Mese: gennaio 2021

ALESSANDRIA. TERZO VALICO, PROCLAMATE 4 ORE DI SCIOPERO PER TURNO DOPO L’INCIDENTE NEL CANTIERE.

Un grave incidente sul lavoro ha coinvolto un operaio dell’impresa Seli Overseas, impegnata nella realizzazione del tunnel del terzo Valico di Redimero ad Arquata Scrivia, e rischia di perdere una mano.

La notizia diffusa dai sindacati edili Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil che hanno indetto il primo febbraio uno sciopero di quattro ore per turno e chiesto insieme ai rappresentanti dei lavoratori un incontro con l’impresa e il consorzio Cociv.

Paolo Tolu Feneal Uil, Massimiliano Campana Filca Cisl, Rocco Politi Fillea Cgil hanno espresso la loro solidarietà a nome dei lavoratori delle confederazioni sindacali: “Esprimiamo la nostra piena vicinanza al lavoratore coinvolto e riponiamo naturalmente la massima fiducia nelle autorità competenti che sono prontamente intervenute, auspicando che venga fatta chiarezza al più presto sulla causa e le dinamiche del grave incidente”.

ALESSANDRIA. JUVENTUS U23 PADRONA DEL CAMPO, GIANA ERMINIO CINICA E OPPORTUNISTA COLPISCE DUE VOLTE CON CORTI.

Il campionato di serie Lega Pro prosegue con la 21 giornata nello stadio Giuseppe Moccagatta di Alessandria, in cui si scontreranno la Juventus U23, tra le cui fila non schiera, però alcuni giovani che sono stati impegnati nei quarti di coppa Italia contro la Spal, e il Giana Erminio che ad Alessandria è riuscita lasciare il segno battendo in diverse occasioni la squadra dei Grigi potrebbe tentare di riprendersi la rivincita anche con la Juventus U23.

Le formazioni incampo.

Juventus U23: 4 2 3 1; Nocchi, Peeters, Dabo, Ranocchia, Marquez, Brighetti, Alcibiade, Capellini, Andrade, Di Pardo, De Marino.

All. Zauli lamberto

Giana Erminio: 5 3 2; Acerbis, Marchetti, Palazzolo, Pinto, Rossini, Ferrario, Bonalumi, Corti, De maria, Madonna, Montesano.

All. Brevi Oascar

Direttore di gara: Arace Mario Davide di Lugo di Romagna.

Il fischio di inizio della partita affidata alla Giana erminio mentre la Juventus U23 attacca dalla destra della tribuna, Palo clamoroso di Dabo, a pochi secondi dall’inizio della gara, che da centro campo con una fucilata a campanile ha sorpreso Acerbis, graziato solo dal palo.

La Juventus al 2° minuto ha concesso il primo calcio d’angolo per la Giana Erminio, ma Nocchi smanaccia, allontana il pallone dall’area piccola e la difesa libera.

La Juventus U23 avanza attacca ordinata con movimenti e passaggi corti per mantenere il possesso palla e aggirare la difesa avversaria cercando varchi per crossare in area.

Al 10° primo corner per la Juventus, Di Pardo anticipa tutti, ma colpisce male di testa ela palla finisce alta sulla traversa.

14° secondo calcio d’angolo per la Juventus, palla in area, ma Acerbis anticipa tutti e blocca sicuro.

Juventus in possesso palla e padrona del campo impone alla Giana Ermino il proprio gioco, squadra ospite che nella prima fase di gioco subisce gli attacchi bianconeri e si limita a difendere la propria area di rigore.

Al 23° Alessandro Corti, sugli sviluppi di una punizione battuta dal capitano Pinto, batte di testa Nocchi e porta la Giana Erminio in vantaggio. La prima vera e unica occasione costruita dal Giana in cui la squadra ospite supera la propria metà campo e con cinico opportunismo con una palla inattiva batte l’estremo difensore bianconero.

Il Giana dopo il primo goal ha preso coraggio e al 26° sfiora il raddoppio, ma è sempre la Juventus a mantenere il possesso palla, imporre il gioco e che con un tiro teso di Di pardo, respinto di pugno da Acerbis sulla linea di porta, ha sfiorato il pareggio.

Punizione per la Juventus al 31° , Ranocchia sul pallone con Brighenti. Brighenti si allontana e Ranocchia con il mancino manda fuori di pochissimo.

3° calcio d’angolo per la Juventus al 34°, palla fuori e bianconeri sempre in attacco e 4° corner.

Alcibiade, sugli sviluppi del corner, con una magia, dopo un batti e ribatti ai limiti dell’area di rigore, in semi rovesciata pareggia i conti con il Giana.

Primo giallo per Madonna fuori tempo su De Marino lanciato verso la porta ospite lo atterra, calcio di punizione per la Juventus da posizione interessante per il tiro di Ranocchia, ma è Corti, che approfittando del controllo sbagliato dei bianconeri in contropiede, partendo dalla propria area di rigore, percorre in velocità tutto il campo palla al piede fino a trovarsi a tu per tu con Nocchi che non ha potuto fare nulla per salvare porta e risultato.

Giana Erminio 2 Juventus 1

Secondo Tempo

Juventus alla ricerca del pareggio continua ad essere padrona del campo, anche il Giana non cambia modulo e difende con tutti i suoi giocatori.

Cross di Di Pardo dal fondo per Brighenti che non sbaglia e di testa buca Acerbis. Partita in parità e Juventus sempre padrona del possesso palla e del campo.

Madonna guadagna il doppio giallo per fallo da dietro su Peeters, che si era già liberato della palla, e rosso, Giana in dieci al 53°.

Pronto Barazzetta nella mischia sostituisce Ferrario al 57°.

Calcio di rigore per la Juventus per fallo su Marchetti da parte di Bonalumi, anche per lui un cartellino giallo.

Si incarica del tiro Brighenti, che non sbaglia:, doppietta di testa e su rigore, palla da una parte e portiere dall’altra.

Girandola di cambi tra la Juventus e la Giana al 66°.

La Juventus in questa fase di gioco mantiene il possesso palla, ma spreca molto e perde due occasioni da goal intanto la Giana sostituisce un altro giocatore.

Correia messo giù a fondo campo, Ranocchia scaglia in area, Acerbis respinge sui piedi di Peeters che prova il tiro di prima intenzione.

Nocchi chiamato in causa da Corti, che sfiora il terzo goal, per una ingenuità dalle difesa bianconera.

Il tecnico Oscar Brevi espulso all’83° per le continue proteste nei confronti dell’arbitro.

Del Sole fuori per infortunio dopo pochi minuti intanto nella Juventus debutta il nuovo acquisto Akè.

La partita è diventata nervosa, continui infortuni in campo e direttore di gara perennemente con il cartellino rosso in mano per la terza volta espelle dal campo un altro giocatore, che sedeva in panchina.

Correia in contropiede chiama in causa Acerbis che salva in angolo.

Giallo per Ranocchia.

6 minuti di recupero e pericolo per la Juventus nei primi minuti di recupero.

Giana in attacco alla ricerca del pareggio e Juventus che controlla.

Minuti concitati per entrambe le squadre e partita che termina con 3 reti per la Juventus e 2 per il Giana Erminio.

TORINO. POLIZIA DI STATO. GRUPPO CRIMINALE AFFITTAVA IL POSTO PER FAR PROSTITUIRE LE RAGAZZE.

Torino: conclusa operazione antiprostituzione, 4 arresti

Prostituzione

Un gruppo criminale costituito da albanesi e rumeni che gestivano alcune zone strategiche di Torino e si occupavano del reclutamento delle ragazze nell’Est Europa è stato sgominato dagli agenti della Squadra mobile di Torino al termine di una operazione denominata “Malai” e “Alba Chiara”.

Gli investigatori coordinati dalla procura della Repubblica e la collaborazione delle pattuglie del Reparto prevenzione crimine sono riusciti a documentare l’attività criminale di due gruppi, uno di nazionalità rumena e l’altro albanese.

Gli indagati facevano prostituire in strada o in appositi appartamenti allestiti le giovani donne attirate in Italia con false promesse di matrimonio e ricatti sentimentali.

Durante le indagini è stato osservato che gli indagati sfruttavano anche l’attività esercitata nella loro zona da donne appartenenti ad altri gruppi dietro il pagamento di un “affitto” per il posto occupato.

Tutto il ricavato delle prestazioni sessuali veniva versato dalle ragazze ai loro “protettori”.

VICENZA. POLIZIA DI STATO. TRE ARRESTI PER RAPINA IN VILLA.

Sventata rapina in villa a Vicenza, tre arresti

operazione

Una operazione congiunta dei poliziotti di Milano, e Vicenza ha permesso di arrestare tre cittadini dell’est europa specializzati in furti i villa e rapina.

I rapinatori sono stati bloccati nella villa di un imprenditore di Vicenza mentre si preparavano a rapinarlo.

Il gruppo era tenuto sotto controllo dalla Squadra mobile di Milano che alcuni giorni prima gli aveva impedito di effettuare un colpo nella città di Rimini, facendo intervenire una volante per un controllo.

Gli investigatori, attraverso le intercettazioni, erano a conoscenza delle intenzioni degli indagati di mettere in opera un nuovo piano criminale.

I poliziotti lo scorso 25 gennaio li hanno seguiti fino a Vicenza dove i tre, prima di entrare in azione, hanno eseguito una serie di sopralluoghi sul luogo della residenza presa di mira, manifestando l’intenzione di portare a compimento il colpo facendo atti violenti e intimidatori nei confronti della vittima e delle persone presenti in casa.

Giovedì notte i malviventi hanno tentato di entrare nel giardino della villa, ma hanno trovato ad attenderli gli agenti che sono riusciti a bloccarli.

Nelle perquisizioni effettuate dai poliziotti nei luoghi in cui avevano dimorato durante la permanenza a Vicenza sono stati sequestrati guanti in lattice, radio ricetrasmittenti, fascette elettriche e 4.000 euro in contanti.

CASALE MONFERRATO(AL). POLIZIA DI STATO. OMICIDIO SPINA, DENUNCIATI QUATTRO SPACCAITORI.

Questura di Alessandria

COMUNICATO STAMPA

Gli agenti del Commissariato di P.S. di Casale Monferrato hanno denunciato a piede libero all’A.G. competente quattro spacciatori di droga, casalesi, ritenuti responsabili di aver ceduto stupefacenti al compagno del giovane Fabio SPIGA ucciso nel novembre del 2020.

Le indagini scrupolose condotte dagli investigatori hanno permesso di accertare che l’assassino, insieme ad un gruppo di amici, aveva acquistato e consumato in compagnia discrete quantità di droga, hashish e cocaina.

Ma le indagini hanno anche stabilito che alcuni acquisti erano stati fatti nelle ore immediatamente antecedenti all’omicidio, da parte di L. M. e L. K., quest’ultimo inizialmente individuato solo con il soprannome “Luli”, ma persona nota agli uffici per i numerosi precedenti penali, anche specifici, previo contatto con l’amico R. H. J. il quale, successivamente, è risultato essere loro fornitore abituale di sostanze stupefacenti.

Il gruppo, dopo aver consumato la sostanza stupefacente durante il pomeriggio, si era riunito una seconda volta intorno alle ore 23.00, successivamente con l’intento di reperire ulteriori dosi, acquistando ulteriori 10 grammi di cocaina da M. H., soggetto pluripregiudicato, consumati dai giovani nell’arco della nottata.

I quattro spacciatori sono stati oggetto di perquisizioni locali e personali, che hanno consentito al personale di Polizia di acquisire ulteriori prove a loro carico, sia per le cessioni di droga già accertate che per altre effettuate in altri periodi.

Il giovane M.H. è stato inoltre denunciato a piede libero per il reato di evasione, avendo violato la misura degli arresti domiciliari precedentemente adottata nei suoi confronti.

TREVISO. STORDEN LANCIA L’ECOMMERCE POSTALMARKET.

STOREDEN, CRESCITA BOOM E NEL 2021 LANCIA L’ECOMMERCE DI POSTALMARKET.



Nell’anno del Covid la start up veneta degli ecommerce continua a crescere: oltre 250 agenzie web Italiane che propongono la piattaforma, tremila clienti soddisfatti in tutta Italia e milioni di acquirenti: ora vale oltre il 4% dell’ecommerce italiano


Fino a pochi anni fa Storeden era una start up, nata dall’idea di creare degli strumenti innovativi per la vendita on line. Oggi Storeden, che ha sede a Villorba, in provincia di Treviso, è diventata il modello di riferimento nell’ecommerce in cloud, domina a livello nazionale e si è già aperta al mercato europeo. L’anno della pandemia ha infatti accelerato le vendite on line e Storeden ha registrato numeri senza precedenti. Rispetto al 2019, infatti, il volume delle vendite on line sulle piattaforme del gruppo è cresciuto del 234%. Già prima della pandemia il 4% dei siti e-commerce italiani si muoveva su piattaforma Storeden (fonte: rapporto ecommerce 2020 di Casaleggio Associati). Un dato enorme.
Peraltro, la tecnologia made in Italy e il modello di business di Storeden convincono sempre più i clienti: sono ad oggi oltre 3.000 gli ecommerce che utilizzano il software di Storeden; ciò ha portato a visitare i siti costruiti con il loro codice milioni di volte. Ma il 2020 in Storeden non sarà ricordato solo per i record di fatturato e la crescita aziendale. L’azienda ha infatti acquisito un nuovo stabile, che nel corso del 2021 diventerà headquarter unico, una sorta di cittadella dell’ecommerce con tanto di centro benessere.
Sempre nel 2021 partirà un altro progetto di portata colossale: Storeden sarà l’anima del nuovo ecommerce di Postalmarket. La tecnologia Made in italy è stata dunque scelta per rilanciare il marchio storico, che è già tornato al centro dell’interesse e del gossip: Postalmarket come primo volto da copertina ha infatti scelto quello di Diletta Leotta.

“Con Storeden le aziende possono in pochi minuti realizzare un ecommerce professionale sincronizzato con i migliori marketplace, la piattaforma è infatti integrata con Amazon, Ebay, Facebook e Instagram, solo per citare alcune delle realtà più note”, spiega Marco Orseoli, Partner Manager per il portale. “Una realtà, quella di Storeden, che oggi si sviluppa anche grazie ad una rete di oltre 250 agenzie web tra le migliori in Italia, che hanno scelto di proporre la piattaforma ai propri clienti per supportare chi decide di utilizzare la soluzione con il marketing, ma anche con sviluppi personalizzati, in modo da soddisfare le esigenze di clienti in modo specifico”.

Solo per citare alcune delle aziende che utilizzano i software Storeden, ci sono nel settore food and beverage Nardini, Melinda e Val d’Oca, in quello del calzaturiero Scarpa, Garmont, Pellizzari; nel settore beauty ci sono Beauty Star, Euphidra e Capello Point. Nel corso del 2020 sono poi state realizzate alcune partnership strategiche, tra cui citiamo quella con Nexi e Paypal ad esempio.

“Il 2020, con tutte le sue complessità, ha rappresentato un anno di svolta per noi”, conclude Orseoli. “abbiamo reso gratuito l’utilizzo della piattaforma per supportare le imprese a digitalizzarsi durante il lockdown, e ancora oggi offriamo 60 giorni di uso gratuito per dare alle imprese un più ampio respiro. La cosa che mi fa davvero piacere è aver ricevuto tanti ringraziamenti da realtà che stanno riuscendo a superare questo periodo difficile anche grazie al nostro supporto”.
  
 CONTATTI: PK COMMUNICATION

MILANO. L’INTER SI PRENDE LA RIVINCITA IN COPPA. FIORENTINA FERMA E LENTA SUBISCE.

Bartonova e Moller stendono la Fiorentina, quasi inesistente in campo.

Foto Andrea Amato – PhotoAgency

Le squadre in campo:

F.C.INTERNAZIONALE: Gilardi, Bartonova, Brustia, Regina Baresi, Hansen C., Julie, Alborghetti, Simonetti, Catelli, Tarenzi, Rincon

FIORENTINA: Schroffenegger, Cordia, Tortelli, Adami, Sabatino, Vigilucci, Middag, Quinn, Kim Abigail, Baldi, Thogersen

Il calcio di inizio affidato all’Inter e Fiorentina che attacca dalla sinistra della tribuna. Primi minuti di gioco e squadre in fase di studio con cambi di campo, ma senza affondare in maniera incisiva nell’area di rigore avversaria. Timido tentativo al 6° minuto da parte delle viola, ma Gilardi blocca a terra una palla cross.

Primo calcio d’angolo guadagnato dalle neroazzurre, ma la palla viene respinta e allontanata dalla difesa viola. Poco dopo Regina Baresi si propone con un affondo, palla fuori per l’anticipo della difesa viola.

11° minuto e mischia in area neroazzurra, si propongono Kim e Sabatino, che va a vuoto su un cross alto e Kim che non trova gli spazi per crossare. L’azione sfuma ed è l’ Inter che si propone in avanti. preoccupazione per Vigilucci rimasta a terra per lo scontro con il portiere neroazzurro, intervento medico risolto dopo qualche minuto. Il gioco riprende con le neroazzurre in attacco. al 13′ Rincon da fuori area spara alto sulla traversa viola.

Il primo intervento di pugno del portiere viola al 19°, partita di tutto riposo per ora da parte di Gilardi per le neroazzurrre. Al 22° un’azione innescata da Adami si conclude dopo una serie di tentativi di attacco lontano dalla porta difesa da Gilardi.

Partita equilibrata, senza, particolari azioni da segnalare da entrambe le squadre fino al 29° quando Bartonova sblocca il risultato con diagonale imprendibile per la 1 della Fiorentina Schroffenegger, al termine di una azione solitaria in area di rigore viola, dopo essere stata dimenticata completamente dalla difesa. due minuti dopo l’Inter si ripropone con Moller, ma Schroffenegger blocca a terra.

La viola Kim pasticcia in ripartenza e perde la palla in favore delle nerazzurre che vedono spalancarsi una prateria completamente libera davanti alla porta difesa da Schroffenegger che si immola e salva per due volte in pochi secondi la porta ed il risultato. Tarenzi di testa al 42° manda la palla fuori di poco a lato della porta, l’azione si è sviluppata dopo una lunga serie di passaggi ai limiti dell’area di rigore viola.

Dalla discesa velocissima delle ospiti nasce l’opportunità per il 2° goal delle neroazzurre con Moller di nuovo protagonista che si vendica della doppia parata di Schroffenegger fatta qualche minuto prima.

La Fiorentina in affanno nell’ultima fase di gioco lasciando libere intere praterie su cui si scatenano le interiste.

Il primo tempo termina con 2 goal per l’Inter, squadra cresciuta molto nel corso del 1° tempo e che ha imposto il suo gioco ai danni delle viola, dimostratesi particolarmente affannate e opache sia nella difesa che nelle ripartenze. Daniela Sabatino sola in attacco e non supportata adeguatamente dalle compagne di squadra tenta di inserirsi con azioni solitarie, ma scarsamente ha potuto incidere nel corso della partita. Mancata completamente Kim, anche lei fatica a trovare la posizione in campo.

Secondo tempo.

La Fiorentina in avvio di ripresa cambia il ritmo e tenta di portarsi in attacco, Kim prova a far valere l’esuberanza fisica, ma le Interiste fanno buona guardia e chiudono gli spazi di gioco. Daniela sabatino tenta di far valere la sua esperienza, ma è sempre la difesa neroazzurra a negarle le opportunità.

Regina Baresi protagonista di una lunga discesa e della conclusione bloccata solamente dall’intervento in extremis di Tortelli, l’azione sfuma in angolo. Pochi minuti dopo sugli sviluppi di un angolo Vigilucci tira a colpo sicuro nello specchio della porta, ma il tiro viene miracolosamente murato da un difensore che concede un secondo angolo.

Moller, per l’Inter, tenta una prolungata azione solitaria al limite dell’area di rigore viola, ma alla fine deve passare indietro, l’azione prosegue con un cross dalla lunghissima distanza sulla testa di Tarenzi che, però manda fuori.

Ancora Moller ci riprova ponendosi protagonista di una discesa solitaria che solo Schrofenegger ferma oppondosi con i pugni sulla conclusione di forza della nerazzurra.

Sabatino servita dalla distanza da Clelland viene pescata in fuorigioco dal direttore di gara facendo terminare una delle poche imposizioni delle viole nei confronti delle interiste. Fiorentina in attacco, ma scarsamente incisiva ai fini del risultato e Inter che prova nelle ripartenze a creare gli spazi per il tiro. Risultato fissato sul 2 a 0 al 41° del secondo tempo.

Finale di partita al cardiopalma con le squadre in attacco e continui cambi di fronte, Ultima occasione per la Fiorentina per recuperare almeno un goal di svantaggio, ma Gilardi blocca terra e la partita finisce sul punteggio di 2 a 0 per le nerazzurre.

Festa in casa nerazzurra che da lunedì tornerà al lavoro per il prossimo turno di serie A in vesta del ritorno a Firenze prevista per il 13 Febbraio.