CRONACA

FOGGIA. BLOCCATA DALLA POLIZIA DI STATO GANG GIOVANILE RESPONSABILE DI AGGRESSIONE A COETANEI

Foggia: fermata gang giovanile responsabile di aggressione a coetanei

operazione

Gli agenti della Polizia di Foggia ha arrestato tre giovani di età compresa tra i 19 e 20 anni e tre minorenni sono stati denunciati perché responsabili, a vario titolo, dei reati di lesioni personali pluriaggravate commesse con finalità di odio etnico e razziale.

Il gruppo si è reso protagonista, nei centri della movida cittadina, di due episodi di violenza aggredendo gli stessi con calci e pugni, armi improprie e pronunciando nella circostanza frasi discriminatorie tre coetanei di cui due stranieri maggiorenni ed uno minorenne.

I medici che hanno preso in cura le vittime hanno diagnosticato lesioni giudicate guaribili rispettivamente in sette, venti e trenta giorni.

La prima aggressione, avvenuta nel week end a cavallo tra il 21 e il 22 agosto, è stato accertato che uno degli arrestati insieme ad altri ragazzi, tra cui alcuni minori, abbia aggredito in piazza Mercato un gruppo di coetanei colpendo la vittima con calci e pugni al volto e in varie parti del corpo, scagliandosi con particolare violenza nei confronti di un giovane straniero e proferendo nella circostanza frasi a contenuto discriminatorio.

Nella stessa serata altri due appartenenti al gruppo insieme ad altri due minori hanno aggredito un minore straniero. Anche in quest’occasione, come nella precedente, la vittima oltre alle ingiurie a sfondo razziale ha subito violenti pugni e calci al volto tanto da cagionargli un trauma cranico facciale con rottura delle ossa nasali. 

Il gruppo si è reso responsabile di un altro episodio che si è verificato in piazza Mercato il 4 settembre ai danni di un minorenne che ha riportato, per i colpi subiti, un trauma cranico contusivo, un trauma della piramide nasale, la frattura dell’osso orbitale sinistro, lesioni dell’occhio sinistro e varie lesioni al cranio e al collo.