NOTIZIE DAL MONDO

WASHINGTON. JOE BIDEN VICINO ALLA VITTORIA, DONALD TRUMP ANNUNCIA IL RICORSO PRIMA CHE LO SPOGLIO SIA TERMINATO.

JOE BIDEN è a un passo dalla vittoria, con 264 grandi elettori già conquistati e basta conquistare anche solo uno degli stati chiave per assicurarsi un ampia maggioranza sul presidente uscente, Donald Trump.

La vittoria di Joe Biden alla Casa Bianca, che i sondaggi davano per vincente a pochi giorni dalle elezioni, non era affatto scontata. La martellante campagna negazionista di Trump e del suo staff, il delirio di onnipotenza e l’accusa diretta contro i democratici di “rubare” quella che prima ancora dello spoglio delle schede già autoproclamava vincitore delle elezioni per la presidenza degli USA.

Ma Joe Biden, dopo la vittoria di Michigan e Wisconsin al candidato democratico basta vincere uno tra il Nevada, dove è in vantaggio, o degli Stati chiave della Georgia, della North Carolina o della Pennsylvania dove è invece in vantaggio Donald Trump per ottenere la maggioranza dei grandi elettori che in questo momento sono 264, un passo dai 270 necessari.

Joe Biden ha affermato che: “è chiaro che vinceremo abbastanza Stati per ottenere i 270 voti, ma non sono qui per dichiarare che abbiamo vinto, ma solo per dirvi che quando il conteggio sarà finito riteniamo che saremo noi i vincitori”

Donald Trump, che notoriamente è un narcisista maligno, sociopatico compulsivo, non ci sta ad essere sconfitto e se la campagna elettorale del 2020 è stata una delle più tese e divisive della storia recente, il post-elezioni rischia di essere ancora peggiore, con la prospettiva di una battaglia legale infinita sul voto per posta e il conteggio delle schede. Un’incertezza che si teme possa sfociare in tensioni sociali e disordini.

Trump prima ancora che lo spoglio delle schede finisse ha annunciato un’azione legale in Michigan e Pennsylvania per sospendere immediatamente il conteggio dei voti fino a quando non sarà garantito allo staff del presidente un significativo accesso nelle stanze dello scrutinio, per controllare che tutto proceda regolarmente.

Trump è pronto anche a chiedere il riconteggio dei voti in Wisconsin

Trump che si porta avanti anche dove avrebbe voluto vincere e scoppia la polemica per l’assegnazione, secondo Trump prematura, dell’Arizona a Biden, 16 grandi elettori che sarebbero stati attribuiti all’ex vice di Obama portandolo ad un passo dalla vittoria, l’entourage del tycoon valuta una causa proprio in Arizona e nel Nevada

I risultati definitivi sono lontani pe ufficializzare un vincitore perché in Stati come quello del North Carolina lo spoglio ufficiale non arriverà prima della prossima settimana.