ASTI

ASTI. IL WEEK END NEL MAGICO PAESE DI NATALE ASPETTANDO SANTA CLAUS.

Aspettando Santa Claus, Babbo Natale ad Asti nel “magico Paese di Natale nelle terre Unesco” si possono visitare il centro storico e l’apertura del mercatino con le 130 casette di legno.

I turisti, gli appassionati dei mercatini di Natale possono seguire il percorso che da piazza San Secondo parte per piazza Roma lungo corso Vittorio Alfieri fino alle porte della piazza Cairoli o del Cavallo, a ridosso della casa del giovane Vittorio Alfieri.

Lungo il percorso è possibile visitare piazza San Secondo dedicata alle associazioni di volontariato e piazza Roma con l’angolo del gusto, molto apprezzato dai golosi e dai visitatori in genere.

Da Merano, in Alto Adige, “La casa della mela” presenta ad Asti i suoi Brezel, Sacher e lo Strudel di mele, specialità artigianale.

Ma qualcuno non si accontenta delle torte e tra le panche e tavoli di legno è possibile gustare la porchetta, lampredotto, hot dogs e altre specialità.

I più golosi possono apprezzare le cioccolate calde, torrone, caramelle e dolci delle feste, ma anche tisane e tè da prepararsi a casa.

La folla della prima settimana si è concentrata soprattutto nella zona di piazza Roma mentre l’ultima parte del percorso è stata penalizzata dal tempo a disposizione e dalla pigrizia dei visitatori, ma dalle casette allestite nella parte alta a ridosso di piazza Cairoli arrivano commenti positivi insieme alla speranza che il tempo non guasti la festa e i che ai visitatori venga voglia di allungare la passeggiata fino alla casa di Vittorio Alfieri.

La risposta del pubblico è stata positiva e l’iniziativa apprezzata, ma a qualcuno forse manca un pochino la location di Govone mentre lungo il percorso si incontrano bambini con lo zucchero filato, i sacchetti delle caldarroste, a ricordarci la nostra infanzia, e gli operatori a tema natalizio.

Il mercatino di Natale come ci ricordano gli operatori presenti sarà aperto sia nei giorni feriali che festivi mentre altri apriranno solo 17 giorni, nel week end e nell’intera settimana dell’Immacolata.

Le casette contrariamente a quanto si aspettava qualcuno non sono solo a tema natalizio con le decorazioni, renne di panno, presepi in bottiglia, palline e ghirlande, ma sono anche presenti le casette che espongono oggetti e idee regalo.

Asti per l’occasione ha allestito due info point, piazza Roma e piazza Marconi, davanti alla stazione, dove vengono distribuite le piantine con percorso del mercatino, orari di apertura delle casette della gastronomia, dell’artigianato e dello street food.

Altra novità della manifestazione è l’organizzazione di corse speciali Asti-Govone e viceversa, che permetterà ai visitatori di muoversi tra i due “villaggi del Natale”.

Il tragitto collega due eventi importanti: Asti, la casa del mercatino e Govone, il palcoscenico degli eventi.

La casa di Babbo Natale, la mostra sul Natale in Casa Savoia, nel castello e poi “Il Bambin Santo: la tradizione del presepe Napoletano a Casa Savoia”, l’animazione per bambini della Scuola degli Elfi, il Cooking Christmas Show con lo chef Diego Bongiovanni.

Gli Elfi di Asti accompagnano i turisti alla scoperta dei palazzi storici della città.

Asti orfana del suo palio, causa Covid, ha visto il gruppo dell’Asta sfilare nelle vie della città: chiarine, tamburini e sbandieratori per inaugurare l’accensione dell’Albero di Natale in piazza San Secondo e con loro le cheerleader Sharks Cheer, mentre in piazza Statuto è possibile continuare a pattinare. 

Servizio foto e video Giuseppe Amato/Quotidiano on line