Calcio Femminile

VINOVO(TO). JUVENTUS 5 MILAN 2. MONTEMURRO SHOW: LE BIANCONERE FANNO LA PARTITA, UN BUON MILAN NON BASTA CONTRO LE CAMPIONESSE.

Servizio Giuseppe Amato

Fotoservizio Andrea Amato/PhotoAgency

http://www.photoagency-quotidianoonline.com

La prima volta della pluricampionessa italiana, Laura Giuliani, contro le sue ex compagne di squadra nella partita valida per la 11^ giornata di campionato di serie A femminile sul campo intitolato ad Ale&Ricky dello Juventus Center di Vinovo(TO).

Laura Giuliani battuta 5 volte dalle sue ex compagne di squadra, che mandano in goal 2 volte Andrea Staskova , pronta ad approfittare delle respinte di Laura impegnata come mai avrebbe potuto aspettarsi da Barbara Bonansea.

Inizia le danze il Milan con Adami che punisce le Juventine troppo disattente al 3° minuto dal fischio di inizio.

La giovanissima e bravissima Andrea Staskova approfitta in due occasioni le respinte dell’ex compagna di squadra Laura Giuliani per realizzare una doppietta personale.

Bonansea per un istante ha ipnotizzato Laura e su una rimessa sbagliata le ha infilato, senza troppi complimenti, la palla in rete.

Le bianconere conoscono molto bene Laura, compagna di avventura per molti anni nella Juventus e nella nazionale azzurra, e sul calcio di rigore si piazzano al tiro in tre, ma sarà Lisa Boattin a partire dalla sinistra di Laura e a spiazzarla mandandola a destra mentre la palla si infila in rete alla sua sinistra.

Finisce la serie Lina Hurtig che oggi poteva contare su due tifosi d’eccezione: la sua compagna e il figlio paffutissimo, dagli occhi azzurrissimi. Lina Hurtig in pieno recupero riceve palla al limite dell’area difesa da Laura Giuliani, con una serie di finte salta due difensori rossoneri e con una mezza girata infila la palla in rete dove Laura non può arrivare.

Inequivocabile e inedito il ruolo di Cristiana Girelli che, contro un Milan deciso a giocarsi la partita alla pari, ha fatto da specchietto per le Allodole attirando su di se i difensori per lasciare spazio alle compagne di squadra, strategia che ha funzionato meravigliosamente contro le rossonere.

Gli occhi puntati sulla performance delle due rivali che hanno fatto la storia del scorse stagioni calcistiche, Juventus e Milan, con la Juventus che continua a macinare record, che potrebbe comodamente accedere ai quarti della Champions league femminile nella gara di giovedì contro le svizzere del Servette allo Juventus Stadium, e Milan che oggi sembrava dover rinunciare a Valentina Giacinti. Milan molto ben disposto in campo, che ha disputato una ottima partita, ma che dall’inizio del campionato sta soffrendo per la partenza della giapponese Hasegawa, la fisicità della 11 Dowie e di compagne di reparto in appoggio alle sortite solitarie a cui ci ha abituati Valentina Giacinti.

Le squadre in campo

Juventus: Peyroud Magnin Pauline, Hyryynen, Boattin, Salvai, Lenzini, Pedersen, Caruso, Staskova, Girelli, Bonansea, Bonfantini,

All. Joe Monyìtemurro

Milan; Laura Giuliani, Andersen, Arnadottir, Fusetti, Agard, Bergamaschi, Adami, Jane, Giacinti, Stapelfeldt Nina, Thomas,

All. Ganz Maurizio

Direttore di gara Longo Federico.

LA CRONACA DELLA PARTITA

Il calcio di inizio affidato alla Juventus che attacca dalla sinistra della tribuna.

Primo minuto e Milan che inizia spingere in attacco con Thomas e Giacinti che impegnano Pauline in una parata a terra, al 3° minuto il Milan si porta in vantaggio sulle bianconere con Adami, che lasciata sola non da scampo a Pauline.

La Juventus non ha lasciato neppure il tempo alle rossonere di esultare che al 7° si propone in un calcio di punizione che Girelli infila un rasoterra che la ex Giuliani che respinge, ma Staskova pronta sulla ribattuta infila in porta.

Juventus 1 Milan 1

Al 30° le squadre ferme sul punteggio di parità continuano a studiarsi, ma creano poche occasioni, da segnalare un tentativo di affondo in contropiede di Valentina Giacinti che in area bianconera è stata contrastata da Cecilia Salvai che le ha sradicato la palla dai piedi.

La Juventus si propone con Hyryynen, Caruso e Staskova, ma Laura Giuliani è pronta sulla pericolosa incursione delle binaconere.

Laura Giuliani stregata dalla e compagna di squadra, Barbara Bonansea, sbaglia il rinvio e le regala un pallone d’oro, che senza troppi complimenti infila in rete

Juventus 2 Milan 1

Finale del primo tempo al cardiopalma, Bonansea attacca Thomas che finisce a terra e il direttore di gara indica il dischetto senza indugi per un calcio di rigore che Valentina Giacinti si fa parare da Pauline con i piedi.

Finisce il primo tempo senza altri episodi da segnalare.

Secondo tempo

Il Milan riparte in attacco e dopo un tentativo di Giacinti di entrare in area Thomas ci prova dalla distanza, la Juventus reagisce con Bonansea e Staskova che serve Boattin in area che va al tiro, ma il tiro viene murato dalla 3 rossonera Andersen, la palla sfiora il palo e finisce in corner.

Fuori il 10 Stapelfeldt dentro il 23 Longo nel Milan al 21° della ripresa.

Juventus fuori Bonfantini per Hurtig

Fuori Girelli per Rosucci

Rosucci sbaglia il disimpegno e favorisce il contropiede di Longo che dal limite dell’area fulmina Pauline

Milan 2 Juventus 2

Calcio di rigore per le bianconere per fallo di mano in area sul tiro di Rosucci. Sulla palla tre Juventine, ma si incarica del tiro Boattin goal Juventus di nuovo in vantaggio per 3 a 2

Il Milan riparte in contropiede con Thomas servita sulla fascia da Andersen, crossa dal fondo Giacinti si trova la palla sui piedi, ma Pauline blocca a terra placcata dalla compagna di squadra che le frana addosso.

La Juventus in attacco si inventa un cambio di campo Hurtig, Bonansea che crossa in area, ma Giuliani è pronta a bloccare il tentativo di Lenzini di andare in porta.

Fusetti per Cimini per il Milan.

Bonansea servita sulla tre quarti si lancia in porta in area e spara si Giuliani che para, ma non blocca e Andrea Staskova ancora una volta si fa trovare pronta sulla ribattuta, goal.

Juventus 4 Milan 2

Fuori Pedersen e Bonansea dentro Zamanian e Nilden.

Infortunio per Jonusaite che aveva sostituito Thomas, che esce per lasciare spazio a Selimhodzic

Fuori Salvai per Lundorfalf.

Hurtig al goal in pieno recupero: ricevuta la palla dalla tre quarti salta tutta la difesa e sola davanti a Giuliani esegue una mezza girata e non sbaglia.

Finisce la partita Juventus 5 Milan 2.