Mese: novembre 2019

ALESSANDRIA. IL GRUPPO DELLE SARDINE ALESSANDRINE CONTRO LA VIOLENZA DELLA “BESTIA”

Nasce ad ALESSANDRIA il gruppo delle sardine alessandrine e già si respira aria di voglia di cambiamento, rifiuto della volgarità squadrista della “bestia” del capò della Lega,Matteo Salvini, e dei suoi troll.

Le sardine certificate sono già più di 800, ma non credano i vari Vitorio Feltri che siano così facili da friggere. 

L’attuale numero dei membri del gruppo alessandrino conta oltre 800, ma sono destinati a crescere di numero fino a diventare una realtà importantissima, una rete di oppositori alle regole della violenza verbale, dell’insulto e dell’odio imposto dalla destra in questi anni.

Il movimento che ha la sua pagina facebook,  nuovo gruppo Facebook Sardine Alessandrine, si ispira a quello emiliano che, nei giorni scorsi, ha riempito le piazze a Bologna e Modena, ma non solo.

Il gruppo promosso dalla voglia di quattro ragazzi di non dover sottostare, subire o soccombere all’arroganza neo-fascista e leghista che in questi anni ha distribuito veleno,odio e rancore come le merendine che Salvini lancia ai suoi fans al palco durante i comizi. Alice Giaccone ha raccontato a Radio Gold, network locale alessandrino, che tutto è nato da una idea folle con altri quattro ragazzi,(Cristina Paiuzzi, Gianni Bondone e Paolo Barisone) : “Tutto è nato da un post su Facebook di due giorni fa quando ho scritto: “Mi è venuta un’idea folle: Sardine ad Alessandria non ne vogliamo?

Alice nel suo racconto ha spiegato: “Non vogliamo prenderci un particolare merito, siamo solamente i primi che casualmente e poche ore prima di altri hanno creato il gruppo. Sicuramente sarebbe nato lo stesso. Siamo ovviamente molto felici di essere già molto numerosi. Qualche sera fa eravamo attorno a un tavolo, decisi a partecipare ai prossimi raduni che ci saranno nei dintorni, come ad esempio quello delle Sardine torinesi, il prossimo 10 dicembre. Poi, però, abbiamo fatto un passo in più e proprio oggi abbiamo dato vita al gruppo, per il momento ancora privato. Dopo appena quattro ore c’erano già 500 membri. Anche nel nostro territorio, quindi, c’è la voglia di dire no a un linguaggio basato sulla paura, sulla diffidenza nei confronti dell’altro. Tutto questo, purtroppo, alimenta una guerra tra poveri. Io vengo dalla Sicilia e vivo ad Alessandria da circa tre anni per lavoro: ho subito anche io atteggiamenti di diffidenza ma, di contro, ho trovato anche tante persone aperte e interessate, che non si aggrappano alle paure. Come “Sardine Alessandrine” promuoviamo uno spirito critico. Siamo ragazzi che non si rassegnano, vogliamo che il dibattito politico si alzi di livello.

Le Sardine Alessandrine hanno intenzione di promuovere un primo ritrovo in piazza: “Ancora non c’è una data, potrebbe avere luogo in piazzetta della Lega ma ancora non c’è nulla di ufficiale. Appena possibile daremo tutti i dettagli”.

Il gruppo Facebook Sardine Alessandrine potrebbe diventare pubblico, ma è bene valutare tutti i rischi ed evitare provocazioni.

ALESSANDRIA. POLIZIA DI STATO. RAIL SAFE DAY

Questura di Alessandria

20 NOVEMBRE 2019 – rail safe day

la polizia di stato contro i comportamenti ILLECITI

IN AMBITO FERROVIARIA 

La polferr ha identificato 1312 persone di cui 402 straniere, 225 a bordo treno.

Gli operatori di polizia impegnati nell’operazione sono stati 98 in 39 stazioni ferroviarie. 45 i treni scortati, 16 i veicoli controllati e 7 sanzioni elevate per infrazioni al Regolamento di Polizia Ferroviaria e Codice della Strada.

I risultati sono stati ottenuti dal Compartimento Polizia Ferroviaria per il Piemonte e la Valle d’Aosta con l’operazione Rail Safe day del 20 novembre organizzata a livello nazionale, su disposizione del Servizio Polizia Ferroviaria di Roma, per il  contrasto dei comportamenti illeciti in ambito ferroviario, tra questi, gli attraversamenti dei binari e l’indebita presenza in aree ferroviarie di servizio.

Gli Agenti si sono adoperati per prevenire e, all’occorrenza, sanzionare tutte le condotte a rischio per l’incolumità dei viaggiatori, non solo nelle stazioni maggiormente interessate da spostamenti di adulti e ragazzi che utilizzano il treno ogni giorno per motivi di lavoro o di studio, ma anche in quegli scali non presenziati quotidianamente.

In particolare, a Novi Ligure, un cittadino di anni 38 è stato sottoposto a controllo e denunciato perché è stato trovato a bordo di un treno regionale, con fare sospetto e senza titolo di viaggio, con in tasca un coltello di cui non ha saputo giustificarne il possesso. L’arma è stata sottoposta a sequestro.

Torino, 22 novembre 2019

ALESSANDRIA. POLIZIA DI STATO. SEQUESTRATO CARICO DI 10 KG DI MARIJUANA DALLA POLSTRADA DI ALESSANDRIA OVEST

LA POLSTRADA DI ALESSANDRIA OVEST INTERCETTA UN CARICO DI OLTRE 10 KG DI MARIJUANA. 

foto archivio

LA POLSTRADA HA ARRESTATO UN 31 ENNE DEL CUNEESE MENTRE TRASPORTAVA UN CARICO DI 10 KG DI MARIJUANA.

Il bottino della polstrada di San Michele di Alessandria ovest è stato di oltre 10 kg di sostanza stupefacente. .

La pattuglia della polstrada, della Sottosezione Polizia Stradale di Alessandria Ovest in servizio di vigilanza autostradale lungo il tratto A/21 Torino-Piacenza, ha effettuato il controllo di una Jeep Renegade nei pressi dell’autogrill di Tortona dopo essersi insospettita per il comportamento del conducente.

G.W. di 31 anni residente nella provincia di Cuneo, con a bordo del veicolo un cagnolino, in preda a un evidente stato di agitazione, nervoso e con molta fretta di ripartire,ha indotto gli agenti della polstrada ad estendere il controllo a tutto il veicolo.

Nonostante il tentativo di depistare gli agenti con numerose confezioni odorose di cibo per cani dal vano bagagli posteriore della vettura proveniva un forte odore di sostanze stupefacenti, confermata all’apertura del portabagagli posteriore, dove in seguito alla perquisizione sono stati rinvenuti un borsone con 10 involucri di cellophane contenente sostanza stupefacente.

La sostanza stupefacente, oltre 10 kg. 10, è stata sottoposta ad esame narcotest presso gli Uffici della Polizia Scientifica della Questura di Alessandria ed è risultata positiva per i “cannapiacei”;

G.W. condotto presso gli Uffici della Polizia Stradale di Alessandria Ovest, sentito il P.M. della Procura della Repubblica di Alessandria, è stato tratto in arresto per il reato di possesso a fini dello spaccio di sostanza stupefacente e tradotto presso la Casa Circondariale “Cantiello e Gaeta” di Alessandria in attesa del processo.

In sede di convalida dell’arresto veniva disposta ad opera del G.W. la misura cautelare della custodia in carcere.

La costante presenza della Polizia Stradale sulle autostrade ha permesso di sequestrare un ingente carico di sostanza stupefacente destinata alle piazze di spaccio del nord ovest italiano.

ALESSANDRIA. JAZZAL 2019. CONCERTO DELL’ITALIAN ORGAN TRIO-O SOUL MIO AL TEATRO PARVUM.

Venerdì 29 novembre ore 21
Teatro Parvum, via Mazzini 85, Alessandria

ITALIAN ORGAN TRIO – O SOUL MIO

LORENZO PETROCCA – chitarra
ALBERTO MARSICO – organo hammond
TOMMY BRADASCIO – batteria
ITALIAN ORGAN TRIO è formato da musicisti di fama internazionale, è un trio nuovo e voluto fortemente da LORENZO PETROCCA chitarrista residente a Stoccarda.
Il trio si è formato nel 2018 e proprio nel loro primo tour, che si e tenuto in Germania nel dicembre del 2018, i tre musicisti hanno voluto fortemente registrare il loro primo CD intitolato O’ SOUL MIO (O sole mio). La musica di questo Cd rievoca e tributa i grandi gruppi della tradizione organistica della storia del jazz degli anni ’60, come Jimmy Smith, Jack McDuff e Don Patterson. Gli elementi stilistici di O’ SOUL MIO comprendendo brani Bebop, ma anche ballate, blues shuffle, qualche brano inedito e canzoni Italiane riarrangiate, come la bella Ballad “TU SI NA COSA GRANDE” di Modugno, o SPEAK SOFTLY LOVE di Nino Rota (Colonna sonora del famoso film “IL PADRINO”), e perfino la stessa O SOLE MIO eseguita in stile swing lento che rievoca la big band di Count Basie.

Informazioni utili.
Biglietti interi €10
Tessera club €10
Ingresso con tessera €8
Ingresso con tessera under 30 €5
Sarà possibile fare la tessera direttamente alla cassa il giorno del concerto.
Prenotazioni:
inviare una mail a alessandriajazzclub@libero.it con oggetto “Prenotazione” indicando un nome di riferimento, il numero dei biglietti e delle tessere. Specificare se ci sono degli under 30.
“Jazzal 2019” si svolge grazie al sostegno della Fondazione Social, della Fondazione CRT, della Fondazione CR Alessandria e rientra nell’ambito del festival diffuso “Piemonte Jazz Festival” e del “Festival Identità e territorio

LORENZO PETROCCA
Lorenzo Petrocca nasce in Italia per trasferirsi adolescente in Germania, dove vive tuttora. Dopo i primi anni dedicati al pugilato, nei quali conquista dapprima il titolo di campione regionale di pugilato del Baden Wuettenberg, poi il titolo di campione della Germania del Sud (nel 1982), si dedica all’altra sua grande passione, la musica, divenendo in poco tempo un richiestissimo chitarrista in ambito jazz. Gli anni ’90 sono quelli della sua affermazione: inizia collaborazioni internazionali al fianco di Monty Alexander (che lo chiama a far parte del suo gruppo), Scott Hamilton, Herb Ellis, Martin Drew, Jim Sneidero, Tony Scott, Jimmy and Percy Heath, Dusko Goykovich, Danny Moss, Oscar Klein, Ack van Rooyen, Lars Erstrand, Benny Bailey, Billy Mitchel, Peanuts Hucko, Jeff Clayton, Don Rader, Harry Allen, Jiggs Whigham, Chico Chagas, Peter Herbolzheimer, Bobby Burgess, Howard Levy, Tony Mann, John Ruoco, Ron Williams, Dave Glasser, Jasper Thilo, Hazy Osterwald, Pete York, Alan Barnes, Al Martino, Bruno de Filippi, Gianni Basso e molti altri. Petrocca Ha all’attivo più di cinquanta cd e si è esibito in diversi paesi del mondo, dall’India agli Stati Uniti, dal Sud Africa al Nord Europa. Nel 2001 ha ricevuto la cittadinanza onoraria della città di New Orleans e nel 2011 il suo cd MY Music ha vinto il prestigioso premio “Archtop-Germany cd des Jahres 2011”.


ALBERTO MARSICO
Alberto Marsico nasce giovanissimo come pianista; ben presto però si innamora dell’organo Hammond, al quale subito si dedica totalmente, anche grazie al privilegio di potersi perfezionare, come organista, sotto la guida di due tra i più prestigiosi interpreti di questo strumento, Jack Mc Duff e Shirley Scott. Queste credenziali gli hanno fatto guadagnare collaborazioni con alcuni dei più grandi nomi del firmamento jazzistico mondiale come Jimmy Cobb, Bobby Durham, Kenny Burrell, Joey DeFrancesco, Jimmy Witherspoon, Jesse Davis, Peter Bernstein e Alvin Queen e, in Italia, con Enrico Rava, Fabrizio Bosso, Flavio Boltro e Rosario Giuliani. Spaziando dal blues, al gospel, al soul e approdando infine al jazz, si è esibito in tournèe e ha inciso dischi in tutto il mondo: negli Stati Uniti a Los Angeles e San Francisco; in Australia, a Sydney, in Asia, a Bangkok, Singapore, Shanghai, Tokyo, Hong Kong; in Europa, a Londra, Mosca, Oslo, Berlino, Bruxelles, Madrid, Parigi, Amsterdam. In numerosi Conservatori europei e asiatici (Lipsia, Dresda, Enschede, Oslo, Napoli, Singapore) tiene periodicamente seminari didattici. Nel 2013 e 2014 ha inciso per la prestigiosa etichetta Verve Records due CD con Fabrizio Bosso (“Spiritual”) e Jeremy Monteiro (“Jazz-Blues Brothers”). Al suo attivo vanta sei prodotti discografici da solista e oltre cinquanta in collaborazione con altri artisti. Da anni Marsico si dedica, attraverso l’Associazione Culturale che ha fondato, all’organizzazione di eventi e corsi musicali: tra tutti va ricordato “We Love Jazz 2008”, uno dei più importanti seminari di jazz europei, per il quale ha invitato e coordinato l’attività concertistica e didattica di musicisti quali Benny Golson, Jimmy Cobb, Buster Williams, Joey DeFrancesco e George Cables. Il seminario ha visto la partecipazione di 104 allievi provenienti da tutto il mondo e l’intervento di complessivi 3000 spettatori ai concerti paralleli all’iniziativa. Nel 2008 ha partecipato ad una puntata della trasmissione “Superquark”, condotta da Piero Angela, in qualità di musicista esperto dell’organo Hammond, del quale può dirsi uno dei massimi specialisti europei.


TOMMASO BRADASCIO
Batterista e percussionista, si è diplomato al conservatorio “G.Verdi” di Milano in Strumenti a percussione nel 1995 e in Musica Jazz nel 2004. Svolge l’attività concertistica quasi interamente come batterista, toccando varie formazioni stilistiche quali la musica pop, jazz, classica e contemporanea. Nel campo della musica classica è da citare la collaborazione con l’Orchestra “G.Verdi” del Conservatorio di Milano, lavorando con varie società concertistiche. Ha fatto parte del gruppo di percussioni “Naqquara” diretto dal Maestro Maurizio Ben Omar, con il quale si è esibito in vari festival di tutto il mondo, come il prestigioso “International Festival di Houston”. Ha collaborato in qualità di batterista-percussionista con la ballerina Carolin Carlson nello stage di danza contemporanea da lei tenuto al “Piccolo Teatro” di Milano. Nel campo della musica jazz tutt’ora lavora ed ha inciso svariati CD con musicisti di fama internazionale quali: Don Friedman, Jeff Fuller, Dave Liebman, Paolo Fresu, Sheila Jordan, Tino Tracanna, Jim Rotondi, Kay Foster Jackson, Franco Cerri, Bruno, Bruno Lauzi, Sante Palumbo, Mario Rusca, Renato Sellani, Guido Manusardi, Dado Moroni, Bruno De Filippi, Raimondo Campisi, Emilio Soana, Paolo Tomelleri, Laura Fedele, ed altri ancora.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: