Mese: dicembre 2017

GERUSALEMME. American Jews: Ahed Tamimi Is Your Issue, Too read more: https://www.haaretz.com/opinion/1.832217

American Jews: Ahed Tamimi Is Your Issue, Too
Do you only feel injustice at the Western Wall, and not at the walls where Palestinians are shot and arrested? If you call yourselves progressives, you can’t just be a spectator to Palestinian suffering

Marilyn Garson Dec 31, 2017 5:00 PM
0comments   Zen Subscribe now
353share on facebook  Tweet send via email reddit stumbleupon

16 year-old Ahed al-Tamimi during a protest in Ramallah in September 2015. Tamimi is in custody after being arrested at home in Nabi Saleh in the northern West Bank for slapping an IDF soldier Issam Rimawi / Anadolu Agency
Opinion And if Ahed Tamimi were your daughter?
Opinion This year Netanyahu ditched the Jewish diaspora. The question is: Why?
‘We won’t take part in occupation’: Dozens of teens refuse to enlist in Israeli army in letter to Netanyahu
Gaza rocket barrage: Direct hit to building in southern Israeli community

Dear fellow American progressive Jews,

I am sorry to hear that the setbacks of 2017 have disappointed you, not least the attitude of Israel’s prime minister towards you. Well, OK, not so much. Your previous comfort level with current-day Israel was troubling, and I am relieved for anything that loosens its grip.

You may refrain from mentioning Israel in your synagogues because you find it divisive, but you are not thereby excused from responsibility. The unmentioned rifts fester, they do not heal.

Your patient political deliberation would be solely your business if the net effect were neutral. However, the passage of time is not neutral. It embeds the status quo. It normalizes a violence that must not be allowed to feel normal.

How many settlers occupied the West Bank when you first felt queasy, and how many more live there now? How many Gazan babies have been born behind walls – condemned before birth – since you decided that justice within the Green Line should come first?

Keep updated: Sign up to our newsletter
Email*Sign up

 

Since Trump unilaterally handed over a city that does not belong to him, you’ve gone even quieter.

You waved an egalitarian banner so vigorously to demand justice in front of one wall this year, and I am aggrieved and indignant with you on that prayer plaza.

 

Palestinian mourners carry the body of Ibrahim Abu Thuraya, a double amputee from a 1988 Israeli bombing, who was shot and killed by Israeli troops in clashes on the Israeli:Gaza border. Dec 16, 2017 AP Photo/ Khalil Hamra
Then a Gazan double amputee waved a flag before another wall. He was unarmed, far away from well-armed Israeli soldiers. When he was targeted, shot and killed by an IDF sniper, did your sense of justice join him on that field?

 

He was one of a dozen killed in these protests so far. Ahed Tamimi is in military custody at the age of 16 years, and her 14-year-old cousin, comatose after being shot in the face; they are among an unconscionable number of child victims.

This violence is too debased. You are not immune to other suffering, so how can you be a spectator at the suffering inflicted in your name? How can you not weigh in, with your numbers and your influence and your organizations, to arrest this accumulation of new pain, and bring peace one step closer?

Did you think you are not implicated? When an intersection of protest against the occupation embraced Palestinians and a number of young Jews, did you think they wouldn’t point at the left side of the tent?

This ‘tent’ of the American Jewish liberal conscience and community – it is an echo chamber, whose establishment sounds as scripted as their Palestinian counterparts. Worse for you, as thinking progressives, the gatekeepers of the tent regulate what should be your personal, unflinching, full-frontal encounter with power and powerlessness.

 

A demonstrator during clashes with Israeli troops at a protest against U.S. President Donald Trump’s recognition of Jerusalem as Israel’s capital, near the West Bank city of Nablus. December 29, 2017REUTERS/Mohamad Torokman
It’s past time to disintermediate the old gatekeepers, as a hopeful number of mostly-young Jews and Palestinians are doing. They are walking out. Will you?

Make 2018 your breakout year of primary sources. Here are four that help me.

Listen directly to the Palestinian voices of the new generation. Because you cannot meet them in person, make an extra effort to hear the musicians of Gaza, watch the dancers, visit the virtual art gallery, read their writing of their own stories, hire a freelancer.  Let their whole humanity make demands upon yours.

 

Study the Jewish primary sources. Unshroud our 6000-year-old religion from a 60-year-old policy. Wrestle with the grammar and the poetry of Biblical Hebrew to read the assignment of the Prophets.

 

Yonah Lieberman, founder of the IfNotNow organization, being dragged away by a police officer from a recent anti-occupation protest in JerusalemJon Atkins
Read the arguments. From the hilltops to the intersections, seek out your most thoughtful and ardent opponents. Debate them in substance rather than caricature.

Read about human rights and international law. Adopt the frameworks that humanize, protect, and hold our two peoples responsible. That’s the tent to dwell in.

Dear fellow Jewish progressives, there is no tame space left for this humming and hawing that Trump was, well, unfortunate but, um, still sort of right because of the, you know, facts on the ground, and the UN – OK, kind of the whole world – is just anti-Israel and anti-Semitic, and anyway, they’ve always been unreasonable about Jerusalem…

The next facts on the ground to be validated will be the settlements, you know that, right? Next Year in Ramallah, in time for Trump’s Congressional elections?

Injustice is happening in your name.

So, please, make yourself uncomfortable in 2018. Study the primary source material, and take a side. Find your piece of it, and act.

Marilyn Garson worked nearly two decades with communities affected by conflict, including 2011 – 2015 in the Gaza Strip.  She writes from New Zealand, and her blog is Transforming Gaza. Twitter: @skinonbothsides

 

Marilyn Garson
read more: https://www.haaretz.com/opinion/1.832217

ROMA. PER CAPODANNO VA IN ONDA LO “SPOTTONE” ELETTORALE DI LUIGI DI MAIO: GRATIS ANZI A SPESE DEI ROMANI.

la sorpresa di fine anno l’amministrazione grillina di Roma aveva intenzione di farla ai romani,gratis per il candidato premier Luigi Di Maio,ma non per i romani che hanno pagato il costo della festa di fine anno.

raggi-725x515.jpg

Il brindisi di fine anno vecchio e per dare un saluto all’anno che verrà la sindaca Virginia Raggi voleva farlo invitando sul palco del Circo Massimo il capo politici del Movimento Luigi Di Maio.

Il regalo per capodanno la sindaca,o almeno nelle sue intenzioni voleva farlo a se stessa,per legittimare e archiviare un anno funesto,con scontri e tensioni nella maggiornaza,inaugurato con l’arresto del braccio destro della Raggi,Raffaele Marra,e in seconda nalisi per realizzare il più grosso spottone elettorale per il candidato premier,Luigi Di Maio.

Luigi Di Maio aveva annunciato la sua presenza nella capitale in un blog di Beppe Grillo,ma no sul palco a fianco della sindaca di Roma: “Domani sera sarò a Roma al Circo Massimo per festeggiare l’arrivo del nuovo anno. Ci vediamo lì per gli auguri”.
La presenza di Luigi Di Maio sul palco a fianco della sindaca ha scatenato le polemiche e una parte del PD ha annunciato,che nel caso ciò corrispondesse a realtà,presenterà un esposto alla Corte dei Conti.Enzo Foschi,vice segretario regionale dei democratici spiega: “Apprendiamo che stanotte Luigi Di Maio sarà con il sindaco Raggi al Capodanno organizzato dal Comune di Roma al Circo Massimo, con soldi pubblici. Speriamo si tratti di un errore e che il Campidoglio smentisca.  Non si capisce infatti per quale motivo al candidato dei 5 Stelle venga offerta una vetrina così importante pagata con i soldi dei romani. I 5 Stelle continuano a non capire che le Istituzioni sono di tutti e non della Casaleggio Associati e dei loro adepti”.

Il deputato Marco Miccoli si chiede: “A che titolo Di Maio salirebbe sul palco? Purtroppo i grillini si riempiono la bocca di belle parole e poi usano le istituzioni come fosse roba loro”.

Il consigliere PD,Marco Palumbo taglia corto: “siccome quella di Capodanno è una festa pubblica pagata con i soldi dei contribuenti romani, o la sindaca smentisce oppure se Di Maio salirà sul palco per continuare la sua campagna elettorale (a spese dei romani) , siamo pronti ad un esposto alla Corte dei Conti: sui soldi pubblici non si scherza”.
A smentire la presenza di Di Maio sul palco, è arrivata una nota del gruppo comunicazione Cinquestelle. “Per il Pd sembra proprio
inconcepibile eppure è così”.

 

GERUSALEMME: FIGLIA MIA:QUESTE SONO LACRIME DI LOTTA.

Figlia mia: queste sono lacrime di lotta

Il padre di Ahed Tamimi: sono orgoglioso di mia figlia. È una combattente per la libertà che, nei prossimi anni, guiderà la resistenza al dominio israeliano

Di Bassem Tamimi  – 29 Dicembre 2017

26166382_916170305200746_527726043165700452_n

 

Anche questa notte, come ogni notte da quando decine di soldati nel cuore della notte hanno invaso la nostra casa, mia moglie Nariman, mia figlia di 16 anni Ahed e Nur, la cugina di Ahed, la trascorreranno dietro le sbarre. Anche se questo è il primo arresto di Ahed, le vostre prigioni non le sono sconosciute. Mia figlia ha passato tutta la vita all’ombra pesante della prigione israeliana – dalle mie lunghe incarcerazioni durante la sua infanzia, ai ripetuti arresti di sua madre, a quelli di suo fratello e dei suoi amici, passando per la minaccia implicita che rappresenta la presenza permanente dei vostri soldati nelle nostre vite. Il suo arresto era quindi solo questione di tempo. Un’inevitabile tragedia che ci stava aspettando.

Diversi mesi fa, durante un viaggio in Sudafrica, abbiamo proiettato in pubblico un video che documenta la lotta del nostro villaggio, Nabi Saleh, contro la dominazione imposta di Israele. Quando in sala è tornata la luce, Ahed si è alzata per ringraziare le persone per il loro sostegno. Avendo notato che alcuni tra il pubblico avevano le lacrime agli occhi ha detto: “Saremo forse vittime del regime israeliano, ma siamo anche orgogliosi della nostra scelta di lottare per la nostra causa, nonostante il costo che conosciamo. Sappiamo dove ci conduce questa strada, ma la nostra identità, come popolo e come persone, è radicata nella lotta e da questa trae ispirazione. Al di là della sofferenza e dell’oppressione quotidiana dei prigionieri, dei feriti e degli uccisi, conosciamo anche l’immenso potere che ci viene dall’appartenenza a un movimento di resistenza; la dedizione, l’amore, i piccoli momenti sublimi che derivano dalla nostra scelta di rompere i muri invisibili della passività.

“Io non voglio essere vista come una vittima, e non voglio dare alle loro azioni il potere di definire chi sono, e ciò che sarò. Ho scelto di decidere da sola come mi vedrete. Non vogliamo che voi ci sosteniate grazie ad alcune lacrime fotogeniche, ma perché abbiamo scelto la lotta e perché la nostra lotta è giusta. È l’unico modo per smettere di piangere un giorno.”

Mesi dopo questi eventi in Sudafrica, quando ha sfidato questi soldati armati dalla testa ai piedi, a motivarla non fu una rabbia improvvisa per le gravi ferite che Mohammed Tamimi, 15 anni, aveva ricevuto poco prima a solo pochi metri da lei. Non era più la provocazione di quei soldati che entravano in casa nostra. No. Questi soldati, o altri, identici nella loro azione e ruolo, sono indesiderati e intrusi nella nostra casa da quando Ahed è nata. No. Stava lì davanti a loro, perché è il nostro destino, perché la libertà non è data come un’elemosina e perché nonostante il suo alto costo, siamo disposti a pagare per questo.

Mia figlia ha solo 16 anni. In un altro mondo, nel vostro mondo, la sua vita sarebbe completamente diversa. Nel nostro mondo, Ahed è una rappresentante di una nuova generazione del nostro popolo, di giovani combattenti per la libertà. Questa generazione deve combattere su due fronti: da un lato, ha naturalmente il dovere di perseguire la sfida e la lotta contro il colonialismo israeliano in cui è nata, fino al giorno del suo crollo; dall’altro deve affrontare con audacia la stagnazione e il degrado politici che si sono diffusi tra noi. Deve diventare l’arteria pulsante che farà rivivere la nostra rivoluzione e che uscirà dalla morte trascinata da una cultura crescente della passività legata a decenni di inattività politica.

Ahed è una delle tante giovani donne che, nei prossimi anni, condurranno la resistenza alla dominazione israeliana. Non è interessata ai riflettori puntati ora su di lei per il suo arresto, ma ad un vero cambiamento. Non è il prodotto di uno dei vecchi partiti o movimenti e, con le sue azioni, invia un messaggio: per sopravvivere dobbiamo affrontare francamente la nostra debolezza e vincere le nostre paure.

In questa situazione il nostro più grande dovere, per me e per la mia generazione, è di sostenerla e lasciare il posto; controllarci e non cercare di alterare e imprigionare questa nuova generazione nella vecchia cultura e nelle vecchie ideologie con cui siamo cresciuti.

Ahed, nessun genitore al mondo vuole vedere sua figlia trascorrere i suoi giorni in una cella di detenzione. Tuttavia, Ahed, nessuno può essere più orgoglioso di quanto lo sia io di te. Tu e la tua generazione, avete abbastanza coraggio, finalmente, per vincere. Le vostre azioni e il vostro coraggio mi riempiono di un timore misto ad ammirazione e mi fanno venire le lacrime agli occhi. Ma, come tu chiedi, non sono lacrime di tristezza o rimpianto, ma piuttosto lacrime di lotta.

Bassem Tamimi è un attivista palestinese

traduzione: Simonetta Lambertini – invictapalestina

fonte: http://www.ujfp.org/spip.php?article6089

VERCELLI.IL SEGRETARIO DELLA LEGA: “MAROCCHINO DI MERDA”,ALL’AUTISTA DEL 118 INTERVENUTO PER SOCCORRERE IL PADRE.

Incontenibile nella sua follia razzista,il segretario della Lega Nord di Vercelli,Giampiero Borzoni,ha ripetutamente insultato l’autista del 118 che stava soccorrendo suo padre: “Marocchino di merda”,il tutto completato da un’altra sequela di insulti.

118

La notte tra il 19 e il 20 dicembre l’epilogo della vicenda che è finita sul tavolo dei carabinieri e in un fascicolo in procura.

L’operatore del 118,assistito dal suo avvocato Franco Bussi, ha denunciato il segretario del Carroccio per ingiurie e racconato ai carabinieri quanto successo.

Il giovane, R. A., di origini nordafricane,da 6 anni fa l’autista per la Croce Rossa a Vercelli.

R.A. non avrebbe mai immaginato che ad aiutare le persone in difficoltà non mette al riparo dagli insulti razzisti di personaggi squallidi.

I fatti raccontano che l’autista del 118 era intervenuto per prestare soccorso al padre del segretario della Lega. Il figlio invece di ringraziare per l’intervento ha apostrofato vergognosamente il soccorritore: “Marocchino di m… lascia stare la barella”,il tutto poi  condito con  altre offese.

L’autista del 118 ha spiegato ai carabinieri di essere rimasto sulla porta,senza poter entrare in casa a prestare soccorso per evitare ulteriori problemi ,ad aspettare l’arrivo del collega che ha portato a termine l’intervento di pronto soccorso:”Voleva dirmi come fare perché lui è infermiere”.

Giampiero Borzoni ha continuato la sua “performance” al pronto soccorso dove: “Ha minacciato di farmi licenziare”.

Il ragazzo ha deciso di presentare una denuncia per potersi difendere da eventuali ritorsioni da parte del segretario della lega nord che è anche consigliere comunale.

La performance del leghista,Borzoni, che ora si scusa pare essersi risolta,restano solo gli insulti razzisti ai quali siamo stati abituati da questi personaggi : “Avevo mio padre grave  chiedo scusa per aver perso le staffe nella concitazione del momento. Sono frasi dette senza alcun intento razzista. Non c’è razzismo né nell’attività politica della Lega, né a livello personale: prova ne è che la sezione di Vercelli ha tesserati anche di provenienza nordafricana con cui siamo amici”.

Il segretario leghista ha spiegato che l’oggetto della discussione era stata la posizione della barella:”Mio padre aveva forti dolori allo stomaco. Ho solo consigliato una cosa, dal momento che lavoro in sanità da anni. Mi è stato risposto che l’autista aveva la responsabilità dell’ambulanza e quindi comandava lui. A quel punto mi sono arrabbiato. Ero preoccupato per mio padre.  Quell’uomo non si è nemmeno identificato e io non ho voluto che entrasse in casa perché non mi fidavo del suo operato. Avrei potuto denunciarlo io per il suo comportamento ma poi, a mente fredda, ho deciso di non farlo”.

Dopo gli insulti razzisti,la presa in giro delle giustificazione e ora anche una sua eventuale denuncia contro il soccorritore del 118 per non essersi identificato,anzi per essere entrato in casa sua a  soccorrere il padre.Ma,scusate,il 118 chi lo ha chiamato? non ci risulta che il centralino sia dotato di sfera di cristallo che prevede chi,dove e quando abbia bisogno di assistenza e soccorso.

Il Pd ed anche la società civile non ci sta a sopportare oltre l’arroganza di certi personaggi e chiede al Carroccio vercellese di prendere le distanze dal suo segretario. I coordinatore cittadino e provinciale di Vercelli,Gian Paolo Dominici e Michele Gaietta spiegano: “Il segretario deve vergognarsi perché ha anteposto le assurde convinzioni razziste alla necessità di prestare soccorso veloce ed efficace a un suo familiare. Il capogruppo della Lega prenda le distanze”.

WASHINGTON. IL TWEET DI TRUMP:”FA FREDDO,SERVIREBBE UN PO DI RISCALDAMENTO GLOBALE”.

Il presidente degli Usa,Donald Trump, Scrive come un bambino che odia l’ora di scienze e non solo quella:è un vecchio affetto da paranoia, disturbi della personalità,ossessionato da manie di persecuzione.

La campagna elettorale è finita,ma non per Donald che prosegue con le sue elucubrazioni come quando liquidava il riscaldamento globale come una «bufala» inventata dai cinesi per «azzoppare» l’economia americana.

Il presidente, Donald Trump, giunto al potere,guidato dal suo egocentrismo prende in giro gli scienziati del clima che mettono in guardia dai rischi del cambiamento climatico.

DSC_5425

Con il tweet vacanziero di fine anno, da Palm Beach, in Florida,scrive: “Sulla costa Est potrebbe essere il Capodanno più freddo mai registrato. Potremmo usare un po’ di quel riscaldamento globale, per difenderci dal quale il nostro Paese, ma non altri Paesi, stava per pagare trilioni di dollari. Copritevi bene!”.

 

TORINO.CHIARA APPENDINO: “L’AMMINISTRAZIONE NON SARA’ UNO STRUMENTO PER OTTENERE CONSENSO ELETTORALE”.

La sindaca di Torino,Chiara Appendino, evidentemente pensa di aver amministrato una città diversa da Torino,oppure vive su un pianeta che non è il pianeta terra, ed ha dichiarato che:”usare l’amministrazione come strumento di consenso elettorale è una cosa che non farò come sindaco e che rigetto come logica”.

132659568-77baa789-3167-467f-a082-ab38ae18a52c

In occasione della conferenza stampa di fine anno la sindaca,Chiara Appendino, e la giunta grillina hanno tirato le somme del governo della città nel 2017 e il voto che si sono dati da soli è un 10 con lode: “Auspico un governo a Cinque Stelle, sono orgogliosa di far parte del Movimento, ma io faccio il sindaco, rappresento la comunità e solo in secondo luogo una forza politica: sarà il M5s a fare campagna elettorale. Noi non rincorriamo il consenso,  ma il nostro approccio è quello di fare scelte strutturali per risolvere nodi irrisolti da tempo, cosa più difficile che non mettere una pezza con soluzioni temporanee. E lo dico alla vigilia di una campagna elettorale dove si cercherà di utilizzare l’amministrazione come strumento di consenso, cosa che io non farò e che rigetto come logica”.

La fase più complicata per la sindaca di Torino,che non ha dubbi,è stata la tragedia di piazza San Carlo,1 morto e 1500 feriti,mentre lei da sindaca e responsabile della sicurezza era volata in Inghilterra,ospite di famiglia,per godersi dal vivo la finale di Champions: “I fatti di piazza San Carlo sono una ferita aperta della città. Una ferita che non si cancella. Dal punto di vista umano è stato il momento più complicato che ho dovuto affrontare nell’ultimo anno. Una comunità, però, deve andare avanti e guardare al suo futuro”.

Infine un pronostico,che per coloro che leggono le carte,i tarocchi o hanno la sfera di cristallo è a tinte fosche mentre la sindaca e la sua giunta vede “rosa” e il punto principale è esattamente la durata della giunta in carica: “Non sarà un miracolo: arriveremo a fine mandato perché stiamo lavorando bene, con senso di responsabilità. Quel senso di responsabilità che ci dice di arrivare fino alla fine e noi arriveremo a fine mandato. Ci dicevano che saremmo caduti in sede di approvazione del bilancio, invece siamo ancora qui. Continuiamo a fare bene il nostro lavoro, continueremo a lavorare per i prossimi tre anni e mezzo per prendere le decisioni che fanno il bene della città”.

132948050-079e26fb-ff7b-488d-896f-2ca98a1b7a0f

L’analisi del lavoro della giunta per la città di Torino è un’altra delle chicche della Appendino e così mentre la città perde pezzi,avvenimenti,soldi e posti di lavoro,28 persi nei musei solo nel mese di dicembre,la sindaca brinda al successo e alla crescita della città:  “Il 2017 è stato un anno impegnativo e complesso, ci sono state difficoltà che abbiamo affrontato con coraggio e responsabilità.Il nostro obiettivo è affrontare in modo strutturale i nodi irrisolti da anni sapendo che questo è un’operazione molto più complessa che mettere delle pezze di volta in volta. Torino è una città che ha capacità di innovazione e di creare ricchezza non solo economica ma anche sociale: per cogliere la ripresa in atto, che ora comincia a farsi sentire anche a livello locale, vogliamo costruire una comunità con solide radici sul piano economico e culturale”.

Infine la solita tiritera sulle colpe degli altri che sinceramente ha un po stufato, oltre al fatto che il bilancio della giunta è stata oggetto di critiche e bocciature da parte del collegio dei revisori dei conti,peggio di così non poteva fare,ma: “Una città è sana se ha un bilancio sano e se le sue strutture sono sane. Abbiamo scelto il piano di rientro, un percorso più complesso del pre-dissesto, ma in grado di dare un futuro alla città. Avremmo potuto dare la colpa ad altri dei tagli che purtroppo si dovranno fare ma abbiamo fatto una scelta di responsabilità optando per la strada più difficile, ma in cui avremo margini di manovra”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: