CRONACA

BEINASCO(TO). BRUCIA DEPOSITO DI PLASTICA, GRAVISSIMO IL RISCHIO AMBIENTALE E LA SALUTE DEI RESIDENTI PER L’INQUINAMENTO.

Un incendio di vaste incendio proporzioni è scoppiato intorno alle 15,30, mentre era in corso la gara Juventus Milan da cui è stata scattata la fotografia, nel deposito Demap, azienda situata in via Aosta, a Beinasco di fianco agli stabilimenti abbandonati della Vercarmodel, chiusi un anno fa in seguito al fallimento dell’attività.

Le fiamme hanno interessato parte degli 800 metri quadri dell’edificio industriale, che confina con la tangenziale.

Le operazioni di spegnimento dell’incendio da parte dei vigili del fuoco sono ancora in corso mentre i carabinieri e la polizia locale hanno sigillato le vie d’accesso all’azienda per ragioni di sicurezza. 

Il sindaco ha diramato un avviso ai cittadini residenti: “Non uscite di casa” perché è molto alto il rischio di ricadute degli inquinanti e il timore che possa svilupparsi un forte inquinamento ambientale.

L’Arpa Piemonte sta monitorando una vasta area mentre il sindaco di Beinasco ha ordinato per domani la chiusura delle elementari Mei, la materna Rodari, l’asilo nido Garelli.

Il direttore dell’azienda ha confermato che non ci sono persone coinvolte e dalle prime ricostruzioni sembra che gli operai al lavoro nello stabilimento avrebbero sentito uno scoppio e non riuscendo a domare le fiamme e contenere l’incendio autonomamente sono scappati in strada.

Il deposito di rifiuti plastici della Demap, azienda specializzata nella selezione della plastica raccolta nei cassonetti dei Comuni della cintura torinese è andato quasi tutto distrutto nell’incendio e l’Arpa sta monitorando varie zone di Torino a causa della ricaduta degli inquinanti in città.

Una grossa nuvola nera si è levata in cielo ed è visibile a chilometri di distanza e alto è il rischio che l’incendio si possa estendere ai capannoni vicini.

Sei squadre dei vigili del fuoco sono al lavoro nelle operazioni di spegnimento delle fiamme mentre in appoggio alle sei squadre e alle quattro autobotti è presente il Nucleo Biologico Chimico Radiologico (Nbcr) e il carro autoprotettori.

I rilievi dell’Arpa in corso Allamano all’altezza del centro commerciale Le Gru hanno riscontrato il COV 120-140 ppb contro il valore di fondo che in zona è di circa 90-100 ppb oltre a tracce di acido cloridrico.

Gli odori a Torino e nei comuni limitrofi potrebbero aumentare per effetto dell’inversione termica.

Nella zona adiacente alla tangenziale si stanno formando lunghe code di auto.

Il comune di Beinasco sui social ha invitato i cittadini a evitare di sostare o avvicinarsi alla zona industriale interessata dall’incendio per evitare congestionamenti stradali e consentire ai vigili del fuoco di poter operare senza impedimenti mentre in attesa delle analisi sulla qualità dell’aria dell’Arpa, i cui tecnici sono sul posto, ha confermato l’indicazione di chiudere le finestre, di indossare la mascherina all’aperto e di evitare passeggiate.