Mese: giugno 2022

TORINO. Torino Comics XXVI edizione. Dal 10 al 12 giugno a Lingotto Fiere. Il programma completo.

Dal 10 al 12 giugno torna Torino Comics a Lingotto Fiere, per la sua XXVI edizione. L’evento, organizzato da Just for fun in joint venture con GL events Italia, richiama nel capoluogo piemontese decine di migliaia di appassionati di fumetto, manga, anime, cinema, games, esport, videogames e naturalmente gli immancabili cosplayer, provenienti da tutta Italia. La manifestazione si svolge nei Padiglioni 2 e 3 (più aree esterne) di Lingotto Fiere, per un totale di 50.000 metri quadri.

Cinque le aree tematiche principali dell’evento:

Area Comics, con i protagonisti italiani del mondo del fumetto, sketch e disegni personalizzati, conferenze e incontri

Area Cosplay: competizioni internazionali, grandi ospiti, karaoke e karacosplay, workshop tematici.

Content Creator: youtuber, tiktoker, e streamer incontrano il pubblico di appassionati con meet&greet ed eventi di intrattenimento

Games, Esport e Videogames, con le finali nazionali dei tornei dei più importanti titoli del mercato, giochi di ruolo, di carte e da tavolo, dimostrazioni dal vivo e la presenza dei maggiori editori italiani del settore.

Cinema, musica & live: attori, doppiatori e personaggi del grande schermo e delle principali piattaforme di streaming, oltre ad un’area dedicata all’intrattenimento con esibizioni e live show.

We believe in magic: la magia è il tema dell’edizione 2022.

In un mondo e in un periodo storico estremamente complesso e turbolento, Torino Comics vuole essere un luogo in cui sia ancora possibile sognare, un punto di riferimento per tutte quelle persone, di qualsiasi età, che hanno voglia di assaporare lo stupore, la sorpresa e la meraviglia. Ecco perché l’edizione 2022 è dedicata alla magia: We believe in magic è un inno di speranza e di gioia, è la voglia di uscire per un momento dal mondo reale, e da tutte le sue preoccupazioni, per volare con la fantasia e l’immaginazione. In occasione di questa speciale edizione, Torino Comics ha quindi attivato una collaborazione con due delle realtà più significative del territorio in ambito magico: Masters of Magic e la Fondazione Mago Sales.

Masters of Magic è l’engagement company leader nella produzione di eventi che utilizza l’arte magica come linguaggio per raccontare emozioni. Durante la kermesse a Lingotto Fiere, Masters of Magic allestisce una vera e propria scuola di magia, ispirata a Harry Potter, a cui possono iscriversi e partecipare appassionati di ogni età. Le attività e le animazioni dei tre giorni di evento vengono arricchite dalla partecipazione straordinaria dell’artista Walter Rolfo, Presidente e fondatore di Masters of Magic.

La Fondazione Mago Sales è la onlus fondata da Don Silvio Mantelli, sacerdote che, tramite i giochi di prestigio, distribuisce sorrisi e solidarietà a migliaia di bambini in più di 25 Paesi nel mondo. Sul territorio italiano la Fondazione Mago Sales si occupa di formazione teatrale e educazione allo sviluppo e alla pace, promuovendo pubblicazioni, laboratori, spettacoli e incontri. A Torino Comics Don Silvio Mantelli, alias Mago Sales, distribuirà meraviglia e stupore a tutti i bambini con due emozionanti spettacoli di magia. La collaborazione con l’evento si estende inoltre al Museo della Magia di Cherasco, emanazione della Fondazione Mago Sales: a Lingotto Fiere, infatti, viene allestita una speciale mostra con una selezione degli oggetti più suggestivi del Museo.

Altra collaborazione è quella con Torino Magica® Tour, l’intrigante e curioso percorso cittadino tra volti inquietanti, enigmi massonici e simboli esoterici che prende vita attraverso il mistero del Portone del Diavolo, gli spettrali dragoni, la leggenda delle grotte alchemiche, per culminare nel mistero dei Dioscuri e dei segreti della Gran Madre. Sabato 11 giugno i possessori del biglietto di Torino Comics possono partecipare al tour a prezzo agevolato e scoprire i segreti magici della città. Partenza alle 21.30 da piazza Statuto 15, info e prenotazioni info@somewhere.it tel 0116680580.

I manifesti: tre variant

Sono tre le variant del manifesto ufficiale della XXVI edizione di Torino Comics, realizzati da altrettanti grandi autori: Giorgio Cavazzano, Massimiliano Frezzato e Vittorio Pavesio. Nella versione di Cavazzano, vediamo un Pietro Miccia (storica mascotte dell’evento) nelle vesti di Mago Merlino; un coniglio magico accende la miccia del cappello di Pietro nel poster di Frezzato; mentre nel poster di Pavesio è raffigurato Pietro Miccia apprendista stregone. In fiera saranno disponibili 100 copie di ogni manifesto, firmate dagli autori.

Da Giorgio Cavazzano a Silvia Ziche, da Corrado Mastantuono a Leo Ortolani. E uno spazio dedicato a Diabolik nei 60 anni dalla nascita.

Numerosi gli ospiti del mondo del fumetto presenti a Lingotto Fiere. Il primo grande nome è quello di Giorgio Cavazzano, uno dei Maestri del fumetto italiano, amato, studiato e imitato in tutto il mondo. L’autore torna a Torino Comics dopo quindici anni di assenza: l’ultima volta al Lingotto risaliva infatti al 2007.  In oltre 50 anni di carriera, Cavazzano ha creato personaggi cult del disegno umoristico come Walkie & Talkie, Oscar e Tango, Smalto & Johnny, Timoty Titan e Capitan Rogers. A Torino presenta Tournèe. Art Book (Feltrinelli Comics), una selezione che attraversa quarant’anni di incontri e storie, curata e commentata personalmente dall’autore.

Gradito ritorno in fiera dopo molti anni di assenza anche per Silvia Ziche e Leo Ortolani, che sono protagonisti di un incontro sull’inclusività e sul ruolo delle donne: un dialogo a due voci tra Cinzia Otherside e Lucrezia, i due celebri personaggi nati dalla matita dei due artisti.

A Torino Comics si festeggiano i 60 anni di Diabolik, il più celebre criminale del fumetto italiano, nato nel 1962 da un’idea delle sorelle Giussani. Oltre a un evento celebrativo in sala incontri, in fiera sono presenti gli autori Stefania Caretta, Giulia Massaglia e Giulio Giordano, a disposizione per tutti e tre i giorni per sessioni di sketch e firma copie.

Si parla di fantascienza con Marco Gervasio, Corrado Mastantuono e Sergio Giardo, mentre è a tema supereroi un incontro con Luca Usai Mario Alberti, autore che ha lavorato all’estero con DC e Marvel. Una tavola rotonda è dedicata al tema dell’autoproduzione nel fumetto, con Massimiliano Frezzato, Alessandro Sidoti e Rossana Berretta. In programma anche la presentazione di Satanica (Acheron Books), un’antologia di racconti “in odore di zolfo” di alcuni tra i più noti scrittori horror italiani, con Andrea Cavaletto, Christian Sartirana e Sara Simoni.

Torna inoltre l’Area Disegnatori, lo spazio che dal 2018 dà voce ai giovani talenti emergenti nel campo del fumetto e dell’illustrazione. Quest’anno sono circa 40 gli artisti partecipanti, ognuno specializzato in una particolare tecnica o tematica: dall’acquerello al digital painting, dal manga a character design, dall’inchiostrazione a pennello a quella digitale. I disegnatori sono a disposizione del pubblico per dimostrazioni dal vivo, disegni su commissione e sketch.

Le mostre: Mottura rivisita Pinocchio, memorabilia di Fantomius, Dante a fumetti. E la Reggia di Venaria presenta Play.

A Torino Comics l’associazione La Nona Arte presenta Pinocchio illustrato da Paolo Mottura: 18 illustrazioni in cui l’artista di Pinerolo interpreta in maniera anticonvenzionale la favola del burattino più famoso del mondo. L’approccio classico delle illustrazioni di Mottura si fonde con le diverse soluzioni tecniche adottate per l’occasione: dai pastelli agli acquerelli, sino agli oli ricchi di ricercati effetti materici. Viene inoltre allestita una speciale mostra dedicata a Fantomius, il ladro gentiluomo ideato da Guido Martina nel 1969 e portato a nuova vita da Marco Gervasio: in esposizione, per la prima volta, la collezione privata di Andrea Salimbeti, con diverse sculture, dipinti, modellini, poster, alcuni degli speciali marchingegni di Fantomius e la ricostruzione della Cattedrale di Notre Duck di Paperopoli.

Nell’ambito di Dante SettecenTO, le celebrazioni per il 700° anniversario della morte di Dante Alighieri organizzate dall’Università di Torino, a Torino Comics viene allestita la mostra Dante e il fumettocurata da Giuseppe Noto. L’esposizione propone un percorso tra diverse interpretazioni grafiche della Divina Commedia, partendo dall’inizio del Novecento per arrivare a opere realizzate proprio in occasione delle celebrazioni. Dante è visto con gli occhi di alcuni grandi autori: da Guido Martina e Angelo Bioletto (L’inferno di Topolino) a Moreno Burattini e Giorgio Sommacal (Cattivik), fino a Marcello Toninelli (Il giornalino). Non manca il capolavoro straniero La Divina Commedia del giapponese Go Nagai.

La Reggia di Venaria partecipa per la prima volta a Torino Comics: per l’occasione, presenta in anteprima la grande mostra PLAY. Videogame, arte e oltre, in programma dal 22 luglio 2022 al 15 gennaio 2023 e curata da Fabio Viola e Guido Curto. La mostra indaga videogiochi come “decima forma d’arte” praticata da 3 miliardi di persone nel mondo, riconoscendo i profondi impatti nella società contemporanea di un comparto creativo ancora spesso percepito come un mondo di evasione ludica e mero passatempo. I videogiochi rappresentano un avamposto creativo dove nascono idee e visioni, una meta forma d’arte in cui architettura, pittura, scultura, musica, arti performative, poesia, cinema, fumetto convivono dando vita a stratificati mondi collettivi.

A Torino Comics raddoppiano le competizioni cosplay internazionali.

Torino Comics è uno dei principali luoghi di ritrovo a livello nazionale per il mondo cosplay, con numerosi eventi e attività organizzati in collaborazione con l’associazione Cospa Family. In programma i cosplay contest, con oltre 300 partecipanti ogni anno, con varie categorie in concorso, dal miglior costume maschile e femminile al miglior gruppo, dalla migliore interpretazione al miglior accessorio. Dal 2017 Torino Comics ospita la tappa italiana dell’International Cosplay League, una competizione cosplay mondiale le cui finali si svolgeranno a settembre 2022 a Madrid, in occasione dell’evento Japan Weekend. La gara è in programma sabato 11 alle 15.30.

Novità del 2022, una nuova competizione internazionale: all’interno del classico Cosplay contest della domenica, infatti, è ospitata la tappa di qualificazione italiana dell’Europa Cosplay Cup, una nuova competizione a cui partecipano cosplayer qualificati da paesi di tutta Europa. Le finali si svolgeranno a Novembre 2022 a Tolosa in Francia, in occasione dell’evento Tolouse Game Show. Il superpremio Torino Cosplay 2022 è un viaggio per due persone a Dortmund, in occasione del German Comic Con in programma il 3 e 4 dicembre 2022.

Non mancano inoltre momenti musicali come il Karaoke e il Karacosplay, il contest di karaoke in costume, dove una giuria di qualità valuta i partecipanti per le doti vocali e per l’interpretazione del personaggio. Tra i giurati di quest’anno Pugoffka, cosplayer e fotografa ucraina, che dopo l’inizio del conflitto è riuscita a trasferirsi in Polonia anche grazie al supporto della community cosplay polacca; Ambra Pazzani, una delle cosplayer più note d’Italia, scelt da aziende come Warner Bros, Nintendo, Ubisoft e Paramount; Nymphahri, che collabora con brand internazionali come RiotGames, Amazon Prime Video e Modus Games; Luana Salvatore, vincitrice della tappa italiana dell’Eurocosplay nel 2019; Piece of Cake Cosplay, una coppia di costumisti vincitrice di numerosi premi in Italia e all’estero, tra cui l’International Cosplay League del 2019.

Novità 2022: l’area musica con concerti e live performance

A grande richiesta del pubblico, a Torino Comics debutta l’area musica: nei tre giorni di evento numerosi artisti si alternano sul palco con concerti e live performance. Si inizia venerdì 10 con il live dei Gremlins gruppo specializzato in colonne sonore di film e telefilm anni ’80; a seguire, tre artisti amati dai giovanissimi, tra i nomi più importanti dell’attuale scena del rap italianoAnna, Miles e Sir Prodige, che si alternano sul palco con tre performance tutte d’un fiato da non perdere. A seguire, meet&greet con il pubblico. Sabato 11 protagonista assoluto è Giorgio Vanni, la voce più celebre delle sigle dei cartoni animati italiani degli anni ’90 e 2000, dai Pokemon a One Piece, da Dragon Ball ai Cavalieri dello Zodiaco. Il mini live è in programma alle ore 18: a seguire, sessione di firma copie e autografi per i fan.

Area cinema e serie: un attore del Trono di Spade e le voci di South Park (e non solo).

L’inverno sta arrivando a Torino Comics: a Lingotto Fiere è infatti ospite per tutti e tre i giorni di evento l’attore nordirlandese Kristian Nairn, noto al pubblico internazionale per aver interpretato il personaggio Hodor nella celeberrima serie Il trono di spade. L’attore sarà a disposizione dei fan due ore al giorno per sessioni di meet&greet.

Tornano i grandi doppiatori a Torino Comics. Anche quest’anno a Lingotto Fiere è presente una schiera di voci celebri del mondo del cinema, delle serie tv e dei cartoni animati. Il primo ospite è Giorgio Perno, voce italiana di Daniel Lorusso (interpretato da Ralph Macchio) in Cobra Kai, la serie tv in onda su Netflix, naturale “sequel” del film culto degli anni ’80 Karate Kid; altro ospite è Luca Ghignone, voce di numerosissimi personaggi dei cartoni animati come Dragon Ball, One Piece, Naruto e direttore del doppiaggio delle serie dedicate ai Cavalieri dello Zodiaco. Gradito ritorno è quello delle voci di South Park, celeberrimo cartone animato statunitense che viene doppiato proprio a Torino. Tra i doppiatori presenti, Gianni Gaude, Patrizia Giangrand, Walter Rivetti, Lucia Valenti, Roberta Martini, Francesca Vettori, Toni Mazzara, Laura Rostagno, Vanessa Giuliani, Luca Sbaragli e Osmar Santucho.

Area Creator: i talent in arrivo a Torino

Youtuber, tiktoker, gamer, streamer: l’area talent di Torino Comics, organizzata in collaborazione con Lega Esport e Anc-Network, ospita alcuni dei personaggi del web più amati dai giovanissimi. Ogni giorno sono in programma sessioni di meet&greet e incontri a tema: un’occasione unica per incontrare da vicino i propri beniamini e scoprire segreti, curiosità e retroscena dell’attività dei creator. Tra gli ospiti presenti quest’anno: Grenbaud, Gaia Clerici, Andreadel1988, David Rubino, Gskianto, Stortomanontroppo, Lele Giaccari, MadyGio, Kilnier, Gioee, Soryu, Vorla028.

Videogames: tornei di Hearthstone e Pokemon Unite.

L’area videogames, realizzata in collaborazione con Lega Esport e Ak informatica, ospita un palco esport dove sabato e domenica si svolgono gli Ak Invitational, tornei e show match con i più famosi team di Esport d’Italia. In collaborazione con Powned.it, inoltresono in programma altri tre tornei di videogiochi: venerdì 10 giugno Teamfight Tactics, sabato 11 Pokemon unite e domenica 12 Hearthstone Battlegrounds. A ogni partecipante verrà assicurato un prodotto offerto da Hp, Riotoro e Yenkee.

Uno dei temi caldi del momento è la chiusura delle sale Lan ed Esport in ItaliaA Torino Comics si parla del caso un incontro con Alessio Cicolari – Ceo di AK informatica – e gli avvocati Gianluigi Fioriglio e Giuseppe Croari, per un approfondimento su aspetti legali, soluzioni e prospettive.

Area Games

Giochi di ruolo, di carte e in scatola, giochi giganti, dimostrazioni dal vivo, tornei e un’ampia area espositiva in collaborazione con Dal Tendal’area games di Torino Comics copre tutte le categorie dell’intrattenimento “da tavolo”. Oltre ad alcuni dei più importanti editori del settore come Ravensburger, Goliath e Giochi Uniti, nell’area games sono presenti numerosissime associazioni del territorio che, con i loro preparatissimi Master, guidano il pubblico in dimostrazioni dal vivo e sfide appassionanti: tra le realtà presenti, Guardiani del Warp, Ars Lignea, Scacchistica Torinese, Mais, Pinnacolando Circus, Reale Armata Torinese, Dadonani, Gilda del Grifone, Gioca Torino, Tavola Gioconda, Gioca Grugliasco e Impronte ludiche.

Una grande area demo è inoltre allestita da Dal Tenda, distributore, editore e rivenditore di giochi da tavolo, di ruolo, di carte collezionabili, puzzle e accessori per Gaming, in cui è possibile provare giochi di ultima uscita come Flick of Faith, Dany, Bees e Chakra, e classici come Carcassonne, Le leggende di Arnor, Sequence e Minecraft.

Cultura coreana protagonista nell’area Kpop

Grazie alla collaborazione con l’associazione TKC – Turin-Korea Connection torna a Torino Comics l’area dedicata al kpop (Korean Pop), genere musicale esportato dalla Corea del Sud che affonda le sue radici nel pop, ma che trae ispirazione da altri generi come rap, rock, soul, l’R&B e funk.

Oltre a random play dance, giochi a tema ed esibizioni, sabato 11 si svolge la selezione piemontese del Kpop Dance Fight Fest, contest nazionale in cui si sfidano i migliori ballerini kpop d’Italia; le finali si svolgeranno nel 2023 al Comicon di Napoli. Presente nell’area anche ALCEA, Associazione Lingue e Culture East Asia ETS, con attività come calligrafia coreana, giochi tradizionali e animazioni a tema.

Biglietti

I biglietti sono acquistabili sul portale vivaticket.it. Fino al 31 maggio è possibile acquistare a tariffa agevolata: biglietto intero a 15€, ridotto a 12€; dal 1° giugno i biglietti sono a tariffa piena: 18€ intero, 15€ ridotto. Tariffa speciale per i cosplayer a 12€.

Torino Comics è un evento organizzato da Just for fun in joint venture con GL events Italia – Lingotto Fiere. Patron della manifestazione è Vittorio Pavesio.

Torino Comics. XXVI EDIZIONE

Dal 10 al 12 giugno 2022

Lingotto Fiere

Via Nizza 280 – 10126, Torino

Orari
Tutti i giorni dalle 9.30 alle 19.30

www.torinocomics.com

facebook.com/torinocomics
instagram.com/torinocomics

email: info@torinocomics.com

Ufficio stampa: Thunder Communication

Edoardo Parolisi
edoardo@thundercommunication.it

+39 3395996798

SAN MARINO. UNDER 21 SCONFITTI DALLA POLONIA.

Under 21: Biancoazzurrini vicinissimi al gol contro una Polonia determinata

La Nazionale Under 21 cede 5-0 alla Polonia nel penultimo appuntamento del biennio, l’ultimo al San Marino Stadium. Le tappe di avvicinamento a questa sfida si caricano progressivamente di problemi per Matteo Cecchetti. L’allenamento della vigilia mette fuori causa De Angelis. Nel riscaldamento pregara, anche Moretti è costretto al forfait. Tra i pali c’è dunque l’esordio di Pietro Amici, classe 2004. Il posto di Moretti viene rilevato da Filippo Pasolini, che si posiziona come quinto di destra, mentre Franciosi scala in difesa. La Polonia, terza ad un punto da Israele, ha fame di tre punti. Lo si capisce subito: dopo nemmeno 1’ Skóraś punta Pasolini e rientra sul destro, esplodendo un tiro che non trova impreparato l’estremo di casa. Poco dopo, serve il raddoppio provvidenziale di Franciosi per evitare che il tiro di Białek, dopo il dribbling su Matteoni, possa fare male. Al 4’ la difesa di casa si fa trovare scoperta, Kozłowski si infila fra le maglie biancoazzurre e crossa forte al centro per Białek che, solo, può appoggiare comodamente in fondo al sacco. San Marino si affaccia in avanti con la punizione profonda di Tosi: Contadini sceglie meglio di tutti il tempo dello stacco, ma l’incornata è fuori. Scollinato il quarto d’ora, la Polonia conquista un angolo; sugli sviluppi dello stesso, c’è una mancata comunicazione in area tra Amici e i suoi compagni, così Łopata può approfittarne per incornare in porta il pallone del raddoppio biancorosso. Al 32’, Lazzari punta mezza difesa avversaria, riuscendo piuttosto bene nell’intento, salvo arrivare al tiro troppo stanco per impensierire Miszta. Immediatamente dopo, Łakomy lancia in profondità Skóraś che, partito in posizione sospetta, arriva fino al cospetto di Amici, prima di superarlo con un tocco di giustezza. Proteste da parte dei ragazzi di casa, che poco dopo devono ringraziare la mira leggermente difettosa di Lederman: il diagonale del centrocampista polacco esce di un nulla alla sinistra di Amici. Nel finale, la Polonia ci riprova in ripartenza: la difesa sammarinese è in inferiorità numerica ma si salva sul destro di Lederman, povero di angolazione. Sul ribaltamento, arriva l’azione offensiva più importante dei Titani nel primo tempo: il recupero palla avanzato offre a Pancotti la possibilità di caricare il mancino dalla media distanza. L’autore del raddoppio nell’ultima finale Scudetto non ci pensa due volte e, complice una deviazione, serve vuole un’autentica prodezza di Mizsta per mantenere la Polonia sul 3-0. Prima del duplice fischio, altri brividi per la difesa di casa: Skóraś sgomma a destra e mette un pallone al bacio per Białek, che manca la doppietta di poco.

In avvio di ripresa ci sono subito novità nell’undici sammarinese. Ciacci e Pasolini non rientrano sul terreno di gioco: al loro posto, rispettivamente, Zannoni e Cecchetti. Il CT Matteo Cecchetti chiama da subito una pressione più coraggiosa. Le urla del mister sammarinese non restano inascoltate: dopo appena 2’ proprio uno dei nuovi entrati, Zannoni, ruba palla sulla prima impostazione polacca. La palla finisce a Lazzari, che la restituisce subito al compagno consentendogli di cercare la porta dall’interno dell’area: il 18 sceglie la soluzione d’esterno ed il tiro termina alto sopra la traversa. Il pressing alto consente ai Titani di rimanere sempre in agguato nella zona più “interessante” del campo, ma inevitabilmente li espone ai contropiede. Succede ad esempio al 52’, quando Karbownik si esibisce in uno slalom spettacolare prima di aprire per Lederman, che a sua volta cerca immediatamente in area Łakomy: serve una grande uscita di Amici per rendere inoffensiva l’incursione del centrocampista polacco. Poco dopo, ancora Polonia pericolosa in contropiede: Białek rientra sul destro e cerca la soluzione a giro, trovando ancora una volta un’ottima risposta di Amici. Sul fronte opposto arriva un’altra grande chance per San Marino. Tutto nasce dal colpo di tacco di Pancotti a liberare a sinistra Contadini: il cross del terzino sammarinese diventa buono per Capicchioni, che calcia quasi a botta sicura trovando sulla traiettoria del suo tiro un paio di avversari e, fatalmente, anche Lazzari.

La Polonia resta pericolosa negli spazi che inevitabilmente continuano ad ampliarsi fra le linee dei padroni di casa. La difesa biancoazzurra sventa un paio di situazioni critiche. Poi, all’86’, serve un intervento decisivo di Tosi su Łakomy dopo che Białek, fermato in uscita da Amici, aveva preferito indossare i panni dell’assist-man in favore del compagno, meglio posizionato di lui in area. Sull’angolo che ne consegue si accende una mischia in area. Capicchioni prova a risolverla sparando il pallone lontano, ma Mosór lo anticipa all’ultimo momento e così il contatto diventa fra piede e piede. L’arbitro indica senza esitazioni il dischetto, sul quale si presenta Białek, che sceglie un mix di potenza e precisione per fare 5-0 e doppietta. Finisce così: un verdetto severo per una Nazionale Under 21 che avrebbe meritato almeno un gol per congedarsi con un sorriso dal pubblico amico. Martedì prossimo i Biancoazzurrini chiuderanno il ciclo delle qualificazioni europee facendo visita ad Israele.


Under 21, qualificazioni ad Euro 2023 | San Marino-Polonia 0-5

SAN MARINO [3-5-2]
Amici; Franciosi, Matteoni (dal 57’ Santi), Tosi; F. Pasolini (dal 46’ Cecchetti), Ciacci (dal 46’ Zannoni), Capicchioni, Toccaceli (dal 65’ Valentini), Contadini; Lazzari (dall’81’ Babboni), Pancotti
A disposizione: Paolini, Baldazzi, Santi, M. Pasolini
Allenatore: Matteo Cecchetti

POLONIA [5-3-2]
Miszta; Gruszkowski (dal 61’ Długosz), Łopata, Poręba (dal 68’ Kałuziński), Mosór, Karbownik (dal 68’ Wdowik); Łakomy, Lederman, Skóraś (dal 61’ Fornalczyk); Kozłowski (dal 61’ Myszor), Białek
A disposizione: Majchrowicz, Paluszek, Sezonienko, Łęgowski
Allenatore: Maciej Stolarczyk

Arbitro: Luka Bilbija (BIH)
Assistenti: Aleksandar Smilijanic e Damir Lazic (BIH)
Quarto ufficiale: Dragan Petrovic (BIH)
Ammoniti: F. Pasolini, Zannoni, Franciosi
Marcatori: 4’ e 89’ (rig.) Białek, 16’ Łopata, 33’ Skóraś, 82’ Kałuziński


FSGC | Ufficio Stampa

ALESSANDRIA. FALSE MAIL DEI CARABINIERI CON RICHIESTE ESTORSIVE IN ARRIVO.

Proseguono gli attacchi on line da parte di truffatori, che dopo una serie di mail intestate a non meglio precisate brigate di polizia internazionale, italiana e mondiale ora ultilizzano l’arma dei Carabinieri, con minacce di inserimento in fantomatiche liste di cattivi pedopornografi, minacce di arresti e avvio di procedimenti legali tentano di estorcere denaro a ignari cittadini.

Alla vostra attenzione il Sig.

Su richiesta della Comandate Generale Teo LUZI, Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri.

Dal 2006 operano due organismi: il C.N.C.P.O-Centro Nazionale per il Contrasto alla Pedopornografia On-Line-presso la Polizia Postale e delle Comunicazioni–e O.C.P.P.M.D.P.O-l’Osservatorio per il Contrasto alla Pedofilia e alla Pornografia Minorile presso il Dipartimento per le Pari Opportunità.

In applicazione di quanto disposto dall’articolo 414 bis cp (R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398) “Istigazione alla pedofilia e alla pedopornografia-Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque, con qualsiasi mezzo e con qualsiasi forma di espressione, pubblicamente istiga a commettere, in danno di minorenni, uno o più delitti previsti dagli articoli 600 bis, 600 ter e 600 quater, anche se relativi al materiale pornografico di cui all’articolo 600 quater 1, 600 quinquies, 609 bis, 609 quater e 609 quinquies è punito con la reclusione da un anno e sei mesi a cinque anni e una multa di 75mila euro.

Alla stessa pena soggiace anche chi pubblicamente fa l’apologia di uno o più delitti previsti dal primo comma.

Non possono essere invocate, a propria scusa, ragioni o finalità di carattere artistico, letterario, storico o di costume.

La legge nr.38 del 6 febbraio 2006 affida al “Centro Nazionale per il Contrasto della Pedopornografia sulla rete Internet” la lotta a questo odioso crimine.

E’ istituito presso il Servizio Polizia poste e delle Comunicazioni del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, e si occupa di prevenzione e repressione di questi reati.

Avviamo procedimenti legali contro di te poco dopo un sequestro informatico di Cyberinfiltration per :

-Pedopornografia, Pedofilia, Esibizionismo, Cyberpornografia,

Traffico sessuale

Per tua informazione, la legge aumenta le sanzioni quando proposte, aggressioni sessuali o stupri potrebbero essere stati commessi utilizzando Internet.

Hai commesso il reato dopo essere stato preso di mira su Internet (sito pubblicitario), la visualizzazione di video

pedopornografici, foto/video nudi di minori sono stati registrati dal nostro cyber-poliziotto e costituiscono la prova dei tuoi reati.

Questa convocazione è obbligatoria. L’ufficiale di polizia giudiziaria da parte dei Carabinieri può costringere a comparire le persone che non hanno risposto a una citazione a comparire, o che si può temere che non rispondano a tale citazione, con la forza della legge, previa autorizzazione del pubblico ministero.

Nell’interesse della riservatezza, le inviamo questa e-mail, e le chiediamo di farsi sentire via e-mail scrivendo le sue giustificazioni in modo che possano essere esaminate e verificate per valutare le sanzioni; questo entro un termine rigoroso di 72 ore. Dopo questo periodo, saremo obbligati a trasmettere il nostro rapporto al procuratore della Repubblica presso il tribunale di prima istanza e specialista in criminalità informatica per stabilire un mandato di arresto contro di voi, vi invieremo in questo caso una lettera raccomandata con ricevuta di ritorno (arresto immediato) dalla Carabinieri più vicina al vostro luogo di residenza e sarete archiviati nel registro nazionale degli autori di reati sessuali. In questo caso, il suo dossier sarà anche trasmesso alle associazioni che lottano contro la pedofilia e ai media per la pubblicazione come persona sul C.N.C.P.O e O.C.P.P.M.D.P.O.

Gen. C.A. Teo Luzi

(Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri)

Un consiglio dal mìnostro giornale, che ormai quotidianamente riceve mail con richieste di giustificazioni e denaro, denunciateli alla Polizia Postale oppure, come facciamo noi da molti mesi, mandateli a “CAGARE” e cestinate le loro scemenze.

Giuseppe Amato

ROMA. POLIZIA DI STATO. IL 2 GIUGNO, FESTA DELLA REPUBLICA, INSIEME PER LA PACE.

Celebrazioni del 2 giugno: insieme per la pace.

 

festa RepubblicaInsieme a difesa della pace. Questo il claim che ha accompagnato le celebrazioni per il 76° anniversario della Repubblica italiana. Ed è anche lo spirito che ha animato la Rassegna di via dei Fori Imperiali, a Roma, in occasione di questo importante appuntamento per il Paese.Chi ha sfilato si prepara da settimane alla parata per rappresentare al meglio tutti i propri colleghi.

A dare il via alla giornata commemorativa è stato, all’Altare della Patria, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella che, alla presenza delle alte cariche dello Stato, ha deposto una corona al sacrario del Milite ignoto.

Alla cerimonia erano presenti il capo della Polizia Lamberto Giannini e i vertici delle Forze armate e di polizia.

Lungo il tragitto che il presidente della Repubblica ha effettuato dal palazzo del Quirinale all’Altare della Patria è stato organizzato un “punteggiamento”: tutte le componenti che hanno sfilato poi in parata, hanno fornito un numero di persone che, ferme in piedi, hanno creato un cordone d’onore per l’auto presidenziale; tra questi anche poliziotti in uniforme.

reparto schierato per gli onori al Presidente della RepubblicaA rendere gli onori al capo dello Stato all’Altare della Patria un reparto misto delle Forze armate e di polizia con una rappresentanza di agenti della Polizia di Stato.

Subito dopo, lungo via dei Fori Imperiali hanno sfilato le Forze armate, le Forze di polizia e tutte le risorse dello Stato impegnate a vario titolo al servizio della Nazione: Protezione civile, soccorso pubblico, atleti delle discipline sportive olimpiche e paralimpiche; tutti insieme per difendere i valori fondanti del nostro Paese che da 76 anni hanno assicurato il bene più prezioso, la pace.

La Polizia di Stato, che quest’anno ha celebrato il 170° anniversario della fondazione, è stata presente in diversi settori.

L’apertura è stata affidata alle associazioni combattentistiche e d’Arma; tra i medaglieri e i labari delle Associazioni sfilerà anche il medagliere dell’Anps, l’Associazione nazionale della Polizia di Stato.

Nel primo blocco hanno sfilato gli atleti delle Forze armate e di polizia olimpici e paralimpici. Tra questi presenti undici appartenenti al gruppo sportivo Fiamme oro della Polizia di Stato. Gli atleti portano lustro e prestigio all’Italia nel mondo e sono ambasciatori dei valori come il rispetto delle regole, lo spirito di sacrificio, l’impegno e la passione nel perseguire i propri obiettivi che veicolano con il loro esempio soprattutto tra i giovani.

reparto in sfilataL’8° settore, quello dedicato a tutte le componenti, armate e non dello Stato, impegnate nell’area della sicurezza, delle emergenze e della cooperazione, rappresenta tutti gli elementi del Paese che giornalmente sono impegnati, a vario titolo, a garantire la sicurezza della comunità e gli interventi di soccorso e assistenza.

Al comando del settore il dirigente superiore della Polizia di Stato Filiberto Mastrapasqua che precederà la Banda musicale della Polizia di Stato: una “Orchestra di fiati” così come è stata definita dal maestro Ennio Morricone che, dal 1928, attraverso un’intensa attività concertistica in Italia e all’estero, ha trasmesso i valori di vicinanza di istituzione ai cittadini.

È seguito poi lo schieramento vero e proprio dei reparti della Polizia. Al comando il primo dirigente della Polizia di Stato Alessandra Pacifico seguita dalla Bandiera, che quest’anno è stata insignita della Medaglia d’oro al valore per l’impegno profuso, anche in occasione dell’emergenza pandemica da COVID- 19, nella tutela della salute di tutti i cittadini.

Ha sfilato poi una compagnia di commissari in abiti civili con la sciarpa tricolore ad armacollo simbolo delle esclusive funzioni di Autorità di pubblica sicurezza riconosciute ai funzionari della Polizia di Stato.

A seguire ha marciato una compagnia di agenti della Polizia, che nei reparti hanno compiti operativi, mentre a chiudere lo schieramento è stata una compagnia mista composta da personale delle specialità e dagli specialisti della Polizia di Stato.

Hanno sorvolato lo schieramento della Polizia 3 elicotteri dei nostri Reparti volo, un Agusta-Bell 212 e due Leonardo AW139.

In coda al settore alcuni mezzi rappresentativi delle principali attività della Polizia di Stato. Una Lamborghini Huracan della Polizia stradale; un Fiat Fullback in uso alla Polizia scientifica: un pickup attrezzato come un laboratorio mobile per i sopralluoghi; un’Alfa Romeo Giulietta per il controllo del territorio e 12 moto Bmw 1.2 rt della Polizia stradale.

reparto a cavallo

Nel nono settore presenti i reparti equestri, tra i quali non poteva mancare il Reparto a cavallo della Polizia di Stato, con lo stendardo, il trombettiere e il plotone a cavallo. Impiegati soprattutto nei servizi di vigilanza nelle aree verdi cittadine i reparti a cavallo vengono anche utilizzati nei servizi di ordine pubblico.

La fanfara della Polizia in concerto a montecitorio

A conclusione della giornata, alle 16 in piazza Montecitorio a Roma, si è tenuto il concerto della Fanfara della Polizia di Stato diretta dal maestro Secondino De Palma; gli orchestrali eseguiranno alcuni brani famosi di repertorio.

Mentre nei giardini del Quirinale dalle 15,30 alle 19 due bande composte da musicisti delle diverse forze armate e di polizia si sono alternate in un concerto per la celebrazione della ricorrenza.

Ai gruppi musicali interforze hanno partecipato 18 elementi della Banda musicale della Polizia di Stato.

TURCHIA. FIAMME ORO. PEZZETTI VINCE L’ORO AGLI EUROPEI DI KARATE.

Europei di karate: Pezzetti vince l’oro, Perfetto è d’argento

 

Pezzetti - Perfetto karate

È stato un Campionato europeo di karate ricco di soddisfazioni per l’Italia e per le Fiamme oro quello da poco concluso a Gaziantep (Turchia), dove gli azzurri hanno vinto un totale di 9 medaglie (1 oro, 4 argenti, 4 bronzi).

La prima medaglia marcata Polizia di Stato è l’oro conquistato dalla squadra femminile di kata, capitanata dalla nostra Michela Pezzetti, che ha condotto alla vittoria le altre due azzurre Terryana D’Onofrio e Carola Casale.

squadra kata femminileLe azzurre hanno vinto tutti e tre i gironi a cui hanno partecipato, andando così dritte in finale, dove hanno trovato la temibile Spagna, spesso avversaria delle azzurre, che anche questa volta, come nella finale di Porec (Croazia) della precedente edizione, ha subito una sonora sconfitta.

Alla fine, il team italiano ha totalizzato 26.44 punti contro i 25.54 delle iberiche, conquistando così il titolo di Campionesse d’Europa.

Erminia PerfettoLa seconda medaglia griffata Fiamme oro è l’argento vinto da Erminia Perfetto nella categoria 50 chilogrammi di kumite (combattimento).

In finale l’azzurra ha incrociato i guantini con la turca Ozcelik Arapoglu, disputando un ottimo incontro contro la blasonata ed esperta atleta di casa, elementi che hanno avuto il loro peso anche nell’assegnazione dei punti.

Sergio Foffo