza per il personale della Polizia di Stato, in favore del Piano “Marco Valerio” che si occupa del sostegno ai poliziotti con figli affetti da patologie croniche.

NOVARA. BAMBINA ABBANDONATA IN UCRAINA RIPORTATA IN ITALIA DALLO SCIP.

Lo SCIP riporta in Italia una bambina abbandonata in Ucraina

minore

Una bambina di un anno, nata da un parto con tecnica di maternità surrogata, era stata abbandonata in Ucraina dai genitori italiani, ma la piccola che risponde al nome di una fata è stata affidata ad una nuova famiglia italiana.

Il Servizio per la cooperazione internazionale di Polizia (SCIP), ufficio interforze della Direzione centrale della Polizia criminale, articolazione del Dipartimento di pubblica sicurezza, guidata dal prefetto Vittorio Rizzi, ha gestito la conclusione della triste storia con il rientro della bambina a Malpensa da Kiev.

nella sconvolgente vicenda era coinvolta una coppia italiana che si era recata in Ucraina nell’agosto del 2020 per coronare il loro desiderio di avere un figlio attraverso una madre surrogata.

Dopo il riconoscimento della bambina, la coppia è rientrata però in Italia, affidando la piccola ad una baby-sitter reperita sul posto attraverso un’agenzia interinale.

Ma la balia, non avendo avuto più notizie dai genitori e neanche il compenso pattuito, anche per il sostentamento della bambina, si è rivolta al consolato italiano per denunciare il fatto.

L’interessamento della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Novara e della Procura dei minori novarese ha permesso di rintracciare i genitori e di constatare la reale intenzione della coppia di non voler riprendere la loro figlia.

È stato così incaricato lo SCIP per il rimpatrio della piccola, in stretto contatto con il Consolato italiano a Kiev chiamato a rilasciare i documenti necessari per il viaggio.

minore

I poliziotti si sono così trovati a riportare in Italia non un pericoloso latitante, ma una bimba innocente, voluta e poi abbandonata.

Alla missione ha preso parte anche personale della Croce Rossa Italiana che ha inserito nel team operativo una pediatra ed una crocerossina.

Il battesimo del volo per la bimba coincide, dunque, con il suo primo ingresso in patria, accompagnata dagli uomini e donne dello SCIP che l’hanno fatta viaggiare con i suoi peluche preferiti, consegnati al momento della partenza dalla baby-sitter che le aveva fatto da mamma per tutto questo tempo.(fonte polizia di Stato)

ALESSANDRIA. GIORNATA MONDIALE DEL DIABETE 2021.

GIORNATA MONDIALE DEL DIABETE 2021

In occasione della settimana dedicata alla Giornata Mondiale del Diabete, A.D.AL Associazione diabetici Alessandria, promuove in data 12 novembre dalle ore 9.30 alle ore 12.30, una Tavola Rotonda di esperti su argomenti inerenti la sensibilizzazione e informazione alla cittadinanza sulla salute e stile di vita sano della persona con diabete. Sarà un momento di confronto tra illustri professionisti durante il quale, oltre a celebrare i due medici canadesi che nel 1921 grazie a coraggio intuito e metodologia scientifica isolarono per la prima volta l’insulina, si potranno apprendere importanti nozioni sul Diabete e su quali siano le modalità migliori per gestirlo anche dal punto di vista delle associazioni di categoria che operano sul territorio alessandrino.

La conduzione si avvarrà dell’esperienza giornalistica di Massimo Brusasco de “Il Piccolo” di Alessandria.

“Ringrazio la gentile concessione del Sindaco e del Consiglio Comunale per l’utilizzo della Sala del Consiglio – dichiara il Presidente A.D.AL,Ezio Labaguer -; ritengo fondamentale oltre a celebrare il centenario della scoperta dell’insulina che ha salvato milioni di persone, poter ascoltare interventi sul percorso della persona con diabete, dall’ospedale al territorio analizzando problematiche e soluzioni con esperti nel settore e dando voce alle diverse associazioni attraverso le testimonianze dei pazienti”.

“Anche quest’anno – precisa il Sindaco, Gianfranco Cuttica di Revigliasco ci presentiamo tutti uniti nelle lotta contro il diabete. L’obiettivo messo in campo è quello di creare una forte sinergia tra diversi attori principali della sfera socio sanitaria, le istituzioni e le associazioni di volontariato per diffondere conoscenza e alimentare la prevenzione. La giusta comprensione del rischio diabete, anche nei giovani, e la conseguente motivazione ad evitarlo sono i capisaldi per prevenire la malattia diabetica ricordando che una corretta alimentazione e regolare attività fisica, sono le misure basilari da tenere sotto costante controllo”.

“Sono particolarmente soddisfatto di poter ospitare in Comune una tavola rotonda con relatori di spessore che si sofferma sul tema del diabete, estremamente sentito anche da tanti alessandrini – commental’Assessore alle Iniziative nel campo della Salute e dell’Educazione Sanitaria, Davide Buzzi Langhi -.La scienza in merito ha fatto passi da gigante ma la ricerca non si deve fermare e bisogna continuare ad approfondire e a lavorarci sopra come ben fa l’associazione presieduta da Ezio Labaguer. Le nostre strutture sanitarie l’ASO e l’ASL, che molto si sono impegnate nella gestione della pandemia, affrontano con grande professionalità e competenza anche il tema del diabete e li ringraziamo di essere presenti a questa importante tavola rotonda”.

“Si tratta di un importante momento di sensibilizzazione e di informazione – afferma il Presidente del Consiglio Comunale, Emanuele Locci –  per conoscere il diabete, qual è il suo impatto sulle persone e sulla società e come si può prevenire con uno stile di vita sano. Sarà inoltre l’occasione di comprendere quali sono le attività svolte dalla Sanità pubblica e dalle associazioni del terzo settore nella gestione della malattia diabetica sul territorio anche alla luce delle conseguenze dovute alla gestione della pandemia”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: