TORINO. AUTO DI LUSSO DI CONTRABBANDO.

LA GUARDIA DI FINANZA DI TORINO GHA POSTO SOTTO
SEQUESTRO 11 AUTOVETTURE DI LUSSO DI CONTRABBANDO.

gallardo_lp570-4_edizione_tecnica_600
Per risparmiare sul bollo auto, sull’assicurazione RCA e sui diritti doganali non pochi
italiani comprano autovetture di lusso al di fuori dall’UE, ma questo non si rivela mai un buon affare, perché i residenti in Italia che vengono fermati alla guida di auto straniere si vedono sequestrata l’autovettura, che potranno riscattare solo dopo aver pagato le imposte evase più le sanzioni. Infatti, in assenza dell’autorizzazione doganale e delle condizioni necessarie per beneficiare dell’ammissione temporanea, il veicolo immatricolato in uno stato extra Ue, risulta introdotto sul territorio italiano di contrabbando.
Questa nuova frontiera del contrabbando è uno degli illeciti economico finanziari che viene contrastato nell’ambito del quotidiano controllo del territorio effettuato dalle pattuglie dei finanzieri di Torino, impegnati nella consueta attività di prevenzione, coordinata dalla Sala Operativa provinciale per il “Servizio 117” di pubblica utilità.
Nel corso dell’ultimo anno i Baschi Verdi hanno sequestrato 11 macchine e constatato
oltre 50.000 euro di sanzioni.
Le autovetture di lusso sequestrate, con targhe della Svizzera, della Moldavia, dell’Albania e dell’Ucraina, erano guidate prevalentemente da piemontesi e lombardi di tutte le estrazioni sociali, anche quelle meno abbienti che grazie a questo stratagemma riuscivano a permettersi uno “sfizio” extra.
Nel corso delle attività sono state controllate anche autovetture straniere guidate da
cittadini italiani che non avevano ancora formalizzato la loro residenza all’estero. Per
questi non sono scattate le sanzioni, ma hanno dovuto solo regolarizzare la loro posizione perché l’obiettivo del controllo economico del territorio fatto dalla Guardia di Finanza non è quello di irrogare sanzioni formali ma contrastare fenomeni illeciti come l’evasione fiscale che danneggia tutti i cittadini e fa aumentare i costi dei servizi pubblici.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...