Categoria: ATTUALITA’

MATTEO RENZI.LE FOTO DELL’ALBUM DI MATTEO RENZI IN VISITA ALLA CASA BIANCA.DOMENICA 23 OTTOBRE 2016 AD ALESSANDRIA PER L’INAUGURAZIONE DEL PONTE MEYER.

DA WASHINGTON,IN VISITA UFFICIALE ALLA CSA BIANCA,RICEVUTO DA OBAMA,CON TUTTI GLI ONORI CHE MERITA UN PRESIDENTE DEL CONSIGLIO E RITORNO IN ITALIA DOVE OLTRE AL REFERENDUM LO ATTENDE L’INAUGURAZIONE DEL PONTE MEYER DI ALESSANDRIA,AD ATTENDERLO IL SINDACO RITA ROSSO E PER CENA BAGNA CAUDA.

Il presidente del consiglio,Matteo Renzi,in questi giorni non si è fatto mancare proprio nulla;la visita alla Casa Bianca,a fare gli onori di casa Obama e Michelle,accompagnato da 4 personaggi che danno lustro al nostro paese,Benigni,Sorrentino,Bebe Vio e Armani,con cena a base di agnolotti,braciole e vino,sperando sia stato buon barolo Piemontese e non Chianti Toscano per puro spirito campanilistico.Questo per quanto riguarda la visita di Renzi in America.

Ad attenderlo il ritorno in patria con le consuete contestazioni:Ma la moglie di Renzi,Agnese Landini,non sarebbe dovuta essere a scuola per insegnare,in questi giorni?

Ma se gli insegnanti hanno solo 6 giorni di ferie all’anno come mai l’Agnese ne ha già bruciati 3?

Matteo Renzi che ci è andato a fare negli USA se Obama è prossimo a lasciare la carica di Presidente degli USA dopo le elezioni del nuovo Presidente?

Perchè ha portato con se le 4 eccellenze italiane,Benigni,Sorrentino;Bebe e Armani e non altri? E che ha pagato il biglietto del’aereo per tutti?

Queste ed altre domande accompagneranno il nostro Presidente del Consiglio al suo ritorno.Personalmente ricordo cordate di 400/500 persone tra imprenditori e personale ad accompagnare altri Presidenti del consiglio e non ho mai sentito nessuno chiedere come mai questo o quello, perciò lo stesso deve  valere per Matteo Renzi;queste polemiche non portano a nulla,credo invece che vuole realmente opporsi alle politiche di Renzi,invece di fare solo pettegolezzi da bar debba impegnarsi a presentare un programma politico,economico credibile da proporre come alternativa, altrimenti il gossip lasciamolo fare a chi sa farlo e che è di mestiere.

Le foto riprodotte sono state prese dal diario di Matteo Renzi in visita a Washington.

Il ritorno di Matteo Renzi è atteso ad Alessandria per l’inaugurazione del ponte Meyer,il programma è ancora da definire,ma il taglio del nastro dovrebbe avvenire intorno alle 11/11.30.Per tutta la giornata si susseguiranno eventi culturali e musicali.

In via Dossena,la lunga tavolata dell’evento di settembre non ci sarà ma l’allestimento della via sarà “altrettanto elegante” per ospitare le eccellenze del territorio in versione “street food di qualità” . “finalmente uniti“, lo slogan dell’evento, gli alessandrini festeggeranno l’inaugurazione del Meyer solo dallato città.

La festa in piazza Santo Stefano dalle 15 dedicata ai più piccoli.

Alle 16.30 merenda con le torte dedicate al ponte Meyer.

18.30 accensione delle luci del ponte e alle 19 concerto in piazza Gobetti con l’Orchestra Casadei. Il liscio romagnolo ed incursioni con le note balcaniche di Goran Bregovic cui è stata affidata la seconda parte del concerto. Tutto ovviamente gratuito.

 

WOLKSWAGEN. 474 MILIONI DI EURO PER I DIPENDENTI, 7 VOLTE IN PIU’ DEL DIVIDENDO STANZIATO PER GLI AZIONISTI.

SCUSATE SE SONO POCHI,MA MEGLIO NON SI POTEVA FARE. LO SCANDALO DIESELGATE HA PRODOTTO PER LA CASA TEDESCA IL CROLLO DELLE AZIONI ED UNA CAMPAGNA DI RICHIAMO DELLE VETTURE INCRIMINATE;A TUTTI E’ STATO CHIESTO DI PARTECIPARE AI SACRIFICI.images-66

I 120.000 dipendenti della Wolkswagen riceveranno un premio di 3.900 euro,pochi se confrontati ai 5900 dello scorso anno,ne beneficeranno operai e impiegati di tutti i siti sparsi per la Germania da Wolfsburg,Emnden,Hannover,Braunschweig,Salgitter fino a Kassel sede della finanziaria Wv.

I motivi del premio,nonostante il Dieselgate che ha coinvolto il gruppo nel 2015 e che ha prodotto una perdita sui mercati azionari del valore delle azioni e gli accontanamenti dovuti per riparare ai danni dello scandalo e la campagna di richiamo per le vetture coinvolte,spiega il nuovo capo del personale,Karleinz Blessing, l’impegno dimostrato dagli operatori Wv anche in questa difficile fase della vita dell’azienda.Sono 2.000 euro in meno dello scorso anno,ma tutti sono stati chiamati a fare i sacrifici.download-27

Capitolo a parte merita il trattamento dei 9 amministratori del gruppo,che lo scorso anno si erano spartiti una torta da 63 milioni di euro,quest’anno dopo numerose proteste e settimane di discussioni,nelle quali era emersa l’intenzione di non rinunciare al premio, i protagonisti,ai quali per effetto dello scandalo non sarebbe dovuto toccare nulla,sono riusciti a chiudere la vertenza rinunciando provvisoriamente al 57% del premio,che verra recuperato parzialmente nei prossimi 3 anni se il titolo recupererà almeno il 25% del suo valore pre-scandalo; il recupero sarà totale se il titolo andrà meglio.Il più pagato è risultato Andreas Renschler con 14,91 milioni di euro di cui quasi 13 nella parte straordinaria,il tutto per un meccanismo di compensazione per il mancato guadagno con la società che aveva lasciato,la Daimler.

Gli azionisti Wv e il fondo del Qatar hanno espresso l’intenzione di sostituire due menbri del Consiglio di Sorveglianza;l’ingegniere  Hessa Al-Jaber, ex ministro della tecnologia ed esperta di informatica, al posto di Akber al Bader; Annikaa Falkengreen e Louise Kiesling si aggiungeranno alle due donne già presenti e che farebbe raggiungere in Wv il 30% di quote rosa.

 

 

TORINO.NUOVE NORME PER I GIORNALISTI CHE ENTRANO IN COMUNE.

ASSOCIAZIONI | 13 Ott 2016

Torino, nuove norme per i giornalisti che entrano in Comune. Subalpina e Odg Piemonte scrivono alla sindaca

«Pur comprendendo le esigenze di sicurezza, teniamo a sottolineare come gli uffici comunali debbano essere aperti al lavoro dei giornalisti». È quanto scrivono il segretario della Subalpina, Stefano Tallia, e il presidente dell’Odg Piemonte, Alberto Sinigaglia, alla sindaca di Torino, Chiara Appendino, dopo la notizia di un cambio delle norme di accesso al Comune per i cronisti.
La sindaca di Torino Chiara Appendino (Foto: chiaraappendino.it)

«Pur comprendendo le esigenze di sicurezza, teniamo a sottolineare come gli uffici comunali debbano essere aperti al lavoro dei giornalisti. Lei sa bene come l’informazione rappresenti l’occhio della cittadinanza sull’operato dell’amministrazione pubblica e non debba essere sottoposta a controlli che ne limitino la libertà».

È quanto scrivono il segretario dell’Associazione Stampa Subalpina, Stefano Tallia, ed il presidente dell’Ordine dei giornalisti del Piemonte, Alberto Sinigaglia, alla sindaca di Torino Chiara Appendino, in merito alla notizia di un cambio delle norme di accesso a Palazzo Civico per i giornalisti.

«Nella convinzione che possano essere trovate soluzioni idonee a garantire entrambe le esigenze, di sicurezza e di informazione – concludono Tallia e Sinigaglia –, le rinnoviamo la proposta di un incontro, già avanzata all’inizio del suo mandato. Sarà l’occasione per affrontare sia questi temi, sia il momento difficile che il mondo dell’informazione sta attraversando». (Agi – Torino, 13 ottobre 2016)

@fnsisocial

MILANO.OGGI I FUNERALI DI DARIO FO SALUTATO CON “BELLA CIAO”.

BANDIERE ROSSE AL VENTO E’ MORTO UN COMPAGNO,NE NASCONO ALTRI CENTO RECITAVA LO SLOGAN.OGGI I FUNERALI DI DARIO FO SALUTATO CON LE NOTE DI  “BELLA CIAO”.14606331_1476408512375472_5892098074553154616_n

Milano 15/10/2016.

Il figlio Jacopo al termine del suo intervento,ai funerali laici del padre Daio fo,ha salutato con “ciao compagni”,l’orchestra ha intonato”Bella ciao”e con essa se ne va una figura del nostro tempo,chi più di altri ha saputo risorgere dalle ceneri degli errori del passato.

Dario Fo irrispettoso,irriverente,sempre pronto a iridere il potere.

Dario Fo il giullare che dell’ironia ha fatto la sua forza e conquistato platee di giovani e anziani.

Dario che Brunetta ha accusato di essere stato razzista nei suoi confronti.

Dario Fo a cui  l’ex ministra Gelmini ha detto di non volergli rendere omaggio neppure nella camera ardente.

Dario Fo che ha vinto l’oscar all’ironia,accusato di aver usato la censura e i palchi della sinistra per fare successo.

Dario Fo che ha saputo soffrire con Franca Rame per il sequestro lo stupro e gli abusi del potere.

Dario Fo che nel ’62 ha saputo,unico,parlare in RAI dei morti sul lavoro e della mafia,quando i morti e la mafia non esistevano per i potenti di allora.

Dario Fo che con tanti compagni ha creato il soccorso rosso per difendere un idea di giustizia e di libertà.

Dario Fo che non ti ho condiviso quando hai appoggiato il M5S nel 2013,ma ho accettato che lo abbia fatto.

Dario Fo per tutto questo un saluto e un “CIAO” grande quanto il cielo.

CIAOOOOOO  spero che di la tu possa ricominciare a ridere con Franca,Enzo,Giorgio e tutti quelli che con te hanno condiviso la tua idea di libertà.images-37

CHIESTI 30 ERGASTOLI PER L’UCCISIONE DI 23 CITTADINI ITALIANI,MA HA SOLO VALORE SIMBOLICO.

HANNO SOLO UN VALORE SIMBOLICO I 30 ERGASTOLI CHIESTI NEI CONFRONTI DEI MACELLAI SUD-AMERICANI COINVOLTI NEL SEQUESTRO E L’UCCISIONE DI MIGLIAIA DI GIOVANI,23 ERANO ITALIANI.

Dieci anni di indagini e sei di dibattimento,finalmente potrebbe chiudersi uno dei capitoli più bui degli anni 70 del ‘900. Chiesta la condanna all’ergastolo per 30 protagonisti del “Piano Condor”, che con la scusa della lotta al comunismo, arrestò, torturò e fece sparire oltre ventimila giovani, uomini e donne,pericolosi sovversivi per la loro militanza nei gruppi della sinistra latinoamericana. La stagione dominata dalle dittature delle giunte militari  al potere nel Continente del centro e sud america.

La generazione di giovani latino-americani massacrata nel giro di pochi mesi. Ingoiati nel buco nero di sequestri e omicidi. Prelevati in casa, di notte, per strada,al lavoro e  nelle università. Dopo essere stati arrestati, usando leggi di emergenza, applicate senza alcun rispetto del diritto internazionale, furono segregati nelle caserme dei militari trasformate in centri di interrogatorio e di tortura; furono sedati, caricati su aerei ed elicotteri e scaraventati nel vuoto . Vennero ritrovati sulle spiagge che costeggiavano l’Argentina, l’Uruguay, il Brasile trascinati a terra dalle maree e dalle onde,moltissimi non saranno più ritrovati.

Cercati, invano, da parenti e amici. I responsabile del loro sequestro e della loro morte, respinsero ogni richiesta di informazioni e negarono fino alla fine di essere coinvolti nella loro  scomparsa. La verità emerse in tutta la sua ferocia quando qualcuno ammise la mattanza.La giustificò sostenendo che si trattava di una guerra. La guerra fatta di  colpi di Stato, con i carri armati, con l’abolizione della libertà. Terrore in nome della lotta al comunismo: Il  fantasma,l’incubo, che ossessionò il Centro e Sud America e che sotto la regia degli Usa che con un fiume di miliardi, tramite la Cia, finanziò e sostenne i più spietati regimi sorti nella seconda metà del secolo scorso.

Le 30 persone,delle quali la Procura ha chiesto la condanna all’ergastolo, spiccano per essere ex Capi di Stato ed esponenti delle giunte militari di Bolivia, Cile, Perù, Uruguay e Paraguay. Accusati, a vario titolo, della morte di 23 cittadini di orgine italiana. I loro familiari, tramite avvocati e studi legali, si rivolsero alla nostra magistratura che svolse delle accurate e difficili indagini, fino all’istruzione di un dibattimento a Roma. Gli imputati devono rispondere a vario titolo  di omicidio plurimo aggravato e di sequestro di persona. L’unica assoluzione è stata chiesta nei confronti del tenente di vascello Ricardo Éliseo Chávez Dominguez, uruguajo, capo delle operazioni speciali del Fusna, il servizio segreto della Marina. L’inchiesta era legata agli effetti e alle conseguenze del “Piano Condor” e riguardava 140 persone (59 argentini,11 brasiliani, 6 del Paraguay). Ma difficoltà  amminstrative e la morte di molti dei protagonisti di quella stagione, ha ridotto a 30 gli imputati.

La sentenza,la decisione della Procura, che rappresenta la pubblica accusa, ha comunque  valore simbolico. La giustizia, in Italia, tutela tutte le vittime,che lo siano in Italia o più lontane, come erano i nostri 23 latinoamericani di origine italiana. Un verdetto, con tutte le garanzie previste dal codice, serve anche a dimenticare gli orrori ed evitare che si ripetano.

AMATRICE.PAPA FRANCESCO VISITA PRIVATA A SORPRESA.

04/10/2016 Amatricepapa_francesco_pensieroso-586x389

Papa Francesco ad Amatrice è arrivato questa mattina per visitare la popolazione devastata dal terremoto del 24 agosto. La  visita annunciata,in mattinata a sorpresa  due giorni dopo il suo rientro dal viaggio apostolico in Georgia e in Azerbaigian, ha avuto luogo nel paese colpito dal sisma.Insieme al vescovo di Rieti monsignor Domenico Pompili  in questo momento,il Santo Padre,si trova nella scuola da dove si sposterà nella ‘zona rossa’, chiusa per motivi di sicurezza.  Domenica, durante la conferenza stampa nel volo aereo Baku-Roma, il Papa aveva detto che la visita l’avrebbe fatta privatamente, da solo, come sacerdote, come vescovo, come Papa. Ma da solo. Così voglio farla. E vorrei essere vicino alla gente.images-3

JUST MARRIED

BEATRICE LORENZIN,MINISTRA DELLA SALUTE MAMMA ED ORA ANCHE SPOSA.AUGURI!

La notizia,anche se datata è del matrimonio della Ministra della salute Beatrice Lorenzin,lo sposo Alessandro Picardi,direttore delle relazioni istituzionali e internazionali della RAI,con i due gemelli nati Lavinia e Francesco nati lo scorso anno a fare da paggetti.beatrice_lorenzin_matrimonio_645

Lo scenario in ha luogo l’evento è a dir poco da mozzafiato.

Lo spettacolo a far da  sfondo i Faraglioni di Capri,la piccola chiesetta di Sant’Andrea,Carmine Arice(direttore dell’ufficio nazionale per la pastorale della salute della CEI) pochi invitati 65 forse 75 in tutto,l’abito bianco di pizzo con un piccolo strascico tenuto da una damigella;lo sposo in completo  blu con gilet beige e a far da cornice i gemelli Lavina e Francesco come paggetti,nati prima del matrimonio.L’arrivo in chiesa della sposa con il taxi fiat 1100 bordeaux d’epoca accompagnata dal padre Teodoro.

Fin qui niente di male,anzi auguri agli sposi.

La domanda che invece ci viene spontanea è,ma perchè : “La ministra,ultra cattolicissima,che ricorderemo tutti come un accanita sostenitrice della legge 40 contro la fecondazione assistita eterologa” proprio lei si è sottoposta,pare,a quella forma di fecondazione che ha così veemente combattuto arrivando addirittura a proporre il carcere per le donne irrispettose dei dettami della legge?

Auguri ministra prova a spiegarci quale è la differenza che divide le comuni mortali dal ministro della salute in fatto di fecondazione assistita e diritto alla maternità.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: