NOTIZIE DAL MONDO

NEW YORK. U.S.A. AL PRIMO POSTO PER CONTAGI DA CORONAVIRUS. IN CINA TRE MINUTI DI SILENZIO E AUMENTANO I CASI IN CANADA.

Gli Stati Uniti mantengono il primato per numero di contagi da Coronavirus, i casi accertati superano la quota 300 mila mentre i morti sono stati oltre 8.000.

Il presidente Donald trump ha annunciato l’impiego dell’esercito e personale militare per aiutare gli stati colpiti dall’infezione:”Ci saranno molti morti nelle prossime settimane”.

L’ultimo aggiornamento disponibile della Johns Hopkins University parla di oltre 300 mila contagi e quasi 8.200 morti.

La Cnn citando la J.H.University ha spiegato che i positivi al Covid-19 sono 300.915  e i morti sono 8.162, ma nella sola giornata di oggi si sono registrati almeno 22.962 casi e altri 1.010 morti.

Il presidente Donald Trump parlando all’incontro quotidiano con la stampa dela task force anticoronavirus della Casa Bianca ha detto: “Ci saranno molti morti nelle prossime settimane. Questa sarà probabilmente la settimana più dura, tra questa settimana e la prossima settimana. Ma ci sarebbero stati molti più morti se non avessimo fatto tutto ciò che abbiamo fatto e stiamo facendo. Ogni decisione che stiamo prendendo è fatta per salvare vite umane, questa l’unica cosa che per noi conta. Vogliamo che perdano la vita meno persone possibile. È una situazione incredibile, non si è mai vista una cosa simile. Dobbiamo riaprire il Paese. Non possiamo stare chiusi per mesi e mesi. Questo Paese non è fatto per questo.

Il presidente Usa accusa alcuni mass media di diffondere fake news e diffondono il panico tra gli americani:Diffondere fake news, fa male al nostro Paese e fa male al mondo”.

Donald Trump ha annunciato che saranno impiegati migliaia di soldati e personale militare per aiutare gli stati in lotta contro l’infezione da coronavirus.

Trump ha lanciato un messaggio su Twitter ai ragazzi: “tenete duro tornerete al baseball. A tutti i nostri giovani che si perdono l’inizio della loro stagione di @LittleLeague: tenete duro! Vi riporteremo in campo e sappiamo che presto giocherete a baseball…”.

Ma da Trump non è arrivato nessuna misura di contenimento alla diffusione del virus, nessun ordine per stare a casa: “Lasceremo la decisione sull’ordine ai cittadini di stare a casa ai singoli governatori, stato per stato”.

Donald Trump esclude un ordine restrittivo a livello federale nonostante le pressioni di molti esperti che collaborano con la Casa Bianca come Anthony Fauci: “In Italia e Spagna è diverso loro hanno un problema più grande”.

Trump ha inserito tra le linee guida per la lotta alla diffusione del virus la raccomandazione di coprirsi il volto in pubblico, ma ha precisato che lui non lo farà perché non riesce a immaginarsi con una mascherina mentre incontra dignitari nello Studio Ovale: “E’ una raccomandazione, semplicemente non lo farò”.

La raccomandazione è arrivata dai Centers for Disease Control and Prevention in cui è stato chiesto a tutti, in particolar modo nelle zone colpite dal Covid-19, di coprire usare su bocca e naso con foulard, sciarpe, magliette in alternativa alle mascherine chirurgiche che scarseggiano e sono riservate agli operatori impegnati in prima linea nella lotta al contagio.

Trump, tra le misure adottate contro la diffusione del virus, ha annunciato il divieto di esportazione delle mascherine N95, facendo irritare il Canada.

La confusione sulla diffusione del virus e la sua contagiosità sono state spiegate nelle ultime ricerche del Surgeon general Jerome Adams che ha spiegato come gli asintomatici sono portatori sani e possono trasmettere il virus. Le particelle virali si diffondano nell’aria parlando e respirando, non solo con starnuti e tosse, restando in sospensione nell’aria.

Un capitolo a parte meritano le considerazione di Melania Trump, la first lady, che su Twitter ha contraddetto Donald Trump invitando tutti a seguire le raccomandazioni a coprirsi naso e bocca quando si esce per strada o si interloquisce con altre persone.

Ma l’impressione è che le implicazioni politiche stiano giocando un ruolo fondamentale nell’emergenza coronavirus: con l’amministrazione che tenta di bilanciare emergenza sanitaria e politica dando il più possibile una idea di normalità nella vita quotidiana. Il tutto mentre nello Stato di New York è stato registrato il record di 630 decessi in un giorno, portando a 3.565 i casi di morti per coronavirus.

Il governatore Andrew Cuomo che ha dato l’annuncio dei decessi ha anche aggiunto che i casi positivi sono 113.704, di cui 63.306 a New York City, che si è confermata l’epicentro dell’epidemia negli Usa, con il sistema sanitario al collasso per la mancanza di posti nelle terapie intensive e respiratori.

Cuomo ha poi annunciato che mille dispositivi per aiutare a respirare i malati sono in arrivo dalla Cina: “La Cina ha donato mille respiratori polmonari allo stato di New York, duramente colpito dalla pandemia di coronavirus”.

Andrew Cuomo ha sottolineato che: “Una donazione significativa che per noi farà la differenza”.

La Cina ha voluto tributare un omaggio alle vittime con tre minuti di silenzio in ricordo delle oltre 3 mila vittime della pandemia di coronavirus.

La Cina, da piazza Tienanmen a Wuhuan, si è fermata in un momento di omaggio alle vittime, le bandiere a mezz’asta, la testa china in ogni luogo per tre minuti, così i cinesi ha reso omaggio alle vittime.

L’epidemia scoppiata in Cina, intorno alla fine del 2019, ha registrato 81.639 casi di contagio e 3.326 morti.

I dati ufficiali spiegano che sono circa 3.400 gli operatori sanitari rimasti contagiati e una decina quelli deceduti mentre aumentano i casi di positività all’infezione in Canada con un numero dei casi stimati intorno a 13.000 e un sensibile aumento dai giorni scorsi come ha riferito l’agenzia di sanità pubblica canadese. L’agenzia di stampa Reuters riporta la notizia che i morti sono 214.