Mese: aprile 2019

QUARGNENTO. LA FESTA DELLA LIBERAZIONE, 25 APRILE 2019.

La festa della Liberazione come da tradizione nel borgo di Quargnento ha unito la celebrazione religiosa e la commemorazione civile sotto i portici del comune. La Santa Messa in Basilica dove don Mario ha ricordato la figura di don Gioccahino Rei, cappellano militare con esperienza di guerra e sapeva come trattare con le truppe, tentò di salvare i romani del suo quartiere,(il Quadraro, facilmente controllabile nelle vie di accesso e di uscita),durante i rastrellamenti operati dai nazifascisti utilizzando i cunicoli presenti nel sottosuolo.Mettendo a rischio la propria vita. Don Mario ha ricordato come la resistenza sia stata attiva e passiva, ma sempre ugualmente importante per liberare l’Italia dalla dittatura e dall’occupazione nazista.

 Il sindaco, ancora per un mese essendo al suo ultimo 3° e mandato, Luigi Benzi ha invece ricordato come il 25 aprile non sia “divisiva”  o la festa di una sola parte del paese,ma sia invece la festa che unisce tutti gli italiani nei valori dell’antifascismo e della liberazione dalla dittatura fascista, dall’occupazione militare nazista e la riconquista della libertà.

Qualcuno scrive sui giornali che vorrebbe abolire la festa della liberazione e questo è una cosa orribile per l’Italia e gli italiani che da 74 anni festeggiano la libertà ritrovata. Sia di monito ai giovani di oggi che possono vivere in libertà perché i giovani di 16/17 anni negli anni della guerra civile non lo hanno potuto fare e molti sono morti per mano dei fascisti e degli invasori nazisti.

La commemorazione si è conclusa con la benedizione della corona ai quargnentini caduti nella lotta di liberazione alla presenza dei parenti dei partigiani.

ROMA. IL 25 APRILE NON SI TOCCA:”NESSUNO RIUSCIRA’ A CANCELLARE IL 25 APRILE”.

“Nessuno riuscirà a cancellare il 25 aprile”

23 Aprile 2019

Comunicato della Presidenza e della Segreteria nazionali ANPI

Il 25 aprile è Festa nazionale. La Festa della Liberazione dell’Italia dal giogo nazi-fascista. Essa vedrà migliaia e migliaia di persone nelle piazze e nelle vie di tantissime città e paesi. Nessuno riuscirà a cancellarla.

Ci riferiamo, in particolare, a chi cerca di negarla, paragonandola ad uno scontro tra “fascisti e comunisti, mentre essa fu lotta vincitrice del popolo italiano contro il nazi-fascismo; a chi continua a gettare fango e fuoco sulla memoria delle partigiane e dei partigiani; a chi tenta con il solito argomentare razzista e ignorante di riportare l’orologio della storia al ventennio del criminale Benito Mussolini.

Il 25 aprile ricorda la vittoria degli ideali di libertà e democrazia che hanno spazzato via la dittatura. È il canto corale delle origini autentiche della nostra Repubblica. La maggioranza delle cittadine e dei cittadini italiani si riconosce con coscienza, fedeltà, entusiasmo e passione civile nella Festa della Liberazione. Saremo in piazza in tantissimi per ricordare che l’onore della Patria fu difeso dal suo popolo e per portare avanti ancora una volta gli ideali per cui lottarono i partigiani: un Mondo di Pace, più giusto e libero.

Viva la Resistenza, viva la Costituzione, viva l’Italia.

Presidenza e Segreteria nazionali ANPI

Roma, 23 aprile 2019

Su http://www.anpi.it/eventi/contesto/festa-della-liberazione sono disponibili i programmi delle manifestazioni in tutta Italia

ALESSANDRIA. RESPINTO DAL TAR IL RICORSO PROPOSTO DALLA SOCIETA’ DUSSMAN PER IL SERVIZIO MENSE.

Alessandria, 23 aprile 2019

Comunicato Stampa

Respinto dal Tribunale Amministrativo Regionale il ricorso avverso l’aggiudicazione per il servizio della mensa scolastica

Si comunica che, con Sentenza pubblicata in data odierna (23.04.2019), la Sezione Prima del Tribunale Amministrativo Regionale ha respinto il ricorso proposto dalla Società Dussmann Service srl in proprio e quale mandataria del costituendo r.t.i. Camst soc. coop. arl contro il Comune di Alessandria nonché la Cooperativa di lavoro Solidarietà e Lavoro soc. copp. e Artana Alimentare s.r.l. avverso l’aggiudicazione della gara di appalto per il servizio della mensa scolastica del Comune di Alessandria.
Il Tribunale Amministrativo Regionale — che già aveva rigettato la richiesta di sospensiva — si è ora pronunciato anche nel merito della questione, non soltanto riconoscendo la validità e legittimità dell’operato del Comune di Alessandria nell’iter procedimentale seguito e nell’assegnazione della gara, ma anche in merito alla legalità dei requisiti soggettivi dell’azienda aggiudicataria.
L’Amministrazione Comunale di Alessandria — nel prendere atto della sentenza e nell’esprimere la propria soddisfazione poiché vede riconosciuta la validità delle scelte effettuate nonché la professionalità dei Dirigenti e Dipendenti impegnati nello svolgimento e nell’aggiudicazione di tale gara — intende confermare il proprio costante impegno per una gestione amministrativa ispirata dai principi di legalità e trasparenza.
Il Sindaco di Alessandria, a tale proposito, dichiara che «questa sentenza, rappresenta, da sola la migliore risposta a chi, nei mesi scorsi, sui canali social piuttosto che sugli organi di stampa, ha alimentato e fatto illazioni generando sospetti».
«Per questo — conclude il Sindaco — mentre invito i cittadini alessandrini a riflettere sul rischio di quanto, spesso, i titoli dei media travisino la realtà delle cose e possano essere il frutto di visioni assai demagogiche e pregiudiziali, ribadisco l’impegno personale e dell’intera Amministrazione Comunale a lavorare assiduamente per il bene della Città e per ridarle dignità e credibilità in tutti gli ambiti dell’agire amministrativo».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: