ALESSANDRIA

ALESSANDRIA. GIORNATA INTERNAZIONALE PER L’ABORTO LIBERO, SICURO E GRATUITO.

๐ˆ๐ฅ ๐Ÿ๐Ÿ– ๐ฌ๐ž๐ญ๐ญ๐ž๐ฆ๐›๐ซ๐ž ๐žฬ€ stata ๐ฅ๐š ๐ ๐ข๐จ๐ซ๐ง๐š๐ญ๐š ๐ข๐ง๐ญ๐ž๐ซ๐ง๐š๐ณ๐ข๐จ๐ง๐š๐ฅ๐ž ๐ฉ๐ž๐ซ ๐ฅ’๐š๐›๐จ๐ซ๐ญ๐จ ๐ฅ๐ข๐›๐ž๐ซ๐จ, ๐ฌ๐ข๐œ๐ฎ๐ซ๐จ ๐ž ๐ ๐ซ๐š๐ญ๐ฎ๐ข๐ญ๐จ. Anche quest’anno, a partire da questa data, in molte cittร  italiane Non una di Meno scenderร  in piazza, perchรฉ in questo scenario politico, tra guerre, crisi economica, climatica ed elezioni, i nostri corpi continuano ad essere un campo di battaglia.

In Italia la legge 194, che disciplina l’accesso all’aborto, permette l’obiezione di coscienza del personale medico, che nel nostro paese arriva quasi al 70%. In molti ospedali minori i reparti di ginecologia e ostetricia sono stati smantellati e i consultori pubblici sono stati progressivamente ridotti dagli anni ’70 ad oggi. Si parla, adesso, di molto meno di un consultorio ogni 20.000 abitanti.

Dall’altro lato, non si investe sull’educazione sessuale e all’affettivitร  e non si garantisce la contraccezione gratuita.

La nostra cittร  si posiziona perfettamente in linea con il trend nazionale, con cifre che parlano di 1 medico su 10 all’interno dell’azienda ospedaliera alessandrina che non pratica l’obiezione di coscienza e consultori pubblici in cui รจ difficile avere un appuntamento se non si รจ in gravidanza, in cui si chiede il passaggio al CUP per prenotare una visita e che fatica a fornire servizi di prevenzione e informazione.

In questa situazione, che caratterizza l’intero stivale con alcuni picchi preoccupanti (basti pensare al caso delle Marche o ad alcuni territori del Sud), si appresta a prendere forma il nuovo governo italiano, che siamo certe non migliorerร  le condizioni di accesso alla salute e alle cure per le donne che intendono evitare una gravidanza indesiderata.

Come ogni donna o soggettivitร  che ha dovuto intraprendere un IVG sa bene, รจ quasi matematico subire tentativi di stigmatizzazione e colpevolizzazione e il percorso per accedere all’IVG diventa ancora piรน difficile e tortuoso, con tempistiche lente (spesso volutamente ritardate) e costellato di giudizi non richiesti, tentativi di instillare sensi di colpa, pratiche queste che molto spesso vengono gestite nel silenzio e nella solitudine di ciascun*.

In Italia assistiamo al rilancio della triade “Dio, patria e famiglia”, declinata nelle forme piรน sessiste, razziste, omolesbobitransfobiche e abiliste, che impone rigidi ruoli di genere e assegna alle donne il compito della riproduzione e della crescita della nazione bianca, patriarcale e eterossessuale.

Il clima di attacco alla libertร  di scelta รจ evidente se si guarda anche ad altri luoghi del mondo, come gli Stati Uniti, l’Ungheria, la Polonia e Malta.

Garantire il diritto ad un aborto sicuro, legale e gratuito significa in primo luogo garantire il diritto alla vita e alla salute per le donne che intendono praticare l’IVG, perchรฉ sappiamo bene che l’alternativa troppo spesso consiste nel rivolgersi a personale non qualificato o tentare operazioni autocondotte che provocano ogni anno la morte di circa 22 milioni di persone nel mondo.

Lottare per la libertร  di abortire significa per noi poter scegliere sui nostri corpi e sulle nostre vite, e contro tutte le condizioni che ce lo impediscono.

Ci vogliamo viv3 e liber3.

Ci vogliamo viv3 e liber3, per questo vogliamo piรน finanziamenti ai consultori, ai centri antiviolenza, all’educazione sessuale nelle scuole e alla contraccezione gratuita.

Ci vogliamo viv3 e liber3, per questo vogliamo un aborto libero, sicuro e gratuito.

Ci vogliamo viv3 e liber3, per questo vogliamo molto di piรน della 194.

Vogliamo la libertร  di decidere sul nostro corpo, vogliamo che l’attenzione alla vita sia attenzione all’autodeterminazione per tutte le persone.

๐๐ž๐ซ ๐ญ๐ฎ๐ญ๐ญ๐จ ๐ช๐ฎ๐ž๐ฌ๐ญ๐จ ๐ฌ๐ญ๐š๐ฆ๐š๐ญ๐ญ๐ข๐ฆ๐š ๐€๐ฅ๐ž๐ฌ๐ฌ๐š๐ง๐๐ซ๐ข๐š ๐ฌ๐ข ๐žฬ€ ๐ฌ๐ฏ๐ž๐ ๐ฅ๐ข๐š๐ญ๐š ๐œ๐จ๐ฌ๐ขฬ€, ๐œ๐จ๐ง ๐ฌ๐ญ๐ซ๐ข๐ฌ๐œ๐ข๐จ๐ง๐ข ๐š๐ฉ๐ฉ๐ž๐ฌ๐ข ๐Ÿ๐ฎ๐จ๐ซ๐ข ๐๐š๐ฅ๐ฅ’๐จ๐ฌ๐ฉ๐ž๐๐š๐ฅ๐ž, ๐๐š๐ฅ ๐œ๐จ๐ง๐ฌ๐ฎ๐ฅ๐ญ๐จ๐ซ๐ข๐จ ๐ž ๐๐š ๐š๐ฅ๐œ๐ฎ๐ง๐ข ๐ข๐ฌ๐ญ๐ข๐ญ๐ฎ๐ญ๐ข ๐ฌ๐ฎ๐ฉ๐ž๐ซ๐ข๐จ๐ซ๐ข ๐๐ž๐ฅ๐ฅ๐š ๐œ๐ข๐ญ๐ญ๐šฬ€. ๐€๐ง๐œ๐ก๐ž ๐ช๐ฎ๐ข ๐ฏ๐จ๐ ๐ฅ๐ข๐š๐ฆ๐จ ๐ฆ๐จ๐ฅ๐ญ๐จ ๐ฉ๐ข๐ฎฬ€ ๐๐ž๐ฅ๐ฅ๐š ๐Ÿ๐Ÿ—๐Ÿ’.

Vogliamo il potenziamento del consultorio affinchรฉ sia piรน accessibile e lo vogliamo gratuito per tutt3, vogliamo l’obiezione di coscienza fuori dall’ospedale, vogliamo la contraccezione gratuita, vogliamo che nelle scuole si investa anche sull’educazione all’affettivitร  e alla sessualitร .

Ci vogliamo viv3 e liber3.

#28settembre#nonunadimeno#abortoliberosicurogratuito

Non una di Meno Alessandria