ALESSANDRIA.IL COMPAGNO DELL’EX SINDACO RITA ROSSA, EZIO GUERCI,SI DIFENDE DALL’ACCUSA DI AVER INCASSATO MAZZETTE. 

Ezio Guerci di difende dalle accuse di aver incassato mazzette.

Ammette di aver ricevuto un avviso di garanzia,che è per la garanzia di chi è indagato. L’esponente di sinistra,molto conosciuto in città ha dichiarato:”Certo che l’ho ricevuto l’avviso, perché io stesso ho portato i documenti al Noe”.
Ezio Guerci, esponente di spicco per anni della sinistra alessandrina e marito di Rita Rossa, ex sindaco di Alessandria, risponde serenamente sulla notizia di ieri in cui risulta indagato nell’inchiesta che riguarda l’Aral, l’azienda rifiuti. 

Le indagini iniziate nel 2014 hanno portato ai domiciliari Giuseppe Esposito, il capo impianto di Castelceriolo, per traffico illecito di rifiuti, e Paolo Bonacina, manager di diverse aziende del settore, e il borker S.D. di Ecosavona.  

 

Ezio Guerci avrebbe incassato una mazzetta,un Suv,per influenzare sulla moglie-sindaco. 

Ezio Guerci spiega:”Io ho prestato le mia consulenza per un’azienda al tracollo: quando mi sono occupato di Aral il bilancio era due milioni e mezzo in rosso. Adesso ha un avanzo di bilancio di un milione”. 

Non l’ho fatto per la moglie sindaco,ma l’avrei fatto comunque, sono amico di Fulvio Delucchi (presidente Aral; ndr) e ho aiutato gratis un amico e la mia città”.  

 

Guerci che  lavora per Aral dal 2015 viene a contatto con Paolo Bonacina che ha una società A2a in Friuli e nulla centra con la città, ma la A2a aveva chiesto di entrare in Aral e il marito dell’ex sindaco avrebbe dovuto convincere il primo cittadino. L’accusa dei Magistrati è inflenza illecita. Guerci ribadisce:”Niente del genere, Bonacina mi ha chiesto una consulenza, per la quale sono stato pagato e ho emesso fattura. Questo dirò ai magistrati dai quali voglio essere ascoltato”.

Il Suv, un Freemont, è stato acquistato in leasing per trentamila euro e stiamo pagando le rate, non capisco e sono sorpreso da tanto accanimento,che c’entra la nostra auto?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...