ANNUNCI ECONOMICI

PALERMO. MADRE MORTA NEL 2010,MA IL FIGLIO CONTINUAVA A PERCEPIRE LA PENSIONE.

LA GUARDIA DI FINANZA DI PALERMO HA SCOPERTO CHE  L’INPS CONTINUAVA A PAGARE DAL 2010 UNA PENSIONE ALLA MADRE DEFUNTA. SCOPERTA UNA
TRUFFA AI DANNI DELLO STATO COMMESSA DA UN PALERMITANO E
SEQUESTRATO L’INTERO AMMONTARE ILLECITAMENTE PERCEPITO.

18080_DSC_0385
Su delega della Procura della Repubblica di Palermo, militari della Guardia di Finanza della Sezione di Polizia Giudiziaria hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo,
emesso d’urgenza dal Pubblico Ministero e successivamente convalidato dal GIP del
Tribunale alla stessa sede, per la somma di 32.000,00 euro circa, pari all’indebita
percezione della pensione di una signora defunta da anni.
Il figlio della predetta, (Z.F.) palermitano di 64 anni, pregiudicato, aveva infatti omesso di
comunicare all’INPS il decesso della madre, avvenuto negli Stati Uniti nell’ottobre del 2010,continuando così ad incassare, mediante una delega ricevuta, gli importi mensilmente accreditati sul conto corrente della donna.
Gli accertamenti svolti dalle Fiamme Gialle hanno consentito di rilevare che le somme delle pensioni venivano dapprima bonificate su un rapporto bancario intestato all’indagato e,successivamente, investite su conto deposito.
Nel silenzio dell’uomo e nell’inconsapevolezza dell’INPS, la frode ai danni dello Stato è stata scoperta allorquando si è dato inizio alle pratiche di successione ereditaria fra i figli della defunta signora.
E’ così emersa l’indebita percezione e si è proceduto a segnalare i fatti alla competente
Autorità Giudiziaria.

ANNUNCI ECONOMICI

PALERMO. MADRE MORTA NEL 2010,MA IL FIGLIO CONTINUAVA A PERCEPIRE LA PENSIONE.

LA GUARDIA DI FINANZA DI PALERMO HA SCOPERTO CHE  L’INPS CONTINUAVA A PAGARE DAL 2010 UNA PENSIONE ALLA MADRE DEFUNTA. SCOPERTA UNA
TRUFFA AI DANNI DELLO STATO COMMESSA DA UN PALERMITANO E
SEQUESTRATO L’INTERO AMMONTARE ILLECITAMENTE PERCEPITO.

18080_DSC_0385
Su delega della Procura della Repubblica di Palermo, militari della Guardia di Finanza della Sezione di Polizia Giudiziaria hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo,
emesso d’urgenza dal Pubblico Ministero e successivamente convalidato dal GIP del
Tribunale alla stessa sede, per la somma di 32.000,00 euro circa, pari all’indebita
percezione della pensione di una signora defunta da anni.
Il figlio della predetta, (Z.F.) palermitano di 64 anni, pregiudicato, aveva infatti omesso di
comunicare all’INPS il decesso della madre, avvenuto negli Stati Uniti nell’ottobre del 2010,continuando così ad incassare, mediante una delega ricevuta, gli importi mensilmente accreditati sul conto corrente della donna.
Gli accertamenti svolti dalle Fiamme Gialle hanno consentito di rilevare che le somme delle pensioni venivano dapprima bonificate su un rapporto bancario intestato all’indagato e,successivamente, investite su conto deposito.
Nel silenzio dell’uomo e nell’inconsapevolezza dell’INPS, la frode ai danni dello Stato è stata scoperta allorquando si è dato inizio alle pratiche di successione ereditaria fra i figli della defunta signora.
E’ così emersa l’indebita percezione e si è proceduto a segnalare i fatti alla competente
Autorità Giudiziaria.