Mese: dicembre 2020

NAPOLI. POLIZIA DI STATO. ATTACO HACKER CONTRO LA LEONARDO SPA.

Attacco Hacker a Leonardo Spa, 2 arresti

cnaipic polizia postaleSono stati individuati e arrestati, dai poliziotti del Cnaipic e del compartimento della Polizia postale di Napoli, i responsabili degli attacchi alle strutture informatiche di Leonardo Spa.

I due, un ex dipendente e un dirigente della società, sono accusati dei delitti di accesso abusivo a sistema informatico, intercettazione illecita di comunicazioni telematiche e trattamento illecito di dati personali e di depistaggio.

Nella prima denuncia fatta nel 2017, la società Leonardo Spa segnalava un traffico anomalo di dati in uscita dallo stabilimento di Pomigliano D’Arco (Napoli). Il traffico anomalo risultava diretto verso una pagina web di cui è stato eseguito il sequestro preventivo. L’anomalia informatica sembrava circoscritta ad un numero ristretto di postazioni con una perdita di dati ritenuta non significativa.

Le successive indagini hanno ricostruito uno scenario ben più esteso. Infatti è emerso, per quasi due anni, tra maggio 2015 e gennaio 2017, le strutture informatiche di Leonardo Spa erano state colpite da un attacco informatico mirato e persistente (noto come Advanced Persistent Threat o APT), realizzato con installazione nei sistemi, nelle reti e nelle macchine bersaglio, di un codice malevolo finalizzato alla creazione ed al mantenimento di attivi canali di comunicazione idonei a consentire una perdita di dati lenta e continua di elevati quantitativi di dati e informazioni di importante valore aziendale.

Il responsabile di questo attacco è stato un addetto alla gestione della sicurezza informatica della stessa Leonardo Spa che è stato arrestato.
Il software da lui creato, era stato inserito mediante chiavette Usb nei pc spiati, in grado così di avviarsi automaticamente ad ogni esecuzione del sistema operativo. Risultava dunque possibile all’hacker intercettare quanto digitato sulla tastiera delle postazioni infettate e catturare i fotogrammi di ciò che risultava visualizzato sugli schermi.

Su tali postazioni erano configurati profili utente in uso a dipendenti, anche con mansioni dirigenziali, impegnati in attività di carattere strategico per la sicurezza e la difesa del Paese. 

Le informazioni sottratte, oltre 100mila file, riguardano, oltre i dati personali dei dipendenti, la progettazione di componenti di aeromobili civili e di velivoli militari destinati al mercato interno e internazionale.

Oltre alle postazioni informatiche dello stabilimento di Pomigliano D’Arco, sono state infettate 13 postazioni di una società del gruppo Alcatel e 48 di privati e aziende operanti nel settore della produzione aerospaziale.

Ulteriori approfondimenti hanno consentito di arrivare al responsabile del Cert (Cyber Emergency Readiness Team) di Leonardo, organismo deputato alla gestione degli attacchi informatici subiti dall’azienda. 

Nei suoi confronti è stata applicata la misura cautelare della custodia domiciliare in quanto responsabile di aver falsato e minimizzato la natura e gli effetti dell’attacco informatico e, quindi, di aver ostacolato le indagini.

Donatella Fioroni
 

ALESSANDRIA. SOLVAY E SALUTE.

Comitato Stop Solvay 

Cosa aspettano le Istituzioni a mettere in atto le basilari procedure di tutela della nostra salute? 


Da giovedì 3 dicembre, all’interno dello stabilimento Solvay di Spinetta Marengo si verificano continui black out. 

Mentre nelle aziende manifatturiere tali eventi non sono, in genere, pericolosi, nel caso dell’industria chimica la mancanza di corrente elettrica può contribuire alla fuoriuscita di sostanze inquinanti o ad eventi peggiori.

 
I black out possono, infatti, causare malfunzionamenti ai componenti degli impianti (compressori, pompe, elettrovalvole, ecc.) e ai sistemi di regolazione e controllo degli stessi, inibendo la possibilità di sospendere in maniera istantanea il ciclo produttivo qualora necessario. 

E’ proprio per questo che le industrie chimiche devono avere sistemi di alimentazione elettrica cosiddetti “ridondanti”, tali da evitare l’interruzione della corrente agli impianti, nell’eventualità di improvvise anomalie. 


 Il fatto che all’interno dello stabilimento Solvay, per due giorni consecutivi, si verifichino black out seriali, non può che porre ulteriori dubbi circa la sicurezza per i lavoratori dello stabilimento e per gli e le abitanti di Spinetta.


Dopo i dati dello studio epidemiologico, dopo il ritrovamento di cC6O4 nei pozzi di diversi comuni, cosa ancora aspettano le Istituzioni a mettere in atto le basilari procedure di tutela della nostra salute? 


Lo abbiamo già detto, non ci stancheremo di ripeterlo: 


– sospensione della produzione di cC6O4 e di qualsiasi altro o presunto PFAs prodotto dallo stabilimento finché non una sola molecola fuoriesca dallo stabilimento;


– screening medico per tutta la popolazione di Spinetta e della Provincia di Alessandria potenzialmente esposta all’inquinamento di queste sostanze;

– bonifica integrale dell’area contaminata come una sentenza impone;
– monitoraggio di tutti i pozzi pubblici e privati per il dosaggio di queste sostanze.

MILANO. INTER 2 SAN MARINO 0. LE NERO AZZURRE SUPERANO FIORENTINA E EMPOLI IN CLASSIFICA.

La partita di campionato Inter San Marino valida per la 9^ giornata di serie A femminile è stata giocata allo stadio SYDC domenica 06 12 2020.

Le squadre in campo:

INTER: Marchitelli, Bartonova, Marinelli, Merlo, Sousa, Moller, Pandini, Simonetti, Catelli, Auvinen, Tarenzi

All. Attilio Sorbi

San Marino: Ciccioli, Montalti, De Sancti, Menin, Rigaglia, Venturini, Corazzi, Chabdrana, Kunisawa, Barbieri.

All. Valletta Luca.

Direttore di gara Bordin Andrea.

La San Marino Academy impegnata nell’ultima trasferta del 2020 contro le Nerazzurre di Attilio Sorbi, che ha dovuto rinunciare a 5 giocatrici. Nella San marino Academy pesano le assenze di Muya e Labate mentre Brambilla parte dalla panchina per un problema alla caviglia.

Calcio di inizio alle 14,30 e Sam Marino che attacca dalla sx della tribuna. Inter che deve decidere se confermare la posizione oppure tentare il sorpasso della fiorentina nella classifica generale. San Marino reduce da due pareggi consecutivi in cerca di punti preziosi e sicurezza per proseguire il campionato di serie A.

Una partita sicuramente difficile per entrambe le squadre che si affrontano in una fredda e piovosa giornata d’autunno, il campo impregnato di e pesante.

Calcio di inizio a carico dell’Inter che dopo soli 40 secondi di gioco crea il pericolo per il San marino: attacco di Moller che riesce a penetrare nell’area Sanmarinese.

San marino che nella prima fase di gioco viene schiacciata nella propria metà campo e che in fase difensiva si trasforma in una formazione: 4 5 1.

8° minuto e gioco fermo per un fallo del San Marino, la 13 Merlo si incarica di battere la punizione con un tiro diretto nelle braccia di Ciccioli.

L’inter non molla, ci riprova immediatamente, ma un difensore del San marino mette fuori di testa.

Al 11° minuto è il San marino a rendersi pericoloso con Barbieri che in area interista si coordina e la traversa salva il n1 dell’Inter Marchitelli, completamente fuori causa. Barbieri che pochi minuti era stata fermata in fuori gioco.

Partita equilibrata con l’Inter che prova a dare una spallata al san marino confidando sulla fisicità delle centrocampiste.

Lunga discesa solitaria per Moller, inseguita dalle sanmarinesi che salvano concedendo un calcio d’angolo concesso dalla difesa sanmarinese.

San marino che pasticcia in area e regala un fallo laterale all’Inter.

Nuovo fallo su Merlo dopo una tentativo di penetrazione in area, salva Ciccioli in uscita di pugno.

Santarana per il San Marino lanciata in contropiede, dopo una corsa di 60 metri, sola contro Marchitelli spara con poca lucidità contro il corpo di Marchitelli.

Goal annullato all’Inter per posizione di fuorigioco al 26°.

Un primo tempo molto combattuto da entrambe le squadre con continui cambi di fronte, Simonetti non aggancia dopo un cross di Moller.

La partita si infiamma, calcio d’angolo per l’Inter, ma il San Marino con Ciccioli blocca.

L’Inter continua a collezionare calci di punizione e calci d’angolo senza trovare la conclusione: Simonetti al tiro e pallone troppo alto sulla traversa.

Nuovo fallo su Marinelli commesso da Menin è il 4° fallo che il direttore di gara perdona.

Posizione complicata per l’Inter su questo fallo, Marinelli diretta in porta altissima.

Intervento di De Sanctis che salva in calcio d’angolo di testa.

Rigaglia completamente sola sulla sinistra viene ignorata dalle compagne di squadra, protesta perché le azioni che potrebbero avere uno sviluppo diverso.

Giallo per Venturini. La San Marino riesce a fare falli tattici molto intelligenti, ma non questa volta con il direttore di gara a due passi.

Fallo e richiamo verbale per la 20 Simonetti dell’Inter.

Un colpo al viso obbliga ad uscire momentaneamente dal campo Barbieri.

Simonetti servita da Marinelli, con un passaggio all’indietro, centra la traversa e il risultato resta sullo 0 a 0 e una traversa a testa.

Il San marino in 10 per 50 secondi, causa l’uscita momentanea di Barbieri colpita al volto da un pallone, ha rischiato di regalare il vantaggio all’Inter.

San Marino sfortunata e l’Inter, che con una sponda di Tarenzi per Catelli segna l’1 a 0 a 10 secondi dal fischio di fine primo tempo.

L’Inter è cresciuta nel corso del primo tempo, ha avuto due buone occasioni e sbloccato la partita con Catelli mentre il San Marino è vistosamente calata nel finale del primo tempo di gioco.

L’Inter nel primo tempo ha scavalcato la Fiorentina nella classifica generale del campionato e deve assolutamente cristallizzare il risultato.

Secondo tempo, il san Marino che deve recuperare lo svantaggio per il goal subito a 10 secondi dalla fine del primo tempo.

Inter in attacco dopo il fischio di inizio, San marino che prova il contropiede, ma nulla di fatto in questa prima fase di partita.

Nessun cambio per le squadre e formazioni confermate dopo il primo tempo.

Inter in attacco e Ciccioli che blocca a terra. Corazzi ammonita per bloccare la ripartenza dell’Inter, dopo un tentativo ritardato da posizione interessante, Rigagli ha perso il tempo, e permesso alla difesa interista di riorganizzarsi e ripartire.

Il tentativo di contropiede della 7 Baldini per il san marino ha favorito un contro contropiede dell’Inter con Marinelli che sola tira contro il corpo dei Ciccioli.

Cambi di fronte continui in questa fase con occasioni per entrambe che, però nessuna conclude in porta.

Tarenzi raddoppia per l’Inter dopo un capovolgimento di fronte con Bartonova che dopo una lunga discesa passa a Moller, non ci arriva, ma è Tarenzi che aggancia e segna.

Cambio per il San Marino: Vecchione e Micciarelli, fuori Rigaglia e Montalti.

La San Marino prova il contro piede con una azione proseguita, ma è l’Inter con Moller che realizza una grande azione, mette fuori causa la difesa, ma di fronte alla Ciccioli non passa, angolo.

Vecchioni entrata da pochi minuti ci prova da lato e il n 1 Marchitelli si distende e para.

Riprende a piovere con forza e il pomeriggio è particolarmente freddo nello stadio milanese SYDC.

Fuori Corazzi per Costantin, Menin per Di Luzio.

Marinelli sprinter instancabile e Moller fuoriclasse, ci mette tutta la sua presenza fisica nella partita.

Entra per l’Inter, Pavan per Moller e Brustia per Catelli.

Partita saldamente nelle mani dell’Inter a un quarto d’ora dalla fine e San Marino che si avvia ad accettare la sconfitta.

Pavan dalla stessa posizione di Moller tenta di penetrare nell’area difesa da Ciccioli, ma la difesa è attenta e libera l’area.

Da calcio di punizione a calcio d’angolo per il San Marino. Marinelli riceve un cartellino giallo per un fallo che poteva evitare.

La partita verso il finale del secondo tempo non regala particolari emozioni

Il San marino tenta di manovrare nella metà campo interista, ma senza creare pericoli alla porta difesa da Marchitelli e poi Pavan che palla al piede attraversa tutto il campo, Ciccioli para alto in due tempi.

Simonetti per Vergani in finale di partita.

Contro piede dell’Inter con Marinelli che davanti al portiere trova la strada chiusa, passa palla alla 8 che prova il tiro, la difesa libera, riprende la palla Marinelli che riprova, nulla di fatto.

Ciccioli super nel finale di partita si oppone alla Bartonova sola davanti alla n 1 servita da Simonelli.

L’Inter consolida il risultato sul 2 a 0 e supera la Fiorentina e l’Empoli nella classifica generale.

IL PRE E DOPO PARTITA CURATO DA ANDREA AMATO/PHOTOAGENCY

http://www.photoagency-quotidianoonline.com

ALESSANDRIA. POLIZIA DI STATO. DASPO URBANO PER SOGGETTI PERICOLOSI.

Questura di Alessandria

COMUNICATO STAMPA

Il Questore della Provincia di Alessandria, la Divisione Anticrimine della Questura, ha emesso quattro misure di prevenzione nei confronti di soggetti ritenuti socialmente pericolosi.

Nei confronti di un cittadino nigeriano A.J. è stata adottata la misura del Divieto di Accesso a determinate aree cittadine in quanto l’uomo, nonostante risultasse già destinatario di un Ordine di Allontanamento, si è reso responsabile di ulteriori condotte antigiuridiche quali l’accattonaggio e l’esercizio abusivo dell’attività di parcheggiatore.

Con il provvedimento in esame, gli è stato imposto il divieto di accesso per un periodo di 12 mesi alle aree nevralgiche di Alessandria, quali i giardini pubblici, la stazione ferroviaria, Piazzale Berlinguer, Piazza della Libertà e le adiacenze dell’Ospedale Civile SS. Antonio e Biagio.

Alla cittadina italiana S.I., con diversi precedenti contro il patrimonio quali furto, truffa ai danni dello Stato, ricettazione e rapina il Questore ha emesso il Foglio di Via Obbligatorio con divieto di ritorno dai Comuni di Gabiano e Pontestura per un periodo di anni tre poiché la stessa è stata ritenuta responsabile di vari furti, l’ultimo quello di una borsetta ai danni di una signora anziana.

Nei confronti di due cittadini di origini rumene è stato emanato la misura dell’Avviso Orale in ragione delle diverse condotte antigiuridiche poste in essere dagli stessi, tra le quali l’oltraggio a Pubblico Ufficiale e reati contro il patrimonio e la persona.

Con questa misura entrambi sono stati esortati ad un rigoroso rispetto delle norme dell’ordinamento e delle prescrizioni indicate nella stessa, con l’avvertimento, altresì, che in caso di inosservanza potranno essere applicate nei loro confronti misure più gravose, quali la Sorveglianza Speciale.

ALESSANDRIA. PREVISIONI METEO SULLL’ITALIA NEL WEEK END DELL’IMMACOLATA

TEMPO PREVISTO SULL’ITALIA PER DOPODOMANI, LUNEDI’ 07 DICEMBRE 2020,
E PER I SUCCESSIVI QUATTRO GIORNI
LUNEDI’ 07/12/20:
NORD:
– INIZIO GIORNATA CON CIELO POCO NUVOLOSO SU VALPADANA E MOLTE NUBI
SUL RESTANTE SETTENTRIONE CON ASSOCIATE PRECIPITAZIONI SPARSE SULLE
AREE ALPINE E PREALPINE CENTRO ORIENTALI.
MODERATO AUMENTO DELLA NUVOLOSITA’ DALLA TARDA MATTINATA CON LOCALI
DEBOLI FENOMENO IN ESTENSIONE ALLE AREE PIANEGGIANTI, LEVANTE LIGURE
ED EMILIA-ROMAGNA OCCIDENTALE.
CENTRO E SARDEGNA:
– CIELO POCO NUVOLOSO O AL PIU’ VELATO SULLE AREE ADRIATICHE;
NUBI SPARSE SULLE RESTANTI AREE IN ULTERIORE INTENSIFICAZIONE CON
PRECIPITAZIONI DAPPRIMA SU ALTA TOSCANA E SARDEGNA OCCIDENTALE E POI
ANCHE SUL RESTO DELLA TOSCANA, SU LAZIO ED UMBRIA.
SUD E SICILIA:
– ANNUVOLAMENTI COMPATTI LUNGO LA FASCIA TIRRENICA CON ROVESCI E
QUALCHE TEMPORALE ASSOCIATI.
SPESSE VELATURE SU MOLISE E PREVALENZA DI SPAZI SERENO SU PUGLIA E
BASILICATA IONICA.
TEMPERATURE:
– MINIME STAZIONARIE SUI SETTORI MERIDIONALI DI PIEMONTE E LOMBARDIA,
LIGURIA, EMILIA-ROMAGNA OCCIDENTALE E SARDEGNA;
IN GENERALE CALO SUL RESTO DEL PAESE.
– MASSIME IN FLESSIONE AL NORD E PUGLIA MERIDIONALE, STAZIONARIE ALO’
CENTRO ED IN LIEVE AUMENTO SUL RESTANTE MERIDIONE.
VENTI:
– DEBOLI SETTENTRIONALI AL NORD OVEST;
– MODERATI OCCIDENTALI SUL RESTO DEL PAESE CON RINFORZI SULLE REGIONI
OCCIDENTALI.
MARI:
– AGITATI CANALE DI SARDEGNA E TIRRENO CENTRO MERIDIONALE;
– MOLTO MOSSI GLI ALTRI MARI.
MARTEDI’ 08/12/20:
NUOVO DECISO PEGGIORAMENTO DA OVEST IN ESTENSIONE A TUTTE LE REGIONI
CON FENOMENOLOGIA DIFFUSA, ECCEZION FATTA PER IL NORD OVEST E PER LE
AREE IONICHE PENINSULARI DOVE LE CONDIZIONI SARANNO PIU’ ASCIUTTE PER
LA PRIMA PARTE DELLA GIORNATA MENTRE I FENOMENI RISULTERANNO
LOCALMENTE INTENSI TRA BASSO LAZIO, ALTA CAMPANIA, ED AREE INTERNE DI
ABRUZZO E MOLISE.
NEL CORSO DEL POMERIGGIO ESTENSIONE DELLE NUBI E DEI FENOMENI
DAPPRIMA SU SICILIA E POI SUL RESTANTE MERIDIONE.
MERCOLEDI’ 09/12/20:
CIELO IN PREVALENZA MOLTO NUVOLOSO A PARTE PIEMONTE, LIGURIA CENTRO
OCCIDENTALE E QUALCHE APERTURA SULLE AREE ADRIATICHE CENTRALI, CON
ASSOCIATE DEBOLI PIOGGE SPARSE, LOCALMENTE PIU’ CONSISTENTI SU
SICILIA OCCIDENTALE E CALABRIA TIRRENICA.
GIOVEDI’ 10/12/20 E VENERDI’ 11/12/20:
PERSISTONO CONDIZIONI DI INSTABILITA’ SUL SETTORE TIRRENICO
MERIDIONALE CON ROVESCI E QUALCHE TEMPORALE LUNGO LE AREE COSTIERE.
MOLTE NUBI SUL RESTO DELLA PENISOLA MA CON FENOMENI OCCASIONALI E
DEBOLI CHE PERO’ SI INTENSIFICHERANNO DAL POMERIGGIO AL NORD OVEST E
SULLA SARDEGNA E DALLA SERATA SU TOSCANA, LAZIO E CAMPANIA.
PEGGIORA ULTERIORMENTE NELLA GIORNATA DI VENERDI SULLE REGIONI
MERIDIONALI.
C.N.M.C.A.