AGENDA E APPUNTAMENTI

ALESSANDRIA. ASSEMBLEA PUBBLICA COMITATO STOP SOLVAY E FRIDAY FOR FUTURE SU PFAs E INQUINAMENTO AMBIENTALE.

Comitato Stop Solvay: “ Per lo screening non siamo disposti ad aspettare oltre ”

Domenica sera l’assemblea insieme a Fridays For Future organizzano una assemblea pubblica Domenica 26 settembre 2021 in via Piave, 63 ad Alessandria.

Negli ultimi due anni, sono state numerose le pubblicazioni sulla nocività e pericolosità per l’uomo e l’ambiente dei PFAs : dall’Istituto Superiore di Sanità (ISS), a i medici per l’ambiente (ISDE), da ARPA Piemonte e Veneto alla comunità scientifica di tutto il mondo.

Un fiume di informazioni tecniche e scientifiche che hanno confermato il valore della battaglia del Comitato Stop Solvay, FRIDAY FOR FUTURE su stop Solvay in Piemonte e delle Mamme NO PFAs in Veneto.

A tutte queste informazioni si aggiungono le testimonianze dirette di territori e popolazioni in sofferenza.

I recenti monitoraggi di ARPA Piemonte – come riporta va Il Piccolo del 10 settembre scorso – continuano a registrare un inquinamento diffuso alle porte di Alessandria dovuto oltre ai noti PFAs (cC6O4, A D V7800 e PFOA) anche agli inquinanti precedentemente rilasciati nell’ambiente (cloroformio, tetracloruro di carbonio).

E se per quest’ultimi si può scaricare il barile su Montecatini, Ausimont e Montedison , la significativa dispersione dei PFAs è imputabile esclusivamente a Solvay, unico produttore di queste sostanze sul territorio alessandrino.

A questo fero ce inquinamento non può che conseguire uno stato di salute tutt’altro che buono della popolazione . I tassi di morbilità e mortalità nella Fraschetta – il Comitato lo diceva già a dicembre 2019 , a segui to della pubblicazione dello studio epidemiologico , e non si stanca di ripeterlo – raggiungono percentuali scioccanti rispetto al resto della Provincia di Alessandria.

In questo contesto drammatico, nulla è stato fatto dalle Istituzioni che dovrebbero tutelare la salute pubblica e i beni collettivi (tra cui quelli ambientali).

Anzi, l’unica decisione presa è stata quella di spalleggiare la multinazionale belga concedendo l’ampliamento della produzione di queste sostanze affinché potesse ricavare ulteriore profitto dalla distruzione di vite e di un intero territorio.

“Non ci stanchiamo di continuare a lottare per lo screening sanitario di tutta la popolazione potenzialmente esposta ai PFAs – dice Viola Cereda, portavoce del Comitato Stop Solvay – In questi ultimi mesi , dopo i nostri sforzi, l a proposta d i un biomonitoraggio umano è stata addirittura discussa in Regione Piemonte.

Ma mentre la classe politica valuta se lo screening sanitario sia “cantierabile” , Solvay continua a sversare sul nostro territorio questi inquinanti. N on siamo disposti ad aspettare oltre una risposta ! ” Domenica 26 settembre, alle 21 in via Piave 63 ad Alessandria , il Comitato Stop Solvay discuterà con Giovanni Fazio – medico ISDE -, Giovanna Dal Lago – mamma NOPFAs – e Giovanni Del Bello – attivista di PFAsLand e ZEROPFAs – degli effetti di questi inquinanti sulla salute , del la necessità di uno screening sanitario per coloro che vivono il territorio alessandrino e dell’analogo percorso avviato in Veneto da alcuni anni.

L’evento fa parte della 3 giorni indetta da Fridays For Future Alessandria . “ La nostra lotta e quella di questi ragazzi è la stessa : vogliamo che le istituzioni agiscano per fermare la crisi sanitaria e ambientale che questo territorio vive da oltre cent’anni !

Vogliamo: screening di tutta la popolazione, chiusura dell’impianto produttivo di Spinetta Marengo e bonifica dell’interno territorio!”.