Categoria: COSTUME E SOCIETA’

QUARGNENTO(AL). RIEVOCAZIONE STORICA DEL DONO DELLE 60 MONETE D’ORO ALLA CHIESA PARROCCHIALE E OTTAVARIO DELLE ALLEGREZZE.

Il borgo di Quargnento come ogni anno dal 1630 offre alla Madonna il dono di 60 monete d’oro per aver concesso al borgo la grazia di risparmiarlo dalla peste che colpì Milano e tutto il Nord Italia.

Il sindaco di Quargnento Paola Porzio offre i ceri, le Allegrezze, in ringraziamento per la grazia del 1630.

La rievocazione storica ha assunto un significato particolare perché il territorio di Quargnento, l’Italia e in tutto il mondo si sta combattendo una guerra contro un nemico invisibile, il Covid-19-Coronavirus, che nel mondo ha già ucciso milioni di persone.

La rievocazione è stata realizzata grazie alla presenza dei figuranti vestiti con i costumi d’epoca, che negli anni scorsi davano vita al palio dell’Oca Bianca in concomitanza con il simposio di scultura e l’estemporanea di pittura dedicata alla figura di Carlo Carrà e gli artisti sparsi in tutti gli angoli del borgo.

La rievocazione storica è stata anche l’occasione per ringraziare la Dottoressa Anna Maria Pavia per il servizio ultraquarantennale svolto come medico di base nel comune di Quargnento e che da quest’anno potrà godersi la meritata pensione e il riposo dagli impegni di lavoro.

Ma Quargnento, conosciuta come la “porta del Monferrato, è anche meta di turisti e ciclisti che nel borgo sostano per dissetarsi prima di proseguire nel percorso, che li porterà a scoprire i vigneti e i percorsi naturalistici delle colline del vino.

La rievocazione storica è solo il primo degli appuntamenti che nel borgo proseguiranno per tutta la settimana con l’Ottavario delle Allegrezze dedicate alla Madonna. Cerimonie in cui le associazioni del borgo doneranno, i ceri, le Allegrezze alla madonna, in segno di devozione e ringraziamento, mentre al termine di ogni funzione religiosa verranno cantate le Allegrezze.

L’amministrazione comunale come da tradizione è stata la prima a offrire i ceri e come da tradizione le autorità, personaggi vestiti con costumi dell’epoca, hanno offerto le 60 monete alla chiesa parrocchiale della basilica minore di san Dalmazio a Quargnento.

fotoservizio e video sono stati realizzati da Giuseppe Amato PhotoAgency/Quotidiano on line.

http://www.photoagency-quotidianoonline.com

VOLPEDO(AL). SIAMO FATTI DI TERRA. TAVOLA ROTONDA CON INCONTRI, DIBATTITI, CIBO, SALUTE E TRADIZIONE.

Alessandria, 2 ottobre 2021

Siamo fatti di terra: a Volpedo sabato 9

I molteplici rapporti che intercorrono tra cibo, salute e tradizione nei territori saranno oggetto della tavola rotonda, che si svolgerà sabato 9 ottobre, con inizio alle ore 9, nel centro di Volpedo e precisamente nella Piazza Quarto Stato.

In che senso “siamo fatti di terra”, come recita il titolo della tavola rotonda, lo diranno i partecipanti: la dietologa Maria Luisa Amerio , il vicepresidente di Slow Food Silvio Barbero e il noto autore e conduttore televisivo Federico Quaranta , stimolati dal giornalista Rai Beppe Rovera in funzione di moderatore.

Al termine della discussione è previsto l’intervento di Mina Cilloni , segretaria nazionale dello SPI CGIL, responsabile del dipartimento Benessere e Diritti.

Lo SPI (Sindacato Pensionati Italiani) è infatti organizzatore, insieme all’associazione Federconsumatori, dello stimolante evento, a cui hanno dato il loro patrocinio il Comune di Volpedo, l’Associazione Pellizza da Volpedo, l’Associazione Terre Derthona, e la Camera di Commercio Alessandria-Asti, quest’ultima anche con un contributo.

I posti a sedere saranno necessariamente limitati e si possono prenotare tramite messaggi WhatsApp al n. 377 0983326.

L’evento si svolgerà nel rispetto delle vigenti normative anti Covid, con esibizione del GREEN PASS. «Ma alla tavola rotonda – sottolinea Antonella Albanese , segretaria provinciale dello SPI CGIL – si affiancheranno una serie di altre iniziative che riguardano la valorizzazione delle ricchezze culturali di questo spicchio di terra con l’obiettivo di unire comunità e territorio.

Con gli esperti si discuterà del tema della longevità, come aggiungere qualità alla vita e salute; quali attenzioni deve porre una persona anziana alla propria alimentazione, tenuto conto dei cambiamenti negli stili alimentari determinati dalla pandemia e le nuove tendenze. Il legame tra cibo, salute e tradizione passa anche dal lavoro; lo diremo in questi luoghi che furono quelli del ‘Quarto Stato’».

«La Federconsumatori – aggiunge Bruno Pasero , – tutela i consumatori di ogni età, e proprio per questo è interessata a quanto fanno i produttori, soprattutto nella direzione dell’agricoltura biologica e della qualità alimentare. Così abbiamo voluto trasformare la nostra iniziativa con lo SPI CGIL in una occasione d’incontro tra consumatori e produttori in campo alimentare, unendo i valori della cultura e dell’ambiente che il territorio offre come opportunità di un nuovo modello di consumo consapevole». La visita guidata ai musei di Pellizza da Volpedo si svolgerà a partire dalle ore 15:00, a cura dell’Associazione di volontari sorta nel suo nome.

Gli interessati si prenotino al più presto telefonando al n. 338 5633056. Al mercato coperto di Volpedo nell’orario 13-15 ci sarà un momento musicale con il gruppo “ 4Emotions ” e una degustazione a cura dei produttori del mercatino biologico.

Le eccellenze alimentari del territorio sono il prodotto di antiche tradizioni custodite con continuità, come quella del Salame Nobile del Giarolo e, in alcuni casi, riscoperte dopo una fase di oblio, come il Timorasso , celebre bianco di cui parlerà lo stesso Walter Massa , presidente di Terre Derthona. Roberto Grattone , del caseificio “Terre del Giarolo” illustrerà le origini e le caratteristiche del formaggio Montebore ; Elisa Gastaldi presenterà i cereali antichi che la sua azienda agricola, Elilu, specializzata in prodotti rigorosamente biologici, coltiva e utilizza nella panificazione; e ci sarà anche Pietro Cairo di Volpedo Frutta: azienda cooperativa che commercializza il 75% della produzione frutticola delle Valli Curone, Grue, Ossona prodotti con il metodo della lotta integrata , che garantisce un residuo zero di antiparassitari . … ma chi non ha mai assaggiato le pesche di Volpedo?

ALESSANDRIA. RITORNO A SCUOLA CON LA POLIZIA DI STATO.

A scuola con la Polizia di Stato.

Nell’anno scolastico appena iniziato, il suono della campanella è stato accompagnato dalle note di “torneremo a scuola”, un motivo musicale nato da un’idea della Polizia di Stato.

Arrangiata dal Vice maestro Roberto Granata, interpretata dalla Banda musicale della Polizia di Stato e cantata dai bambini del coro della scuola “Maria Chierichini” di Amelia con la partecipazione di Red Canzian, Torneremo a scuola racconta in musica, le emozioni degli studenti che dopo i mesi difficili della pandemia ripopolano le aule rimaste a lungo vuote a causa del covid.

Oggi finalmente si torna alla normalità anche se bisogna ancora rispettare le misure di protezione anticovid.

Ed ecco allora che attraverso il linguaggio universale della musica, la Polizia di Stato festeggia insieme ai più piccoli il rientro in classe.

Da anni la Polizia di Stato è vicina agli studenti attraverso numerose iniziative di prossimità, trasmettendo i valori della cultura della legalità e adottando di volta in volta codici di comunicazione diversi, per intercettare il più ampio numero di bambini ed adolescenti. In questa prospettiva nasce per i piccoli il mio diario, l’agenda scolastica destinata agli alunni delle scuole primarie, giunto alla ottava edizione, mentre ai ragazzi più grandi sono destinate, tra le altre iniziative, una vita da social, il pullman azzurro, train to be cool. Parole semplici che toccano il cuore, quelle che compongono la canzone scritta da Giuseppe Anastasi, espressione della gioia dei più piccoli e di buon auspicio per il nuovo anno scolastico.

La canzone, accompagnata da un video le cui riprese sono state effettuate a Roma nella scuola intitolata a “Giovanni Palatucci”- uno degli eroi della Polizia di Stato- del quartiere San Basilio, è già intonata da tanti alunni delle scuole primarie e si appresta a diventare l’inno degli studenti d’Italia. Come ogni anno non mancheranno le iniziative della Polizia di Stato della Provincia di Alessandria.

Il personale specializzato dell’Anticrimine proseguirà nelle conferenze sui temi del bullismo e del cyber bullismo anche con dei supporti digitali per meglio comprendere la problematica e il contenuto così pregnante soprattutto con l’avvento così impattante dei social network fra i giovani.

ALESSANDRIA. PREMIAZIONE BOTTEGHE STORICHE ALESSANDRINE.

PREMIAZIONE BOTTEGHE STORICHE ALESSANDRINE

Ieri sera si è tenuta a Palazzo Cuttica la premiazione delle 63 “Botteghe Storiche alessandrine” iscritte all’albo del Comune di Alessandria alimentato dalla volontà di promuovere quegli esercizi commerciali e imprese artigianali cittadine che esercitano da almeno 40 anni sul territorio e che ormai sono percepiti come bene di interesse collettivo con un intrinseco valore storico e culturale nel tessuto urbano.

Alla serata erano presenti il Sindaco ella Città di Alessandria, Gianfranco Cuttica di Revigliasco, l’Assessore regionale al Turismo e Commercio, Vittoria Poggio, l’Assessore comunale al Commercio e Marketing Territoriale, Mattia Roggero, il Presidente della Camera di Commercio di Alessandria e Asti, Gian Paolo Coscia, il Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, Luciano Mariano, il Presidente di Alexala, Roberto Cava e un Funzionario della Camera di Commercio di Genova.

Durante la serata si è svolta la consegna delle targhe di riconoscimento di “Bottega Storica alessandrina” che ne identifica l’appartenenza da esporre nel proprio locale per trarne la massima visibilità e ha visto approfondire alcuni argomenti sull’importanza che dimostra l’Amministrazione Comunale, in sinergia con Alexala, nella valorizzazione delle stesse, lavorando da un lato sul riconoscimento all’imprenditore e dall’altro attraverso la promozione di circuiti turistici, di touch-point e di produzione di mappe cartacee e digitali che promuovano dei percorsi tematici, snodandosi e andando a toccare le botteghe storiche aderenti. E’ stato anche prodotto un video realizzato in collaborazione con Alexala, che verrà utilizzato per promuovere la nostra Città e le nostre botteghe sia in altre realtà italiane sia all’estero

NAPOLI. ISCHIA PREMIA IL LAVORO DELLA POLIZIA DI STATO.

Premio Ischia 2021: premiata la Polizia di Stato

A Ischia (Napoli) si è svolta la cerimonia di consegna del “42° Premio Ischia internazionale di giornalismo”

La cerimonia di consegna del”42° premio Ischia internazionale di giornalismo”, prestigiosa manifestazione italiana dedicata all’informazione e alla comunicazione che, dal 1980, vede come protagonisti i grandi nomi che hanno fatto la storia del giornalismo italiano ed internazionale, presentata dalla giornalista Paola Saluzzi, si è svolta ad Ischia (Napoli).

Tra i premiati la Polizia di Stato, istituzione vicina ai cittadini da oltre 169 anni, che ha fornito un contributo importante alla comunicazione durante il periodo contrassegnato dalle misure stringenti adottate per contrastare la diffusione del Covid19.

Nella difficile stagione della pandemia le campagne di sensibilizzazione e di comunicazione adottate dalla Polizia di Stato “Hanno saputo trasmettere la vicinanza dello Stato ai cittadini in momenti di difficoltà e di disorientamento”.

Il riconoscimento dell’alto valore istituzionale dimostrato delle donne e degli uomini della Polizia di Stato durante gli ultimi difficili mesi era già stato sottolineato dal presidente della Repubblica Mattarella nel suo messaggio per i 169 anni della fondazione della Polizia.

Un gradimento che è stato confermato dai dati Eurispes 2021 che ha visto, nuovamente, la Polizia di Stato come prima tra le Forze di polizia per indice di apprezzamento da parte dei cittadini.

A Ischia (Napoli) si è svolta la cerimonia di consegna del “42° Premio Ischia internazionale di giornalismo”

Il premio è stato ritirato da Mario Viola, direttore dell’Ufficio relazioni esterne, cerimoniale e studi storici del Dipartimento della pubblica sicurezza.

Ufficio che ha avuto il compito di coordinare ed orientare la comunicazione della Polizia di Stato affinché fosse al passo con l’evoluzione dell’emergenza e di aiuto al cittadino.

La Polizia di Stato è stata protagonista, anche a Lacco Ameno (Ischia), nella giornata di venerdì 3 settembre durante la tavola rotonda: “Un anno straordinario di imprese sportive. Lo Sport italiano come immagine di rilancio del nostro Paese nel mondo. Benefici sociali ed economici, post Covid”.

All’evento, moderato da Alessandro Barbano, condirettore del Corriere dello Sport, ha preso parte Irma Testa, atleta del gruppo sportivo Fiamme oro della Polizia di Stato e prima donna italiana a conquistare una medaglia alle olimpiadi nel pugilato e ha vinto la medaglia di bronzo a Tokyo2020.

Irma Testa

A margine del dibattito, alla campionessa olimpionica, è stato consegnato un premio speciale per le imprese sportive.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: