Mese: luglio 2018

ALESSANDRIA. PROVVEDIMENTI VIABILI PER LAVORI DI ASFALTATURA, MANUTENZIONE E INIZIO CAMPIONATO DI CALCIO.

Alessandria, 25 luglio 2018
COMUNICATO STAMPA
Provvedimenti viabili

image001

Lavori di asfaltatura in via Bergamo – dal 1 agosto

Per la necessità di autorizzare lo svolgimento dei lavori stradali di ripristino del manto stradale in Bergamo, a seguito di scavi per la posa di infrastrutture Vodafone effettuati nell’anno 2017, dalle ore 8.30 alle ore 17.30, dal lunedì al venerdì del periodo compreso fra il giorno 01/08/2018 e il giorno 10/08/2018 e comunque fino al termine lavori, sarà vietato il transito e la sosta con rimozione forzata ambo i lati della carreggiata in VIA BERGAMO nel tratto compreso fra via Gramsci e via San Francesco D’Assisi.

Lavori di manutenzione a cura di Amag in via Raschio – 28 luglio

Per la necessità di autorizzare lo svolgimento dei lavori di manutenzione urgente all’impianto di sollevamento e spurgo del collettore fognario in corrispondenza del sottopasso di via Raschio, in programma sabato 28/07/2018, dalle ore 8 alle ore 18, vigerà il divieto di in via Raschio, nel tratto compreso tra via Viora e la rotatoria, in corrispondenza del sottopasso ferroviario.

Incontro di calcio amichevole ‘Torino – Nizza’allo stadio Moccagatta – 28 luglio
Per permettere lo svolgimento della partita di calcio, incontro amichevole ‘Torino-Nizza’, in programma il giorno 28/07/2018 con inizio alle ore 18, saranno adottati i seguenti provvedimenti viabili:
dalle ore 13 alle ore 22 del giorno 28/07/2018 sarà istituito il divieto di fermata con rimozione forzata e dalle ore 15 alle ore 22 del giorno 28/07/2018 sarà istituito il divieto di transito, nelle seguenti vie:
– SPALTO ROVERETO, semicarreggiata nord, ambo i lati;
– VIA BELLINI, nel tratto compreso fra Spalto Rovereto e Via Santorre di Santarosa, ambo i lati
– VIA ROSSINI, nel tratto compreso fra Spalto Rovereto e Via Santorre di Santarosa, ambo i lati
– VIA SANTORRE DI SANTAROSA, nel tratto compreso tra via Bellini a via Rossini, ambo i lati.

dalle ore 15 alle ore 22 del giorno 28/07/2018 sarà istituito il divieto di transito nelle seguenti vie:
– SPALTO MARENGO, semicarreggiata nord, nel tratto compreso fra viale Milite Ignoto e via Donizetti,
– VIA PORTA, (ai veicoli in sosta sarà consentito il transito in direzione verso via Donizetti),
– VIA DAL POZZO (ai veicoli in sosta sarà consentito il transito in direzione verso via Rapisardi)

Sarà consentito l’accesso ai passi carrai ivi presenti. Ai veicoli esponenti contrassegno parcheggio per persone disabili diretti allo stadio ed aventi titolo ed ai veicoli autorizzati ad insindacabile giudizio degli organi di Polizia Stradale, saranno consentite la sosta ed il transito in spalto Rovereto, nel tratto compreso tra via Bellini e largo Catania.
Si evidenzia che i parcheggi individuati per la tifoseria locale e per la tifoseria ospite sono i seguenti:
PIAZZA PEROSI, destinata al parcheggio della tifoseria LOCALE,
PIAZZA BERLINGUER, destinata al parcheggio della tifoseria OSPITE.

Partita di calcio di Coppa Italia – 29 luglio

Per permettere lo svolgimento della partita di calcio del primo turno di Coppa Italia tra U.S. Alessandria Calcio Vs. Giana Erminio, in programma il giorno 29/07/2018, con inizio alle ore 16.30, saranno adottati i seguenti provvedimenti viabili:
dalle ore 11.30 alle ore 20 del giorno 29/07/2018 sarà istituito il divieto di fermata con rimozione forzata
e dalle ore 13.30 alle ore 20 del giorno 29/07/2018 sarà istituito il divieto di transito, nelle seguenti vie:
– SPALTO ROVERETO, semicarreggiata nord, ambo i lati;
– VIA BELLINI, nel tratto compreso fra Spalto Rovereto e Via Santorre di Santarosa, ambo i lati
– VIA ROSSINI, nel tratto compreso fra Spalto Rovereto e Via Santorre di Santarosa, ambo i lati
– VIA SANTORRE DI SANTAROSA, nel tratto compreso tra via Bellini a via Rossini, ambo i lati.
dalle ore 13.30 alle ore 20 del giorno 29/07/2018 sarà istituito il divieto di transito nelle seguenti vie:
– SPALTO MARENGO, semicarreggiata nord, nel tratto compreso fra viale Milite Ignoto e via Donizetti,
– VIA PORTA, (ai veicoli in sosta sarà consentito il transito in direzione verso via Donizetti),
– VIA DAL POZZO (ai veicoli in sosta sarà consentito il transito in direzione verso via Rapisardi)
Sarà altresì consentito l’accesso ai passi carrai ivi presenti.
Ai veicoli esponenti contrassegno parcheggio per persone disabili diretti allo stadio ed aventi titolo ed ai veicoli autorizzati ad insindacabile giudizio degli organi di Polizia Stradale saranno consentite la sosta ed il transito in spalto Rovereto, nel tratto compreso tra via Bellini e largo Catania.
Si evidenzia che i parcheggi individuati per la tifoseria locale e per la tifoseria ospite sono i seguenti:
PIAZZA PEROSI, destinata al parcheggio della tifoseria LOCALE,
PIAZZA BERLINGUER, destinata al parcheggio della tifoseria OSPITE.

ALESSANDRIA. LA CAMERA DEL LAVORO DI ALESSANDRIA RISPONDE AL SINDACO SUL TEMA: “MENO REATI CON MENO MIGRANTI?”

MENO REATI CON MENO IMMIGRATI ?
Le paure non ci servono e la comunicazione
in questo senso è importante

CGIL
Meritano una qualche precisazione le affermazioni del Questore di Alessandria,
riportate dal Piccolo il 20 luglio scorso, secondo cui tra le varie ragioni del calo dei
reati in provincia da gennaio a giugno 2018 rispetto allo stesso periodo dello scorso
anno c’è la minore incidenza degli immigrati.
Intanto colpisce il titolo e la locandina dello stesso giornale: “CON MENO
IMMIGRATI I REATI SONO IN CALO”, un messaggio che collegando reati e
immigrati pare quasi uno slogan elettorale dell’attuale ministro dell’interno.
Ma le precisazioni che dicevamo riguardano proprio il dato riportato dal Questore.
Chi ha buona memoria ricorderà la classifica relativa ai reati denunciati nel 2015
(vedi Il Sole 24ore del 4/10/2016) in cui i reati in Alessandria risultavano già in netto
calo rispetto al 2014 (-6,2%) con un calo ancora più marcato per i furti in
appartamento (-8,2%).
E ancora. Qualcuno ricorda l’allarme sul tema della sicurezza lanciato dal sindaco
Rossa nel 2016. Ebbene, la risposta del Prefetto Romilda Tafuri, durante una riunione
del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica avvenuta il 23/6/2016,
rese noti i dati relativi ai delitti commessi nel nostro territorio nei primi cinque mesi
del 2016 raffrontati con quelli degli ultimi sei anni, evidenziando un costante calo di
quasi il 25% rispetto all’analogo periodo del 2011 e del 3,8% rispetto allo stesso
periodo dell’anno precedente: ad esempio i danneggiamenti denunciati da gennaio a
maggio del 2016 presentavano un trend di forte e costante diminuzione rispetto allo
stesso periodo del 2011 con una riduzione del 47%. Questi dati furono riportati su
tutta la stampa, Piccolo compreso.
Ci pare quindi che l’abbinamento reati-immigrati non solo non sia fondato, ma
favorisca un clima di paura e di insicurezza che non ha ragione di essere.
I reati continuano a calare dal 2015, questa è una buona notizia.
La lenta ripresa economica del nostro territorio favorisce la legalità, un maggiore
benessere attenua il disagio e comportamenti delittuosi, le forze dell’ordine sono
sempre più specializzate ed efficaci. Siamo proprio in sintonia con il nuovo Prefetto,
Dott. Apruzzese che insediandosi definisce la nostra provincia “di esemplare civiltà,
di grande laboriosità e di profonda cultura e rispetto delle regole.”

E’ da qui che dobbiamo partire per creare quel clima di convivenza civile, di
integrazione e di sviluppo di cui la nostra città e tutta la Provincia necessita.
Un’ultima considerazione, che esula dai dati in discussione, ma che è riferita alla
situazione generale della nostra provincia. Alessandria è un territorio vecchio in cui il
saldo demografico è negativo da tempo: moltissimi anziani che si stanno facendo
carico dell’assistenza ai tantissimi grandi vecchi ancora presenti, pochi giovani poco
qualificati alla ricerca di un lavoro, altri più qualificati spesso in fuga.
Abbiamo bisogno di dare futuro ai nostri giovani, di progetti, di nuove attività
produttive, di valorizzare il territorio per attrarre investimenti, con servizi di qualità,
le paure non ci servono e la comunicazione in questo senso è importante, i migranti
devono essere tessuto sociale attraverso il lavoro, questa è l’integrazione e per
crescere c’è bisogno di tutti.
Il Segretario Generale
Camera del lavoro di Alessandria
Franco Armosino

VERBANIA. ABUSIVISMO TURISTICO RICETTIVO.

PROSEGUE IL CONTRASTO ALL’ABUSIVISMO TURISTICO RICETTIVO, LA COMPAGNIA DI VERBANIA SCOPRE SEI IMPRESE OCCULTE OPERANTI NEL SETTORE.

19932_auto gdf 333

????????????????????????????????????

Nei giorni scorsi le Fiamme Gialle della Compagnia di Verbania, nell’ambito dei servizi istituzionali in materia di tutela delle entrate dello Stato, hanno concluso sei controlli fiscali nei confronti di vere e proprie imprese di fatto esercenti l’attività di ricezione turistica extra-alberghiera. Siti internet dedicati, immobili stabilmente dedicati all’attività impresa, nessuna partita IVA aperta per quelle che dovevano considerarsi vere e proprie attività imprenditoriali secondo le norme fiscali. Nessuna comunicazione in Questura ai fini di pubblica sicurezza, per almeno 1.301 alloggiati. Di queste strutture ricettive abusive, tre erano situate nel comune di Stresa, una a Gignese, una a Verbania ed una nel comune di Premia.
Il volume d’affari prodotto complessivamente dalle sei imprese occulte che gestivano 24 appartamenti e 4 camere doppie, è pari ad euro 732.018,40 euro, con una complessiva evasione d’imposta pari ad euro 206.654 euro (Iva 63.221, Irap 18.714 ed Irpef 124.719 euro).

TORINO. FRODE IN COMMERCIO, SANZIONI PER OLTRE 10 MILIONI DI EURO.

GUARDIA DI FINANZA TORINO FRODE IN COMMERCIO, SANZIONI PER OLTRE 10 MILIONI DI EURO

 

20058_1_00_3943

Risale a pochi mesi fa il sequestro di 2.500.000 capi di biancheria intima e di oltre 3.000.000 di imballi tutti falsamente marchiati Made in Italy ma di fatto importati dalla Cina. Una truffa da milioni di euro.
La Guardia di Finanza di Torino, al temine di una lunga indagine coordinata dalla Procura della Repubblica del capoluogo Piemontese, pool tutela del consumatore, è riuscita a ricostruire l’intera filiera distributiva su tutto il territorio nazionale dei falsi capi di abbigliamento ed è in corso l‘iter per la definizione delle varie posizioni processuali.

Ora i Baschi Verdi del Gruppo Torino, che hanno condotto l’operazione, hanno “chiuso il cerchio” intorno a questa vicenda, denunciando all’Autorità Giudiziaria due società, una con sede a Settimo Torinese mentre l’altra a Castel Goffredo, nel mantovano, entrambe importatrici degli articoli falsi.
Pesanti le contestazioni in capo agli amministratori delle società coinvolte e responsabili della frode in commercio: dalle sanzioni pecuniarie per oltre 10 milioni di euro, alla confisca del profitto ottenuto, dalla revoca delle licenze, sino al divieto di contrattare con la Pubblica Amministrazione.

I Finanzieri, ricordiamo, nel corso dell’operazione hanno denunciato una decina di persone coinvolte a vario titolo nella frode; oltre 5 milioni gli articoli falsi sequestrati, spacciati come prodotti Made in Italy ma che di italiano avevano ben poco.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: