Mese: giugno 2018

TORINO. “MADE IN ITALY”, 40.000 CALZATURE CONTRAFFATTE.

LA GUARDIA DI FINANZA DI TORINO IMPEGNATA NELLA LOTTA ALLA
CONTRAFFAZIONE E FALSO “MADE IN ITALY” HA EFFETTUATO UN  MAXI SEQUESTRO DI CALZATURE

19815_IMG1
Oltre 40.000 le calzature sequestrate dalla Guardia di Finanza di Torino in due
depositi di spedizionieri internazionali con sede nella zona nord di Torino, tutte
falsamente marchiate con il logo di un noto e storico brand del lusso italiano.
Altrettanti sono stati gli imballi sequestrati riportanti l’indicazione “ITALIA”, per
buona parte, in realtà, importati dalla Cina, oltre 2 milioni di euro il valore della
merce sequestrata.
“Decolletè”, “Ankle Strap e “Open Toe”, alcuni dei noti modelli di calzature e
centinaia di “shopping bags” tutte di alta qualità riproducenti falsamente lo storico
marchio italiano del lusso e commercializzate tramite un noto sito internet gestito
dalla stessa società coinvolta nelle indagini.
E’ quello che hanno scoperto nei giorni scorsi i “Baschi Verdi” del Gruppo di Torino
che hanno denunciato alla locale Procura della Repubblica i due amministratori
della società per frode in commercio, contraffazione dei marchi e ricettazione.
Proseguono, nel frattempo, le indagini dei Finanzieri per ricostruire il profitto
dell’illecita attività imprenditoriale.

ALESSANDRIA. SOSTITUZIONE PIANTE NELLE FIORIERE ANTISMOG.

Alessandria, 26 giugno 2018

COMUNICATO STAMPA
Sostituzione delle piante nelle fioriere antismog

image001

La ditta SPRAYTECS Technologies Ltd, su richiesta del sindaco Gianfranco Cuttica di Revigliasco, si occuperà in settimana di sostituire i fiori presenti all’interno delle fioriere antismog collocate nelle vie centrali della Città.
Le postazioni ATU (Air Treatment Units) attualmente presenti sono quattro e si trovano nelle vie del centro cittadino: 2 in via dei Martiri, 1 in piazzetta della Lega e 1 in corso Roma (nel tratto piazzetta della Lega/via Piacenza).
Le ATU si attivano automaticamente, in via telematica, quando si verificano condizioni di inquinamento elevato, rilevato dagli stessi sensori di PM10, collocati nell’area interessata dalla sperimentazione; agiscono su grandi volumi d’aria, catturando le polveri sottili in filtri di sicurezza idonea e diffondono aria priva di polveri i inquinanti.
Le fioriere hanno anche una grande valenza di arredo urbano e quindi è importante che vengano mantenute in ordine e curate per dare al nostro centro urbano piacevolezza e decoro.
Per questa ragione il sindaco, Gianfranco Cuttica di Revigliasco, si è attivato per la sostituzione della attuali fioriture collocate all’interno con nuove essenze arboree, adatte alla stagione.
La sostituzione delle piante verrà effettuata a spese della ditta e senza alcun impegno economico da parte del Comune di Alessandria. La ditta si occuperà, anche, della regolare innaffiatura.
“In autunno riprenderà la sperimentazione con le fioriere antismog per la rilevazione dei dati delle PM 10 – ha spiegato il sindaco Gianfranco Cuttica di Revigliasco -. Nell’attesa, per non doverle rimuovere, vogliamo che le fioriere siano mantenute in ordine. Si trovano, infatti, nelle vie centrali della nostra Città e costituiscono importante elemento di decoro e di arredo urbano. Ringrazio, quindi, l’azienda che ha prontamente risposto alla mia richiesta occupandosi della sostituzione delle primaverili viole del pensiero con nuove piante estive, adeguando anche alla nuova stagione la manutenzione e le innaffiature, il tutto a proprio carico e senza esborso da parte del Comune”.

CUNEO. “PULIZIA D’ESTATE”, SEQUESTRATA VASTA AREA AI MARGINI DELLE LANGHE.

OPERAZIONE “PULIZIE D’ESTATE” –
SEQUESTRATA VASTA AREA AI MARGINI DELLE LANGHE.

19801_foto
Le Fiamme Gialle della Compagnia di Bra hanno sequestrato, nel Comune di Santo
Stefano Belbo, un’area di circa 3.000 metri quadri, ufficialmente adibita a pascolo, sulla
quale, invece, veniva esercitata l’attività di autodemolizione abusiva, condotta da un
soggetto italiano denunciato per violazione delle norme in materia ambientale.
L’operazione de qua, che è stata portata a termine nell’ambito dell’ordinario controllo
economico del territorio svolto dai finanzieri braidesi, è stata innescata da un giro di
perlustrazione in una zona periferica di Santo Stefano Belbo durante il quale erano
emerse alcune anomalie: nei pressi del cavalcavia che si trova sulla SP 592 in direzione
Canelli, infatti, era stata individuata un’area recintata, risultata poi priva di autorizzazioni per accogliere l’attività di autodemolizione, sulla quale era possibile osservare la presenza di numerosi rottami, carcasse di automobili, alcune ancora con la targa, pile di pneumatici, batterie esauste, elettrodomestici, imballaggi in plastica senza dispositivo di protezione.
I successivi approfondimenti hanno consentito di appurare che l’area era registrata come terreno adibito a pascolo e che ivi avrebbe formalmente sede l’impresa di soccorso
stradale facente capo al presunto responsabile dell’illecito.
Al termine delle operazioni di ricognizione, svolte con la collaborazione dei Tecnici
appartenenti all’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale di Cuneo – Sede
Operativa di Bra, nell’area sequestrata è stato inventariato e sequestrato tutto il materiale illecitamente stoccato, tra cui rifiuti pericolosi, sparso e accatastato in modo disordinato ed esposto alle intemperie, soggetto, pertanto, sia al deperimento che al percolamento di sostanze liquide tossiche nel terreno sottostante. L’azione ispettiva avviata d’iniziativa dal Corpo ha già ottenuto il primo sigillo
procedimentale, espresso dall’Ordinanza di convalida del sequestro emessa dal Giudice
per le Indagini preliminari del Tribunale di Asti, sicché il soggetto coinvolto, oltre alle
rilevanti sanzioni di natura pecuniarie previste dalla Legge, dovrà fronteggiare gli oneri di bonifica dell’intera area.

TORINO. SIGARETTE ELETTRONICHE CON CONCENTRAZIONI ELEVATISSIME DI THC.

LA GUARDIA DI FINANZA DI TORINO HA SEQUESTRATO SIGARETTE ELETTRONICHE CONTENTENTI THC LIQUIDO (ESTRATTO DI CANNABIS) IN CONCENTRAZIONI
ELEVATISSIME.

19261_IMG1
24 fiale di ricariche inalabili per sigarette elettroniche di THC (tetraidrocannabinolo) liquido sequestrate.
È il risultato di un intervento delle unità cinofile della Guardia di Finanza di Torino
effettuato al terminal degli autobus di Corso Vittorio Emanuele II del capoluogo
piemontese.
I Finanzieri, nei giorni scorsi, hanno controllato i passeggeri di una nota linea di autobus
low cost provenienti dalla Spagna.
Nel corso delle operazioni, tra le tante persone che scendevano dall’autobus, un giovane
ragazzo italiano ha attirato l’attenzione di Jane, uno dei cani antidroga delle Fiamme
Gialle.
C.M., le sue iniziali, di ventisei anni, nascondeva nel bagaglio 5 kit di sigarette elettroniche e 24 fiale di ricarica contenenti THC (tetraidrocannabinolo) in forma liquida, uno dei maggiori e più noti principi attivi della cannabis; si tratta di una sostanza psicotropa che può essere ingerita, comunemente fumata o inalata grazie ad un vaporizzatore.
I Finanzieri del Gruppo Torino hanno provveduto a far analizzare la sostanza rinvenuta
presso il Laboratorio e Servizi Chimici dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Torino ed è emerso che le fiale contenevano THC per il 60% del peso, valore di gran lunga superiore al limite consentito. Dalla sostanza sequestrata si sarebbero potute ricavare circa 170 dosi medie singole.
L’assunzione tramite sigaretta elettronica è la nuova evoluzione del fenomeno dello
“sballo” con metodi tecnologici sempre più al passo con i tempi che rendono difficile anche l’individuazione della sostanza da parte delle Forze di Polizia.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: