ALESSANDRIA

ASTI. GUIDA IN STATO EBBREZZA? NO, MOLTO DI PIU’: 3 GRAMMI PER LITRO DI SANGUE.

Un camionista si era messo ala guida nonostante avesse bevuto talmente tanto da non essere neppure in grado di poter distinguere il volante dalla ruota. Incappato in un posto di controllo al casello di Villanova d’Asti è stato denunciato dalla Polizia stradale.

Il camionista fermato il 4 febbraio, nei pressi della barriera autostradale di Villanova d’Asti sull’A21 Torino-Piacenza, aveva un tasso di alcol nel sangue di 3 grammi ed è stato denunciato dalla Polizia di Stato.

Durante il servizio che periodicamente la Polizia Stradale organizza unitamente a personale del Ministero dei Trasporti – Motorizzazione Civile per verificare l’efficienza dei mezzi pesanti circolanti sulla rete autostradale, gli agenti della Sezione Polizia Stradale di Alessandria – Distaccamento di Tortona hanno fermato un mezzo pesante guidato da un autista che presentava inequivocabili sintomi caratterizzanti una condizione di ebbrezza alcolica.

Sottoposto al test dell’etilometro l’autotrasportatore risultava avere un tasso alcolemico di 3,0 g/l nel sangue che confermava il grave stato di alterazione psicofisica.

La posizione del conducente è risultata ancora più grave se si considera che le norme del codice della strada prevedono normalmente per i conducenti non professionali una soglia consentita di 0,5 g/l mentre impongono un tasso alcolemico pari a zero g/l per gli autotrasportatori professionali, che dovrebbero guidare sempre in una condizione psico-fisica ottimale proprio per prevenire i rischi sulla strada e le gravi conseguenze che producono gli incidenti in cui son coinvolti mezzi pesanti

Al conducente è stata ritirata immediatamente la patente di guida per la successiva revoca, gli sono state contestate altre infrazioni al Codice della Strada ed è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Asti mentre il mezzo pesante, come previsto, è stato tolto dalla sua disponibilità ed affidato ad altra persona fatta intervenire sul posto.