ALESSANDRIA

ALESSANDRIA. LAVORATORI A PROCESSO COME CRIMINALI PER AVER DIFESO IL POSTO DI LAVORO.

un presidio di protesta è stato organizzato dai lavoratori e i sindacalisti del SiCobas del comparto della logistica davanti al Tribunale di Alessandria.0

Una manifestazione di protesta è terminata in un procedimento penale a carico di 54 lavoratori e militanti del sindacato SiCobas che parteciparono alle proteste scoppiate tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018 fuori dal magazzino In’s Mercato del polo logistico di Torre Garofoli a Tortona.

Il processo contro 54 lavoratori e militanti sindacali è iniziato il 17 settembre 2021, ma i difensori dei lavoratori, accusati di manifestazione non autorizzata e resistenza a pubblico ufficiale, hanno sollevato eccezioni procedurali e vizi di forma per la posizione di alcuni e su cui il giudice si è riservato di decidere nei prossimi giorni.

I lavoratori, i colleghi e militanti del sindacato SiCobas durante l’udienza hanno organizzato una manifestazione pacifica davanti al Palazzo di giustizia di Alessandria mentre dal sindacato hanno spiegato che: “È stata una manifestazione pacifica con una grande dispiegamento di lavoratori in cui abbiamo affrontato l’infondatezza delle accuse mosse nei confronti dei 54 lavoratori: non erano dei criminali, stavano scioperando. Una scelta che era stata necessaria ma nonostante la vertenza sia finita adesso è iniziato il processo. Si sentono presi in giro”.

Il sindacato ha proseguito spiegando che la mobilitazione durò molti giorni e molte notti, in cui i lavoratori incrociarono le braccia per rivendicare i loro diritti e a alla base delle proteste le motivazioni furono molte: i ritardi dei pagamenti degli stipendi, i ticket mensa, episodi di discriminazione nel magazzino e infine il mancato rinnovo del contratto di un collega precario. ma nonostante le lotte dei lavoratori, durante la pandemia le condizioni nel polo logistico non sono migliorate e si i registrano ancora discriminazioni razziali e antisindacali.

Motivi per i quali le mobilitazioni proseguiranno domenica a Bologna insieme a lavoratori e delegati di altri settori per preparare insieme lo sciopero generale dell’11 ottobre, che si terrà nel polo logistico di Tortona e nella provincia di Alessandria.