Mese: novembre 2018

TORINO. NULLATENENTI, MA CON 420 MILA ERO NASCOSTI IN CROAZIA.

Torino, 7 novembre 2018
LA GUARDIA DI FINANZA DI TORINO HA SCOVATO MIGLIAIA DI EURO
NASCOSTI IN CROAZIA PROVENTI DI FURTI, CONFISCATI 420 MILA EURO A NOMADI “NULLATENENTI”

21371_img
La Guardia di Finanza di Torino, su provvedimento della Corte d’Appello del capoluogo,
ha confiscato oltre 420 mila euro depositati su banche croate, nei confronti di tre
soggetti di etnia ROM, pluripregiudicati e noti soprattutto per furti commessi in varie
aziende piemontesi.
La vicenda nasce nel 2014, quando le autorità croate comunicano a quelle italiane che
una ventina di nomadi di etnia Rom, residenti da anni in Italia, dispongono di ingenti
depositi presso alcune banche di Zagabria.
Scattano così le indagini del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Torino
coordinate dalla locale Procura della Repubblica, che già nel 2016, vista la disponibilità
di alcuni soggetti di somme di denaro in misura sproporzionata rispetto ai redditi
dichiarati, nella maggior parte dei casi addirittura pari a zero, portano ad un primo
sequestro preventivo.
Nel corso delle indagini è stato appurato che alcuni soggetti coinvolti nella vicenda
hanno presentato per anni false attestazioni ISEE, percependo indebitamente dal
Comune di Torino assegni familiari per oltre 70.000 euro. In sostanza, hanno omesso
sistematicamente di indicare tra i redditi percepiti i ricavi ottenuti con l’attività di raccolta
di rottami. Per abbassare l’ISEE, i responsabili della truffa hanno falsamente dichiarato
di aver avuto “a carico” una trentina di persone, prive di reddito e tutte residenti nello
stesso campo nomadi. Per tale ragione, sono stati anche denunciati per indebita
percezione di erogazioni a danno dello Stato.
Un’attività, quella della raccolta di rottami, che ha riguardato circa 2000 tonnellate di
rifiuti metallici, oltretutto svolta senza le prescritte certificazioni in materia ambientale.
Ironia della sorte, i redditi ottenuti tramite l’attività di raccolta di rifiuti è emersa proprio
grazie ai soggetti coinvolti nell’indagine che, nel tentativo di giustificare i depositi in
Croazia, hanno fornito le prove del reato commesso.
L’odierna decisione della Corte d’Appello dispone la confisca di oltre 420 mila euro per i
quali gli interessati non hanno saputo giustificare la provenienza.

TORINO. VIDEOSLOT E EVASIONE FISCALE.

Torino, 6 novembre 2018
LA GUARDIA DI FINANZA DI TORINO NEL CORSO DI UNA INDAGINE HA FATTO EMERGERE L’ABUSO DI  VIDEOSLOT ILLEGALI E NON SOLO, ANCHE UNA  EVASIONE PER OLTRE 4 MILIONI DI EURO

21360_IMG_1
Una trentina di interventi solo negli ultimi mesi, un centinaio di videoslot sequestrate, oltre un milione di sanzioni inflitte, accertata un’evasione fiscale per oltre quattro milioni di euro. Ma ancora … lotterie clandestine, detenzione illegale di armi e decine di soggetti identificati, molti dei quali già noti alle Forze dell’Ordine.
Sono alcuni dei numeri di un’attività della Guardia di Finanza di Torino che negli ultimi mesi ha controllato, sale giochi, bar tabaccai sparsi un po’ in tutta la Provincia Torinese.
Numeri, ma non solo. I Finanzieri del Gruppo Torino nel corso degli interventi si sono trovati difronte anche a variegati e a volte pittoreschi stratagemmi per occultare le slot illegali e sviare così i controlli. Come quella volta in cui il titolare di un bar spegneva e accendeva gli apparecchi con una sorta di telecomando a distanza così da farli sembrare inattivi in caso di “necessità”, o ancora, quando il gestore di un locale, un giovane di origini cinesi, aveva cautelato le slot all’interno di una stanza attigua al locale dotata di porta blindata così da permettere l’ingresso solamente ai clienti “selezionati”. Geniale anche la trovata, ideata in un bar della Provincia, di nascondere la slot abusiva all’interno di una anonima valigetta 24 ore.
Tra gli interventi, il sequestro di una sala giochi all’interno di un cinema della zona nord della città, frequentissima tra l’altro da giovanissimi ma totalmente illegale perché priva di licenze e autorizzazioni. E’ andata decisamente peggio in un bar di via Reiss Romoli gestito da un pregiudicato, un locale, per così dire, “bacino” di illegalità su tutti i fronti; qua i Finanzieri, oltre ad una decina di slot abusive, hanno rinvenuto armi da fuoco illegali, orologi di pregio di dubbia provenienza, droga, allacci abusivi alla rete condominiale nonché lotterie a premi clandestine.
Come detto, importanti i numeri dell’operazione: un’evasione fiscale milionaria, trenta i
soggetti sanzionati e 5 quelli denunciati alla Procura della Repubblica per vari reati che
vanno dalla detenzione di armi, alla ricettazione, dal possesso illegale di armi sino alla
lotteria clandestina. Contestate sanzioni per oltre un milione di euro.

ALESSANDRIA. QUARGNENTO RICORDA I 100 ANNI DALLA FINE DELLA GRANDE GUERRA.MANIFESTAZIONI SOTTO IL COMUNE E SPETTACOLO CON IL CORO MONTENERO E TEATRO INSIEME NELL’EX CHIESA DELLA TRINITA’.

 

La giornata nel borgo di Quargnento è stata vissuta con la solennità che si deve alla ricorrenza del 100° della fine della “Grande Guerra”.

 

La guerra che è costata oltre 13 milioni di morti su tutti i fronti in conflitto e ha coinvolto l’Italia sul fronte austriaco è stata ricordata dal sindaco di Quargnento Luigi Benzi al mattino e dal coro Montenero di Alessandria e la la compagnia Teatro Insieme alla sera nella ex chiesa della Trinità, gremita di pubblico per ascoltare il coro degli alpini e la rappresentazione teatrale.

 

Ancora una volta i ragazzi, accorsi numerosi sotto il porticato del comune,per l’evento, sono stati tra i più attenti ascoltatori della memoria dei caduti quargnentini sul fronte di guerra.

 

La cerimonia della deposizione della corona ha fatto da cornice alla rappresentazione teatrale e musicale che ha attraversato gli anni della guerra ripercorrendo i tre anni di vita in trincea leggendo le cronache dell’epoca, gli scritti dei soldati dal fronte e l’ansia delle famiglie in attesa del ritorno dei soldati, ma che troppo spesso ricevevano solo una cartolina con scritto “caduto gloriosamente per la patria” o di loro commilitoni che scrivevano” mi è morto tra le braccia, non potuto fare altro”. I canti del Coro Montenero hanno commosso i presenti e chiuso la serata con una riflessione sulla guerra, che non si è mai fermata e continua a mietere ancora vittime.

ALESSANDRIA.PRESENTAZIONE LIBRO: “ALESSANDRIA NELLA STORIA DA ALESSANDRO III PAPA AI GIORNI NOSTRI”.

Alessandria, 5 novembre 2018
COMUNICATO STAMPA

image0011
Presentazione del libro
“Alessandria nella storia da Alessandro III Papa ai giorni nostri”

In apertura della seduta del Consiglio Comunale di oggi, lunedì 5 novembre, verrà presentato il libro dal titolo “Alessandria nella storia: da Alessandro III Papa ai giorni nostri”, opera dell’alessandrino Giulio Legnaro.
Il libro, redatto in occasione dell’850° compleanno della Città di Alessandria, raccoglie una proposta dello stesso Consiglio Comunale che, nello scorso mese di gennaio, auspicava un coinvolgimento della società civile nelle celebrazioni.
Il testo, con un’approfondita ricerca storica e iconografica, narra alcune delle principali vicende storiche che hanno interessato la Città di Alessandria e sarà consegnato agli studenti delle scuole alessandrine per stimolare la loro curiosità e la loro crescita intellettiva, favorendo l’approfondimento didattico delle vicende narrate. Sarà stampato in 1.000 copie con il contributo privato della Solvay Solexis.

* * * * * * *
Note sull’autore
Giulio Legnaro, è un alessandrino, residente a Spinetta Marengo. Ha 27 anni ed è giornalista pubblicista. Ha conseguito nel 2010 il diploma al Liceo Classico ‘Giovanni Plana’ di Alessandria. Nel 2014 ha conseguito la laurea di primo livello in Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico Contemporaneo all’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino e nel 2016 ha conseguito, con il massimo dei voti, la laurea magistrale di secondo livello del Dipartimento di Comunicazione e Didattica dell’Arte. Nel 2016 è stato premiato come vincitore della 3^ Edizione del Premio Giornalistico ‘Franco Marchiaro’ con un articolo dal titolo “Il fascino dei Corali di San Pio V”. Interessato all’arte e alla storia, ha conseguito nel 2018 l’attestato del Corso annuale di Illustrazione Digitale all’Accademia delle Arti Figurative e Digitali della Scuola Internazionale di Comics a Torino.