amichevole

NOVARELLO. LE AZZURRINE A RETI BIANCHE CONTRO LA SVIZZERA. ZAGHINI PARA IL RIGORE ALLE OSPITI E SALVA IL RISULTATO.

Ritmi alti e possesso azzurro, manca la cattiveria sottoporta.

Foto Andrea Amato – PhotoAgency

Zaghini para un rigore, finisce 0-0 l’amichevole tra Italia e Svizzera
Dopo oltre un anno e mezzo di stop forzato a causa della pandemia, la Nazionale Under 17 Femminile è tornata oggi pomeriggio a disputare una gara ufficiale. L’ultima volta le Azzurrine erano scese in campo nel febbraio 2020 a Lisbona per un’amichevole con il Portogallo, poi è arrivato il Covid e il pallone è finito in soffitta.

A Novarello un’Italia formata da ragazze nate nel 2005 e 2006, al loro debutto su un palcoscenico internazionale, ha iniziato il nuovo corso pareggiando 0-0 con la Svizzera la prima delle due amichevoli in programma con le pari età elvetiche. Stesso risultato del match tra le Nazionali maggiori maschili disputato domenica, con il primo tempo di marca azzurra e la ripresa caratterizzata da un predominio delle rossocrociate. E se a Basilea era stata l’Italia di Mancini a sprecare un rigore con Jorginho, stavolta è toccato alla Svizzera: al 10’ della ripresa il capitano Noa Linn Munger ha esaltato i riflessi di Giulia Zaghini, portiere del San Marino festeggiata dalle compagne come se avesse segnato un gol.

“La nostra è una squadra tutta nuova – sottolinea il tecnico Nazzarena Grilli – per tutte le ragazze era la prima gara internazionale ed erano ovviamente emozionatissime. Di fronte avevamo una nazionale molto organizzata: alcune cose le abbiamo fatte bene, altre meno, quel che è certo è che dobbiamo lavorare tanto perché le qualificazioni europee sono alle porte. Ho tratto indicazioni molto utili, questa gara ci servirà per il futuro”.

E venerdì alle 10.30 sempre a Novarello andrà in scena il secondo test con la Svizzera, altri novanta minuti preziosi in vista della prima fase di qualificazione al Campionato Europeo che dal 22 al 28 ottobre vedrà l’Italia affrontare le padrone di casa della Svezia, la Francia e il Galles

Fonte FIGC