LAVORO E SALUTE

ALESSANDRIA. SCIOPERO DIPENDENTI RSA CAPRA, PRESIDIO SOTTO PREFETTURA.

“Sciopero Dipendenti Rsa Capra”

A poco più di un mese dalla Procedura di Raffreddamento tenutasi in Prefettura ad Alessandria.

Nel pieno rispetto delle normative anti-Covid e nell’ambito dello sciopero dei lavoratori della Sereni Orizzonti 1 SpA e Work on Time SpA che prestano servizio presso la RSA Capra di Alessandria proclamato dalla CSE Sanità – Dip.to FLP si è tenuto Giovedì 03 Giugno 2021 un sit-in di protesta davanti la Prefettura.

A guidare la protesta Stefania Gallo, coordinatore territoriale CSE Sanità – Dip.to FLP del Piemonte, insieme a Claudia Mensi, Coordinatore Territoriale CSE Sanità-Dip.to FLP Alessandria-Asti, e Giuseppe Scala in Rappresentanza della Confederazione Nazionale Cse. Tra i motivi della protesta: – mancato rispetto del verbale di accordo della procedura di raffreddamento del 20 aprile 2021; – mancata chiarezza sul CCNL applicato nel rapporto di lavoro tra azienda Sereni Orizzonti 1 SpA e i suoi lavoratori dipendenti; – comportamento antisindacale della Sereni Orizzonti 1 SpA volto ad escludere dai tavoli di trattativa la CSE; – difficoltà nell’elaborazione delle buste paga dei dipendenti; – demansionamento del personale (OSS e Ausiliari) costretto a svolgere compiti di non loro competenza; – mancato rispetto dell’applicazione delle normative vigenti in tema di orario di lavoro; – carenza di personale; – mancanza di manutenzione della struttura; “L’Azienda ha tentato in ogni modo di bloccare questo sciopero attuando comportamenti non rispettosi della normativa vigente in materia di scioperi e della nostra carta costituzionale che sono stati subito soggetti di segnalazione agli organi competenti e nei prossimi giorni di un ricorso giudiziale, ma nonostante tutto la manifestazione è stata partecipata ed attiva, speriamo che dia nel più breve tempo possibile i suoi frutti” ha commentato Gallo Stefania Coordinatrice Regionale Cse sanità-FLP.

Una delegazione sindacale è stata poi ricevuta dal Vice Prefetto Vicario Dott. Paolo Ponta il quale a seguito dell’esposizione dei problemi ha comunicato la sua intenzione di attenzionare la Rsa in questione insieme agli organi di controllo competenti.