Calcio Femminile

SAN MARINO FEMMINILE | si alza il velo sui campionati di Serie B e Primavera Femminile

Femminile: al via i campionati di Serie B e Primavera 1

Si alza il velo sulla stagione 2022-23 del comparto femminile della San Marino Academy, in particolare per Prima squadra e Primavera Femminile – formazioni al vertice del movimento l’una, del percorso nel settore giovanile l’altra. Entrambe fortemente rinnovate, sono tenute a battesimo dal presidente Primo Toccaceli, che sottolinea: “Le rose di Primavera e Prima squadra sono state rivoluzionate per metà ed oltre, ma quel che deve restare immutato è la determinazione e la voglia di vincere che il club ha sempre dimostrato in questi anni”. Si rivolge alle calciatrici presenti in sala stampa, Toccaceli: “Al di là dei meri aspetti tecnici, l’importante è dare tutto in campo e onorare la maglia che si indossa”.

Ad assemblare le due squadre è stata Francesca Lanotte, neo Direttore Sportivo: “Le squadre sono state allestite per ben figurare in categorie di livello assoluto e, a partire dal debutto della Prima squadra in Coppa Italia a Ravenna, mi è piaciuto rilevare la coesione del gruppo che in momenti di sofferenza ha saputo mettere il cuore in campo. Poter approcciare con questa mentalità anche gli allenamenti e i momenti insieme, sarà alla lunga un valore aggiunto”.

Di Giulia Domenichetti una prima disamina sul progetto tecnico della Prima squadra: “Sono contenta del nostro esordio – commenta il tecnico –, specie per lo spirito volitivo e l’attitudine ad aiutarsi in campo e soffrire insieme. Abbiamo iniziato un percorso di crescita individuale e collettivo, che per forza di cose sarà fatto di alti e bassi. In tal senso sarà fondamentale mantenere l’equilibrio. Certo, vincere aiutare a lavorare con maggior serenità e determinazione in settimana”.

Ha chiuso la passata stagione con i play-off scudetto e debutterà nella prossima affrontando le campionesse d’Italia, la Primavera Femminile: “Arriviamo da un campionato meraviglioso, che permetterà alla San Marino Academy di affronterà il campionato di Primavera 1, estremamente complicato e stimolante” – sottolinea Elisa Paganelli, viceallenatore della squadra. “Il gruppo è carico e partiremo subito col botto, con la trasferta di Roma. L’obiettivo è quello di far crescere le ragazze a livello individuale e collettivo, formare delle ‘giocatrici pensanti’ che sappiamo fare la scelta giusta nelle diverse situazioni di gioco. In tal senso, è questo l’obiettivo ultimo dei settori giovanili”.

Il settore femminile della San Marino Academy è dunque pronto a ripartire, nei rispettivi campionati di livello nazionale. E nel farlo, avrà vecchi e nuovi compagni di viaggio. Come BKN301, affacciatasi in questa stagione sull’universo Academy, e Marlù – da tempo al fianco del movimento del calcio femminile sammarinese – che conferma la sua partnership con la San Marino Academy. Per il quarto anno consecutivo l’azienda sammarinese delle sorelle Fabbri scenderà in campo insieme alle giovani calciatrici, non solo come Main Sponsor ma anche – e soprattutto – come una vera compagna di squadra, per sostenere la loro grinta e passione, avviando un percorso di comunicazione, coinvolgimento e relazione con tutto il team, i loro supporter e gli appassionati del calcio femminile.

“Il nostro percorso con la San Marino Academy prosegue con convinzione ed entusiasmo perché, come lo sport, anche i gioielli sono un modo per raccontare con passione la propria identità e la propria storia” – afferma Marta Fabbri, Responsabile Marketing del marchio. “Marlù si fa portavoce dell’intraprendenza femminile, senza etichette né distinzioni di genere, ricordando a tutti che la partita più importante è sempre quella della vita, con le nostre storie, i nostri affetti e le nostre meravigliose diversità, nel rispetto non solo di chi gioca nella nostra stessa squadra, che è metafora della famiglia, degli amici, dei nostri alleati, ma anche degli avversari e delle avversarie. Per questo, prima di ogni partita, le giocatrici regaleranno alle avversarie un gioiello Marlù, proprio per significare il rispetto di tutte e tutti, anche di chi ci gioca contro”.

Ufficio Stampa