Mese: agosto 2019

ROMA. GIUSEPPE CONTE:”THE END”. RITORNERA’?

Pare debba chiudersi oggi con il discorso di Giuseppe Conte al Senato l’esperienza del governo giallo-verde che se non ha portato fortuna la premier Conte, non l’ha portata neppure all’Italia, stretta tra l’incombente procedura d’infrazione minacciata dalla Ue per debito eccessivo e il conto salato seguito da una manovra “lacrime e sangue” che dovrà rimettere, nuovamente, ordine nei bilanci dello stato dopo un anno di bagordi e finanza allegra.

La brutta esperienza di governo si chiude con tutte le incognite sul futuro del premier, che solo quando ormai il suo destino era segnato ha deciso di mostrato gli attributi: basterà per evitare la crisi di governo oppure per riottenere un mandato da Mattarella?

L’esperimento giallo-verde sta giungendo a conclusione, oggi alle 15 la presidente del Senato Casellati darà la parola al presidente del Consiglio, che al termine dovrà scegliere se attendere il voto di fiducia oppure dimettersi prima del voto nelle mani del capo dello stato.

Giuseppe Conte immaginiamo si presenterà in Senato al cospetto dei senatori, della presidente Casellati e dei probabili ex compagni di avventura elegantissimo, in blu con il fazzoletto immacolato a tre punte nel taschino, ciuffo ribelle, e con la solita voce monotona, ma forse questa volta ci metterà un po più di rabbia nel suo discorso, racconterà la sua verità sul tradimento di Matteo Salvini, che dopo aver sfiduciato Conte per decenza non dovrebbe neppure sedere tra i banchi del governo, ma siamo sicuri che tutta l’arroganza dimostrata in un anno da vicepremier e ministro, le sue fobie nei confronti degli Altri, sopratutto dei migranti, il suo ego smisurato che lo fa sembrare affetto da “narcisismo ossessivo compulsivo sociopatico” lo spingerà a fare l’esatto contrario, dopo aver dichiarato che lui non molla la poltrona. Alla fine del discorso Conte, come chi lo preceduto, termivnerà con il fatidico: “… e pertanto mi reco al Quirinale per rassegnare le dimissioni del mio governo”.

Giuseppe Conte camaleontico, trasformista, che per intenderci non ha fatto nulla di male: per un uomo politico cambiare posizione, collocazione, linea è un fatto quasi normale, solo raramente abbiamo avuto politici dalla coerenza ferrea.

Che farà ora Conte? Succederà a se stesso con un nuovo governo, magari con una maggioranza allargata al Pd e LeU, di transizione elettorale. Ma il Pd non è interessato a questa soluzione, Zingaretti vuole un governo di legislatura in grado di realizzare un programma di governo che ponga al centro del suo interesse la crescita del paese, la difesa dell’ambiente e il rilancio dell’occupazione. Giuseppe Conte ha di fonte a se altre scelte come ad esempio andare a Bruxelles, il 25 agosto l’Italia dovrà designare il proprio Commissario Europeo. Può mettersi in attesa come riserva nella scelta della Presidenza della Repubblica. Potrebbe tornare a insegnare. Potrebbe scegliere se tentare la carta della rinascita oppure essere condannato come una meteora all’oblìo del dimenticatoio della politica.

Il premier Giuseppe Conte alla fine della sua strada ha mostrato un certo carattere, ma lo ha fatto troppo tardi quando era ormai giunto al traguardo da sconfitto, che non sostituisce quella debolezza infinita dimostrata durante il percorso del governo nei confronti dei suoi vice premier, in competizione tra loro.

La sua posizione nel governo, il più fallimentare della storia moderna, non la invidiamo, ma semplicemente perché il premier non ha fatto il premier, con un ruolo relegato, più o meno, a quello di un Notaio con il compito di controllare che il contratto di governo venisse rispettato dai suoi vice.

Solo la nevrastenica offensiva di Salvini nei suoi confronti lo ha risvegliato dal torpore, gli ha fatto venire la pelle d’oca e drizzare la schiena. Poteva farlo prima anche se per ora questo gli permette di restare in campo. Come farlo non lo sa neppure lo stesso Conte considerando il fatto che uno dei suoi alleati ha già preparato la strada per la sua uscita di scena.

ALESSANDRIA. COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA

REDAZIONALE COMMERCIALE:

Il Quotidiano on line nasce dall’esigenza di avere un magazine di informazione indipendente in un momento storico particolarmente travagliato, funestato dalle fake news di siti concepiti appositamente per carpire la buonafede delle persone, per realizzare un progetto politico devastante per la società, siti che inquinano le coscienze,spingono le persone verso l’egoismo, li convincono che solo se odiano gli “Altri”, dove gli “Altri” sono solo esseri umani che hanno fatto scelte diverse o solo più sfortunati, saranno più felici e realizzati. Persone proiettate verso un unico traguardo: la solitudine,l’egoismo, il rifiuto della solidarietà umana che trasformerà le loro vite in scatole vuote senza valori.

Bene a tutto questo il Quotidiano on line intende opporsi,si propone come un argine all’imbruttimento della società, ma come ogni organo di informazione, come ogni azienda, per svilupparsi, per crescere, creare occupazione, esprimere quella libertà di pensiero garantita dalla Costituzione, la pluralità dell’informazione per difendere la forza della democrazia, ha bisogno del sostegno economico di tutti.

Questo è l’unico motivo per il quale il Quotidiano on line ha deciso di aprire i suoi spazi alle inserzioni pubblicitarie alle piccole, medie e grandi aziende garantendo costi contenuti e professionalità.

I giornalisti,i fotografi e i collaboratori del Quotidiano on line possono inoltre garantire, alle aziende che ne avessero la necessità, la presenza di professionisti per la realizzazione di spot video, servizi fotografici in occasione di convention, incontri e dibattiti.

SALERNO. RITROVATO IL CORPO DI SIMON GAUTIER. L’ESCURSIONISTA ERA PRECIPITATO IN UN BURRONE.

Verso le 20 é arrivata la notizia. Il corpo è stato ritrovato in fondo ad un burrone.


Simon Gautier, lo studente francese di 27 anni che era disperso da nove giorni in Cilento, lungo la costa di Scario, nel Comune di San Giovanni a Piro in Cilento. É stato trovato senza vita in fondo a un burrone. Il ragazzo era precipitato da un sentiero ed era finito in un’area poco visibile.

Domenica pomeriggio alle 19.30 uno dei soccorritori del Soccorso alpino impegnati nelle operazioni di ricerca ha individuato qualcosa in lontananza con il suo binocolo. Guardando meglio si è capito che si trattava di uno zaino, dopodiché una delle squadre si è calata in fondo al burrone e ha ritrovato il corpo.

Dopo la caduta, Simon, era riuscito a chiamare i soccorsi chiedendo aiuto ma senza riuscire a comunicare la sua posizione. Le operazioni di ricerca sono partite 28 ore dopo la chiamata e dopo 10 giorni di ricerca, in cui sono stati impiegati 150 uomini e unità cinofile, la storia si chiude con il più triste degli epiloghi, il ritrovamento del suo cadavere.

Le forze dell’ordine saranno impegnate per trovare la risposta al come e perché è avvenuto l’incidente che ha coinvolto il ragazzo francese di 26 anni.

BRISTOL. MORTO IL PADRE DI ROGER RABBIT.

È morto il papà di Roger Rabbit. Il coniglio di “Chi ha incastrato Roger Rabbit?”. Il cartoon in cui ha partecipato anche Bob Hoskins, girato con tecnica mista e prodotto da Steven Spielberg.

Richard WIlliams, nato a Toronto nel 1933, ha partecipato a due puntate delle pellicole della Pantera Rosa: “La Pantera Rosa colpisce ancora” e “La Pantera Rosa sfida l’ispettore Clouseau”. L’animatore anglo-canadese, è scomparso nella sua casa di Bristol all’età di 86 anni, a causa di un tumore. Vinse tre Oscar e tre Bafta.

A darne la notizia è stata la sua famiglia la cui ha fatto anche sapere che, nonostante la malattia, William ha lavorato «fino all’ultimo giorno».

ALESSANDRIA. ADDIO A PETER FONDA, PROTAGONISTA DI UNA GENERAZIONE DI GIOVANI IN HARLEY DAVIDSON.

E’ Peter Fonda, una leggenda, un mito per migliaia di giovani in Harley Davidson, che ha rappresentato uno spartiacque della controcultura giovanile americana con il suo film Easy Rider.

Peter Fonda aveva 79 anni e fu uno dei protagonisti della storia che ha accompagnato generazioni di giovani da 50 anni ai nostri tempi.

Peter Fonda nel 1969 fu il protagonista del film Easy Rider, con Dennis Hopper e il giovane Jack Nicholson, di cui fu anche sceneggiatore e che è sicuramente il più importante della storia moderna americana.

I protagonisti del film,Easy Rider, a cavallo delle mitiche Harley Davidson on the road hanno segnato uno spartiacque che spazzò via tutti i conformismi, nacquero improvvisamente i giovani che si accompagnò alla rivoluzione musicale e “civile”, la younger generation con la tre giorni di Woodstock.

La nuova generazione americana lontana dalla stereotipi degli “studios”, dalla rigidità e dalle ferree regole di Hollywood, Peter Fonda da sempre impegnato da sempre in politica, la sorella Jane che manifestava contro la guerra in Vietnam e il padre Henry  che cavalcava il suo cavallo nei western di John Ford.

La figura di Peter Fonda, legato per sempre a quel film, che ha attraversato tutte le nuove generazioni della storia moderna, impegnato e politicamente schierato sempre dalla parte dell’America positiva, come tutti i Fonda, e che battagliò contro Trump durante la campagna elettorale.

Peter Fonda che ha rappresentato quel grande respiro positivo del rumore di una motocicletta, della musica e dell’amicizia sulla strada della libertà.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: